Theodore McCarrick

ex arcivescovo e cardinale cattolico statunitense
(Reindirizzamento da Theodore Edgar McCarrick)
Theodore Edgar McCarrick
arcivescovo della Chiesa cattolica
Theodore Cardinal McCarrick.jpg
L'allora cardinale McCarrick durante una conferenza, il 24 gennaio 2008.
Coat of arms of Theodore Edgar McCarrick (used 2000-2001).svg
Come Lord Jesus
 
Incarichi attualiDimesso dallo stato clericale (dal 2019)
Incarichi ricoperti
 
Nato7 luglio 1930 (90 anni) a New York
Ordinato presbitero31 maggio 1958 dal cardinale Francis Joseph Spellman
Nominato vescovo24 maggio 1977 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo29 giugno 1977 dal cardinale Terence James Cooke
Elevato arcivescovo30 maggio 1986 da papa Giovanni Paolo II
 

Theodore Edgar McCarrick (New York, 7 luglio 1930) è un ex cardinale e arcivescovo cattolico statunitense, dimesso dallo stato clericale il 13 febbraio 2019.

Biografia

Il 31 maggio 1958 è ordinato presbitero dal cardinale Francis Joseph Spellman.

Ministero episcopale e cardinalato

Il 24 maggio 1977 papa Paolo VI lo nomina vescovo ausiliare di New York e vescovo titolare di Rusubisir; il 29 giugno successivo riceve l'ordinazione episcopale dal cardinale Terence James Cooke, coconsacranti l'arcivescovo John Joseph Maguire ed il vescovo Patrick Vincent Ahern.

Il 19 novembre 1981 papa Giovanni Paolo II lo nomina primo vescovo di Metuchen; il 31 gennaio 1982 prende possesso della neo-eretta diocesi.

Il 30 maggio 1986 è nominato arcivescovo metropolita di Newark; succede al dimissionario Peter Leo Gerety. Il 25 luglio seguente prende possesso dell'arcidiocesi.

Il 17 ottobre 1998 viene affidata all'arcidiocesi di Newark la cura pastorale della missione sui iuris di Turks e Caicos e ne diventa pertanto superiore ecclesiastico.

Il 21 novembre 2000 viene trasferito all'arcidiocesi di Washington, dove succede al cardinale James Aloysius Hickey, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 3 gennaio 2001 prende possesso dell'arcidiocesi.

Nel concistoro del 21 febbraio 2001 papa Giovanni Paolo II lo crea cardinale presbitero dei Santi Nereo e Achilleo; il 28 giugno seguente prende possesso del titolo. Il 29 giugno riceve il pallio dal papa in piazza San Pietro.

Il 18 e il 19 aprile 2005 partecipa come cardinale elettore al conclave che porta all'elezione di papa Benedetto XVI.

Il 16 maggio 2006 papa Benedetto XVI accoglie la sua rinuncia, presentata per raggiunti limiti d'età; gli succede Donald William Wuerl, fino ad allora vescovo di Pittsburgh.

Il 7 luglio 2010 compie 80 anni ed in base a quanto disposto dal motu proprio Ingravescentem Aetatem di papa Paolo VI del 1970, decadono tutti gli incarichi ricoperti nella Curia romana e con essi il diritto di entrare in conclave.

Accuse di abusi sessuali, dimissioni dal collegio cardinalizio e dallo stato clericale

È accusato di aver compiuto per lungo tempo abusi omosessuali sia su adulti sia su minori[1][2]. Un'inchiesta del New York Times mette in luce come molti funzionari della Chiesa sapessero da decenni che il cardinale era stato accusato da svariate persone di molestie sessuali. In particolare tra il 1994 e il 2008, i vescovi statunitensi avevano ricevuto numerosi rapporti sulle trasgressioni del cardinale con giovani studenti del seminario[3].

Il 27 luglio 2018 McCarrick presenta la rinuncia da membro del Collegio cardinalizio a papa Francesco, il quale "ne ha accettato le dimissioni da Cardinale ed ha disposto la sua sospensione dall'esercizio di qualsiasi ministero pubblico, insieme all'obbligo di restare in una casa che gli verrà indicata, per una vita di preghiera e di penitenza, fino a quando le accuse che gli vengono rivolte siano chiarite dal regolare processo canonico"[4].

McCarrick diventa così il primo cardinale ad essersi dimesso durante il pontificato di papa Francesco; prima di lui, infatti, nel 2015, il cardinale scozzese Keith Michael Patrick O'Brien aveva rinunciato soltanto alle prerogative del cardinalato, mantenendo tuttavia il titolo cardinalizio. L'ultimo precedente in età contemporanea era stato quello del francese Louis Billot dimessosi nel 1927 per dissidi con papa Pio XI[5].

Il 16 febbraio 2019 viene comunicata la sua dimissione dallo stato clericale ratificata il giorno 13 dello stesso mese da parte della sessione ordinaria (Feria IV) della Congregazione per la dottrina della fede[6]. Il Santo Padre riconosce la natura definitiva, a norma di legge, di questa decisione, rendendola quindi res iudicata, cioè non più soggetta ad alcun ricorso[7].

Un'inchiesta del Washington Post pubblicata il 26 dicembre 2019 rivela che il cardinale McCarrick avrebbe versato durante 17 anni, a partire dal 2001 - quando è stato nominato alla testa della diocesi della capitale americana - più di 600 000 dollari (più di mezzo milione di euro) a vescovi, cardinali e papi: Leonardo Sandri, Joseph Augustine Di Noia, Angelo Sodano, Tarcisio Bertone, Pietro Parolin, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI figurano tra coloro che sarebbero stati così messi a tacere dietro pagamento[8]. L'articolo di Repubblica citato in nota, in effetti, non dimostra, e lo ammette, che i soldi versati furono per "coprire" gli abusi sessuali. Quei versamenti, avvenuti in diversi anni, erano effettuati a persone di Chiesa.

Il vescovo Giuseppe Sciacca, segretario del Supremo tribunale della Segnatura apostolica, nel saggio che apre l'ultimo quaderno di Jus - On Line, la rivista di scienze giuridiche della facoltà di giurisprudenza dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha sollevato gravi obiezioni contro l'avvenuta dimissione dallo stato clericale dell'ex cardinale McCarrick, non per le ragioni che hanno portato a tale dimissione – che restano gravissime, poiché si tratta di abusi sessuali compiuti nell'arco di decenni – ma per la dubbia legittimità, canonica ed ecclesiologica, della riduzione di un vescovo allo stato laicale, che "è intrinsecamente problematica, poiché, se non rettamente intesa (come sovente avviene), confligge con la dottrina e la verità dell'indelebile carattere impresso dal sacramento dell'ordine."[9].

Genealogia episcopale e successione apostolica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Note

  1. ^ (EN) He Preyed on Men Who Wanted to Be Priests. Then He Became a Cardinal.. URL consultato il 29 luglio 2018.
  2. ^ L'arcivescovo di Washington accusato di pedofilia non è più cardinale, in Repubblica.it, 28 luglio 2018. URL consultato il 29 luglio 2018.
  3. ^ (EN) American Cardinal Accused of Sexually Abusing Minor Is Removed From Ministry. URL consultato il 29 luglio 2018.
  4. ^ Comunicato della Sala Stampa della Santa Sede, su press.vatican.va, 28 luglio 2018.
  5. ^ T. McCarrick non è più cardinale... come accadde nel 1927 con il cardinale Louis Billot. Il secondo cardinale "ridimensionato" da Papa Francesco dal 2013, in Il Sismografo, 28 luglio 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  6. ^ L'ex cardinale McCarrick è stato dimesso dallo stato clericale, su Il Post, 16 febbraio 2019. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  7. ^ Santa Sede: abusi, McCarrick dimesso dallo stato clericale, Vatican News, 16 febbraio 2019. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  8. ^ McCarrick finanziava il Vaticano per garantirsi l'impunità sugli abusi, repubblica.it, 27 dicembre 2019. URL consultato il 31 dicembre 2019.
  9. ^ Giuseppe Sciacca, "Note sulla dimissione del Vescovo dallo stato clericale", pp. 1-16. (PDF), jusvitaepensiero.mediabiblos.it, 2/2019. URL consultato il 7 gennaio 2020.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN16744200 · ISNI (EN0000 0000 4288 7448 · LCCN (ENnb2005011108 · GND (DE105856255X · BNF (FRcb13577992j (data) · BAV (EN495/296746 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2005011108