Apri il menu principale

Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi

videogioco del 2005
Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi
videogioco
DBZ BT1 Vegeta Grande Scimmia.png
Una lotta tra Grande Scimmia (Vegeta) e Goku nel livello Area rocciosa terra.
Titolo originaleDragon Ball Z Sparking!
PiattaformaPlayStation 2
Data di pubblicazioneGiappone 6 ottobre 2005
Flags of Canada and the United States.svg 18 ottobre 2005
Zona PAL 21 ottobre 2005
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 22 ottobre 2005
GenerePicchiaduro a incontri
TemaDragon Ball
OrigineGiappone
SviluppoSpike
PubblicazioneBandai Namco (Giappone), Atari (Nord America e Europa)
SerieBudokai Tenkaichi
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputDualShock 2
SupportoDVD
Fascia di etàCEROA · ESRBT · OFLC (AU): PG · PEGI: 12
Seguito daDragon Ball Z: Budokai Tenkaichi 2

Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi conosciuto in Giappone con il nome di Dragon Ball Z Sparking! (ドラゴンボールZスパーキング! Doragon Bōru Z Supakingu!?), è un videogioco della serie Dragon Ball prodotto da Namco Bandai e Atari, è il primo dei tre capitoli della fortunata serie Budokai Tenkaichi.

NovitàModifica

Rispetto al capitolo precedente, in questo titolo i combattimenti sono più realistici grazie anche all'inquadratura più pratica offerta dalla telecamera.[1] I personaggi sono più curati dal punto di vista del colore e dell'aspetto fisico, ma anche per quanto riguarda le mosse speciali.[2] Inoltre, va segnalata la comparsa delle ferite sui corpi e l'usura dei vestiti durante la battaglia; infine, gli scenari sono più ampi e definiti rispetto a prima.[3]

Modalità di giocoModifica

Per la prima volta, è imposto un limite di tempo nell'utilizzo degli "attacchi supremi": ogni volta che uno di essi viene usato, si consuma 1 "Scorta colpi".

  • Portale Z
    • La Saga dei Saiyan
    • La Saga di Freezer
    • Battaglia Finale Solitaria
    • Il Guerriero più Forte dell'Universo
    • La Saga degli Androidi
    • Super Guerriero del Futuro
    • Il Super Saiyan Leggendario
    • Minaccia dei Guerrieri Galattici
    • La Saga di Majin Bu
    • Il Malvagio Janenba
    • La Rivincita di Baby
    • L'Androide Supremo
    • La Rivincita dei Saiyan
    • L'Imperatore Cosmico
    • L'Androide Supremo
    • Majin il Distruttore
    • La Conquista della Terra
    • Il Vero Torneo Mondiale
  • Battaglia Suprema
    • Gateg. 100 Super Guerrieri
    • Addestr. guerriero
  • Torneo mondiale
    • Princip. (3 round)
    • Esperto (4 round)
    • Avanzato (5 round)
    • Gioco di Cell (5 round)
  • Duello
    • 1P VS COM
    • 1P VS 2P
    • COM VS COM
    • Password
  • Addestramento
    • Pratica
    • Allenamento
  • Evoluzione Z
    • Modifica Oggetto Z
    • Elenco Oggetti Z
    • Fusione Oggetti
  • Opzioni
  • Illustraz. personaggi

Di seguito, vengono elencate brevemente le spiegazioni di ciascuna modalità[4]:

  • Portale Z: il giocatore prende parte - con personaggi diversi - alle battaglie che hanno caratterizzato le serie Dragon Ball Z e Dragon Ball GT, nonostante siano presenti anche personaggi apparsi nella prima serie Dragon Ball.[5] Ciascuna storia ha un obiettivo differente da conseguire per essere superata: annientare il nemico oppure sconfiggerlo con una determinata mossa, sopravvivere fino allo scadere del tempo, vincere la sfida entro il limite massimo.[5] Ogni battaglia completata ne sblocca altre, regalando anche premi al giocatore.[5] I combattimenti sono corredati da un filmato con sottotitoli e dialoghi, di testa e di coda.[5]
  • Battaglia Suprema: scegliendo un personaggio, il giocatore deve scalare la classifica battendo circa 100 avversari e salendo - di volta in volta - nella graduatoria. Occasionalmente, gli incontri vengono interrotti dalla presenza di un personaggio assente dalla classifica.
  • Torneo mondiale: la modalità riproduce, rispettivamente, il Torneo mondiale tradizionale e il Gioco di Cell. In quest'ultimo caso, l'avversario finale è sempre l'androide nella sua Forma perfetta.
  • Duello: consente una sfida tra due giocatori umani, oppure contro il computer.
  • Addestramento: il giocatore può perfezionare, in maniera libera oppure seguendo un percorso di addestramento, le proprie abilità di gioco.
  • Evoluzione Z: il giocatore può Modificare/fondere, e visualizzare l'elenco degli Oggetti Z.
  • Opzioni: il giocatore può regolare le impostazioni di gioco.
  • Illustrazione personaggi: un archivio contenente le schede e le storie di tutti i personaggi presenti nel roster.

PersonaggiModifica

A livello di personaggi, si segnala l'introduzione di Jiaozi e della Grande Scimmia; la Squadra Ginew appare poi al completo, con l'aggiunta dei membri mancanti (Burter, Jeeth e Guldo).[6]

LivelliModifica

DoppiaggioModifica

Qui di seguito è elencata la lista dei doppiatori giapponesi e americani del gioco.

Personaggio Doppiatore giapponese Doppiatore americano
Son Goku (fanciullezza) Masako Nozawa Stephanie Nadolny
Son Goku Grande Scimmia Yasuhiko Kawazu Shane Ray
Maestro Muten Mike McFarland
Nonno Son Gohan Osamu Saka Christopher R. Sabat
Tao Pai Pai Chikao Ōtsuka Kent Williams
Son Goku Masako Nozawa Sean Schemmel
Vegeth Masako Nozawa
Ryō Horikawa
Sean Schemmel
Christopher R. Sabat
Super Gogeta
Son Gohan (infanzia) Masako Nozawa Stephanie Nadolny
Son Gohan (fanciulezza)
Son Gohan (adolescenza) Kyle Hebert
Great Saiyaman
Ultimate Gohan
Piccolo Toshio Furukawa Christopher R. Sabat
Crilin Mayumi Tanaka Sonny Strait
Yamcha Tōru Furuya Christopher R. Sabat
Tenshinhan Hirotaka Suzuoki John Burgmeier
Jiaozi Hiroko Emori Monika Antonelli
Vegeta Ryō Horikawa Christopher R. Sabat
Majin Vegeta
Trunks (spada) Takeshi Kusao Eric Vale
Trunks (combattimento)
Paikuhan Hikaru Midorikawa Kyle Hebert
Goten Masako Nozawa Kara Edwards
Trunks (infanzia) Takeshi Kusao Laura Bailey
Gotenks Masako Nozawa
Takeshi Kusao
Laura Bailey
Kara Edwards
Videl Yūko Minaguchi Kara Edwards
Great Saiyaman Nº 2
Mister Satan Daisuke Gōri Chris Rager
Bardack Masako Nozawa Sonny Strait
Radish Shigeru Chiba Justin Cook
Saibaiman Tōru Furuya John Burgmeier
Nappa Shōzō Iizuka Phil Parsons
Vegeta (Scouter) Ryō Horikawa Christopher R. Sabat
Vegeta Grande Scimmia
Dodoria Yukitoshi Hori Chris Forbis
Zarbon Shō Hayami Christopher R. Sabat
Guldo Kōzō Shioya Bill Townsley
Rikoom Kenji Utsumi Christopher R. Sabat
Burter Yukimasa Kishino
Jeeth Kazumi Tanaka
Ginew Hideyuki Hori Brice Armstrong
Freezer Ryūsei Nakao Linda Young
Cooler Andrew Chandler
Mecha Freezer Linda Young
Dr. Gelo Kōji Yada Kent Williams
Androide Nº 19 Yukitoshi Hori Phillip Wilburn
Androide Nº 18 Miki Itō Meredith McCoy
Androide Nº 17 Shigeru Nakahara Chuck Huber
Androide Nº 16 Hikaru Midorikawa Jeremy Inman
Broly Bin Shimada Vic Mignogna
Cell Norio Wakamoto Dameon Clarke
Cell jr. Hirotaka Suzuoki Justin Cook
Borjack Tesshō Genda Bob Carter
Re Demone Darbula Ryūzaburō Ōtomo Rick Robertson
Majin Bu (buono) Kōzō Shioya Josh Martin
Majin Bu (pura malvagità) Justin Cook
Majin Bu (malvagio)
Majin Bu (puro) Josh Martin
Super Janemba Tesshō Genda Kent Williams
Son Goku S.Saiyan 4 Masako Nozawa Sean Schemmel
Vegeta S.Saiyan 4 Ryō Horikawa Christopher R. Sabat
Super Gogeta Masako Nozawa
Ryō Horikawa
Sean Schemmel
Christopher R. Sabat
Vegeta-Baby Yusuke Numata Mike McFarland
Super Nº 17 Shigeru Nakahara Chuck Huber

AccoglienzaModifica

Siti media statistica Punteggi
Metacritic 72/100[7]
Accoglienza
Recensione Giudizio
Eurogamer 4/10[8]
GamePro      [9]
GameSpot 7/10[10]
GameSpy      [11]
GameZone 8.3/10[12]
IGN 8.2/10[13]
OPM (USA)      [14]
PALGN 8/10[15]
VideoGamer.com 6/10[16]
X-Play      [17]

Budokai Tenkaichi ha ricevuto un'accoglienza "mista" stando al sito Metacritic.[7]

NoteModifica

  1. ^ Recensione del gioco, su spaziogames.it, 18 ottobre 2005.
  2. ^ Recensione del titolo, su multiplayer.it, 10 novembre 2005.
  3. ^ Recensione di DBZ: Budokai Tenkaichi, su gamesurf.tiscali.it, 8 novembre 2005.
  4. ^ (EN) Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi, su dragonball.wikia.com.
  5. ^ a b c d La soluzione completa di Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi, su multiplayer.it, 20 novembre 2005.
  6. ^   (ES) Dragon Ball Z Budokai-Tenkaichi All Characters, su YouTube, 4 giugno 2010.
  7. ^ a b Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi for PlayStation 2 Reviews, Metacritic. URL consultato il 18 giugno 2014.
  8. ^ Martin Coxall, Dragonball Z: Budokai Tenkaichi, Eurogamer, 14 novembre 2005. URL consultato il 18 giugno 2014.
  9. ^ Strafe Maru, Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi Review for PS2 on GamePro.com, GamePro, 18 ottobre 2005. URL consultato il 18 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2005).
  10. ^ Ryan Davis, Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi Review, GameSpot, 24 ottobre 2005. URL consultato il 18 giugno 2014.
  11. ^ Eduardo Vasconcellos, GameSpy: Dragon Ball Z Budokai Tenkaichi, GameSpy, 21 novembre 2005. URL consultato il 18 giugno 2014.
  12. ^ Michael Knutson, Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi Review - PlayStation 2, GameZone, 16 novembre 2005. URL consultato il 18 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2008).
  13. ^ Jeremy Dunham, Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi, IGN, 13 ottobre 2005. URL consultato il 18 giugno 2014.
  14. ^ Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi, in Official U.S. PlayStation Magazine, gennaio 2006, p. 92.
  15. ^ Matt Keller, Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi Review, PALGN, 22 ottobre 2005. URL consultato il 5 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2009).
  16. ^ VideoGamer.com staff, Dragon Ball Z: BT Review, VideoGamer.com, 25 novembre 2005. URL consultato il 18 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2015).
  17. ^ Jason D'Aprile, Dragon Ball Z Budokai: Tenkaichi [sic] Review, X-Play, 16 gennaio 2006. URL consultato il 18 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2006).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica