Apri il menu principale
Tina Louise nella serie televisiva L'isola di Gilligan (1964)

Tina Louise, nata Tina Blacker (New York, 11 febbraio 1934), è un'attrice, cantante e autrice statunitense.

Ha lavorato anche in Italia, ma la sua fama è legata al personaggio di Ginger Grant nella serie televisiva L'isola di Gilligan.

Indice

BiografiaModifica

Nata a New York da una famiglia ebraica, il nome Louise venne aggiunto durante gli anni del liceo, poiché la ragazza era infatti l'unica della sua classe al corso di recitazione a non avere un secondo nome. Frequentò quindi l'Università di Oxford e in questo periodo iniziò a prendere lezioni di canto, ballo e recitazione, e a posare come modella per le riviste del tempo in cui furoreggiavano le pin-up.

Il debutto come attrice avvenne nel 1952 a Broadway con Two's company, una rivista musicale con protagonista Bette Davis. Le sue apparizioni teatrali le consentirono di ottenere alcuni piccoli ruoli in alcune produzioni televisive. Nel 1957 partecipò assieme a Julie Newmar al musical di successo Li'l Abner e pubblicò il suo primo disco, It's time for Tina, che verrà ristampato sia in formato CD che su ITunes.

Nel 1958 fece il suo debutto a Hollywood ne Il piccolo campo e venne subito eletta come la "rossa più bella del mondo" dal National Art Council. Arrivarono numerosissime offerte di lavoro, grazie anche ad alcune immagini pubblicate su Playboy, su precise disposizioni della sua casa di produzione, la Columbia Pictures. All'inizio degli anni sessanta girò alcuni film in Italia, tra cui Viva l'Italia! di Roberto Rossellini.

Tornata negli USA, si iscrisse all'Actors Studio di Lee Strasberg, alternando poi lavori per la televisione e per il teatro. Nel 1964 arrivò la svolta decisiva per la sua carriera: dopo il rifiuto di Jayne Mansfield, la Louise venne infatti scritturata per interpretare Ginger Grant, la star del cinema naufragata con altri personaggi ne L'isola di Gilligan. Nonostante il grande successo ottenuto con questo ruolo televisivo, preoccupata di rimanere legata per sempre al personaggio, fu felice della chiusura della serie avvenuta nel 1967.

Negli anni settanta cercò di cambiare la sua immagine e di affrontare ruoli più drammatici, riuscendo ad ottenere ottime critiche per il suo ruolo ne La fabbrica delle mogli. Negli anni successivi continuò a partecipare in modo più o meno regolare a diverse serie televisive di successo come Kojak, Dallas e Santa Barbara, ma rifiutò di riprendere il ruolo di Ginger nei film realizzati come ideale seguito de L'isola di Gilligan, pur partecipando, sia pure in maniera fugace, a vari talk-show e celebrazioni dedicate alla stessa serie.

Secondo alcune voci, il suo rifiuto fu dovuto ai rapporti non idilliaci con la star della serie Bob Denver, ma lei scrisse una commovente lettera di addio che venne pubblicata su Entertainment Weekly in occasione della morte dell'attore.

L'attrice risiede attualmente nella sua città natale, New York, dove, oltre ad essere ancora membro dell'Actors Studio, sostiene come insegnante volontaria Leaming Leaders, un'organizzazione no-profit che aiuta i giovani studenti della città.

Nel 2005 ha pubblicato un libro di memorie e, successivamente, due libri dedicati all'infanzia.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatrici italianeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN63574202 · ISNI (EN0000 0001 2136 2383 · LCCN (ENno92010111 · GND (DE1013721039 · BNF (FRcb14200587b (data) · WorldCat Identities (ENno92-010111