Angiolina Quinterno

attrice e doppiatrice italiana

Angiolina Quinterno (Torino, 19 settembre 1932Roma, 3 febbraio 2006) è stata un'attrice e doppiatrice italiana.

Angiolina Quinterno nel 1959

BiografiaModifica

Nata a Torino, Angiolina Quinterno cominciò la sua carriera in radio, ancora bambina, proprio nel capoluogo piemontese; successivamente si trasferì a Roma e si dedicò alla recitazione iniziando col teatro. Lavorò con nomi del calibro di Paolo Poli (Carolina Invernizio e L'uomo nero), Alberto Lionello (Monsieur Ornifle), Lina Wertmüller (Amore e magia nella cucina di mamma) e Valeria Valeri (Madame Lupin). Partecipò negli anni sessanta e settanta anche a diversi sceneggiati ed originali televisivi della Rai (tra cui Il conte di Montecristo) ed apparve anche in molte trasmissioni televisive, mentre fu molto limitata la sua attività come attrice cinematografica (prese parte infatti solamente a due pellicole: La padrona è servita di Mario Lanfranchi del 1976 ed il celebre La terrazza di Ettore Scola del 1980). La Quinterno però dedicò soprattutto tempo e passione alla radio ed al doppiaggio.

Proprio per il doppiaggio oggi è particolarmente conosciuta e ricordata; prestò infatti la sua voce duttile e briosa a numerose celebri attrici, sia straniere che italiane, lavorando inizialmente alla C.I.D. ed in seguito come socia esclusiva alla C.V.D.. Tra i suoi più importanti doppiaggi per il cinema ricordiamo Diane Keaton in Provaci ancora, Sam, Lucia Bosè in L'avaro e Madeline Kahn in Frankenstein Junior ed Il fratello più furbo di Sherlock Holmes, mentre per quanto riguarda il cinema d'animazione, la Quinterno ha doppiato Miss Guendalina Bla Bla ne Gli Aristogatti (1970), la Signora Jenkins in Pocahontas II - Viaggio nel nuovo mondo (1998), la cameriera in Le follie dell'imperatore (2000) e in Le follie di Kronk (2005), Laverne in Il gobbo di Notre Dame II (2001), La Matrigna in Cenerentola II - Quando i sogni diventano realtà (2002), la strega Malefica in Topolino e i Cattivi Disney (2002), la Signora Packard in Atlantis - Il ritorno di Milo (2003) e Pearl Gesner in Mucche alla riscossa (2004).

Anche i suoi doppiaggi per la televisione restano famosi: sua è la voce di Cloris Leachman nella sit-com Mary Tyler Moore Show e nel suo spin-off Phyllis, di Polly Holliday nella serie Alice e nello spin-off Flo, di Carolyn Jones, Marla Adams e Marj Dusay nella soap opera Capitol (in cui le tre attrici hanno interpretato, in diversi periodi, il personaggio di Myrna Clegg), ma soprattutto, dal 1990 fino al 2006, a poche settimane dalla sua scomparsa, è stata la voce di Stephanie Douglas Forrester, il personaggio interpretato da Susan Flannery nella soap opera Beautiful (ruolo in cui è stata sostituita da Vittoria Febbi). Angiolina Quinterno ha doppiato Susan Flannery anche nella soap opera Febbre d'amore (in una breve apparizione del personaggio di Stephanie Forrester nella sister-soap di Beautiful) e nella sitcom Hope e Faith in cui l'attrice statunitense interpretava Laura Levisetti. Ha inoltre doppiato Anne Bancroft nel film TV Haven - Il rifugio e vari personaggi femminili secondari della serie Law & Order - I due volti della giustizia e del suo spin-off Law & Order - Unità vittime speciali.

 
Angiolina Quinterno nel 1990

Nella prosa di Radio Rai furono svariati i lavori con la Compagnia di prosa di Radio Torino; inoltre negli anni sessanta fece coppia con Silvio Noto in varie trasmissioni radiofoniche di posta degli ascoltatori con le richieste di canzoni.

Nel 1985 la Quinterno recitò nella sit-com Orazio, interpretata assieme a Maurizio Costanzo, Simona Izzo (poi sostituita da Emanuela Giordano) ed Alessia Fabiani, allora bambina, tale sit-com era trasmessa la domenica su Canale 5 all'interno del contenitore Buona domenica; nel 1989 fu la volta di Ovidio, altra sitcom anch'essa con Costanzo protagonista, sempre trasmessa alla domenica pomeriggio su Canale 5. Nel 1990 Angiolina Quinterno recitò nella miniserie di Raidue La storia spezzata con protagonista Barbara De Rossi, che riscosse molto successo ed ebbe anche un seguito nel 1995 intitolato Storia di Chiara. Anche negli anni successivi la Quinterno ha continuato a partecipare a varie serie televisive di successo, trasmesse sia dalla Rai che da Mediaset, come Non lasciamoci più, Una donna per amico, L'avvocato delle donne, Il bello delle donne, Don Matteo, Orgoglio, Incantesimo, Un medico in famiglia e Ricomincio da me.

Una delle sue ultime interpretazioni teatrali è datata 2001: ha interpretato il ruolo della madre di Henry Higgins nel musical My Fair Lady, messo in scena dalla compagnia del Teatro della Munizione.

L'attrice è morta a Roma, a causa di una leucemia mieloide, il 3 febbraio del 2006 all'età di 73 anni.

DoppiaggiModifica

CinemaModifica

Cinema d'animazioneModifica

Soap opera e telenovelasModifica

Cartoni animatiModifica

RadioModifica

  • Tu, regia di Claudio Fino, trasmessa il 17 giugno 1950.
  • Pensaci Giacomino, regia di Eugenio Salussolia, trasmessa il 20 ottobre 1951.
  • Mi sono sposato, regia di Eugenio Salussolia, trasmessa il 6 ottobre 1955.
  • L'orologio, di Tito Guerrini e Luciano Malaspina, regia di Giacomo Colli, 13 maggio 1959.
  • Una voce nella vita, di Ermanno Carsana, regia di Eugenio Salussolia, 8 aprile 1961.
  • Mata Hari, regia di Arturo Villone, 15 settembre 2003 su Radio 2.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN232990212 · SBN IT\ICCU\SCMV\038240 · WorldCat Identities (ENviaf-232990212