Adriana Berselli

costumista italiana

Adriana Berselli (Ferrara, 13 agosto 1928Roma, 23 dicembre 2018) è stata una costumista italiana che ha lavorato nel cinema, nel teatro, nella moda, nella pubblicità e nella televisione.

Biografia modifica

Nata a Ferrara da Roberto, impiegato, e da Egle Chiarabelli, pianista e insegnante di musica, si trasferisce a Roma da piccola per il lavoro del padre.[1] Si diploma alle scuole magistrali e si iscrive al Corso di Scenografia dell'Accademia di Belle Arti e in seguito al primo Corso di Costume del Centro Sperimentale di Cinematografia. Qui stabilisce legami di amicizia duraturi con Piero Poletto, Beni Montresor e Pasquale Romano. Sotto la docenza di Alessandro Manetti e Veniero Colasanti, si diploma nel 1951.

Uscita dal Centro Sperimentale di Cinematografia, inizia a disegnare i costumi per i film nel 1953 per La voce del silenzio di Georg Wilhelm Pabst per poi collaborare nei decenni successivi con importanti registi italiani e stranieri come Yves Allegret, Michelangelo Antonioni, Alessandro Blasetti, Luigi Comencini, Marino Girolami, Carlo Di Palma, Marcello Fondato, Riccardo Freda, Sergio Grieco, Carlo Lizzani, Antonio Margheriti, Roman Polanski, Dino Risi, Steno, Duccio Tessari, Orson Welles.

Ha vestito divi di fama mondiale come Claudia Cardinale, Sergio Citti, Valentina Cortese, Ninetto Davoli, Eduardo De Filippo, Vittorio De Sica, Gabriele Ferzetti, Ava Gardner, Burt Lancaster, Abbe Lane, Virna Lisi, Sophia Loren, Harvey Keitel, Sylva Koscina, Nino Manfredi, Marcello Mastroianni, Giovanna Ralli, Peter Sellers, Michel Simon, Alberto Sordi, Lee Strasberg, Romolo Valli, Lee Van Cleef, Monica Vitti, Totò.

Sposata con Mario Sertoli dal 1962, alla fine degli anni Settanta interrompe per circa un decennio il suo lavoro nel cinema per seguire suo marito in Venezuela, dove tiene seminari e conferenze in accademie, circoli culturali e università. Diventa autrice televisiva, organizza sfilate, tiene rubriche di costume su importanti riviste e lavora nel teatro ottenendo premi e riconoscimenti significativi.

Tornata in Italia agli inizi degli anni '90, lavora in particolare nell'ambito televisivo collaborando in diverse miniserie e talk show.

Muore a Roma all'età di 90 anni.[2]

Biblioteca personale e archivio modifica

Il complesso librario e documentario raccolto da Adriana Berselli nel corso della sua lunga carriera è stato donato nel 2004 dalla stessa costumista alla Biblioteca "Luigi Chiarini" del Centro Sperimentale di Cinematografia.

Il fondo è costituito dalla documentazione prodotta dal 1949 al 2002 nel corso della sua attività professionale per il cinema, il teatro, la pubblicità, la moda e la televisione e da una corposa parte della sua biblioteca personale. La costumista, archiviando tali materiali, aveva un duplice scopo: conservare il ricordo del lavoro finito, ma anche poter contare su un repertorio di immagini e modelli di abbigliamento, accessori, trucco, acconciature di ogni epoca da cui attingere per le successive creazioni.

La parte documentaria si compone di: appunti manoscritti, ritagli stampa tratti da riviste italiane e straniere illustrate, riproduzioni fotostatiche e fotografiche di carattere storico, artistico, archeologico e antropologico e di circa 1500 bozzetti originali che documentano le varie fasi del processo creativo del lavoro della costumista fino alle scelte sartoriali definitive. In alcuni casi i disegni sono corredati dalle foto della prova costume degli attori, dalle foto di scena e dalla documentazione testuale e iconografica utilizzata per la preparazione degli abiti. Di rilievo è l'ispirazione che la costumista traeva dall'osservazione dei "personaggi di strada". La schedatura della documentazione ha dato vita alle serie Formazione presso il Centro Sperimentale di Cinematografia; Cinema; Televisione; Teatro; Pubblicità; Studi dal vero, Moda; Documentazione iconografica, ordinate cronologicamente, che restituiscono la complessità ed eterogeneità dell'archivio della Berselli.

La biblioteca personale raccoglie diverse edizioni di pregio di storia del costume e della moda, arte, arredamento, cinema, teatro e volumi rari di riviste, tutti materiali utilizzati come fonti storiche per i suoi disegni.

Il Fondo ha ottenuto dalla Soprintendenza Archivistica per il Lazio la Dichiarazione di Interesse Storico.[3]

Filmografia modifica

Note modifica

  1. ^ Lucio Scardino, Cinema Pittura Ferrara, La Carmelina, Ferrara, 2022, ISBN 9791280645227
  2. ^ È morta la costumista Adriana Berselli, suoi gli abiti di 'L'avventura' di Antonioni, su la Repubblica, 27 dicembre 2018. URL consultato il 17 ottobre 2022.
  3. ^ SIUSA - Berselli Adriana, costumista, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 17 ottobre 2022.
  4. ^ costumi accreditati allo stesso Orson Welles nei titoli

Bibliografia modifica

  • Teresa Biondi, Segni di moda nell'immagine filmica: la cultura della moda nell'arte del costumista, Roma, Meti, 2012, ISBN 978-88-6484-006-2.
  • Teresa Biondi, La fabbrica delle immagini: cultura e psicologia nell’arte filmica, Roma, Edizioni Scientifiche Ma.Gi., 2007, ISBN 978-88-7487-188-9.
  • Vittoria Caterina Caratozzolo e Silvia Tarquini (a cura di), Adriana Berselli: l'avventura del costume: cinema, teatro, televisione, moda, design, Dublin, Artdigiland, 2016, ISBN 978-1-909088-13-9.
  • Laura Ceccarelli e Marina Cipriani (a cura di), Carte, colori e tessuti: ritratto di una costumista: Adriana Berselli: un fondo della Biblioteca "Luigi Chiarini", Roma, Centro Sperimentale di Cinematografia, 2005.
  • Laura Ceccarelli e Marina Cipriani, Carte, colori e tessuti: ritratto di una costumista: Adriana Berselli, in Bianco e nero: quaderni mensili del Centro sperimentale di cinematografia, n.553/3 (set.-dic. 2005), pp. 179-182.
  • Fabio Fasolo, Si gira il film "Roulotte e roulette", incontro con un’eminenza grigia… la costumista Adriana Berselli, in La Stampa Sera, 15 luglio 1959.
  • Eugenia Paulicelli, Italian style: fashion & film from early cinema to the digital age, New York, Bloomsbury Academic, 2016, ISBN 978-1-4411-8915-8.
  • Eugenia Paulicelli, Drake Stutesman, and Louise Wallenberg (edited by), Film, fashion, and the 1960s, Bloomington, Indiana University Press, 2017, ISBN 978-0-253-02610-1.

Voci correlate modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN307333262 · ISNI (EN0000 0004 2944 1889 · SBN CFIV236571 · LCCN (ENno2010069691 · BNF (FRcb17082815h (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2010069691