Apri il menu principale

Prima Divisione Abruzzo 1951-1952

1leftarrow blue.svgVoce principale: Prima Divisione 1951-1952.

La Prima Divisione fu il massimo campionato regionale di calcio disputato negli Abruzzi nella stagione 1951-1952.

Avendo deciso la FIGC col Lodo Barassi una radicale riforma dei campionati minori per la stagione successiva, questa edizione si differenziò dalle precedenti in quanto non mise in palio posti per il campionato interregionale, ma fu finalizzata a qualificare le società partecipanti: le migliori avrebbero avuto accesso al nuovo Campionato Regionale (detto di Promozione), mentre le altre squadre non ammesse sarebbero rimaste iscritte al declassato campionato di Prima Divisione.

Per quanto riguarda gli Abruzzi, fu garantito l'accesso al nuovo campionato regionale alle prime cinque di ogni raggruppamento, come eventualmente anche alle seste e alle settime a seconda del numero di retrocesse locali dalla Promozione della Lega Interregionale Centro.[1]

Girone AModifica

Prima Divisione Abruzzese 1951-1952 girone A Pt G V N P GF GS
  1.   A.S. Teramo, Teramo 32 18 14 4 0 56 12
2.   A.S. Città Sant'Angelo, Città S.Angelo 23 18 9 5 4 35 25
3.   S.P. Giulianova, Giulianova 20 18 7 6 5 33 24
4.   U.S. Pro Ursus, Pescara 20 18 8 4 6 36 30
5.   A.S. Penne, Penne 19 18 8 3 7 37 32
  6.   A.S. Miglianico, Miglianico 17 18 7 3 8 33 32
7.   F.C. Nereto, Nereto 16 18 7 2 9 26 24
  8.   S.P. Roseto, Roseto degli Abruzzi 13 18 6 1 11 27 39
  9.   Fiamma Pescara, Pescara 10 18 4 2 12 20 52
  10.   A.S. Santegidiese, Sant'Egidio alla Vibrata 10 18 4 2 12 15 48
180 180 74 32 74 318 318

Verdetti

  • Teramo, Città Sant'Angelo, Giulianova, Pro Ursus e Penne vengono ammesse nella nuova Promozione regionale.
  • Teramo qualificata alle finali per il titolo regionale.
  • Miglianico rinunciatario a fine stagione.
  • Rosetana, Fiamma Pescara e Santegidiese retrocesse nella seconda categoria regionale, che dalla stagione 1952-1953 cambiò nome da Seconda a Prima Divisione.

Girone BModifica

Prima Divisione Abruzzese 1951-1952 girone B Pt G V N P GF GS
  1.   G.S. Pratola, Pratola Peligna 28 18
2.   A.P. Virtus Lanciano, Lanciano 27 18
3.   A.C. Ortona, Ortona 26 18
4.   A.C. Popoli, Popoli 23 18
5.   Pol. Orsogna, Orsogna 21 18
6.   G.S. Dopolavoro Ferrovieri, Sulmona 20 18
  7.   Pollutrese, Pollutri 12 18
  8.   Dop. Ferroviario, Avezzano 12 18
  9.   Fiamma, Vasto 11 18
  10.   Pol. Audace, Tagliacozzo[2] 0 18

Verdetti

  • Pratola Peligna qualificata alle finali per il titolo regionale.
  • Audace Tagliacozzo, Dopolavoro Avezzano, Fiamma Vasto e Pollutrese retrocesse nella seconda categoria regionale, che dalla stagione 1952-1953 cambiò nome da Seconda a Prima Divisione.

Finali per il titoloModifica

Risultati delle gare valide per l'onorifico titolo regionale:

  • 5 maggio 1952 ad Ortona: Pratola-Teramo 1-1;
  • 11 maggio 1952 a Teramo: Teramo-Pratola 3-1.
    • Teramo campione regionale abruzzese 1952.

QualificazioniModifica

L'esito delle qualificazioni dovette confrontarsi da regolamento con gli esiti del sovrastante campionato di Promozione, dal quale alla fine retrocessero 4 club abruzzesi. Fu così che anche le seste classificate della Prima Divisione furono parificate alle squadre che le precedevano in classifica. In più, la chiusura del Miglianico permise alla Lega Regionale Abruzzese di deliberare il ripescaggio anche del Nereto.

NoteModifica

  1. ^ Era stato stabilito che l'organico della nuova Promozione Abruzzese sarebbe stato composto da 16 società. Essendo affiliati alla Lega Interregionale Centro 6 club abruzzesi appositamente raggruppati in un unico girone, il numero di retrocesse dalla morente lega avrebbe potuto variare da un improbabile minimo di 1 ad un massimo proprio di 6. Fu così che furono garantiti 10 posti, cinque per ciascun girone, per i club di Prima Divisione 1951-1952 (nell'eventualità massima di 6 retrocesse dalla lega superiore), più altri cinque posti sottoposti a clausola condizionale (nelle eventualità di ancor meno retrocessioni, anche per ripescaggi e rinunce).
  2. ^ A fine campionato perde a tavolino tutte le partite per aver schierato un giocatore in posizione irregolare

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Altri campionatiModifica