Super ShowDown (2019)

evento in pay-per-view di wrestling
Super ShowDown (2019)
TaglineUndertaker vs. Goldberg
Colonna sonoraWhen Legends Rise dei Godsmack
Prodotto daWWE
BrandRaw
SmackDown
205 Live
Data7 giugno 2019
SedeKing Abdullah International Stadium
CittàGedda, Arabia Saudita
Spettatori21.000
Cronologia pay-per-view
Money in the Bank (2019)Super ShowDown (2019)Stomping Grounds
Progetto Wrestling

Super ShowDown (2019) è stata la seconda edizione dell'omonimo evento in pay-per-view di wrestling prodotto dalla WWE. L'evento si è svolto il 7 giugno 2019 al King Abdullah International Stadium di Gedda (Arabia Saudita).

L'evento è ricordato per la più grande Battle Royal mai avvenuta nella storia della WWE con ben cinquantuno wrestler.

AntefattoModifica

Il 13 maggio 2019 è stato annunciato dalla WWE che il WWE Hall of Famer Goldberg (assente da WrestleMania 33 del 2 aprile 2017) tornerà a Super ShowDown per sfidare The Undertaker (assente da Crown Jewel del 2 novembre 2018). Si tratta del primo incontro in assoluto fra i due.[1] Nel medesimo giorno sono stati annunciati anche un match fra Randy Orton e Triple H e una Battle Royal a 50 uomini.

Il 18 maggio, in aggiunta, è stato annunciato un match fra Bobby Lashley e Braun Strowman.[2]

Nella puntata di Raw del 15 aprile Andrade ha sconfitto l'Intercontinental Champion Finn Bálor in un match non titolato. Successivamente, sia Bálor che Andrade sono passati al roster di SmackDown, dove il primo si è preso la rivincita sul secondo sempre in un incontro non titolato del 23 aprile. Il 19 maggio un match fra Andrade e Finn Bálor per l'Intercontinental Championship è stato annunciato per Super ShowDown.[3]

Nella puntata di SmackDown del 16 aprile Vince McMahon ha annunciato Elias come il più grande acquisto della storia dello show, ma tale annuncio è stato interrotto da Roman Reigns, il quale ha colpito sia Elias che Vince con un Superman Punch. La settimana successiva, Shane McMahon, figlio di Vince, ha sfidato Reigns, il quale è stato a sua volta attaccato da Elias, il quale poi lo ha sfidato per Money in the Bank. Il 19 maggio, a Money in the Bank, Reigns ha sconfitto Elias in dieci secondi.[4] Nella puntata di Raw del 20 maggio Shane ha dunque sfidato Reigns per Super ShowDown.[5]

Nella puntata di SmackDown del 21 maggio il WWE Champion Kofi Kingston ha sconfitto Sami Zayn in un match non titolato ma, a fine incontro, Kingston è stato brutalmente attaccato dal rientrante Dolph Ziggler (appartenente al roster di Raw), il quale lo ha poi sfidato per un match per il WWE Championship a Super Show-Down, con Kingston che ha accettato.[6]

Nella puntata di Raw del 27 maggio Baron Corbin ha sconfitto The Miz, Bobby Lashley e Braun Strowman in un Fatal 4-Way match, diventando lo sfidante di Seth Rollins all'Universal Championship a Super ShowDown.[7]

A Money in the Bank, i Lucha House Party (Gran Metalik, Kalisto e Lince Dorado) (appartenenti al roster di Raw) hanno attaccato Lars Sullivan (appartenente al roster di SmackDown), senza che il match fra i quattro potesse avvenire. La sera dopo, a Raw, Sullivan è stato nuovamente attaccato dai Lucha House Party riuscendo però a respingerli. Il 28 maggio è stato annunciato che, a Super ShowDown, i Lucha House Party avrebbero affrontato Sullivan in un 3-on-1 Handicap match.[8]

Il 5 giugno è stato annunciato che i Revival (Dash Wilder e Scott Dawson) e gli Usos (Jey Uso e Jimmy Uso) si sarebbero affrontati nel Kick-off di Super ShowDown.[9]

RisultatiModifica

# Incontri Stipulazioni Durata
Kick-off The Usos (Jey Uso e Jimmy Uso) hanno sconfitto The Revival (Dash Wilder e Scott Dawson) Tag Team match[10] 07:15
1 Seth Rollins (c) ha sconfitto Baron Corbin Single match per il WWE Universal Championship[11] 11:15
2 Finn Bálor (c) ha sconfitto Andrade Single match per il WWE Intercontinental Championship[12] 11:35
3 Shane McMahon (con Drew McIntyre) ha sconfitto Roman Reigns Single match[13] 09:15
4 Lars Sullivan ha sconfitto Lucha House Party (Gran Metalik, Kalisto e Lince Dorado) per squalifica 3-on-1 Handicap match[14] 05:15
5 Randy Orton ha sconfitto Triple H Single match[15] 25:45
6 Braun Strowman ha sconfitto Bobby Lashley Single match[16] 08:20
7 Kofi Kingston (c) (con Xavier Woods) ha sconfitto Dolph Ziggler Single match per il WWE Championship[17] 10:15
8 Mansoor ha vinto eliminando per ultimo Elias[18] 50-Men Battle Royal match[19] 19:00
9 The Undertaker ha sconfitto Goldberg Single match[20] 09:35

NoteModifica

  1. ^ WWE.com Staff, Undertaker, Goldberg to clash for first time ever at WWE Super ShowDown, su WWE, 13 maggio 2019. URL consultato il 13 maggio 2019.
  2. ^ Michael Burdick, Braun Strowman vs. Bobby Lashley, su WWE, 18 maggio 2019. URL consultato il 18 maggio 2019.
  3. ^ Ralph Bristout, Intercontinental Champion “The Demon” Finn Bálor vs. Andrade, su WWE, 13 maggio 2019. URL consultato il 13 maggio 2019.
  4. ^ Anthony Benigno, Roman Reigns def. Elias, su WWE, 19 maggio 2019. URL consultato il 19 maggio 2019.
  5. ^ Ryan Pappolla, Roman Reigns vs. Shane McMahon, su WWE, 20 maggio 2019. URL consultato il 20 maggio 2019.
  6. ^ Michael Burdick, WWE Champion Kofi Kingston vs. Dolph Ziggler, su WWE, 22 maggio 2019. URL consultato il 13 maggio 2019.
  7. ^ Michael Burdick, Universal Champion Seth Rollins vs. Baron Corbin, su WWE, 27 maggio 2019. URL consultato il 27 maggio 2019.
  8. ^ Michael Burdick, The Lucha House Party vs. Lars Sullivan, su WWE, 28 maggio 2019. URL consultato il 28 maggio 2019.
  9. ^ Michael Burdick, The Usos vs. The Revival, su WWE, 5 giugno 2019. URL consultato il 5 giugno 2019.
  10. ^ John Clapp, The Usos def. The Revival (Kickoff Match), su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  11. ^ Anthony Benigno, Universal Champion Seth Rollins def. Baron Corbin, su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  12. ^ Bobby Melok, Intercontinental Champion “The Demon” Finn Bálor def. Andrade, su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  13. ^ James Wortman, “The Best in the World” Shane McMahon def. Roman Reigns, su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  14. ^ John Clapp, Lars Sullivan def. The Lucha House Party by Disqualification (3-on-1 Handicap Match), su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  15. ^ Anthony Benigno, Randy Orton def. Triple H, su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  16. ^ James Wortman, Braun Strowman def. Bobby Lashley, su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  17. ^ Bobby Melok, WWE Champion Kofi Kingston def. Dolph Ziggler, su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  18. ^ Gli altri partecipanti erano: Akam, Akira Tozawa, Ali, Apollo Crews, Bo Dallas, The Brian Kendrick, Buddy Murphy, Cedric Alexander, Cesaro, Chad Gable, Curt Hawkins, Curtis Axel, Dash Wilder, Drew Gulak, EC3, Eric Young, Erik, Heath Slater, Humberto Carrillo, Ivar, Jey Uso, Jimmy Uso, Jinder Mahal, Karl Anderson, Luke Gallows, Matt Hardy, Mike Kanellis, The Miz, Mojo Rawley, No Way Jose, Oney Lorcan, Otis, Rezar, Ricochet, Robert Roode, Rowan, Rusev, Samir Singh, Samoa Joe, Scott Dawson, Shelton Benjamin, Shinsuke Nakamura, Sin Cara, Sunil Singh, Titus O'Neil, Tony Nese, Tucker, Xavier Woods e Zack Ryder.
  19. ^ Ralph Bristout, Mansoor won the first-ever 50-Man Battle Royal, su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.
  20. ^ Anthony Benigno, The Undertaker def. Goldberg, su WWE, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling