Apri il menu principale

Democrazia Solidale

partito politico italiano
Democrazia Solidale
CoordinatorePaolo Ciani
StatoItalia Italia
SedeVia Panfilo Castaldi, 9
Roma
AbbreviazioneDemoS
Fondazione4 luglio 2014
IdeologiaCristianesimo sociale
Europeismo
CollocazioneCentro
CoalizioneCivica Popolare (2018)
Partito Democratico (2019-)
Partito europeoNessuno
Gruppo parl. europeoAlleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
Seggi Camera
1 / 630
Seggi Senato
0 / 320
Seggi Europarlamento
1 / 73
Seggi Consiglio regionale
2 / 897
Sito web

Democrazia Solidale (DemoS) è un partito politico[1] italiano coordinato a livello nazionale da Paolo Ciani.

StoriaModifica

Costituita nel 2015 come "Associazione Politica", in seguito alla scissione della fazione di sinistra dei Popolari per l'Italia, a Democrazia Solidale aderirono, tra gli altri, Lorenzo Dellai, Andrea Olivero (Viceministro delle politiche agricole nel Governo Renzi), Mario Marazziti, Mario Giro (sottosegretario agli affari esteri) e Lucio Romano. Democrazia Solidale, a differenza dei Popolari per l'Italia, affermò la sua alleanza strategica con il Partito Democratico di Matteo Renzi[2]. All'inizio, il partito contava otto deputati, due senatori, un vice ministro e un sottosegretario. A settembre 2015 si aggiunse al partito un altro deputato, Maurizio Baradello, deceduto poi il 9 maggio 2017.

Nel novembre 2014 aderirono al gruppo Per l'Italia della Camera (di cui faceva parte anche DemoS) anche i due deputati del Centro Democratico. A dicembre dello stesso anno,

All'inizio del 2015 DemoS adottò un nuovo simbolo, Lorenzo Dellai venne eletto presidente del partito mentre Paolo Ciani venne eletto coordinatore.

Gruppo parlamentareModifica

Nel gennaio 2016 il gruppo parlamentare della Camera chiamato "Per l'Italia" (di cui facevano parte i deputati di Democrazia Solidale) cambiò il suo nome in "Democrazia Solidale - Centro Democratico"[3], in seguito al rafforzamento dell'alleanza con il Centro Democratico. i due senatori di DemoS Olivero e Romano, avevano nel frattempo lasciato "Per l'Italia" per aderire al gruppo parlamentare Per le Autonomie.

In occasione delle elezioni politiche del 2018, alcuni aderenti a DemoS (Dellai, Olivero, Santerini) parteciparono alla lista Civica Popolare di Beatrice Lorenzin[4], aderente alla coalizione di centro-sinistra. La lista, di cui DemoS era componente, ottenne lo 0,5% non eleggendo parlamentari per la quota proporzionale.

Partito politicoModifica

Nel Novembre del 2017 “Democrazia Solidale – Demo.S” si è costituito quale partito politico nazionale.

Dopo una manifestazione pubblica nell'ottobre del 2018 nella quale sono intervenuti Paolo Gentiloni, Andrea Riccardi, Mario Giro e lo stesso Paolo Ciani [5] [6], Democrazia Solidale ha presentato proprie liste alle elezioni Regionali del maggio 2019 in Piemonte [7], ed in diversi comuni d’Italia [8] [9] [10] e vari candidati alle elezioni europee del 26 maggio 2019 [11].

Nelle Elezioni Europee del 2019 il partito riesce a far eleggere Pietro Bartolo tra le file del PD.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica