Apri il menu principale

Puccini (film 1953)

film del 1953 diretto da Carmine Gallone
Puccini
Puccini (film 1953).jpg
Gabriele Ferzetti in una scena del film
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1953
Durata119 min
Rapporto1,37 : 1
Generedrammatico, biografico, sentimentale, musicale
RegiaCarmine Gallone
SoggettoCarmine Gallone, Leonardo Benvenuti, Glauco Pellegrini e Aldo Bizzarri
SceneggiaturaCarmine Gallone, Leonardo Benvenuti, Glauco Pellegrini e Aldo Bizzarri
ProduttoreLuigi Rovere
Produttore esecutivoLuigi Rovere
Casa di produzioneRizzoli Film
Distribuzione in italianoDear Film
FotografiaClaude Renoir
MontaggioRolando Benedetti
MusicheFrancesco Molinari Pradelli (direttore d'orchestra), Fernando Previtali (direttore d'orchestra), Giacomo Puccini (estratti da opere), Carlo Rustichelli, supervisione musicale
ScenografiaGastone Medin
CostumiGeorges Annenkov
TruccoAlberto De Rossi
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Puccini è un film di Carmine Gallone, girato nel 1953 in co-produzione italo-francese.

Il soggetto e la sceneggiatura sono firmati dallo stesso Gallone oltre che da Leonardo Benvenuti, Glauco Pellegrini e Aldo Bizzarri.

Girata negli studi di Cinecittà, la pellicola narra la biografia romanzata del compositore Giacomo Puccini.

Indice

DistribuzioneModifica

La distribuzione in Italia avvenne dal 29 aprile 1953; nello stesso anno il film entrò nel circuito cinematografico in Germania Ovest e, dall'anno successivo, negli altri paesi (in Germania Est il film uscì nel 1955).

In talune distribuzioni il titolo adottato fu: Puccini, vissi d'arte, vissi d'amore. In Francia venne distribuito con il titolo: Trois amours de Puccini.

TramaModifica

Il film narra la vita del compositore con notevoli licenze romanzate. La sua storia d'amore con Elvira Bonturi che abbandonò il marito per lui e con la quale ebbe il figlio Antonio è abbastanza esatta, come pure è esatto il fatto che Puccini ebbe molte amanti anche famose cantanti ma non abbandonò mai la moglie cui rimase sempre a suo modo fedele. L'amore giovanile per la giovane Cristina che dovette lasciare per poi ritrovare celebre cantante e protagonista delle sue opere è invece inventata. Pure pura invenzione è l'amico Giocondo che lo segue nella carriera perché innamorato di Elvira e spesso gli dà saggi consigli. La vita del compositore si svolge fra la ricerca difficile del primo successo con l'opera Le Villi e il contemporaneo abbandono da parte di Cristina, la fuga da Lucca con Elvira che rifiuta un matrimonio imposto, il fiasco dell'opera Edgard, il trionfo di Manon Lescaut e quello successivo de La bohème; portate al successo da Cristina che infine chiede al musicista di scegliere, o lei o Elvira, ed Elvira è la prescelta. Segue un accenno soltanto a Tosca che fa da colonna sonora alla solitudine di Elvira mentre Giacomo corre per il mondo di successo in successo; solitudine che la porta ad una separazione da lui. Ed ecco il fiasco di Madama Butterfly che fa da spunto al ritorno di Elvira, e poi il successivo successo, il che ci porta però venti anni più avanti saltando tutte le opere composte successivamente. La tragedia della giovane cameriera Doria Manfredi (nel film Delia) suicida nella realtà a causa della ingiustificata gelosia di Elvira nel film viene modificata. La giovane approfittando dell'assenza di Elvira tenta di farsi amare dal compositore che però, giustamente, potendo essere suo padre, la respinge; disperata Delia si suicida. La vicenda però è ambientata ai tempi di Madama Butterfly invece che, come avvenne veramente, ai tempi de La fanciulla del West. La fase finale del film è decisamente romanzata: Puccini muore veramente per l'aggravamento del tumore alla gola ma non a Bruxelles dopo l'operazione in ospedale come avvenne nella realtà ma nella sua casa crollando sul pianoforte dopo essersi alzato dal letto nell'estremo tentativo di finire Turandot. Il film termina con la rappresentazione dell'incompiuta Turandot fermata da Toscanini al punto esatto fin dove fu composta. Fatto realmente accaduto. Bellissima colonna sonora del film i temi più celebri delle sue opere più famose.

Cast: interpreti minoriModifica

Cantanti d'opera nel castModifica

Collegamenti esterniModifica