Carlo Emanuele IV di Savoia

sovrano
Carlo Emanuele IV
Attributed to Panealbo - Charles Emmanuel IV - Venaria Reale.png
Giovanni Panealbo (attribuito), Ritratto di S.M. Re Carlo Emanuele IV di Savoia, olio su tela, 1796~1799, Reggia di Venaria Reale
Re di Sardegna
Stemma
In carica 1796-1802
Predecessore Vittorio Amedeo III
Successore Vittorio Emanuele I
Duca di Savoia
In carica 1796-1802
Predecessore Vittorio Amedeo III
Successore Vittorio Emanuele I
Altri titoli Principe di Piemonte
Custode della Sacra Sindone
Nascita Torino, 24 maggio 1751
Morte Roma, 6 ottobre 1819
Luogo di sepoltura Chiesa di Sant'Andrea al Quirinale, Roma
Casa reale Casa Savoia
Padre Vittorio Amedeo III
Madre Maria Antonietta di Spagna
Consorte Maria Clotilde di Francia
Religione cattolica
Motto FERT

Carlo Emanuele IV di Savoia, detto l'Esiliato (Torino, 24 maggio 1751Roma, 6 ottobre 1819), fu re di Sardegna e duca di Savoia dal 1796 al 1802.

BiografiaModifica

 
Monogramma reale di Carlo Emanuele.

InfanziaModifica

 
Carlo Emanuele, da bambino, con la madre Maria Antonietta di Spagna, regina di Sardegna

Nacque a Torino il 24 maggio 1751. Era il figlio maggiore del Re di Sardegna Vittorio Amedeo III e dell'infanta di Spagna Maria Antonietta, figlia di Filippo V di Spagna.

MatrimonioModifica

 
Maria Clotilde di Francia, come principessa di Piemonte, subito dopo il suo matrimonio con Carlo Emanuele

Nel 1773 il padre salì al trono di Sardegna, e da quel momento iniziò a organizzare il matrimonio di Carlo Emanuele su basi politiche. Due delle sue sorelle erano sposate ai fratelli più giovani del re di Francia Luigi XVI: Maria Giuseppina al conte di Provenza, più tardi re Luigi XVIII, e Maria Teresa al conte d'Artois, più tardi re Carlo X. Dopo due anni di negoziati, il 21 agosto 1775, Carlo Emanuele fu sposato per procura con la sorella di Luigi XVI, Maria Clotilde. Il matrimonio vero e proprio fu celebrato il 6 settembre 1775 a Chambéry. Nonostante il matrimonio fosse di interesse, la coppia era molto ben affiatata: condividevano entrambi infatti una fede cattolica molto rigorosa e morigerata.

Effetti della Rivoluzione franceseModifica

Malaticcio, epilettico, psicologicamente fragile, Carlo Emanuele fu profondamente provato dagli effetti della rivoluzione francese: nel 1793 fu condannato a morte il cognato Luigi XVI, nel 1793 subì la stessa sorte la cognata Maria Antonietta e le truppe della repubblica francese fecero irruzione nei domini del padre.

Devotissimo, come Amedeo IX, Carlo Emanuele trovò sollievo nella sua fede: nel 1794 divenne membro del terz'ordine di San Domenico, prendendo il nome di Carlo Emanuele di San Giacinto.

Re di SardegnaModifica

Alla morte del padre Vittorio Amedeo III, il 16 ottobre 1796, Carlo Emanuele gli succedette al trono come re Carlo Emanuele IV di Sardegna. Era un momento estremamente difficile: Carlo Emanuele si riferiva al suo trono come ad una "corona di spine", tanto da firmare un accordo con la Francia con cui era pronto a rinunciare alla Sardegna per ottenere un compenso equivalente in Italia[senza fonte].[1] Suo padre aveva dovuto cedere alla repubblica francese, con l'armistizio di Cherasco, parte del Piemonte meridionale. Le casse dello stato erano vuote, l'esercito era indebolito e disorganizzato e tra le persone comuni covava la rivoluzione: tra il 1796 e il 1798 due congiure contro di lui furono sventate e i responsabili furono condannati a morte. Carlo Emanuele subì una serie di umiliazioni dalla Francia napoleonica, finché il 6 dicembre 1798 fu costretto a cedere i territori rimanenti della penisola italiana e mantenne la sovranità unicamente sulla Sardegna.

Dopo la perdita del Piemonte, divenuto regione militare francese, Carlo Emanuele e la moglie lasciarono Torino per Parma e successivamente Firenze. Nel febbraio del 1799 ragioni di sicurezza imposero a Carlo Emanuele di ritirarsi in Sardegna. Il mese successivo i francesi occuparono Firenze e cacciarono il granduca di Toscana dai suoi domini.

In Sardegna Carlo Emanuele avanzò una protesta formale contro la privazione dei suoi Stati di terraferma, annunciò numerose riforme per l'isola ed aprì i suoi porti alla flotta inglese. Nel frattempo l'esercito russo liberò Torino dai francesi. All'invito dello zar Paolo I, che tramite il generale Aleksandr Vasil'evič Suvorov aveva inviato in Sardegna il conte Alessandro de Rege di Gifflenga per ridonare la corona al re esule, Carlo Emanuele decise di lasciare l'isola, dopo un soggiorno di sei mesi, per tornare in patria. Quando sbarcò a Livorno con la moglie il 22 settembre 1799 scoprì però che i russi avevano lasciato il Piemonte nelle mani degli austriaci, che non erano disposti a sostenere il suo ritorno. Decise quindi di stabilirsi nella Villa di Poggio Imperiale, vicino a Firenze, dove incontrò uno dei suoi sudditi piemontesi, Vittorio Alfieri.

Le prospettive di Carlo Emanuele peggiorarono ancora con l'elevazione di Napoleone alla carica di primo console della repubblica francese. Tra il 1800 e il 1802 Carlo Emanuele e la moglie vissero tra Roma, Frascati, Napoli e Caserta.

Ultimi anni e morteModifica

 
Carlo Emanuele IV di Savoia in abito gesuita (incisione di Nicolas Charles Geoffroy)

Alla fine di febbraio del 1802 Maria Clotilde si ammalò di febbre tifoidea e morì in odore di santità il 7 marzo 1802. Carlo Emanuele era distrutto dal dolore e tornato a Roma, il 4 giugno 1802, a Palazzo Colonna, abdicò a favore di suo fratello Vittorio Emanuele I.

Durante tutta la sua vita Carlo Emanuele si interessò molto alla restaurazione della Compagnia di Gesù, che era stata soppressa nel 1773. Ebbe grandi attenzioni e rapporti con i gesuiti di Sassari, specie con quelli che gestivano il Convitto Canopoleno. Nel 1814 l'ordine fu ripristinato e dopo sei mesi, l'11 febbraio del 1815, all'età di sessantaquattro anni, Carlo Emanuele intraprese il noviziato da gesuita a Roma.

 
La tomba di Re Carlo Emanuele nella chiesa di Sant'Andrea al Quirinale

Visse nel noviziato gesuita a fianco della chiesa di Sant'Andrea al Quirinale, fino alla morte, il 6 ottobre del 1819, pochi mesi dopo la visita del nipote Carlo Alberto di Savoia. Fu sepolto presso l'altare maggiore della chiesa di Sant'Andrea al Quirinale.

Francesco Chiaffredo Marini fu sottosegretario nella Segreteria di Stato per gli Affari Esteri, Segretario Particolare e Segretario Archivista fino al giorno della morte di Carlo Emanuele IV.

Successione giacobitaModifica

Il Re di Sardegna fu indicato dal cardinale Enrico Benedetto Stuart quale suo successore, in quanto parente più prossimo, nei diritti sui troni d'Inghilterra e Scozia. Carlo Emanuele IV di Sardegna divenne dunque "Carlo IV d'Inghilterra e Scozia" secondo la successione giacobita. Nessuno dei sovrani sabaudi rivendicò mai nei fatti la titolarità dei troni d'oltremanica.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Vittorio Amedeo II Carlo Emanuele II  
 
Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours  
Carlo Emanuele III  
Anna Maria d'Orléans Filippo I di Borbone-Orléans  
 
Enrichetta d'Inghilterra  
Vittorio Amedeo III  
Ernesto Leopoldo d'Assia-Rheinfels-Rotenburg Guglielmo d'Assia-Rotenburg  
 
Eleonora Maria di Löwenstein-Wertheim-Rochefort  
Polissena d'Assia-Rheinfels-Rotenburg  
Eleonora di Löwenstein-Wertheim-Rochefort Massimiliano Carlo di Löwenstein-Wertheim-Rochefort  
 
Polissena von Lichtenberg und Belasi  
Carlo Emanuele IV  
Luigi, il Gran Delfino Luigi XIV di Francia  
 
Maria Teresa d'Asburgo  
Filippo V di Spagna  
Maria Anna Vittoria di Baviera Ferdinando Maria di Baviera  
 
Enrichetta Adelaide di Savoia  
Maria Antonia di Borbone-Spagna  
Odoardo II Farnese Ranuccio II Farnese  
 
Isabella d'Este  
Elisabetta Farnese  
Dorotea Sofia di Neuburg Filippo Guglielmo del Palatinato  
 
Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt  
 

OnorificenzeModifica

  Gran Maestro dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
  Gran Maestro dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

NoteModifica

  1. ^ Convenzione segreta e preliminare al trattato di alleanza fra la Francia e la Sardegna concluso a Torino il 4 aprile 1797. "Raccolta dei trattati della Francia".[senza fonte]

BibliografiaModifica

  • Teofilo Manzotti, Memorie storiche intorno a Carlo Emanuele IV, re di Sardegna, morto religioso nella Compagnia di Gesù. Roma, Tempesta, 1912.
  • Domenico Perrero, I reali di Savoia nell'esilio (1799-1806): narrazione storica su documenti inediti. Torino, Fratelli Bocca, 1898.
  • Domenico Perrero, Gli ultimi reali di Savoia del ramo primogenito ed il principe Carlo Alberto di Carignano: studio storico su documenti inediti. Torino, Francesco Casanova, 1889.
  • Carlo Emanuele VI, re di Sardegna. Cent'anni dalla sua morte (1819-1919) in «La Civiltà Cattolica», anno 1919, quaderno IV, pp. 398–412.
  • La ven. Maria Clotilde e Carlo Emanuele IV di Savoia. A proposito di una recente pubblicazione in «La Civiltà Cattolica», anno 1936, quaderno IV, pp. 278–88.
  • Enrico Rosa S.J., in I Gesuiti dalle origini ai giorni nostri, Edizioni "La Civiltà Cattolica", 1957, pp. 355–65.
  • G. Locorotondo in Dizionario biografico degli italiani, volume 20 (1977), pp. 357–65.
  • Giacomo Martina S.J., in Storia della Compagnia di Gesù in Italia (1814-1983), Morcelliana, 2003, pp. 24–27 e 162.
  • Rizzi Filippo, Il re gesuita: un Savoia contro l'Unità, in «Avvenire», pagina 28, 6 aprile 2011

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN43015694 · ISNI (EN0000 0000 6687 3374 · Europeana agent/base/224 · LCCN (ENnr97013670 · GND (DE133035689 · BAV (EN495/149378 · CERL cnp01100529 · WorldCat Identities (ENlccn-nr97013670