Stephen McKinley Henderson

attore statunitense

Stephen McKinley Henderson (Kansas City, 31 agosto 1949) è un attore statunitense. È attivo principalmente in campo teatrale, dove è noto soprattutto come interprete veterano dell'opera del drammaturgo August Wilson. Tra queste, la sua interpretazione di Jim Bono nel dramma Premio Pulitzer Fences gli è valsa una candidatura al Tony Award al miglior attore non protagonista in un'opera teatrale nel 2010.[1][2]

Stephen McKinley Henderson ad Amherst nel 2018.

BiografiaModifica

Nato nel 1949 a Kansas City, in Missouri, McKinley Henderson viene cresciuto da una famiglia adottiva, dato che la madre doveva prendersi cura di suo fratello maggiore, divenuto sordo, e il padre era costretto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate nella Guerra di Corea.[2] Si appassiona alla recitazione nei suoi anni alle superiori per soli neri Charles Sumner, dove recita in produzioni scolastiche di The Most Happy Fella di Frank Loesser e, nel 1966, di Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller.[3][4] Frequenta poi la Lincoln University di Jefferson City, dove ha le sue prime esperienze col metodo Stanislavskij e recita, tra le altre, in una rappresentazione di A Raisin in the Sun di Lorraine Hansberry al Missouri Repertory Theatre.[3][5] Quest'ultima interpretazione gli vale un'ammissione alla Juilliard School di New York, dove fa parte del suo Gruppo 1 assieme a Kevin Kline, Patti LuPone e David Ogden Stiers.[3][5]

CarrieraModifica

Dal 1976 al 1982, McKinley Henderson porta sul palco le Tre sorelle di Čechov, Lo stratagemma dei bellimbusti di Farquhar, Il discepolo del diavolo di George Bernard Shaw, Arriva l'uomo del ghiaccio di O'Neill, Macbeth di Shakespeare e Il servitore di due padroni di Goldoni come parte del Black Repertory Theatre di St. Louis.[6][7] A New York, interpreta Emmett nel revival di Zooman and the Sign al Second Stage Theatre e Bobo in quello di A Raisin in the Sun del 1985.[6][7] Tra gli altri ruoli negli anni ottanta e novanta figurano quelli di Azdak ne Il cerchio di gesso del Caucaso, Creonte in Antigone, Falstaff ne Le allegre comari di Windsor, di Sizwe in Sizwe Bansi is Dead e di Winston in The Island, entrambi di Athol Fugard.[6][7]

Il suo primo incontro col drammaturgo August Wilson avviene a Pittsburgh negli anni novanta.[2] McKinley finirà per recitare in tutte le opere del cosiddetto Century Cycle di Wilson a partire da Jitney, con l'eccezione delle conclusive Gem of the Ocean e Radio Golf.[2][3] Tra le 16 rappresentazioni di opere del drammaturgo in cui ha recitato figurano le sue interpretazioni di Turnbo in Jitney, considerata «la sua parte per eccellenza», di Jim Bono e del protagonista Troy Maxson in Fences, di Stool Pigeon in King Hedley II e Slow Drag in Ma Rainey's Black Bottom, questi ultimi due il suo debutto a Broadway.[2][3] Nel 2005 interpreta Ponzio Pilato nell'opera di Stephen Adly Guirgis The Last Days of Judas Iscariot, rappresentata Off-Broadway per la regia di Philip Seymour Hoffman.[8] Nel 2010 riprende il ruolo di Jim nel revival di Broadway di Fences, al fianco di Denzel Washington e Viola Davis.[2] Lo spettacolo ha molto successo e vale all'attore la sua prima candidatura ai Tony Award come miglior attore non protagonista,[1][2] spingendo il suo regista Kenny Leon a definirlo «uno degli attori più sottovalutati d'America».[9]

A partire dal 2011 intensifica le sue apparizioni da caratterista cinematografico, recitando in ruoli minori in Tower Heist - Colpo ad alto livello, Molto forte, incredibilmente vicino e Lincoln di Steven Spielberg, oltre che nella prima stagione della serie televisiva The Newsroom.[4][10] Nel 2012 Spike Lee lo vuole come prete nel suo Red Hook Summer, a cui fa seguire l'horror Il sangue di Cristo (2014).[10][11] Sempre nel 2014, recita nel revival di Broadway di A Raisin in the Sun.[12]

Lo stesso anno torna a collaborare a teatro con Adly Guirgis, che scrive appositamente per lui il dramma Between Riverside and Crazy, di cui è protagonista assoluto.[4] Rappresentata dal 2014 e 2015 per la regia di Austin Pendleton, l'opera gli vale un Obie Award e una candidatura ai Drama Desk Award, Outer Critics Circle Award e Drama League Award per la sua interpretazione di un poliziotto in pensione.[4] Nel 2016 recita nel film di Kenneth Lonergan Manchester by the Sea e riprende il proprio ruolo assieme a Washington e alla Davis nell'adattamento cinematografico di Fences,[5] per il quale ottiene una candidatura agli Screen Actors Guild Award.[13] L'anno seguente ha un ruolo secondario nel film di Greta Gerwig Lady Bird, ottenendo un'altra candidatura ai SAG.[14]

Ha insegnato per trent'anni recitazione all'Università di Buffalo.[4][5]

TeatroModifica

AttoreModifica

RegistaModifica

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

RiconoscimentiModifica

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in lingua italiana dei suoi film, Stephen McKinley Henderson è stato doppiato da:

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Ben Brantley, It's No More Mr. Nice Guy for This Everyman, in The New York Times, 27 aprile 2010. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  2. ^ a b c d e f g (EN) Patrick Healy, Stephen McKinley Henderson, an August Wilson Stalwart, in The New York Times, 8 giugno 2010. URL consultato il 24 agosto 2019.
  3. ^ a b c d e (EN) Matt Lurie, EXCLUSIVE: Stephen McKinley Henderson on His Career, August Wilson, and the Essence of Theatre (Part 1), su reddoorproject.org, 16 ottobre 2012. URL consultato il 24 agosto 2019.
  4. ^ a b c d e (EN) Neil Genzlinger, This Time, the Main Attraction, in The New York Times, 9 luglio 2014. URL consultato il 24 agosto 2019.
  5. ^ a b c d (EN) Robert W. Bulter, KCK native co-stars in two Oscar-worthy films this month, su kansascity.com, 21 dicembre 2016. URL consultato il 24 agosto 2019.
  6. ^ a b c (EN) Henderson 2020 CV (PDF), su Microsoft Word. URL consultato il 19 aprile 2020.
  7. ^ a b c (EN) Stephen McKinley Henderson, su cla.purdue.edu. URL consultato il 24 agosto 2019.
  8. ^ (EN) Ernio Hernandez, Off-Broadway's The Last Days of Judas Iscariot Gets Its Pontius Pilate and More, su playbill.com, 13 dicembre 2004. URL consultato il 24 agosto 2019.
  9. ^   (EN) Theater Talk: August Wilson's "Fences", su YouTube, 13 maggio 2011.
  10. ^ a b (EN) Matt Lurie, EXCLUSIVE: Stephen McKinley Henderson on His Career, August Wilson, and the Essence of Theatre (Part 2), su reddoorproject.org, 1º novembre 2012. URL consultato il 24 agosto 2019.
  11. ^ (EN) Scott Foundas, Film Review: ‘Da Sweet Blood of Jesus’, in Variety, 23 giugno 2014. URL consultato il 24 agosto 2019.
  12. ^ (EN) Wilson Morales, Stephen Tyrone Williams takes male lead in Spike Lee’s new film, su blackfilm.com, 20 agosto 2013. URL consultato il 24 agosto 2019.
  13. ^ (EN) Nominations Announced for the 23rd Annual Screen Actors Guild Awards, su sagawards.org, 14 dicembre 2016. URL consultato il 29 maggio 2018.
  14. ^ (EN) Rebecca Rubin, SAG Award Nominations: Complete List, in Variety, 13 dicembre 2017. URL consultato il 13 dicembre 2017.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN63971479 · ISNI (EN0000 0000 5183 9675 · LCCN (ENnr2006032855 · BNE (ESXX5404703 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr2006032855