Apri il menu principale
Freddy Krueger
Nightmare 4 - Il non risveglio.jpg
Freddy Krueger nel quarto film
SagaNightmare
EpitetoSquartatore di Springwood (da vivo)
Demone dei sogni
AutoreWes Craven
1ª app. inNightmare - Dal profondo della notte (1984)
Ultima app. inNightmare (2010)
Interpretato da
Voci italiane
Specieumano/demone
SessoMaschio
Data di nascita22 maggio 1933
Professione
  • Tecnico di una centrale elettrica (da vivo)
  • Pedofilo e assassino di bambini (da vivo)
  • Serial killer (sia prima che dopo la morte)
Poteri

Frederick Charles "Freddy" Krueger, soprannominato a volte Fred, è un personaggio cinematografico immaginario, assoluto antagonista della saga di film horror Nightmare. In vita era un assassino seriale, con particolare interesse per l'infanticidio. Fu ucciso per vendetta dai suoi stessi concittadini e ottenne, dopo la morte, la capacità di manifestarsi nei sogni altrui, che sfrutta per tormentare ed uccidere i figli dei responsabili della sua morte.

In tutte le pellicole della serie originale viene interpretato da Robert Englund, ed è così noto che l'attore è di solito associato al personaggio[1]. Nel remake del 2010, il personaggio è interpretato da Jackie Earle Haley. Freddy Krueger compare al 40º posto nella lista AFI's 100 Years... 100 Heroes and Villains, stilata dalla American Film Institute nel 2003.

Indice

DescrizioneModifica

L'aspetto di Freddy è caratteristico per le terribili ustioni che lo deturpano e per il guanto da lui fabbricato con lame fissate alle estremità delle dita. Altre caratteristiche sono il cappello borsalino marrone e il maglione a strisce orizzontali verde scuro e rosso sfilacciato ai margini[2].

Freddy, inoltre, possiede alcuni poteri che può utilizzare solo nel mondo dei sogni: può usare la telecinesi, sfruttata anche contro Jason Voorhees; può ricomporre il suo corpo e teletrasportarsi da un posto all'altro; è in grado di cambiare a suo piacimento il sogno (luogo, caratteristiche e personaggi) ed anche trasformarsi: generalmente assume l'aspetto delle persone vicino alle sue vittime, in modo da terrorizzarle maggiormente. Ma è anche capace di trasformare, anche radicalmente, la propria struttura fisica[3].

Entro certi limiti, può agire anche nella realtà: nel quarto film uccide una ragazza dandole fuoco, e nella realtà scoppia un incendio[4]; oppure quando, in modo macabro, sfrutta un ragazzo con un problema di sonnambulismo utilizzandolo come una marionetta. Nella realtà quest'ultimo passa addirittura attraverso i muri. Nel secondo film, dopo aver preso il controllo del corpo di Jesse, Fred dimostra di poter apparire e sparire a suo piacimento e di influire sull'ambiente circostante[5]; può anche far apparire come accidentali i suoi omicidi[6].

Freddy, inoltre, può anche controllare, seppur in maniera molto macchinosa, il proprio scheletro, ossia ciò che è rimasto di lui. Ha anche la capacità di impadronirsi dei corpi altrui, potere che inizialmente ha manifestato nel secondo capitolo di Nightmare per uccidere le sue vittime, ma che poi utilizzerà anche in Freddy vs. Jason per distruggere l'Hypnocyl e far addormentare il suo avversario, iniettandogli nel corpo un potentissimo sonnifero.

BiografiaModifica

«Una ragazza del personale medico rimase accidentalmente rinchiusa qui durante un periodo di ferie, i malati la tennero nascosta per molti giorni. E in tutti quei giorni, non fecero che violentarla. Quando la trovarono era mezza morta. E incinta. Si chiamava Amanda... Krueger.»

(Sorella Mary Helena, da Nightmare 3 - I guerrieri del sogno)

Freddy è il figlio di Suor Mary Helena, nata Amanda Krueger. La monaca rimase casualmente prigioniera durante le vacanze di Natale nel manicomio Westin Hills, dove venne stuprata da alcuni tra i più pericolosi malati ivi reclusi. La donna sopravvisse, ma rimase incinta: Freddy nacque da una di queste violenze carnali nel maggio del 1933. Amanda preferì non abortire in quanto considerava quella vita che cresceva dentro di lei comunque un dono di Dio. Alla nascita, il bambino fu affidato da sua madre a Edward Underwood, un uomo che si rivelò in seguito essere un pazzo alcolizzato che rese l'infanzia di Freddy un vero e proprio inferno, picchiandolo ripetutamente. Inoltre, Freddy fu oggetto di reiterato bullismo da parte dei compagni di classe.

Il piccolo Freddy, a causa delle percosse e dei vari maltrattamenti subiti dal padre adottivo e dai compagni iniziò a dare i primi segni di squilibrio mentale torturando ed uccidendo vari piccoli animali, come criceti e scarafaggi, oltre a cimentarsi in atti di masochismo[7]. A 19 anni, stanco delle continue umiliazioni uccise con un rasoio il padre adottivo[8], dando definitivamente inizio al suo regno di terrore a Springwood, sua città natale.

Raggiunta l'età adulta, iniziò a lavorare in una fornace: qui imparò a costruire le sue adorate armi di tortura, iniziando a meditare la sua vendetta nei confronti della città. Tormentato dai ricordi della sua infanzia infelice, rapì i figli dei suoi ex compagni di scuola, che poi seviziò e uccise nella fornace, nonostante egli stesso avesse una figlia, Katherine, avuta dalla moglie Loretta. Per compiere le sue nefandezze, utilizzò, come specchietto per le allodole, un furgoncino di gelati. In casa Freddy possedeva un inventario di armi impressionante: oltre al suo tipico guanto con i rasoi[9] ne aveva alcuni dotati di viti, uncini ed altri macchinari. Un giorno, sua moglie Loretta, curiosa di sapere cosa nascondesse il marito, scese nella cantina e notò i suoi "attrezzi del mestiere" e l'album con le foto dei bambini da lui uccisi, scoprendo la terribile doppia vita dell'uomo sposato. Freddy, una volta scoperto e accecato dall'ira strangola a morte Loretta, davanti agli occhi piangenti della piccola Katherine, obbligando poi la figlia a non raccontare a nessuno ciò che aveva visto.

Nel 1966 Freddy, conosciuto come lo Squartatore di Springwood, venne arrestato (grazie al tenente Donald Thompson prima che uccidesse la figlia Nancy) e processato per l'omicidio di più di venti bambini, mentre Katherine fu affidata ad un orfanotrofio ed il suo nome cambiato in Maggie, per far sì che non si conoscesse la vera identità del padre. Tuttavia nel 1968, per un vizio di forma (non erano stati letti i suoi diritti), il giudice non firmò la condanna, così Freddy venne rilasciato dopo poco tempo. Amanda Krueger, impazzita dopo il processo, apparentemente si suicidò ma il suo corpo non venne più trovato. Freddy fece così ritorno alla sua fornace per continuare la sua opera di sterminio, ma i genitori delle sue piccole vittime, delusi ed infuriati per la sentenza, decisero di irrompere nel suo nascondiglio e farsi giustizia da soli, cospargendolo di benzina e bruciandolo vivo.[10]

Nei suoi ultimi istanti di vita, tuttavia, Freddy non diede alcun segno di spavento, anzi, rise in faccia ai suoi giustizieri, promettendo loro che sarebbe tornato. In fondo Krueger, incredibilmente aveva da sempre desiderato la morte per liberarsi della zavorra umana e dare libero sfogo al demone che portava dentro di sé. Prima di morire, infatti, desideroso di un potere superiore alla natura umana, strinse un patto con tre entità maligne, gli antichi Demoni dei Sogni. Fondendosi con lui, questi gli diedero la possibilità di vendicarsi sui figli dei suoi assassini, laddove questi non li avrebbero potuti proteggere: nei loro sogni.

Da allora Freddy si è tramutato in una sorta di fantasma, avendo ottenuto il totale controllo della dimensione onirica, dalla quale può liberamente tormentare ed uccidere le sue vittime. In seguito, il tenente Thompson raccolse le sue ossa e le nascose in un deposito sfasciacarrozze, in modo che nessuno potesse mai trovarle. Qualche tempo dopo la sua morte, Freddy iniziò ad utilizzare i suoi poteri, attendendo il momento propizio per iniziare la sua mostruosa opera. Si capisce che la sua forza è data anche dalla paura; pertanto il modo più efficace per sconfiggerlo è dimenticarsi completamente di lui.

ImpreseModifica

(EN)

«One, two, Freddy's coming for you,
three, four, better lock your door,
five, six, grab your crucifix,
seven, eight, gonna stay up late,
nine, ten, never sleep again!»

(IT)

«Uno, due, Freddy viene per te,
tre, quattro, meglio chiudere la porta
cinque, sei, il crocifisso tieni stretto,
sette, otto, rimarrò sveglio fino a tardi,
nove, dieci, non dormirai mai più!»

(Una delle filastrocche infantili che si sentono spesso negli incubi di Freddy)

Nightmare - Dal profondo della notteModifica

Nel 1984 inizia una nuova serie di omicidi. Per gli abitanti di Springwood dell'epoca, Freddy Krueger non era mai esistito, in quanto i genitori non avevano mai raccontato ai figli della sua morte, e i media avevano nascosto in archivio le informazioni su di lui.

Ma dopo che Freddy avrà cominciato a mietere vittime, la madre di Nancy, protagonista del film, sarà costretta ad ammettere la verità. Nancy riuscirà apparentemente a sconfiggere Krueger comportandosi come se non esistesse, scoprendo che, se non alimentato dalla paura, può essere sconfitto, ma sul finale Krueger avrà la meglio.

Nightmare 2 - La rivincitaModifica

Nel sequel, il mostro dei sogni, tuttavia, è lungi dall'essere sconfitto. Impossessandosi del corpo di Jesse, un ragazzo, nuovo residente di Elm Street, tornerà a spargere terrore e morte, prima di essere costretto ad abbandonare il corpo di Jesse, grazie all'amore della sua fidanzata.

Nightmare 3 - I guerrieri del sognoModifica

«Contenta Jennifer? I tuoi sogni stanno per realizzarsi! Non volevi entrare in televisione?»

(Freddy Krueger)

Nel terzo film, la stessa Nancy che lo aveva sconfitto la prima volta, inizia a preparare i ragazzi di Springwood alla lotta contro Freddy, allenandoli, per combatterlo, a suscitare poteri soprannaturali legati a sogni. Ma il maniaco sembra inizialmente inarrestabile e i "guerrieri del sogno" falliscono. Nancy, alla fine, cade sotto gli artigli di Krueger. Sarà il dottor Neil Goldman, consigliato dall'apparizione di Suor Mary Helena (che si rivela essere ancora viva, ad essere morta era sua sorella che aveva preso il suo nome), a ucciderlo gettando dell'acqua benedetta sulle sue ossa, fatto che distruggerà il suo spirito. È in questo film che si scoprono le origini di Freddy e di sua madre.

Nightmare 4 - Il non risveglioModifica

Per tornare dall'Inferno, Freddy sfrutta il potere soprannaturale di una ragazza, Kristen[11]. Infatti possiede il potere di trascinare con sé nel proprio sogno altri individui dormienti semplicemente pensandoli. Sfruttando dunque il potere di Kristen, l'omicida mieterà una nuova serie di vittime, appunto tra gli amici della ragazza e anche tra gli altri protagonisti del terzo film. Kristen ha inoltre un'amica di nome Alice. Dopo aver ucciso la stessa Kristen, prende di mira anche lei.

Ma Alice sopravviverà, e, attirandolo in una chiesa, si scontra all'ultimo sangue con il serial killer. La ragazza riuscirà a sopravvivere grazie alle indicazioni di alcune bambine morte che intonano la classica filastrocca che accompagna la venuta di Freddy, le quali le consigliano di farlo riflettere in uno specchio. Alice, preso in mano un vetro, fa specchiare il mostro, libera tutte le anime prigioniere e gli fa patire tutto il loro dolore.

Nightmare 5 - Il mitoModifica

Bramoso di vendetta e desideroso di tornare in vita, Freddy colpirà di nuovo la protagonista del capitolo precedente, Alice Johnson. Dopo averle ucciso il ragazzo e molti dei suoi amici, cerca di reincarnarsi nel bambino che porta in grembo. Per questo, nella dimensione onirica, il maniaco cerca di mettere l'anima del figlio contro la madre, ma sarà sconfitto grazie all'aiuto di Amanda Krueger, madre di Freddy, ora libera di andare in Paradiso.

Nightmare 6 - La fineModifica

«Dunque, vediamo un po' se mi ricordo. La prima volta hanno cercato di bruciarmi... poi hanno cercato di seppellirmi... ma questo... questo è il mio preferito... hanno provato addirittura con l'acqua santa. Ma io sono qui, sempre perfettamente in forma!»

(Freddy Krueger)

A sconfiggere definitivamente Freddy, sarà infine la figlia "Maggie Borroughs", vero nome Katherine Krueger, che, dopo averlo trasportato nella realtà, lo fa esplodere con la dinamite, disperdendo i Demoni dei Sogni, e mettendo fine alla saga di Nightmare.

Jason va all'infernoModifica

Tuttavia, si scoprirà che Freddy non ha perso tutti i suoi poteri e, prima di tornare all'Inferno, Freddy fa in tempo ad afferrare un suo simile appena deceduto per sempre: Jason Voorhees.

Nightmare - Nuovo incuboModifica

In questo spin-off, creato per poter ridare Freddy ai fan, la storia si ambienta nel mondo reale, dove Freddy è un personaggio fittizio creato per una serie di film[12]. Tuttavia, si scopre che Freddy è stato ispirato da un vero demone dei sogni con cui condivide i poteri ma possiede la debolezza inversa: mentre Freddy è annientato dall'oblio, il demone deve essere ricordato (anche sotto altri nomi) affinché possa essere debole. Con la fine di Freddy Krueger, il demone (che prendere le sembianze simili a quelle del suo sosia) colpisce nel mondo degli svegli, abitata dagli spettatori e dagli attori dei film. Il demone, nel corso dei secoli, ha assunto le forme che più spaventano l'umanità con l'intento di uccidere l'innocenza. A fermarlo è la stessa attrice che interpretò Nancy e suo figlio, che lo chiudono in un forno uccidendolo per sempre.

Freddy vs. JasonModifica

Recuperati molti dei suoi poteri (forse rifacendo il patto con i demoni) Freddy riporta dall'Inferno Jason e, sotto le forme di sua madre, Pamela Voorhees, gli ordina di dirigersi a Springwood e di creare paura, affinché possa riacquistare tutti i suoi poteri. Jason uccide la sua prima vittima di Elm Street nel letto, aumentando la paura della gente, ma non abbastanza da permettere a Freddy di ferirli in sogno. Dopo che Freddy recupera appieno i poteri e si trova sul punto di fare la sua prima vittima dopo molto tempo, Jason la uccide nel mondo degli svegli, facendo infuriare Freddy che inizia a pentirsi della decisione. Dopo aver reso pubblico il suo ritorno, Freddy droga Jason e lo porta con sé nel mondo dei sogni per dargli una lezione e infestare i suoi incubi approfittando del suo timore di affogare, facendogli rivivere l'incidente che quasi lo uccise al campo di Crystal Lake da piccolo. I ragazzi di Springwood, capitanati da Lori, di cui Freddy uccise la madre, facendo ricadere la colpa sul padre, portano l'addormentato Jason a Crystal Lake, mentre Lori si fa addormentare per poter riportare Freddy nel mondo degli svegli e farlo mettere contro Jason. Il piano funziona e Freddy, svantaggiato poiché privo di poteri nel mondo degli svegli, riesce a tenere testa a Jason sfruttando bombole di gas come siluri e oggi di un vicino cantiere. Infine, Lori fa esplodere i due mostri sul molo con la benzina, ma Freddy riemerge con il braccio strappato e il machete di Jason e tenta di uccidere i superstiti, ma Jason emerge e pugnala al petto Freddy con il suo stesso guanto, prima di svenire sfinito. Freddy viene decapitato da Lori e il giorno dopo, Jason riemerge dal lago con in mano la testa mozzata di Freddy, che saluta un'ultima volta il pubblico con un occhiolino.

Come confermato dai seguiti fumettistici e dallo stesso Englund, questa è l'ultimissima azione di Freddy Krueger.

NightmareModifica

Nel reboot del 2010, Freddy viene descritto come il giardiniere dell'asilo di Springwood. All'apparenza gentile ed affettuoso con i bambini, si scoprirà essere un pedofilo che compie su di loro numerose sevizie,[13] motivo per cui viene inseguito e ucciso dai genitori dei bambini che ha insidiato. In questo film Freddy indossa un abbigliamento pressoché identico a quello della saga classica, mentre le ustioni al viso sono decisamente più realistiche. Caratterialmente è diverso dalle precedenti incarnazioni: laddove il Freddy di Englund era più ironico, spigliato e spesso tendente al comico, quello di Haley è invece più freddo, cupo, viscido e, se possibile, più spietato e brutale, mantenendo anche un leggero tono comico.

ApparizioniModifica

Saga originaleModifica

  1. Nightmare - Dal profondo della notte (A Nightmare on Elm Street).
  2. Nightmare 2 - La rivincita (A Nightmare on Elm Street 2: Freddy's Revenge).
  3. Nightmare 3 - I guerrieri del sogno (A Nightmare on Elm Street 3: Dream Warriors).
  4. Nightmare 4 - Il non risveglio (A Nightmare on Elm Street 4: The Dream Masters).
  5. Nightmare 5 - Il mito (A Nightmare on Elm Street 5: The Dream Child).
  6. Nightmare 6 - La fine (Freddy's Dead: The Final Nightmare).
  7. Nightmare - Nuovo incubo (Wes Craven's New Nightmare).

Cross-overModifica

Serie TV/spin-offModifica

RebootModifica

CameoModifica

  1. Jason va all'inferno
  2. La sposa di Chucky
  3. La casa 2
  4. Behind the Mask - Vita di un serial killer

Altre apparizioniModifica

  1. Tartarughe Ninja alla riscossa dall'episodio 135: Incubi su incubi

FumettiModifica

La popolarità di Freddy gli ha consentito di apparire anche in numerose opere a fumetti. Tra le più significative, il crossover Freddy vs. Jason vs. Ash, sorta di sequel cartaceo del film Freddy vs. Jason, nel quale Freddy intende servirsi del Necronomicon per amplificare il suo potere di agire nei sogni e si scontrerà per la seconda volta con Jason e con Ash Williams. Tale fumetto ha avuto un seguito dal titolo Nightmare Warriors, che vede il ritorno sulla scena di alcuni personaggi apparsi nei franchise di Nightmare e di Venerdì 13, come Maggie Burroughs/Katherine Krueger (la figlia di Freddy), Stephen Kimble (la nipote di Freddy) e Tommy Jarvis (l'arcinemico di Jason).

LibriModifica

Freddy Krueger è presente anche in numerosi romanzi, alcuni dei quali sono novelizations dei film, mentre altri sono storie completamente originali. Particolarmente degni di nota sono i romanzi tratti dai primi cinque film della serie (di cui i primi tre sono scritti da Jeffrey Cooper e gli ultimi due da Joseph Locke), che presentano differenze significative rispetto ai film, e che ignorano completamente gli eventi mostrati nel sesto film. Nel terzo libro della saga sono narrate delle origini diverse per Freddy, il quale sarebbe nato in un vecchio manicomio chiamato Hathaway House, che aveva sede al numero 1428 di Elm Street (principale teatro delle vicende di alcuni dei film della saga) e in seguito fu spostato nello storico stabilimento del Westin Hills. In questa versione Amanda Krueger era una paziente della struttura ricoverata in stato di gravidanza che, dopo aver dato alla luce Freddy, morì per complicazioni dovute al parto. Freddy fu in seguito adottato da un protettore abusivo, che si servì del bambino per portare nuovi "clienti" per le prostitute da lui sfruttate. Il piccolo Freddy in seguito uccise l'uomo durante il sonno e, negli anni a questi eventi, divenne alcolizzato e visse una vita di vagabondaggi, arrivando a Springwood per compiere lavori saltuari ed iniziare l'attività di serial killer, uccidendo più di 20 bambini nel quartiere di Elm Street. Questa versione del passato del personaggio è tutt'oggi considerata non canonica.[14]

GiochiModifica

Dead by DaylightModifica

Freddy Krueger è stato reso un personaggio giocabile nel DLC di Nightmare on Elm Street di Dead by Daylight.

Mortal KombatModifica

Freddy Krueger è stato reso un personaggio giocabile tramite DLC del videogioco Mortal Kombat (2011) a partire dal 9 agosto 2011.

Nel videogioco, Freddy è uno spirito malevolo del Regno dei Sogni, che si appropria delle anime dei mortali durante il sonno. Quando Shao Kahn invade la Terra per impossessarsi delle anime dei suoi abitanti, Freddy lo sfida a combattere nel Regno dei Sogni. Shao Khan però lo trasporta fuori dal suo mondo e lo rende mortale, permettendogli tuttavia di conservare i suoi poteri. Freddy cerca quindi di sconfiggere Shao Khan per tornare nel Regno dei Sogni e continuare a svolgere la sua vera passione: distruggere la gioventù e l'innocenza di Elm Street. L'aspetto di Freddy nel videogioco è quello del remake del 2010 e per la prima volta usa 2 guanti artigliati.

Mosse finaliModifica

  • Tell 'em Freddy sent ya: Freddy si teletrasporta dietro l'avversario e lo afferra con gli artigli per i fianchi, per poi generare un geyser sotto ai loro piedi, all'interno del quale Freddy si immerge portando con sé l'avversario spaventato. Il geyser si chiude, e dopo qualche secondo Freddy esplode, distruggendo se stesso e l'avversario, di cui uscirà dal cratere un'immensa fontana di sangue. Questa Fatality è che una citazione al primo film: il geyser di sangue è infatti il modo in cui Freddy uccide Glen, il ragazzo di Nancy Thompson, interpretato nel primo film da Johnny Depp),
  • Welcome to my hell : Freddy fa apparire dal nulla una fornace, afferra l'avversario con gli artigli e lo scaraventa dentro. L'avversario, nel tentativo di uscire, riesce solo a tirare fuori dalla fornace un braccio, prima che Freddy, dopo salutandolo beffardamente, chiuda di scatto la porta della fornace, mozzando del tutto il braccio dell'avversario. Questa Fatality è invece un'ironia del modo in cui egli morì per la prima volta, quando era ancora umano.

NoteModifica

  1. ^ Come è mostrato in Nightmare - Nuovo incubo.
  2. ^ Nel primo episodio della serie il maglione si presentava con le maniche interamente rosse; inoltre in Nightmare - Nuovo incubo indossa un cappotto nero, degli stivali neri e anche il pollice del guanto scheletrico presenta un artiglio.
  3. ^ In Freddy vs. Jason e nel terzo episodio assume l'aspetto di un grosso scorpione e sempre in Freddy vs. Jason si trasforma nella madre di Jason; nel quinto è arrivato ad assumere le sembianze, per prendere in giro un ragazzo appassionato di fumetti, di "Super Freddy".
  4. ^ Stessa cosa accade in Freddy vs. Jason, quando uccide Mark.
  5. ^ Durante il massacro nella villa di Lisa Webber, difatti, riesce a far scatenare incendi, a rendere incandescente l'acqua della piscina ed elettrificare i recinti di metallo con la sola forza del pensiero.
  6. ^ Quando uccide una ragazza succhiandole tutta l'aria, nella realtà ella sembra morire per un attacco d'asma.
  7. ^ ferendosi ripetutamente, in modo da abituare il suo corpo a sopportare il dolore fisico.
  8. ^ Che aveva anche cercato più volte di abusare di lui.
  9. ^ Che indossa per uccidere i bambini.
  10. ^ Nel primo episodio della serie televisiva questi eventi sono descritti in maniera abbastanza dettagliata, e si scopre che a uccidere Freddy non furono i genitori delle sue vittime - nonostante fossero giunti sul posto per giustiziarlo - bensì l'agente Tim Blocker, il poliziotto che lo arrestò e che, ritenendosi in parte responsabile del suo rilascio, lo uccise convinto di rimediare al danno compiuto.
  11. ^ Una dei pochi guerrieri del sogno sopravvissuti del terzo film.
  12. ^ Non facente parte della saga originale ma è una pellicola a parte.
  13. ^ Sua abitudine è portarli in una stanza nascosta nel seminterrato dell'asilo, stanza chiamata dalle sue piccole vittime "la sua caverna oscura".
  14. ^ http://nightmareonelmstreetfilms.com/site/features/series-faq/

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316438020 · LCCN (ENsh92004229 · BNF (FRcb13179251t (data)
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema