Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Stazione di Luino (disambigua).
Luino
stazione ferroviaria
Stazione di Luino.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàLuino
Coordinate45°59′48.92″N 8°44′14.48″E / 45.996921°N 8.737355°E45.996921; 8.737355Coordinate: 45°59′48.92″N 8°44′14.48″E / 45.996921°N 8.737355°E45.996921; 8.737355
LineeCadenazzo-Luino
Luino-Milano
Luino-Oleggio
Caratteristiche
Tipostazione in superficie, passante
Stato attualein uso
Attivazione1882
Interscambiautobus urbani e interurbani
DintorniLago Maggiore

La stazione di Luino è la maggiore stazione ferroviaria a servizio della città italiana di Luino, in provincia di Varese.

Funge da punto di incontro tra la rete ferroviaria svizzera e quella italiana ed è considerata (pur non essendo la più prossima alla frontiera) stazione di confine, deputata pertanto allo svolgimento delle attività e formalità doganali e al cambio di tensione d'alimentazione sulla linea aerea di contatto.

È gestita da RFI, che la classifica in categoria Silver.

MovimentoModifica

Rete celere ticinese
Linea S 30
   Bellinzona
   Giubiasco S 10 S 50
   Sant'Antonino
   Cadenazzo S 20
   Quartino
   Magadino-Vira
   San Nazzaro
   Gerra (Gambarogno)
   Ranzo-Sant'Abbondio
   Pino-Tronzano
   Maccagno
   Colmegna
   Luino
   Porto Valtravaglia
   Caldè
   Laveno-Mombello (→ FNM)
   Sangiano
   Besozzo
   Travedona-Biandronno
   Ternate-Varano Borghi
   Mornago-Cimbro
   Besnate
   Gallarate S 40 SM

Nella stazione fermano i treni della linea S30 (Bellinzona-Cadenazzo-Gallarate) della Rete celere del Canton Ticino effettuati da TiLo. Alcune corse sono limitate al percorso Cadenazzo-Luino.

La stazione è inoltre capolinea settentrionale dei treni regionali e RegioExpress operati da Trenord sulla direttrice Luino-Gallarate-Milano Porta Garibaldi.

Strutture e impiantiModifica

Trattandosi di una stazione di confine internazionale, dispone di un tratto neutro lungo 70 m per il cambio tensione, dai 3 kV CC italiani ai 15 kV AC svizzeri. Tale manovra, che comporta un cambio di trazione a mano a mano che i locomotori passano sotto la linea estera, non occorre per i mezzi politensione.

I treni merci devono eseguire la manovra a spinta se tirati da locomotori monotensione, mentre i treni con locomotori politensione devono solamente transitare ad archetti abbassati per via del tratto neutro.

Il piazzale ferroviario è dotato di sei binari passanti di cui 3 utilizzati per il servizio viaggiatori e sono provvisti di banchine.

Nella stazione è presente la dogana italiana, la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato.

Nel 2013, la Camera dei Cantoni ha approvato una legge che impegna La Svizzera a finanziare i costi di ammodernamento della linea Bellinzona-Luino-Gallarate. Lo stanziamento previsto consisteva in un mutuo di 280 milioni di euro, dei quali 150 mln sono stati destinati alla copertura dei lavori nel tratto di Luino.[1][2] Tale cifra è stata convertita in un contributo a fondo perduto a carico della Svizzera.[3]
A settembre del 2014[4], è stata firmata la convenzione attuativa fra RFI e l'Ufficio Federale Trasporti del governo bernese, che prevedeva la cantierizzazione dell'opera entro il 2016 sotto la direzione di Rete Ferroviaria Italiana.[5]

ServiziModifica

  •   Biglietteria
  •   Biglietteria self-service
  •   Bar

Museo ferroviario del VerbanoModifica

La rimessa locomotive che era stata costruita nel 1882, in occasione dell'apertura del Galleria del Gottardo è stata concessa in comodato da RFI per la costituzione del Museo ferroviario del Verbano. Tra le locomotive sono presenti due 428 Il Museo è proprietario anche di una Locomotiva a vapore BR 50 mantenuta in grado di marciare ed utilizzata per treni turistici. Presso il fabbricato viaggiatori sono raccolti cimeli sull'evoluzione dell'esercizio ferroviario a partire dall'Ottocento.[6]

NoteModifica

  1. ^ Daniele Mariani, Alptransit non può accontentarsi di una «mulattiera» a sud, su tvsvizzera.it, 18 dicembre 2013. URL consultato il 3 gennaio 2020 (archiviato il 3 gennaio 2020).
  2. ^ La Svizzera finanzia i lavori sulla linea ferroviaria Luino-Milano. Accordo raggiunto tra l’UFT e la RFI a Genova, su luinonotizie.it, 20 settembre 2014. URL consultato il 3 gennaio 2020 (archiviato il 3 gennaio 2020).
  3. ^ Dalla Svizzera 120 milioni per ampliare la linea ferroviaria di Luino, su laprovinciadivarese.it, 28 gennaio 2014. URL consultato il 3 gennaio 2020 (archiviato il 3 gennaio 2020).
  4. ^ RFI: firmata con UFT Governo svizzero convenzione attuativa adeguamento Corridoio Luino, su fsnews.it, Genova, 18 settembre 2014 (archiviato il 3 gennaio 2020).
  5. ^ Luino-Gallarate. Lavori ai binari al via nel 2016, su laprovinciadivarese.it, 26 settembre 2015 (archiviato il 3 gennaio 2020).
  6. ^ Verbanoexpress, su verbanoexpress.it.

BibliografiaModifica

  • Giancarlo Ganzerla, Luino e il treno, in "I Treni Oggi" n. 53 (settembre 1985).
  • Marco Minari, Uno sguardo a Luino, in "I Treni" n. 197 (ottobre 1998), pp. 10–14.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti