Apri il menu principale

Urraca di Castiglia

regina di Castiglia
(Reindirizzamento da Urraca I di Leon)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Urraca di Castiglia (disambigua).
Urraca di León
Urraca I de León (Ayuntamiento de León).jpg
La regina Urraca sul trono
Regina di Castiglia e León
Stemma
In carica 1109 - 1126
Predecessore Alfonso VI
Successore Alfonso VII
Regina consorte d'Aragona e di Pamplona
In carica 1109 - 1114
Predecessore Agnese di Aquitania
Successore Agnese di Poitiers
Nome completo Urraca Alfonso
Altri titoli Regina di Galizia (1107-1112)
Nascita Burgos, 1080 circa
Morte Saldaña, 1126
Sepoltura Real Basílica di Sant'Isidoro a León
Casa reale Dinastia Jiménez di Navarra
Padre Alfonso VI
Madre Costanza di Borgogna
Consorte Raimondo di Borgogna
Alfonso I il Battagliero
Figli Sancha Raimundez
Alfonso Raimundez
Religione Cristianesimo
Firma Urracasign.jpg

Urraca di Castiglia (Urraca anche in spagnolo, in asturiano, in aragonese, in portoghese, in gallego e in catalano e Urraka in basco. Urraca in latino; Burgos, 1080 circa – Saldaña, 8 marzo 1126) fu regina di Galizia, inclusa la contea del Portogallo, dal 1107 al 1112, regina di Castiglia e León dal 1109 al 1126, regina consorte d'Aragona e di Pamplona, come moglie di Alfonso I dal 1109 al 1114. Fu la prima sovrana europea regnante per proprio diritto[1].

Indice

BiografiaModifica

Urraca era la primogenita e unica figlia superstite di Alfonso VI il Valoroso, e della sua terza moglie, Costanza di Borgogna, figlia del duca di Borgogna, Roberto I e di Hélie de Samur[2][3][4]. Per questo, fu erede presunta dei Regni di Castiglia e León fino al 1107, quando suo padre riconobbe il suo figlio illegittimo, Sancho, come suo erede.

 
Statua della regina Urraca nel Parco del Retiro[5] di Madrid.

MatrimoniModifica

Primo MatrimonioModifica

Il posto di Urraca nella linea di successione la fece diventare il centro della politica dinastica, e divenne una sposa bambina all'età di otto anni, nel 1087, ad un nobile francese, Raimondo di Borgogna, che era giunto nella penisola iberica, al seguito dei cugini, Oddone futuro duca di Borgogna ed Enrico di Borgogna, che avevano accolto l'invito dell'abate di Cluny[6] che invitava alla guerra santa contro i Mori, dopo che l'emiro degli Almoravidi, Yūsuf ibn Tāshfīn aveva sconfitto suo padre, il re di León e Castiglia, Alfonso VI, nella Battaglia di al-Zallaqa del 1086.

Il matrimonio di Urraca con Raimondo faceva parte della strategia diplomatica di Alfonso VI per attirare alleanze tra i Pirenei.

Tra il 1 maggio 1092 ed il gennaio 1093, Raimondo sposò Urraca, divenendo così genero del re e nello stesso 1093[6], Alfonso VI concesse il governo del regno di Galizia al genero Raimondo concedendo, in sottordine a Raimondo, la contea di Portogallo ad Enrico[7] che, sempre, nel 1092, aveva sposato Teresa, figlia naturale di Alfonso VI. In seguito Raimondo fu nominato governatore della città di Toledo. Nel 1098, Alfonso VI lo fece conte di Grajal[6].

Raimondo e Urraca, in quello stesso 1092, si ritirarono a vivere nel castello di Grajal[6]. Da questa unione nacquero tre figli[8][9]:

Siccome, essendo Urraca l'erede al trono, Raimondo pensava di succedere ad Alfonso sul trono di León e Castiglia e, tra il 1094 e il 1095, aveva convenuto con Enrico che al momento della successione gli avrebbe lasciato il regno di Galizia[12]. Ma le cose poi andarono diversamente, in quanto Alfonso, nel 1100 circa, legittimò Sancho, il suo unico figlio maschio, che divenne così l'erede al trono, e poi Raimondo, nel 1107, premorì ad Alfonso.

Secondo MatrimonioModifica

Nel 1108, con la morte di Sancho, a Uclés, dove le truppe castigliano-leonesi, comandate da Álvar Fáñez, furono sconfitte, Urraca divenne nuovamente l'erede al trono. Alfonso VI riunì i nobili del Regno a Toledo e annunciò che la figlia era la prescelta per succedergli[2]. I nobili erano d'accordo con la designazione reale ma richiesero che Urraca si sposasse di nuovo. Parecchi candidati per la sua mano apparvero immediatamente, compresi i conti Gómez González e Pedro González de Lara. Alfonso VI temeva che le rivalità tra nobili castigliani e leonesi sarebbero aumentate se avesse sposato qualcuno di questi pretendenti e decise che sua figlia avrebbe sposato Alfonso I d'Aragona, aprendo l'opportunità di unire Castiglia-León con l'Aragona.

Regno di León
León

Garcia I
Ordoño II
Fruela II
Figli
Alfonso IV
Figli
Ramiro II
Ordoño III
Figli
Sancho I
Figli
Ordoño IV
Ramiro III
Figli
  • Ordono
Bermudo II
Figli
Alfonso V
Figli
Bermudo III
Sancha I con Ferdinando I
Alfonso VI (deposto, nel 1072, per pochi mesi, da Sancho II)
Figli
Urraca I
Figli
Alfonso VII
Ferdinando II
Figli
Alfonso IX
Figli
Sancha II e Dolce I
Modifica

RegnoModifica

I negoziati per il matrimonio erano ancora in corso quando Alfonso VI morì nel 1109 e Urraca divenne regina, deludendo Enrico che si aspettava il regno di Galizia. Molti dei consiglieri di Alfonso VI e dei principali magnati del regno formarono una "opposizione silenziosa" al matrimonio della regina con il re di Aragona. Secondo Bernard F. Reilly, questi magnati temevano l'influenza che il re di Aragona avrebbe potuto esercitare su Urraca e sulla politica del regno. Urraca protestò contro il matrimonio ma onorò i suoi desideri del defunto padre (e del Consiglio Reale) e continuò con le trattative matrimoniali, sebbene lei e i consiglieri più vicini a suo padre si stessero stancando delle richieste di Alfonso I. Il matrimonio ebbe luogo all'inizio di ottobre del 1109 nel Castello di Monzón de Campos. Il matrimonio di Urraca e di Alfonso I provocò quasi subito ribellioni in Galizia e gli intrighi della sua illegittima sorellastra Teresa e del cognato Enrico.

 
La penisola iberica, all'inizio del XII secolo. La contea del Portogallo è ancora parte del regno di Galizia.

Uno dei primi atti dei nuovi sposi fu quello di firmare un patto in base al quale i monarchi si concedevano l'un l'altro soberana potestas sul regno dell'altro, dichiarando l'erede di entrambi i loro futuri figli, e nel caso in cui l'unione fosse senza figli, la moglie superstite succedette l'altro sul trono. Fin dall'inizio, la fazione galiziana era divisa in due tendenze: una diretta da Diego Gelmírez, arcivescovo di Santiago de Compostela (che difese la posizione di Alfonso Raimúndez, figlio di Teresa ed Enrico, come successore di Urraca) e un altro guidato dal conte Pedro Fróilaz de Traba, precettore del giovane principe (che era incline alla completa indipendenza della Galizia sotto il governo di Alfonso). Un terzo gruppo di opposizione al matrimonio reale si trovava a corte ed era diretto dal conte Gómez González, la cui motivazione era quella di perdere il potere, una sensazione presto confermata quando Alfonso I nominò nobili aragonesi e navarrini per importanti incarichi pubblici e amministratori delle fortezze.

Dalla Galizia, il conte di Traba iniziò la prima ribellione contro i monarchi che reclamavano i diritti ereditari di Alfonso Raimúndez. In risposta alla ribellione galiziana, Alfonso I d'Aragona marciò con il suo esercito in Galizia e nel 1110, ristabilì l'ordine dopo aver sconfitto le truppe locali nel castello di Monterroso.

La ribellione galiziana contro il potere reale fu solo l'inizio di una serie di conflitti politici e militari che, con le personalità opposte di Urraca e Alfonso I e la loro avversione reciproca, diedero vita a una continua guerra civile nei regni ispanici sui seguenti anni.

Mentre la loro relazione si inaspriva, Urraca accusò Alfonso di abusi fisici e nel maggio del 1110 si separò da Alfonso. In aggiunta alle sue obiezioni al modo in cui Alfonso gestiva i ribelli, la coppia ebbe un crollo per la sua esecuzione di uno dei ribelli che si era arreso alla regina, a cui la regina era incline a essere misericordiosa. Inoltre, poiché Urraca era sposata con qualcuno che nel regno non era molto amato, il figlio ed erede della regina divenne un punto di riferimento per gli oppositori al matrimonio.

Il cognato, Enrico di Borgogna, nel 1110, arruolato un esercito in Francia, stipulò un accordo con Alfonso I per deporre la regina e dividersi il regno. Però una temporanea riconciliazione tra i coniugi fece fallire l'accordo. E, nel 1111, furono proclamati entrambi sovrani di Castiglia e di León mentre il giovane erede Alfonso Raimundez veniva incoronato re di Galizia.

Nel 1111, fu rinnovata la lega tra Enrico ed Alfonso I che sconfissero la regina Urraca a Candespina. Le cronache ci raccontano di una infinita serie di conflitti tra marito e moglie e menzionano le infedeltà della regina come motivo, o pretesto, per il quale il re la rinchiuse in un castello nei pressi di Zamora.

 
La regina Urraca

I nobili castigliani però, che non sopportavano più Alfonso I, convinsero Urraca ad impegnarsi a consegnare una parte del regno ad Enrico ed alla sorellastra Teresa, per cui le alleanze furono ribaltate e, nel 1112, unendo le loro forze, Enrico ed Urraca costrinsero Alfonso I a Peñafiel, dove lo assediarono. A questo punto a Peñafiel, giunse la moglie di Enrico, Teresa, per sollecitare la sorellastra Urraca a mantenere la promessa fatta ad Enrico di consegnargli una parte del regno, per l'aiuto che gli dava nella guerra contro il marito.
La regina accondiscese alla divisione del suo regno; vedendo, però, che i soldati portoghesi trattavano Teresa come una regina, Urraca, indispettita, decise di fare la pace col marito annullando il patto con Enrico e Teresa. Il 22 maggio dello stesso anno, però Enrico, combattendo ancora per Urraca, morì nell'assedio della città di Astorga[12], mentre i coniugi Urraca ed Alfonso, stavano ormai rappacificandosi.

Teresa, definita dai cronisti bella ed astuta, si precipitò a corte per reclamare i diritti che spettavano a lei ed all'unico figlio maschio sopravvissuto al padre, Alfonso Henriquez, il futuro Conquistatore. Non ottenendo soddisfazione, accusò la sorellastra di voler avvelenare il marito; l'accusa probabilmente non era del tutto infondata perché Alfonso si stava separando dalla moglie, la regina Urraca, senza perderne i possedimenti. Ma i nobili ed i cittadini leonesi e castigliani si schierarono con la regina e Alfonso fu costretto a rientrare in Aragona. Nel 1114, fu sancita la separazione tra Urraca e il secondo marito, Alfonso, mentre l'anno dopo il matrimonio fu annullato per consanguineità[2]. Comunque già prima della separazione Urraca aveva un altro amante, il conte Pedro Gonzales di Lara[2], con cui forse, qualche anno dopo celebrò delle nozze segrete e che aveva avuto due figli[13]:

  • Elvira Pérez di Lara (1117-1174), sposò, in prime nozze, Garcia Perez di Trava, e in seconde nozze il conte Beltran di Risenoral;
  • Fernando Perez di Lara, detto Furtado (1120-1156).
 
Pantheon dei Re, nella Real Basílica di Sant'Isidoro a León, dove fu sepolta la regina Urraca

Lo scioglimento del matrimonio fu concesso dal Papa Pasquale II che inoltre lasciò a Urraca il regno di León e Castiglia. La separazione, avvenuta nel 1114 diede inizio a un periodo di profonda instabilità nel regno, in una situazione di confusa guerra civile tra i sostenitori della regina, di Alfonso I, di Alfonso di Galizia (appoggiato dal potente vescovo di Compostela Diego Gelmirez) e la contessa del Portogallo Teresa, con continui cambi di alleanza tra le varie fazioni e il succedersi di ribellioni che si accesero nelle città del regno, le più importanti delle quali a Sahagún (1115) (dopo aver firmato il patto di Sahagún, si dice che la regina fosse stata umiliata e addirittura percossa dalla popolazione) e a Santiago di Compostela (1116-1117).

Nel 1121, Diego Gelmirez, promosso arcivescovo di Santiago di Compostela, da papa Callisto II, organizzò un complotto con la complicità di Fernando Peres conte di Trava, cui partecipò anche Teresa (che in un secondo tempo divenne l'amante del conte), per portare il nipote del papa, il re di Galizia, Alfonso Raimundez sul trono al posto della madre, che immediatamente attaccò la sorellastra occupando la contea del Portogallo sino al fiume Duero. Teresa ed il conte di Trava si rifugiarono nel castello di Lanhoso, dove furono assediati. Non si sa come ma Teresa riuscì a cavarsela e riconoscendosi vassalla di Urraca, venne confermata contessa di Portogallo e ricevette il dominio sui distretti di Zamora, Toro, Salamanca ed Avila.

La fase di instabilità perdurò fino alla morte della regina avvenuta nel 1126 in un castello della località di Saldaña (Palencia). Secondo la Cronaca Burgense[14] Urraca morì durante il parto di un figlio illegittimo (" in partu adulterini filii ")[2].
Secondo gli Annales Complutenses[15]

MorteModifica

Urraca morì l'8 marzo 1126, e fu tumulata a León[2], nel Pantheon dei Re (mausoleo) della Real Basílica di Sant'Isidoro. Le succedette il figlio Alfonso con il nome di Alfonso VII di Castiglia.

NoteModifica

  1. ^ Del Carmen, p. 15.
  2. ^ a b c d e f (EN) Dinastie reali di Castiglia
  3. ^ (EN) Dinastie reali di Navarra-genealogy
  4. ^ (DE) Alfonso VI genealogie mittelalter Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive.
  5. ^ La statua della regina Urraca si trova nel viale dell'Argentina, conosciuto popolarmente come il passeggio delle statue e fa parte di una serie di statue dedicate a tutti i monarchi spagnoli, eseguite per la decorazione del Palazzo reale di Madrid durante il regno di Ferdinando VI. L'idea era quella di adornare la cornice del palazzo. Gli autori sono Olivieri y Felipe de Castro. Non furono mai poste nel luogo loro destinato ma furono collocate in diversi luoghi della città (la piazza d'Oriente, il parco del Retiro e la porta de Toledo) ed alcune furono inviate anche in altre province.
  6. ^ a b c d (EN) Nobiltà del regno di Borgogna
  7. ^ Enrico di Borgogna governò la contea del Portogallo (a sud del fiume Minho), praticamente in autonomia dalla Galizia, difendendola dagli attacchi dei Mori.
  8. ^ (EN) Dinastie reali di Castiglia
  9. ^ (EN) Casa d'Ivrea
  10. ^ Secondo gli Annali toledani, Sancha nacque prima del 1095, ma si suppone che tale date sia sbagliata.
  11. ^ Gli Annali toledani sono una serie di annali, raccolti in tre parti riguardanti il regno di Toledo: il primo narra il periodo che inizia con la creazione della Contea di Castiglia sino al 1219, il secondo termina col 1250 ed il terzo arriva sino al XIV secolo.
  12. ^ a b (EN) Portogallo
  13. ^ (EN) Nobili di Castiglia
  14. ^ La Cronaca Burgense è composta da annali scritti, in latino, nel corso del XIII secolo e ritrovati, dopo secoli, nella cattedrale di Burgos (da cui il nome); furono compilati nella regione della Rioja e sono inerenti alla storia della Castiglia e della Navarra, dalla nascita di Gesù Cristo alla Battaglia di Las Navas de Tolosa, del 1212.
  15. ^ Gli Annales Complutenses furono compilati in Castiglia a metà del XII secolo, e coprono un periodo che va dalla nascita di Gesù Cristo sino alla morte della regina, Urraca di León e Castiglia

BibliografiaModifica

  • Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in "Storia del mondo medievale", vol. V, 1999, pp. 865–896.
  • Ermelindo Portela Del Carmen Pallares, La reina Urraca, Donostia-San Sebastian 2006.
  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel medioevo, in «Storia del mondo medievale», vol. VII, 1999, pp. 576–610.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN43170618 · ISNI (EN0000 0001 1568 3594 · LCCN (ENn81138775 · GND (DE118803565 · BNF (FRcb14606439b (data) · BAV ADV12074950 · CERL cnp01229314