Apri il menu principale

Serie A playoff 2009-2010 (rugby a 15)

I playoff del campionato italiano di serie A di rugby a 15 2009-2010 si tennero dal 15 al 22 maggio 2010 e videro impegnate otto squadre provenienti dai campionati stagionali di serie A1 e serie A2, secondo la seguente composizione, nell'ordine di ranking:

Playoff retrocessione-promozione A1/A2
  1. Badia (11ª serie A1)
  2. Piacenza (12ª Serie A1)
  3. Fiamme Oro (3ª serie A2)[1]
  4. CUS Verona (4ª serie A2)
Playoff promozione in Eccellenza e titolo
  1. Noceto (1ª serie A1)
  2. Mogliano (2ª serie A1)
  3. S.S. Lazio (3ª serie A1)
  4. San Gregorio (1ª serie A2)

In ogni accoppiamento la squadra con il ranking più alto incontrò quella con ranking più basso in doppia gara, con quella d'andata in casa di quest'ultima.

Le squadre agli ultimi due posti di serie A1 dovettero spareggiare con la terza e quarta della serie A2 per mantenere o, rispettivamente, guadagnare, il posto in serie A1.

Le sconfitte da tali spareggi furono retrocesse in serie B, mentre le vincenti furono riassegnate (se provenienti dalla A1) o rimasero in serie A2.

CronacaModifica

A uscire sconfitte dagli spareggi salvezza A1/A2 furono il CUS Verona battuto dal Badia[2], anche se il CUS fu successivamente ripescato[3], e il Piacenza, ripescato anch'esso a seguito dell'uscita dalla serie A del Colorno fusosi con il GRAN Parma nel GranDucato in Eccellenza.

Dalle semifinali uscirono vincenti S.S. Lazio e Noceto che, oltre a disputarsi il titolo di campione, acquisirono la promozione diretta in Eccellenza, mentre per il terzo posto utile fu necessaria una finale aggiunta tra Mogliano e San Gregorio. A Prato la S.S. Lazio batté il Noceto 43-6 e vinse il titolo di campione di serie A[4], mentre a Roma Mogliano batté San Gregorio 57-18 sul campo della Capitolina.

Playoff retrocessione-promozione A1/A2Modifica

Padova
9 maggio 2010, ore 15:30 CEST
Badia20 – 18CUS VeronaCentro Sportivo Memo Geremia (500 spett.)
Arbitro:  Stefano Marrama (Padova)

Prato
9 maggio 2010, ore 17 CEST
Piacenza19 – 31Fiamme OroStadio Enrico Chersoni
Arbitro:  Claudio Castagnoli (Livorno)

Playoff promozione in Eccellenza e titoloModifica

SemifinaliModifica

AndataModifica

Catania
9 maggio 2010, ore 15:30 CEST
San Gregorio13 – 8NocetoStadio Santa Maria Goretti
Arbitro:  Mauro Dordolo (Udine)

Roma
9 maggio 2010, ore 15:30 CEST
S.S. Lazio21 – 15MoglianoCentro sportivo Giulio Onesti
Arbitro:  Carlo Damasco (Napoli)

RitornoModifica

Noceto
16 maggio 2010
Noceto44 – 10San GregorioStadio Nando Capra
Arbitro:  Alan Falzone (Padova)

Mogliano Veneto
16 maggio 2010
Mogliano13 – 11S.S. LazioStadio Maurizio Quaggia
Arbitro:  Claudio Passacantando (L'Aquila)

Finale 3º postoModifica

Roma
23 maggio 2010, ore 15:30 CEST
Mogliano57 – 18San GregorioCampo dell’Unione
Arbitro:  Stefano Pennè (Milano)

FinaleModifica

Prato
22 maggio 2010, ore 17:30 CEST
S.S. Lazio43 – 6NocetoStadio Enrico Chersoni
Arbitro:  Stefano Traversi (Rovigo)

VerdettiModifica

NoteModifica

  1. ^ Il Calvisano, secondo classificato in A2, rinunciò agli spareggi promozione in A1, ma fu successivamente ripescato.
  2. ^ Serie A – Sfuma d’un soffio il sogno di A1 del F & M, su rugbyverona.it, 10 maggio 2010. URL consultato il 10 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  3. ^ Il Franklin&Marshall Verona promosso dalla FIR in serie A!, su rugbyverona.it, 17 luglio 2010. URL consultato il 10 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  4. ^ Massimo Calandri, Viadana in finale, sfida tra le "celtiche", in la Repubblica, 23 maggio 2010. URL consultato il 10 maggio 2012.
  5. ^ In seguito, per decisione federale, il Piacenza fu riassegnato alla serie A1 a causa della fusione societaria del Colorno con il GRAN Parma per fondare il GranDucato
  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby