Busby Berkeley

regista e coreografo statunitense

Busby Berkeley, all'anagrafe William Barkeley Enos (Los Angeles, 29 novembre 1895Palm Springs, 14 marzo 1976), è stato un regista, coreografo e attore statunitense.

BiografiaModifica

Inizia a lavorare come coreografo per il teatro ma il suo nome è legato alla stagione dei musical americani degli anni 30 e anni 40. Il suo lavoro è stato influenzato dai temi della grande depressione, del riscatto del personaggio, metafora del risollevamento economico. Nei suoi film sono presenti spesso riferimenti al New Deal e al presidente Roosevelt di cui viene sostenuta la causa. La fama gli è dovuta però per l'audacia delle sue coreografie grandiose spesso accusate di essere kitsch per i carattere e la ridondanza degli elementi scenici. Va però notata la maestria con cui Berkeley ha unito questo stile con un utilizzo impeccabile della macchina da presa, della sua mobilità e versatilità, che dona alle coreografie una libertà di movimento impensabile per il teatro.

Galleria d'immaginiModifica

FilmografiaModifica

RegistaModifica

CoreografoModifica

AttoreModifica

RiconoscimentiModifica

1936 - Candidatura per la migliore coreografia per Lullaby of Broadway e The Words Are in My Heart, da Donne di lusso
1937 - Candidatura per la migliore coreografia per Love and War, da Amore in otto lezioni
1938 - Candidatura per la migliore coreografia per The Finale, da Invito alla danza
1944 - Candidatura per la miglior rappresentazione drammatica, forma lunga per Due cuori in cielo (condivisa con il regista Vincente Minnelli e lo sceneggiatore Joseph Schrank)
1971 - Premio speciale UNICRIT

NoteModifica

  1. ^ a b c d Busby Berkeley diresse i numeri musicali.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Non accreditato
  3. ^ Busby Berkeley diresse il numero musicale Shine.
  4. ^ Busby Berkeley diresse il numero musicale I Got Rhythm.

BibliografiaModifica

  • Colin Larkin (a cura di), 5th Concise Edition. The Encyclopedia of Popular Music, Omnibus Press, 2007, ISBN 978-0-85712-595-8.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN117271308 · ISNI (EN0000 0000 8413 9528 · LCCN (ENn50008056 · GND (DE119152061 · BNF (FRcb125240898 (data) · BNE (ESXX1363874 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n50008056