Apri il menu principale

The Wrestler (film 2008)

film del 2008 diretto da Darren Aronofsky
The Wrestler
The Wrestler.png
Mickey Rourke in una scena del film
Titolo originaleThe Wrestler
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2008
Durata105 min
Rapporto2,35:1
Generedrammatico, sportivo
RegiaDarren Aronofsky
SoggettoRobert D. Siegel
SceneggiaturaRobert D. Siegel
ProduttoreDarren Aronofsky, Scott Franklin
Produttore esecutivoVincent Maraval, Agnès Mentre, Jennifer Roth
Casa di produzioneProtozoa Pictures, Saturn Films
Distribuzione in italianoLucky Red
FotografiaMaryse Alberti
MontaggioAndrew Weisblum
MusicheClint Mansell
ScenografiaTim Grimes
CostumiAmy Westcott
TruccoE. Morrow
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Wrestler è un film del 2008 diretto da Darren Aronofsky, e interpretato da Mickey Rourke, vincitore del Leone d'Oro al 65º Festival di Venezia e candidato a 2 premi Oscar nell'81ª edizione della rassegna, e inoltre vincitore di 2 Golden Globe.

Le riprese si sono svolte dal gennaio al 18 marzo 2008.[1]

Il film è uscito negli Stati Uniti d'America il 17 dicembre 2008 ed in Italia il 6 marzo 2009.[2]

Indice

TramaModifica

Alla fine degli anni ottanta il wrestler professionista Robin Ramzinski, noto con il nome d'arte di Randy "The Ram" Robinson, è al culmine della carriera, dopo aver sconfitto in un match memorabile per il wrestling il suo acerrimo avversario, l'Ayatollah. Anni dopo tira avanti esibendosi per i fan del wrestling nelle palestre dei licei e nelle comunità del New Jersey. Ridotto in povertà, separato dalla moglie, allontanatosi dalla figlia Stephanie, incapace di sostenere un qualsiasi vero rapporto umano, Randy vive per il brivido dello show, per l'adrenalina del combattimento e per l'adorazione dei fan.

Dopo essere stato colto da un infarto a causa di un match molto impegnativo e violento, nel quale ha riportato ferite da macchina sparapunti, da filo spinato, da forchetta utilizzata per trafiggere e quant'altro, a Randy i medici consigliano di evitare gli sforzi eccessivi, le sostanze stupefacenti o eccitanti di cui faceva uso, gli steroidi e quindi di abbandonare per sempre i combattimenti. Lontano dal ring, Randy prova a cominciare una nuova vita: lascia a malincuore il wrestling, trova lavoro al reparto alimentari di un supermercato, tenta di riallacciare i rapporti con la figlia Stephanie che lo odia perché è stato assente e lontano da lei durante la sua infanzia e la sua crescita, e di iniziare una relazione con Cassidy, un'amica lap dancer non più giovanissima. Per un breve periodo le cose sembrano funzionare e anche Stephanie dimostra, malgrado tutto, di voler ancora bene al padre.

Purtroppo però il fallimento è dietro l'angolo. Cassidy insiste nel rifiutare i pur affettuosi tentativi di approccio con i quali Randy tenta di farla innamorare, così da offrire ad entrambi la possibilità di riscattarsi con una nuova vita: è madre di un bambino e stenta a fidarsi di Randy. Non può mettere a rischio la propria vita e quella di suo figlio.

Deluso, Randy si ubriaca, assume cocaina e si lascia andare a una notte di sesso con una ragazza conosciuta in un bar, dimenticando così un importante appuntamento che aveva fissato per una cena con la figlia proprio quella sera. Questa ennesima dimenticanza segnerà definitivamente la fine dei rapporti fra Randy e sua figlia, che ritornerà ad odiare più che mai il padre.

Il nuovo futuro che Randy sogna va così inesorabilmente in fumo, suscitando in lui enorme delusione, amarezza ed infinita tristezza. Quando nel negozio dove lavora un fan lo riconosce come il suo idolo di infanzia , lui continua a negare di essere "The Ram", pur di non farsi umiliare facendosi vedere in divisa da salumiere, improvvisamente tira un pugno alla lama di un'affettatrice ferendosi gravemente. Poi, fuori di sé, lascia il supermercato insultando i clienti allibiti e colpendo a destra e a manca gli scaffali. Non vedendo prospettive per il proprio futuro, nemmeno nel ruolo di "vecchia gloria" del wrestling, Randy decide di continuare quest'attività fino all'estremo: accetterà la rivincita contro il suo leggendario avversario, l'Ayatollah, ben consapevole delle conseguenze che porterebbe il gesto.

Nemmeno Cassidy, che lo raggiunge poco prima che salga sul ring, riesce a persuaderlo a desistere. Randy fa un discorso sul ring in cui afferma, acclamato dal pubblico, che il wrestling è tutto per lui, è la sua ragione di vita ed il ring è l'unico luogo in cui non si fa del male; afferma inoltre che i fan sono la sua famiglia e che solo loro potranno ammonirlo a non combattere più, qualora non lo ritenessero all'altezza. Alla fine del match Randy, dolorante a causa delle fitte al cuore che lo hanno "perseguitato" fin dall'inizio del combattimento, si arrampica su un palo e si prepara a lanciarsi per eseguire la sua finisher il "Ram Jam", consapevole che sta vivendo il suo ultimo, momento di gloria.

ProduzioneModifica

La stesura della sceneggiatura era nelle mani di Robert D. Siegel, che pensava per il ruolo del protagonista a Nicolas Cage. Cage fu ingaggiato, ma ha poi abbandonato il progetto. Subito dopo si è pensato all'attore Mickey Rourke, che per un certo periodo aveva avuto un declino nel campo cinematografico.

CastModifica

CameoModifica

Nel film compaiono molti wrestler professionisti di varie federazioni indipendenti degli Stati Uniti, tra di essi: Ernest "The Cat" Miller (ex WCW WWE), Necro Butcher, Mike "RAGE" Miller, Nick Berk, DJ Hyde, Havoc, Johnny Mangus, Billy Dream, Eric Cobian, Sugga, LA Smooth, Whacks, Devon Moore, The Funky Samoans, Jim Powers, Kid USA, Claudio Castagnoli, Romeo Roselli, John Zandig (JEEZUS!), Nate Hatred, Nigel McGuinness e R-Truth.

Inoltre, nelle scene di folla o in mezzo al pubblico, compaiono parecchi wrestler delle federazioni con sede nel New Jersey della Bodyslam Wrestling Organization e della NWA Liberty States.

Colonna sonoraModifica

Bruce Springsteen, amico personale di Rourke, ha contribuito alla colonna sonora del film con un brano intitolato The Wrestler dedicato espressamente all'attore ed alle sovrapposizioni tra la vita di Rourke e quella di Randy Robinson. Il suo lavoro è stato premiato con il Golden Globe per la migliore canzone originale nell'edizione 2009 della rassegna. Il film apre con il brano Bang Your Head (Metal Health), storico brano heavy metal anni ottanta dei Quiet Riot. Quando Randy entra sul ring invece si sente Sweet Child o' Mine dei Guns N' Roses. La maggior parte del film è pervaso da brani di gruppi hair metal/hard & heavy anni ottanta, tra i quali Quiet Riot, Cinderella, Ratt, Guns N' Roses, Accept, FireHouse, Rhino Bucket, Scorpions[3].

«The Wrestler è uno straordinario pezzo acustico» ha detto il regista, «Cattura realmente lo spirito del film e quello del personaggio».

DistribuzioneModifica

Il film è stato presentato in anteprima mondiale il 5 settembre 2008 al Festival di Venezia, e due giorni dopo al Toronto Film Festival. Il 12 ottobre, invece, è la data dell'anteprima statunitense, presso il New York Film Festival. Il film ha iniziato ad essere distribuito nei cinema statunitensi il 19 dicembre 2008, per poi essere pubblicato in tutto il territorio nazionale il 16 gennaio 2009. Il film in Italia è uscito nei cinema il 6 marzo 2009.

IncassiModifica

Il film ha realizzato in Italia, nelle prime tre settimane di programmazione, un incasso al botteghino di € 1.970.000 secondo i dati Cinetel. In totale il film ha raggiunto un incasso negli Stati Uniti di circa $26,238,243 e globale di $44,703,995.[4]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Box office / incassi per The Wrestler (2008), Internet Movie Database. URL consultato il 5 marzo 2012.
  2. ^ Date di uscita per The Wrestler (2008), Internet Movie Database. URL consultato il 5 marzo 2012.
  3. ^ The Wrestler - Original Soundtrack, allmusic.com. URL consultato il 12 aprile 2014.
  4. ^ The Wrestler, boxofficemojo.com. URL consultato il 6 aprile 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN204626064 · GND (DE7658231-0 · WorldCat Identities (EN204626064