Cisternino

comune italiano
Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cisternino (disambigua).

Cisternino (Cïsterninë in dialetto apulo-barese, Cisturnium in latino) è un comune italiano di 11 086 abitanti[1] della provincia di Brindisi in Puglia. Fino al 1927 era parte della Terra di Bari.

Cisternino
comune
Cisternino – Stemma
Cisternino – Bandiera
Cisternino – Veduta
Cisternino – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Puglia
Provincia Brindisi
Amministrazione
SindacoPierluigi Loparco (PSI) dal 4-10-2021
Territorio
Coordinate40°45′N 17°25′E / 40.75°N 17.416667°E40.75; 17.416667 (Cisternino)
Altitudine394 m s.l.m.
Superficie54,17 km²
Abitanti11 086[1] (31-10-2023)
Densità204,65 ab./km²
FrazioniCasalini
Comuni confinantiFasano, Locorotondo (BA), Martina Franca (TA), Ostuni
Altre informazioni
Cod. postale72014
Prefisso080
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT074005
Cod. catastaleC741
TargaBR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona D, 1 590 GG[3]
Nome abitanticistranesi
Patronosanti Quirico e Giulitta, san Nicola di Bari (co-patrono)
Giorno festivoprima domenica di agosto, 6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cisternino
Cisternino
Cisternino – Mappa
Cisternino – Mappa
Posizione del comune di Cisternino nella provincia di Brindisi
Sito istituzionale

Si affaccia sulla Valle d'Itria, nella cosiddetta Murgia dei trulli.

Geografia fisica modifica

Situato sull'ultimo lembo della Murgia sud-orientale pugliese (394 m sul livello del mare), si affaccia a sud-ovest sulla valle d'Itria tempestata di trulli.

Confina con la provincia di Taranto e la città metropolitana di Bari.

 
Veduta di Cisternino

Storia modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Puglia.

Il territorio del comune di Cisternino fu abitato, fin dal Paleolitico medio-superiore, da nuclei umani provenienti dal nord della penisola o dall'area siculo-africana e che lasciarono, sulle colline dove fissarono i loro accampamenti stagionali, numerose tracce della loro vita, dedita alla caccia e alla raccolta di frutti spontanei e tuberi. Ancora oggi, nella zona di monte Specchia, sui colli di Restano e sulle incolte balze di Serra Amara, si rinvengono utensili preistorici d'ogni genere: punte di zagaglie, lame, raschiatoi e bulini per incidere ossi. Queste comunità umane andarono sempre più infittendosi, fino a raggiungere un numero considerevole di insediamenti nell'Età del bronzo; decine di stazioni di questa età sono state recentemente localizzate in varie zone del territorio e quelle di Maselli, Ibernia piccola, Carperi, monte d'Alessio, monte le Fergole e Figazzano, hanno un'importanza non indifferente per la comprensione della preistoria brindisina.

Secondo la leggenda, riportata da padre Tommaso Angiulli nella sua Memoria cronologica di Cisternino del 1661, il nome Cisternino deriverebbe dall'eroe eponimo Sturnio, compagno di Diomede, che invece avrebbe fondato Brindisi. Scampato alla Guerra di Troia avrebbe fondato una città chiamata Sturnoi o Sturnino, che sarebbe stata distrutta nel 500 in seguito ad una guerra con Egnazia e poi ricostruita nel 550 come Civitas Sturnina o Cisternino.[4]

L'ipotesi più attendibile è invece quella di Giovanni Colella, che nella sua Toponomastica pugliese afferma la derivazione di Cisternino da Cis-sturnium, cioè "al di là di Sturnium". Sturnium, citata anche da Plinio il Vecchio e da Tolomeo, sarebbe invece con una città sita nei pressi dell'attuale Ostuni, che è effettivamente nelle vicinanze di Cisternino. Cisternino sarebbe dunque nata dall'aggregazione di abitazioni agricole sorte al di là di Sturnium.[4]

Non risultano infatti insediamenti greci nel territorio di Cisternino, che fu invece sicuramente interessato dallo stanziamento di coloni romani a partire dal I secolo a.C., come evidenziano i rinvenimenti tombali, ma anche le monete di età repubblicana e imperiale. Roma aveva infatti vinto le guerre sannitiche e la guerra tarantina, acquisendo già dal 272 a.C. il controllo sul territorio pugliese.[4]

La prima testimonianza sul Casale di Cisternino è data dalla scoperta, al di sotto della chiesa romanica di San Nicola, dei resti di un piccolo tempio cristiano, edificato realisticamente intorno all'anno 1000. Nonostante sia probabile l'esistenza di insediamenti di monaci basiliani, di rito greco, come nel resto della Valle d'Itria, non ci sono testimonianze a riguardo. Infatti, una bolla di papa Alessandro II assegnava nel 1063 i diritti all'Arcivescovado di Trani sulla parrocchia di Cisternino, che quindi doveva far parte della chiesa di Roma. Dopo che nel 1091 papa Urbano II aveva distaccato la diocesi di Monopoli da quella di Brindisi, papa Alessandro III emanò il 26 febbraio 1180 una bolla che costituisce la prima citazione di Cisternino come casale[5], afferente alla chiesa di San Nicola, e l'assegnava alla diocesi di Monopoli, riconfermandone una datata 10 febbraio 1177 e sancendo la soggezione della città al dominio di Monopoli, che sarebbe durato fino al 1806. Non è possibile dunque affermare l'esistenza di Cisternino come casale già intorno al 1000; tuttavia, il toponimo deve necessariamente precorrere la fondazione della chiesa, altrimenti il territorio avrebbe preso il nome della chiesa stessa.[4]

Simboli modifica

Lo stemma è stato riconosciuto con decreto del capo del governo del 2 giugno 1929.[6]

L'origine di questo stemma,in realtà, deriva da un'antica rappresentazione scolpita all'interno della Torre civica e menzionata nel sec XVIII dal Pacichelli nel quale l'emblema veniva raffigurato col simbolo: "...di un Pastorale, che hoggi (1703) dopo varj dominj dimostra frà un Giglio e due Rose".[7] Tale notizia viene confermata anche dal De Vitofranceschi che, nel 1876 riporta nel suo testo che esisteva:"...una lapide conficcata ad un vecchio muro dietro la Torre Grande [contenente] il simbolo di un pastorale posto in mezzo a un giglio e due rose".[8] La presenza del Pastorale si può ampiamente riferire alla giurisdizione che possedevano un tempo i vescovi ed abati rivestiti di diritti temporali, mentre il giglio di Francia si può riferire ad una concessione avvenuta nel tempo angioino come premio per la fedeltà mostrata dalla comunità cisterninese.La presenza delle due rose invece, possiamo collegarla alla sua stretta dipendenza dalla comunità di Monopoli che nel suo stemma riporta tre rose. La modifica dell'originario stemma avvenuto nel periodo fascista inseriva anche il fascio littorio poi rimosso con decreto Luogotenenziale del 26.10.1944. Resta comunque incomprensibile lo spostamento a sinistra del pastorale dall'originale curva a destra.

«Inquartato in croce di S. Andrea di rosso e d'oro, al pastorale d'argento sul tutto, posto in palo ed accostato da due rose di rosso sull'oro. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il gonfalone, concesso con DPR dell'11 giugno 1950, è un drappo di azzurro.[6]

Evoluzione demografica modifica

Abitanti censiti[9]

Monumenti e luoghi d'interesse modifica

 
Cisternino - Monumento ai caduti e Chiesa Madre
 
Centro storico
 
Santuario della Madonna d'Ibernia (Madonna de Bernis)
 
Monumento ai caduti di guerra del Comune di Cisternino
  • Centro storico: esempio di "architettura spontanea" diviso in rioni che in dialetto locale si identificano in Scheledd, U' Pantène,, L'Isùle e Bère Vecchie, e quello più esterno, chiamato “u Bùrie” dove si trovano palazzi storici palazzo del Governatore, palazzo Vescovile, palazzo Amati, palazzo Lagravinese, palazzo Devitofranceschi, torre Capece;[10]
  • Torre di Porta Grande o Normanno-Sveva: di epoca medievale, alta 17 metri, questa torre costituiva l'ingresso principale della città. In alto, sulla sommità, vi è una piccola statua di San Nicola di Bari. È stata sottoposta nei secoli a vari riadattamenti, l'ultimo dei quali nel 1995;

Architetture religiose modifica

Chiesa madre di San Nicola modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Nicola (Cisternino).
  • La Chiesa Madre costruita nel XIV secolo su di un'antica chiesa paleocristiana dei monaci basiliani, presenta al suo interno due opere in pietra viva del XVI secolo, di notevole valore, firmate dallo scultore "Stephanus Abulie Poteniani" (Stefano da Putignano): una Madonna con Bambino, nota come la "Madonna del Cardellino" e un piccolo tabernacolo. All'interno della chiesa è presente un piccolo ma pregevole organo a canne opera del Cav. Pacifico Inzoli di Crema (CR) risalente al 1909. Originariamente collocato su cantoria in controfacciata, fu smontato negli anni 50 del Novecento, in occasione dei lavori di restauro della Chiesa che la riportarono all'originale candore romanico. Fu successivamente riassemblato (seppur profondamente mutato nel prospetto ma non nel sistema fonico-trasmissivo) nel cappellone che si apre bel transetto nella navata destra tra il 1955 e il 1956 dall’organaro Angelo Consoli da Locorotondo. Dopo un silenzio durato oltre 40 anni, l’organo è stato restaurato nel 2017 dall’organaro Giovanni Rega di Bari e inaugurato il 6 dicembre dello stesso anno.[11]

Santuario della Madonna d'Ibernia modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Santuario della Madonna d'Ibernia.
  • Il Santuario della Madonna d'Ibernia o Madonna de Bernis: a 1 km dal centro abitato, questo santuario è legato ad una leggenda; sarebbe stata proprio la Vergine, infatti, con una apparizione, ad indicare il luogo esatto dove sarebbe sorto il santuario a lei dedicato. Il terreno attorno è ricco di ceramiche e reperti risalenti ad epoca romana e medievale. Fu ritrovato anche un capitello bizantino ed alcune tombe e questo fa supporre che il santuario sorga sulle rovine di un centro abitato, ruotante attorno ad una chiesa paleocristiana;

Altre strutture religiose modifica

  • Chiesa di Santa Lucia del XVII secolo, situata poco dopo l'ingresso da Porta Piccola;
  • Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli o Sant'Anna XVIII secolo fuori città in direzione Martina Franca, presso cimitero vecchio;
  • Chiesa di San Cataldo del XVIII secolo, situata in Corso Umberto all'esterno delle mura del centro storico;
  • Chiesa di Cristo, meglio nota come "Chiesa Nuova", in quanto ultima chiesa edificata (XIX secolo);
  • Masserie: nell'agro di Cisternino sono presenti diverse abitazioni rurali che rappresentano la tipica "masseria pugliese da campo", tra le quali Masseria Montereale, Villa Cenci, Masseria Devitofranceschi, Masseria Costa, Masseria Lama Pellegrini, Masseria Montanaro e Masseria Pozio.

Aree naturali modifica

  • Tra i beni ambientali da evidenziare c'è il paesaggio tutto. Il turismo a Cisternino si è sviluppato nell'ultimo ventennio grazie proprio all'unico bene di questo piccolo centro: la natura, il paesaggio, i trulli e l'architettura spontanea del centro storico.
  • Il bosco Monti Comunali; nel territorio comunale vi sono circa 400 ettari di bosco di cui 244.18.33 di proprietà comunale, posti da 250 a 350 m s.l.m. I boschi comunali sono la formazione vegetale più consistente della provincia. Attualmente sono in corso lavori di miglioramento con sostituzione del pino d'Aleppo e del cipresso, con latifoglie autoctone (fragno, rovella, leccio ecc.) che si armonizzano meglio con le essenze presenti, quali carrubo, bagolaro, carpinella, orniello, acero campestre, ecc. I territori comunali rimboschiti sono circa 42 ettari.

La ciclovia dell'acqua modifica

La ciclovia dell'acqua rappresenta il primo stralcio di un più ampio percorso, di oltre 450 chilometri della rete ciclabile regionale pugliese. La Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese che vanta diversi primati e riconoscimenti è il tratto di acquedotto Pugliese (AQP) realizzato dalla Regione Puglia e AQP Spa lungo la strada di servizio del canale principale dell'acquedotto tra Locorotondo (BA) e Ceglie Messapica (BR) attraversando i territori di Cisternino (BR) e Ostuni (BR).[12]

La ciclovia dell'acqua è il secondo percorso ciclabile europeo su acquedotto ed è parte dell'Itinerario Ciclabile Nazionale n.11 denominata Ciclovia degli Appennini inserita nella rete Bicitalia.[12]

Recentemente è stata ristrutturata migliorandone la pavimentazione (realizzato in pietrisco pressato), dotato di protezioni, aree di sosta e punti di accesso per un totale di circa 10 km di ciclovia perfettamente percorribile anche con biciclette stradali.

L'itinerario si snoda nella macchia mediterranea, fuori dal traffico, costeggiando masserie, case rurali, trulli e agglomerati cittadini (contrade e frazioni) apprezzando la bellezza della Valle d'Itria lontani dalla frenesia moderna.[13][14][15]

Dati tecnici della ciclovia dell'Acqua
  • Lunghezza: 10,885 km (da Figazzano all'incrocio ex SS 581)
  • Quota altimetrica di partenza: 334 m s.l.m.
  • Quota altimetrica di arrivo: 325 m s.l.m.
  • Pendenza massima – strada di servizio: 8%
  • Ponti lungo il canale: 5
  • Lunghezza dei ponti sul canale: 896,93 m
  • Attraversamenti di strade provinciali: 2
  • Comuni interessati: Locorotondo(BA), Cisternino(BR), Ostuni(BR), Ceglie Messapica(BR)[16]

Società modifica

Lingue e dialetti modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetti pugliesi.

Comunemente chiamato Cistranese, il dialetto della parte centrale delle ultime colline della Murgia pugliese è il risultato della stessa sfumatura culturale del territorio: incrocio naturale tra influenze ioniche/lucane e murgiano/baresi. A poche decine di chilometri a sud si trova il confine con il Salento. La lingua e il dialetto vive e si sviluppa naturalmente in relazione alle attività dei suoi abitanti, degli scambi culturali, sociali ed economici, della storia, della tradizione e della memoria orale popolare.

Nonostante oggi rientri nel territorio della provincia di Brindisi, Cisternino mantiene i suoi legami con la Terra di Bari alla quale era legata prima del 1927, anno di costituzione della nuova circoscrizione provinciale. Questi legami sono evidenti soprattutto nel dialetto, nella cultura, tipica del sud-est barese e non di origini salentine ed anche nello stemma comunale che riporta con colori differenti gli stessi elementi di quello della provincia di Bari.

Etnie e minoranze straniere modifica

Al 31 dicembre 2022 nel territorio comunale si registrava la presenza di 343[17] stranieri residenti (143 maschi e 200 femmine) pari circa al 3 % della popolazione cistranese. Si riportano le nazionalità più rappresentate:

Tradizioni e folclore modifica

 
foto n.1 - Processione Santi Quirico e Giulitta

Tra le manifestazioni folkloristiche più attese a Cisternino, c'è sicuramente Pasquetta. Chiamata nel dialetto dei suoi abitanti Pasquarèdde, questa festività si svolge presso il Santuario della Madonna d'Ibernia, dove ci si reca con dei dolci tipici (a forma di borsetta con due uova sode per i bambini, con uno a forma di bambola con un uovo sodo per le bambine). Chiamato “u currùcchëlë”, esso porterebbe prosperità e fecondità: il termine dialettale potrebbe essere una deformazione locale della voce latina auguraculum, composta da augurium più oraculum, nel senso pagano di dono propiziatorio, auspicio, offerta augurale. Un rito che si ricollega ai primitivi riti pagani della fertilità che i monaci basilani innestarono nella religione cristiana allorquando eressero in quei posti la badia greca, sui cui resti sorse poi l'attuale Santuario d'Ibernia dedicato alla Vergine, detta con espressione popolare 'a Madonna d' l'ove, cioè la Madonna delle Uova, come promessa e simbolo di vita nuova, fertilità e abbondanza perciò anche Madonna delle mamme: è antica usanza infatti per le spose che aspettano la nascita di un figlio recarsi a piedi al santuario per un ciclo di 15 sabati a pregare e ringraziare la Madonna.[18]

 
foto n.2 - Decorazioni San Quirico e Giulitta

La più importante manifestazione alla quale partecipa l'intera popolazione cittadina è la festa dei santi patroni della città di Cisternino, Quirico e Giulitta. Tale manifestazione cittadina rispetta tutte le più importanti tradizioni locali come decorazioni luminose, eventi religiosi, concerti bandistici ed infine fuochi pirotecnici. Più semplicemente chiamata "la festa di San Quirico" cadendo sempre nella prima settimana di Agosto rappresenta per la popolazione locale e turistica la conclusione del periodo estivo.

L'8 settembre, nel giorno della natività della di Maria, si svolge la Fiera della Bomminella, detta anche Bommenèdde (la madonna bambina) antichissima fiera di origine agricola: si hanno notizie certe del suo svolgimento dall'epoca aragonese (sec XV). Verosimilmente fu istituita nel secolo XIII quando in Puglia le fiere furono favorite dai Normanni che istituzionalizzarono le più grosse fiere di Canosa, Bari, Taranto, Altamura, Trani, Brindisi, citate nel codice di Melfi di Federico II del 1231.[4][19] Della Fiera della Bomminella a Cisternino si ha testimonianza anche in un'iscrizione su pietra a firma del ministro di Napoli Carlo De Marco, posta su una parete in via La Fiera, dove una volta si svolgeva l'evento, risalente al 1700.[4]

Le merci che venivano maggiormente vendute nei giorni di festa - che in passato durava sette giorni - erano: grano, legumi, tele, panni, cuoiami, maioliche, scale, attrezzi per l'agricoltura ed altri prodotti artigianali. Vi si scambiava e si contrattava moltissimo bestiame di ogni genere. Oggi, con l'istituzione di altre fiere e i mercati settimanali, la Bomminella è un mercato che dura solo la giornata dell'8 settembre, anche se nel 2023 c'è stato un tentativo di rilancio da parte delle associazioni culturali cistranesi.[20]

Di importanza locale sono poi le consuete e più moderne edizioni del "Festival Internazionale Bande Musicali Valle d'Itria"[21], della Notte Verde, del Festival dei Sensi.[22]

Istituzioni, enti e associazioni modifica

Tra le attività per la tutela, la conservazione, la ricerca e la promozione dei beni ambientali, c'è quella svolta dal Gruppo Archeologico Valle d'Itria con l'Ecomuseo di Monte Gianecchia, del Conservatorio botanico I giardini di Pomona.

Cisternino è tra "I borghi più belli d'Italia", aderisce a "Bandiera Verde Agricoltura", Bandiera arancione[23] conferita dal Touring Club italiano ed è parte della rete internazionale delle "Cittaslow".

Molto importante è anche l'Ashram di Cisternino – noto come Centro Bhole Baba, oggi Fondazione Bhole Baba, fondato da Lisetta Carmi dopo un viaggio in India nel 1979, per volere del Babaji. La vita del Centro si svolge seguendo il modello dell'ashram di Herakhan, alternando la meditazione e la preghiera col lavoro comunitario. Nell'ashram di Cisternino, dal 1986, è presente un tempio identico a quello di Herakhan. Babaji stesso volle questo tempio come simbolo di unione profonda col Suo ashram in India. Chiunque può partecipare ai riti o risiedere nell'ashram per un determinato periodo e, soprattutto nei mesi estivi, si svolgono vari seminari ed attività o incontri.

Cultura modifica

Musica modifica

Orchestra di Fiati "Vitino Zizzi" di Cisternino modifica

Dal 1994 l’Orchestra di Fiati "Vitino Zizzi" di Cisternino opera sul territorio con l’obiettivo primario di divulgare tra i giovani la passione per la musica e, nel contempo, offrire momenti di aggregazione e scambi culturali; sin dalla fondazione guidata dal Maestro Donato Semeraro[24], direttore, compositore. In questi anni di attività, l’Orchestra Fiati Città "Vitino Zizzi" ha tenuto concerti e varie partecipazioni a festival di livello internazionale e nazionale ottenendo importanti riconoscimenti in tutto il mondo.[25]

L'orchestra recentemente rinominata in Orchestra di Fiati "Vitino Zizzi", allora Orchestra di fiati giovani città di Cisternino fu fondata da Vitino Zizzi a cui oggi è dedicato il nome.

Festival Internazionale Bande Musicali "Valle d'Itria" modifica

L'Associazione Musicale “Città di Cisternino” APS organizza dal 1998 il Festival Internazionale Bande Musicali "Valle d'Itria"[21] con lo scopo di promuovere lo scambio culturale e, contemporaneamente, far conoscere le bellezze artistiche, gastronomiche e paesaggistiche della Valle d'Itria e della Puglia attraverso dei veri e propri tour organizzati. A partire dall'Orchestra di Fiati “Vitino Zizzi” di Cisternino che fa gli oneri di casa e a seguire bande musicali provenienti da tutta Europa anno dopo anno sfilano per le vie di Cisternino promuovendo la passione per la musica e culuture differenti.[26]

Musei modifica

Nell'aprile 2011 è stato istituito il Museo del Clima in Contrada Caranna, divenuta sede di quest'unico genere di museo. Il museo è stato creato dal presidente della Meteo Valle d'Itria Giuseppe Bari.[27]

Sempre recentemente sono stati aperti gli scavi nella parte sottostante la chiesa madre di San Nicola la cui cripta presenta i resti dell'antica chiesa basiliana con le catacombe e le incisioni parietali.

Ribattezzato MAAAC – Museo Area Archeologica e Arte Contemporanea, il museo offre diverse mostre e rassegne annuali di arte contemporanea nazionale e internazionale lungo il percorso degli scavi archeologici.

Cucina modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina pugliese.

La cucina tipicamente cistranese rispecchia le più classiche tradizioni della gastronomia barese e della Murgia dei trulli con qualche piccola incursione di quella dell'alto Salento. Caratteristiche di questa tradizione paesana sono soprattutto le ricette a base di carne e di verdure, con una particolare predilezione per i piatti a base di selvaggina:

Pietanze tipiche modifica

Economia modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Puglia.

Turismo modifica

Negli ultimi anni Cisternino ha conosciuto un processo di cambiamento del proprio assetto economico, con una crescita considerevole del settore del turismo, incentivata dall'adesione del comune ai circuiti turistici I borghi più belli d'Italia, I comuni gioiello d'Italia[28] vanta il riconoscimento della Bandiera arancione[23] conferito dal Touring Club italiano. È inoltre "comune amico del turismo itinerante"[29]

Cisternino mantiene comunque viva la tradizionale economia agricola e della trasformazione dei suoi prodotti; anche l'artigianato è uno dei settori che caratterizza particolarmente l'economia locale.

Infrastrutture e trasporti modifica

Attraverso alcune strade provinciali il centro urbano di Cisternino è collegato con quella che è conosciuta come Superstrada Bari-Lecce ovvero la Strada statale 379 nella provincia di Brindisi, prolungamento della Strada statale 16 Adriatica nella città metropolitana di Bari. Attraverso tale collegamento il comune di Cisternino dista dagli aeroporti di Bari e Brindisi rispettivamente circa 80 km e 50 km.

Il comune è inoltre servito dalla sua stazione lungo la linea Adriatica di RFI (gruppo FS), posta nel territorio di Pozzo Faceto frazione del comune Fasano, la quale dista dal comune di Cisternino circa 16 km; più spesso però viene utilizzata la stazione ferroviaria di Fasano, collegata con il centro urbano di Cisternino attraverso un trasporto pubblico periodico gestito dall'STP Brindisi attraverso autobus TPL intercomunali.

I servizi TPL intercomunali costituiscono il principale servizio di trasporto pubblico che mette in collegamento il comune di Cisternino con i centri limitrofi ed i principali capoluoghi di provincia della Regione.

Importante è anche il collegamento ferroviario offerto dalle Ferrovie del Sud Est con la stazione denominata Cisternino Città della linea Martina Franca – Lecce distante poche centinaia di metri dal centro urbano, nonché dal trasporto gommato verso Martina Franca e Taranto.

Amministrazione modifica

I sindaci che si sono succeduti dal 1799 a oggi sono i seguenti.[30]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1799 1805 Antonio D'Errico Sindaco
1806 1806 Giuseppe De Feo Governatore-Sindaco
1809 1809 Stefano Soli Sindaco
1810 1810 Rocco Amati Sindaco
1811 1812 Francesco Paolo Soleti Sindaco
1813 1814 Giovanni Boccelli Sindaco
1815 1816 Francesco Paolo Soleti Sindaco
1817 1818 Giovanni Boccelli Sindaco
1819 1822 Donato Antonio Costa Sindaco
1822 1826 Giovanni Boccelli Sindaco
1826 1832 Rocco Amati Sindaco
1832 1834 Raffaele Arcangelo Amati Sindaco
1835 1840 Pasquale Gennaro Costa Sindaco
1840 1842 Camillo Cenci Sindaco
1842 1843 Giovannantonio Soleti Sindaco f.f.
1844 1846 Raffaele Arcangelo Amati Sindaco
1846 1852 Francesco Cenci Sindaco
1852 1853 Giuseppe Pietro Loparco Sindaco
1853 1856 Rocco Amati Sindaco
1856 1860 Pietro Lorenzo Costa Sindaco
1860 1862 Nicola Potio Sindaco
1862 1863 Oronzo Loparco Sindaco
1863 1866 Giovanni Francesco De Vito Sindaco
1866 1869 Enrico Franceschi De Vito Sindaco
1870 1877 Antonio Luigi Amati Sindaco
1879 1887 Gaetano Soleti Sindaco
1887 1899 Tommaso Miccoli Sindaco f.f.
1887 1888 Luigi Stefano Punzi Sindaco
1888 1889 Tommaso Miccoli Sindaco
1889 1889 Luigi Stefano Punzi Sindaco
1889 1889 Antonio Ariani Sindaco
1890 1896 Raffaele D'Amico Sindaco
1896 1899 Donato Costa Sindaco
1899 1900 Giacinto Lagravinese Sindaco
1900 1903 Vitantonio Loparco Sindaco
1903 1905 Luigi Amati Sindaco
1905 1906 Siliberti Giovanni Sindaco
1906 1909 Pozio Eduardo Sindaco
1909 1910 Loparco Vitantonio Sindaco
1910 1913 Amati Nicola Sindaco
1913 1914 Devitofrancesco Enrico Sindaco
1914 1918 Lagravinese Nicola Sindaco
1919 1920 Di Monte Benedetto Sindaco
1921 1927 Devitofranceschi Francesco Paolo Sindaco
1927 1928 Lamendola Giuseppe Sindaco
1928 1929 Ostilio Raffaele Sindaco
1944 1944 Fino Luigi Antonio Sindaco
1944 1945 Punzi Vincenzo Sindaco
1945 1946 Clarizia Francesco Sindaco
1946 1956 Carrieri Martino Sindaco
1956 1957 Fedele Giuseppe Sindaco
1958 1959 Cellie Egidio Sindaco
1959 1960 Clarizia Francesco Sindaco
1960 1961 Padula Nicola Sindaco
1961 1962 Carparelli Antonio Sindaco
1962 1963 Caroli Luigi Sindaco
1963 1963 Padula Nicola Sindaco
1963 1965 Clarizia Francesco Sindaco
1965 1974 Costa Francesco Sindaco
1974 1975 Panarese Ezio Sindaco
1975 1978 Sabatino Giovanni Sindaco
1978 1978 Moggia Giuseppe Sindaco
1978 1979 D'Aversa Giuseppe Sindaco
1979 1980 Guido Arnaldo Sindaco
1980 1981 D'Aversa Giuseppe Sindaco
1981 1981 Costa Francesco Sindaco
1981 1983 Scarafile Giovanni Sindaco
1983 1984 Moggia Giuseppe Sindaco
1984 1989 Moggia Giuseppe Sindaco
1989 1989 Fanizzi Cataldo Sindaco
1989 1993 Punzi Quirico Sindaco
1993 1997 Quirico Punzi Sindaco [31]
1997 2001 Angelo Amati centro-destra Sindaco [32]
2001 2011 Mario Luigi Convertini centro-sinistra (liste civiche) Sindaco [33]
2011 2016 Donato Baccaro lista civica Cisternino insieme Sindaco [34]
2016 2021 Luca Convertini lista civica Noi, Cisternino Sindaco [35]
2021 in carica Lorenzo Perrini lista civica Idea comune Sindaco

Gemellaggi modifica

Sport modifica

Atletica modifica

L'ASD Atletica Amatori Cisternino, fondata nel 1985, partecipa a competizioni regionali e nazionali. Vi hanno gareggiato Alessandro Marangi (1500 metri) e Carlo Calabrese (lancio del martello e del giavellotto) che ha vinto numerose medaglie ai campionati italiani tra cui l'oro nel lancio del martello ai campionati italiani allievi.

  • 2014 Nicolas Fanelli, classe 1999, con già qualche medaglia nell'albo a livello provinciale e regionale, e nazionale ha conquistato la medaglia d'argento ai Campionati Italiani Cadetti 2014.[36]
  • 2022 Stefano Cecere classe 2003 (Amatori Atletica Cisternino Ecolservizi) è campione italiano juniores dei mt. 10000 su strada, 1° tra gli juniores con il crono di 30’08, allievo di Vito Vasta[37]

Basket modifica

La pallacanestro a Cisternino vanta un'antica tradizione. Vi si disputa il torneo internazionale Peppino Todisco under 18, con la "Coppa Tonio Punzi". La squadra locale, il Club Giganti Cisternino, milita in serie D.

Calcio a 5 modifica

Nella stagione 2017-18 il Futsal Cisternino milita in Serie A.

Nella stagione 2023-24 il Futsal Cisternino milita in Serie A2.

Pallavolo modifica

La squadra locale è l'Athena Club Cisternino, che milita in serie D.

Note modifica

  1. ^ a b Bilancio demografico mensile anno 2023 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b c d e f Raffaele Semeraro, Gianni Custodero e Liana Bertoldi Lenoci, Cisternino: storia, arte, tradizioni, protagonisti, collana Biblioteca della ricerca, Schena editore, 2005, ISBN 978-88-8229-523-3.
  5. ^ Mentre il casale è un insediamento abitativo privo di mura, ma retto da un'universitas o da un capitano, equivalente alla villa, il villaggio, cioè un insediamento rurale, città e castelli sono dotate di mura.
  6. ^ a b Cisternino, su Archivio Centrale dello Stato. URL consultato il 10 novembre 2023.
  7. ^ G.B.PACICHELLI., Il Regno di Napoli in prospettiva diviso in 12 provincie,, II, NAPOLI, 1703, p. 227.
  8. ^ Cenno storico di Cisternino e biografia dei Santi Quirico e Giulitta, Lecce, Tip.Del Vecchio, 1876, p. 8.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Centro Storico | Comune di Cisternino, su comune.cisternino.br.it. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  11. ^ Anche Cisternino festeggia San Nicola, su cisterninonotizie.com, 4 dicembre 2017. URL consultato il 12 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2018).
  12. ^ a b La ciclovia di Acquedotto Pugliese | Acquedotto Pugliese, su www.aqp.it. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  13. ^ La cliclovia dell'Acqua: in bici sull'acquedotto pugliese - GruppoCiclisticoValledItria.it Archiviato il 22 dicembre 2014 in Internet Archive.
  14. ^ In bici sull'acquedotto pugliese - Itinerari - In Viaggio - ANSA.it, su ansa.it. URL consultato il 5 marzo 2022.
  15. ^ Partono i lavori del ciclovia dell'Acquedotto da Locorotondo a Ceglie Messapica - News Locorotondo Valle d'Itria, su govalleditria.it. URL consultato il 3 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2016).
  16. ^ Ciclovia dell'acquedotto. Nuova frontiera del cicloturismo in Puglia, su architetturaecosostenibile.it. URL consultato il 3 aprile 2014 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2014).
  17. ^ demo.istat.it, http://demo.istat.it/str2022/index.html.
  18. ^ Sa' Nnicòle e 'a ciole - Cisternino: un paese, una storia, Marco Tullio Punzi, Schena Editore, 1981.
  19. ^ Aldo Mieli e Aldo Mieli, La storia della scienza in Italia; saggio di bibliografia di storia della scienca, Libreria Della Voce, 1916. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  20. ^ Bomminella, su bomminella.blogspot.com.
  21. ^ a b Festival Bande Valle d'Itria, su www.festivalbande.it. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  22. ^ Festival dei Sensi, su Festival dei Sensi. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  23. ^ a b bacisternino, Cisternino, su Bandiere Arancioni TCI, 9 maggio 2015. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  24. ^ Donato Semeraro | Compositori, su scomegna.com. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  25. ^ Orchestra di Fiati Giovani "Vitino Zizzi" - Cisternino (BR), su www.bandamusicale.it. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  26. ^ Al via la 25° edizione del Festival delle bande musicali in “Valle d'Itria”, dal 20 al 23 Luglio a Cisternino, su Regione Puglia. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  27. ^ Museo del Clima, su Comune di Cisternino `accesso= 2021-10-26.
  28. ^ Gioielli d'Italia - Wikivoyage, guida turistica di viaggio, su it.wikivoyage.org. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  29. ^ Comune Amico - Unione Club Amici, su www.unioneclubamici.com. URL consultato il 10 dicembre 2023.
  30. ^ Raffaele Semeraro, Cronaca della successione dei sindaci nel comune di Cisternino dal 1799 al 2007, 2008
  31. ^ Elezioni comunali del 6 giugno 1993
  32. ^ Elezioni comunali del 27 aprile 1997
  33. ^ Ministero dell'Interno: Elezioni comunali del 13 maggio 2001 e del 28 maggio 2006
  34. ^ Elezioni comunali del 15 maggio 2011
  35. ^ Elezioni comunali del 5 giugno 2016
  36. ^ Nicolas Fanelli medaglia d’argento ai campionati nazionali cadetti, su borgocampo.it (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2014).
  37. ^ (EN) Stefano Cecere è campione italiano juniores dei mt. 10000 su strada, su www.fidal.it. URL consultato il 10 dicembre 2023.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN137351912
  Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Puglia