Apri il menu principale

Shane Byrne (motociclista)

pilota motociclistico britannico
Shane Byrne
Shane Byrne in 2013 cropped.JPG
Shane Byrne nel 2013
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera in Supersport
Esordio 1998
Carriera in Superbike
Esordio 2002
Miglior risultato finale
Gare disputate 60
Gare vinte 2
Podi 3
Punti ottenuti 441
Giri veloci 1
Carriera nel Motomondiale
Esordio 2004 in MotoGP
Miglior risultato finale 20º
Gare disputate 20
Punti ottenuti 24
 

Shane Daniel Byrne (Lambeth, 10 dicembre 1976) è un pilota motociclistico britannico, sei volte campione britannico superbike nelle stagioni 2003, 2008, 2012, 2014, 2016 e 2017.

Indice

CarrieraModifica

Cresciuto agonisticamente nelle gare di Superbike britanniche, nel 1998 partecipa a un weekend del mondiale Supersport a Brands Hatch, senza prendere il via alla gara. Nel 2002 esordisce nel mondiale Superbike come wild card, stessa modalità con cui partecipa nel 2003 alle gare di Brands Hatch, dove riesce a ottenere la vittoria in entrambe le corse; nello stesso anno vince il titolo britannico.

Nel 2004 è stato chiamato a partecipare al motomondiale in MotoGP dal team ufficiale MS Aprilia Racing alla guida della RS Cube, il compagno di squadra è Jeremy McWilliams. In questa annata il pilota si piazza al ventesimo posto assoluto in classifica con 18 punti.

 
Byrne sulla Proton KTM del Team KR a Donington nel 2005

Dopo aver partecipato anche ad alcune gare del motomondiale 2005, inizialmente a bordo della Proton KR5 motorizzata KTM del Team Roberts ed in seguito con una RC211V del team Camel Honda in sostituzione di Troy Bayliss, è ritornato a gareggiare nuovamente nelle categoria inglese delle Superbike, vincendo il titolo nel 2008.

Nel 2009 partecipa al campionato mondiale Superbike con una Ducati 1098R del Team Sterilgarda.[1] Conclude la sua prima stagione completa all'ottavo posto nella classifica generale con 192 punti,[2] ottenendo come miglior risultato in gara il secondo posto in gara 1 nel Gran Premio di San Marino tenutosi sul circuito di Misano.[3]

Nel 2010 continua nel mondiale superbike sempre con una Ducati 1098R, ma passando al team Althea Racing con compagno di squadra Carlos Checa.[4] Termina la stagione al decimo posto con 169 punti peggiorando i riscontri dell'anno precedente, non ottenendo nessun piazzamento a podio.

Nel 2011 torna a correre nel campionato britannico Superbike, dove rimane anche nel 2012. Il 18 ottobre 2014 vince il suo quarto titolo nel British Superbike Championship; mentre nel 2016 vince il suo quinto titolo nazionale.[5] Nel 2017 vince il sesto titolo nazionale, il primo ottenuto consecutivamente.

Il 17 maggio 2018, al terzo giro di pista nel corso della giornata di Test MSVR del British Superbike tenutisi a Snetterton, cade alla curva 3, riportando contusioni ad entrambi i polmoni, frattura di tutte le costole, quattro vertebre, collo in due punti, setto nasale, clavicola.

Risultati in garaModifica

Campionato mondiale SupersportModifica

1998 Moto                     Punti Pos.
Yamaha NP 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.

Campionato mondiale SuperbikeModifica

2002 Moto                           Punti Pos.
Ducati 9 5 10 10 30 21º
2003 Moto                         Punti Pos.
Ducati 1 1 50 16º
2009 Moto                             Punti Pos.
Ducati Rit Rit 6 12 9 11 11 8 14 18 9 Rit 11 10 2 6 5 4 4 8 10 Rit Rit 7 8 7 4 4 192
2010 Moto                           Punti Pos.
Ducati 14 12 6 7 Rit 8 9 8 13 9 15 13 6 7 9 7 12 9 9 8 9 10 8 6 9 8 169 10º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Non disputata/Non valida Non qual./Non part. Squalificato Ritirato

MotomondialeModifica

2004 Classe Moto                                 Punti Pos.
MotoGP Aprilia 15 Rit NP 10 13 Rit 17 14 13 NP 13 18 20º
2005 Classe Moto                                   Punti Pos.
MotoGP Proton KR e Honda Rit 16 Rit 16 16 17 15 Rit Rit 14 13 6 24º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl, pilotegpmoto.com.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica