Elsa De Giorgi

attrice italiana

Elsa De Giorgi (Pesaro, 26 gennaio 1914Roma, 12 settembre 1997) è stata una scrittrice, regista, scenografa e attrice teatrale e cinematografica italiana.

Elsa De Giorgi nel film Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini (1975)

BiografiaModifica

 
Doris Duranti ed Elsa De Giorgi in visita ad un soldato ferito (1941)

Nacque in una famiglia di antica aristocrazia provinciale, i Giorgi Alberti, nobili di Bevagna e Camerino, patrizi di Spoleto.

Fu scoperta a seguito di un concorso fotografico al quale partecipò quale soggetto, non ancora diciottenne, da Mario Camerini, che le offrì il ruolo della protagonista in T'amerò sempre (1933). Negli anni Trenta recitò in numerosi film in costume ma non amò mai il cinema di regime, al quale preferì infatti il teatro.

Sposata col conte Sandrino Contini Bonacossi, nella seconda metà degli anni Cinquanta ebbe un'appassionata relazione con lo scrittore Italo Calvino, descritta nel libro Ho visto partire il tuo treno (Milano, Leonardo, 1992).

Diede alle stampe, nel 1955, I coetanei (Einaudi), diario pubblico con molti riferimenti alla lotta partigiana (con un omaggio al coraggio del marito Sandrino) e al cinema romano del periodo bellico. Per quest'opera vinse il Premio Viareggio opera prima [1]. Nei primi anni Sessanta, collaborò, in qualità di critico teatrale, col periodico romano "Pensiero Nazionale".

Tornò al cinema nel 1975, interpretando la signora Maggi, una delle narratrici, in Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini, e al teatro nel 1983 con un suo adattamento di Torquato Tasso di Carlo Goldoni [2].

OpereModifica

  • I coetanei, con una lettera di Gaetano Salvemini, Torino, Einaudi, 1955 Premio speciale per un trattato sull'armistizio dell'8 settembre 1943 ex aequo, nell'ambito del Premio Viareggio[3]
  • L'innocenza, Venezia, Sodalizio del libro, 1960 ("La sfera" 7)
    • Trad. francese: L'Innocence, roman traduit de l'italien par Marcelle Bourrette-Serre, Paris, Albin Michel (Lagny-sur-Marne, impr. Grevin et fils), 1963
  • La mia eternità, con una premessa di Pier Paolo Pasolini e tre disegni originali di Renato Guttuso, Caltanissetta-Roma, S. Sciascia, 1962 ("Un coup de des" 2)
  • Un coraggio splendente: romanzo, Milano, Sugar, 1964
  • Il sole e il vampiro, Edizioni di Opera aperta (Città di Castello, Istituto poligrafico umbro), 1969 ("I testi" 1)
  • Storia di una donna bella, Roma, La nuova sinistra - Edizioni Samonà e Savelli, 1970 ("Narrativa" 1)
  • Dicevo di te, Pier Paolo, con una testimonianza poetica di Rafael Alberti, introduzione di Giuliano Manacorda, Roma, Carte segrete, 1977 ("Carte segrete di poesia" 3)
  • Poesia stuprata dalla violenza, Roma, Carte segrete, 1978 ("Carte segrete di poesia" 6)
  • L'eredità Contini Bonacossi: l'ambiguo rigore del vero, Milano, Mondadori, 1988
  • Ho visto partire il tuo treno, Milano, Leonardo, 1992
  • Una storia scabrosa, Milano, Baldini & Castoldi, 1997
  • Corpus mysticum: poesie, disegni di Dimitrije Popovic, a cura di Carmine Siniscalco, Roma, Segni e (di), [senza data]

FilmografiaModifica

 
Elsa De Giorgi e Luigi Silori a Roma nel 1964

DoppiatriciModifica

Prosa televisiva RaiModifica

Prosa radiofonica RaiModifica

Regie teatraliModifica

  • Sangue più fango uguale logos passione, regia di Elsa De Giorgi (1974)
  • In principio era Marx di Adele Cambria (testo pubblicato a Padova, Mastrogiacomo, 1978, collana "Teatro oggi"): prima rappresentazione, Roma, Teatro La Maddalena, 8 aprile 1980[4]

NoteModifica

  1. ^ Elsa De' Giorgi
  2. ^ Il Tasso di Goldoni in scena a Bevagna
  3. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  4. ^ Fonte: Stefano Marcucci

BibliografiaModifica

  • Elsa De Giorgi, I coetanei, Einaudi, Torino 1955
  • Elsa De Giorgi, Ho visto partire il tuo treno, ed. Leonardo 1992

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN214558132 · SBN IT\ICCU\CFIV\090535 · LCCN (ENn88061102 · GND (DE119488191 · BNF (FRcb10124745m (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88061102