Gianfranco Matteoli

dirigente sportivo e calciatore italiano

Gianfranco Matteoli (Nuoro, 21 aprile 1959) è un dirigente sportivo ex allenatore di calcio ed ex calciatore italiano. Attualmente svolge il ruolo di osservatore per il settore giovanile dell’Inter.

Gianfranco Matteoli
Matteoli all'Inter a fine anni 1980
NazionalitàBandiera dell'Italia Italia
Altezza172 cm
Peso68 kg
Calcio
RuoloAllenatore (ex centrocampista)
Termine carriera1995 - giocatore
2016 - allenatore
Carriera
Giovanili
1975Cantù
Squadre di club1
1975-1976Cantù3 (0)
1976-1977Como1 (0)
1977-1978Giulianova8 (0)
1978-1979Como5 (1)
1979-1980Osimana31 (4)
1980-1982Reggiana71 (8)
1982-1985Como96 (7)
1985-1986Sampdoria22 (1)
1986-1990Inter116 (5)
1990-1994Cagliari130 (5)
1994-1995Perugia31 (3)
Nazionale
1984-1986Bandiera dell'Italia Italia U-2114 (0)
1986-1987Bandiera dell'Italia Italia6 (0)
Carriera da allenatore
2001Cagliari
2015-2016ComoColl.Tecnico
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Argento1986
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vincitore di uno scudetto e di una Supercoppa italiana con l'Inter, oltre che di due campionati di Serie C1 con le maglie di Como e Reggiana, ha detenuto per cinque anni il primato per la rete più veloce della Serie A: il 27 novembre 1988 realizzò un gol contro il Cesena a 9 secondi e 9 decimi dall'inizio della partita.[1]

Biografia

modifica

Nato all'ospedale San Francesco di Nuoro, ma originario di Ovodda. Nel paesino della Barbagia di Ollolai muove i suoi primi passi nella squadra dell'oratorio locale "Sacro Cuore". Nel 1975 a 15 anni viene scartato a dei provini con il Cagliari[2], al tempo una delle squadre più importanti in Serie A (solo cinque anni prima vinse lo Scudetto con Gigi Riva), e dopo essere stato visionato dall'osservatore del Como Mino Favini[3] emigrò in Lombardia per giocare nel Cantù. La squadra brianzola in cambio fornì all'oratorio ovoddese due mute di maglie, trenta palloni, dieci paia di scarpe e sedici borse[4].

Nel 2016 a Palmas Arborea, in provincia di Oristano, apre il Centro Sportivo Simba, centro di formazione ufficiale dell'Inter per la crescita di giovani calciatori[5].

Caratteristiche tecniche

modifica

Centrocampista offensivo, nella stagione 1988-1989 fu schierato nel ruolo di regista dal tecnico dell'Inter Giovanni Trapattoni, adeguandosi con profitto alla nuova collocazione tattica.[6][7] Tecnica, dinamismo e correttezza erano le sue doti più evidenti.[6]

Carriera

modifica

Giocatore

modifica

Disputa il suo primo anno da calciatore nelle giovanili del Cantù nel 1975-76, al tempo militante in Serie D e satellite del Como, e già nello stesso anno esordisce in prima squadra collezionando a fine stagione tre presenze in maglia granata.

L'anno successivo viene aggregato alla Primavera del Como allenata da Narciso Pezzotti e già nel 1976-1977 viene chiamato in Prima squadra da Osvaldo Bagnoli che lo fa esordire in serie cadetta alla 33ª giornata in casa contro la SPAL. Tuttavia il Como lo manda in giro per l'Italia "per farsi le ossa"[4]: passa infatti al Giulianova, e dopo un veloce ritorno in riva al Lario nel gennaio 1978 va all'Osimana e infine alla Reggiana, dove si mette in luce e disputa due stagioni da titolare con la squadra emiliana.

 
Matteoli capitano del Como nel 1985, alle prese con il futuro compagno di squadra in nerazzurro Giuseppe Baresi.

Ritorna al Como nell'estate 1982 e dopo due stagioni in Serie B conquista la Serie A. Il suo esordio in Serie A avvenne il 16 settembre 1984 nella partita Como-Juventus (0-0). Distintosi come uno dei migliori trequartisti della stagione,[8] nel 1985 passa alla Sampdoria. Il centrocampista sardo naviga tra i campioni della massima serie e così dopo una stagione a Genova avviene il suo trasferimento a Milano per 4,8 miliardi di lire[9] dove poi entrerà a far parte dello scacchiere dell'Inter dei record di Giovanni Trapattoni, contribuendo con ottime prestazioni alla vittoria dello scudetto dei record.[6] Il 27 novembre 1988 va in gol contro il Cesena dopo 9 secondi e 9 decimi, realizzando quella che, fino al 10 gennaio 1993, sarà la rete più veloce nella storia della Serie A.[1] In maglia nerazzurra Matteoli vince anche la Supercoppa italiana 1989.

Nel 1990 rientra nella sua terra e veste la maglia del Cagliari, che in tre campionati, dopo molti anni di assenza dalle competizioni europee, raggiunge la qualificazione alla Coppa UEFA. In Europa raggiunge con il Cagliari la semifinale di Coppa UEFA venendo eliminato dall'Inter, vincitrice poi del torneo. Nella stagione 1994-95 passa al Perugia in Serie B, dove chiuderà la sua attività calcistica.

Nazionale

modifica
 
Matteoli in azione da fuoriquota con l'Italia Under-21 nel 1985

Tra il 1984 e il 1986 ha disputato 14 partite con l'Italia Under-21, prendendo parte, da fuoriquota, all'Europeo 1986.[8]

Ha esordito nella nazionale maggiore a 27 anni, il 6 dicembre 1986, in una partita contro Malta valevole per le qualificazioni al campionato d'Europa 1988. Disputerà altre due gare di qualificazione e tre amichevoli, per un totale di 6 presenze.

Allenatore e dirigente

modifica

Dal 1999 è Responsabile Tecnico del settore giovanile Cagliari. Da quando si è insediato nella dirigenza sarda ha iniziato un progetto di rinnovamento nella politica del settore giovanile, privilegiando i ragazzi dell'isola piuttosto che giovani promesse provenienti dai grandi club.[10] Questo progetto ha cominciato a dare i suoi frutti, tanto che nel 2007 la squadra è giunta al terzo posto del gruppo B del campionato Primavera e per alcune giornate è stata capolista nel proprio girone.

Il 15 ottobre 2001 divenne tecnico del Cagliari insieme a Giulio Nuciari, in sostituzione dell’esonerato Antonio Sala.[11] Il 18 dicembre dopo gli scarsi risultati ottenuti portarono però il presidente Cellino a sostituire l'inedita coppia di allenatori con il più navigato Nedo Sonetti, cosicché Matteoli tornò ben presto al ruolo di dirigente.[12] Il 29 dicembre 2005 viene promosso a direttore dell’area tecnica.[13]

Il 21 maggio 2013 viene insignito del premio "Maestrelli" per il lavoro svolto con il Settore Giovanile del Cagliari.[14]

Il 26 maggio 2015 la società sarda annuncia che Mario Beretta sostituirà Matteoli a partire dal 1º luglio.[15]

Il 1º novembre entra a far parte dello staff tecnico del Como, diventando consulente del nuovo allenatore del club lariano Gianluca Festa.[16] L'esperienza si chiuderà nel marzo seguente.

Il 4 luglio 2016 viene nominato osservatore del settore giovanile dell’Inter.[17]

Riconoscimenti

modifica

Il Cagliari lo ha inserito nella sua Hall of Fame.[18]

Statistiche

modifica

Cronologia presenze e reti in nazionale

modifica
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-12-1986 La Valletta Malta   0 – 2   Italia Qual. Euro 1988 -   74’
24-1-1987 Bergamo Italia   5 – 0   Malta Qual. Euro 1988 -   56’
14-2-1987 Lisbona Portogallo   0 – 1   Italia Qual. Euro 1988 -   76’
18-4-1987 Colonia Germania Ovest   0 – 0   Italia Amichevole -   57’
10-6-1987 Zurigo Italia   3 – 1   Argentina Amichevole -   77’
23-9-1987 Pisa Italia   1 – 0   Jugoslavia Amichevole -   53’
Totale Presenze 6 Reti 0

Palmarès

modifica

Giocatore

modifica
Como: 1978-1979 (girone A)
Reggiana: 1980-1981 (girone A)
Inter: 1988-1989
Inter: 1989
  1. ^ a b Il record verrà battuto il 10 gennaio 1993 da Marco Branca (che andò in gol dopo 9 secondi e un decimo), a sua volta superato da Paolo Poggi (8 secondi e 9 decimi) il 2 dicembre 2001. Fonte: I 3 gol più veloci della storia, in Corriere della Sera, 3 febbraio 2003, p. 41.
  2. ^ Gianfranco Matteoli, il regista dell’Inter dei record, su corrieredellosport.it, 1º marzo 2019. URL consultato il 4 novembre 2021.
  3. ^ Mino Favini: «Questa Italia specchio del Paese. Ora bisogna puntare sui vivai e sulla qualità dei giovani giocatori», su corrieredicomo.it, 26 giugno 2014. URL consultato il 6 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2021).
  4. ^ a b Il ragazzo dell'oratorio (PDF), in L'Unità, 2 febbraio 1992, p. 28.
  5. ^ Calcio Giovanile, da Matteoli il nuovo Centro di Formazione Inter, su unionesarda.it, 14 ottobre 2016. URL consultato il 6 novembre 2021.
  6. ^ a b c Gianni Mura, 7,5 a Berti (escluso il look), in Speciale Scudetto 88-89, la Repubblica, 30 maggio 1989, p. 3.
  7. ^ Luigi Pastore, L'orgoglio di Ferri: "È un'Inter solida", in la Repubblica, 7 ottobre 2001, p. 9, sez. Milano.
  8. ^ a b Panini, vol. 1, p. 20.
  9. ^ Panini, vol. 3, p. 10.
  10. ^ Cagliari, un'isola al comando, su gazzetta.it, 13 dicembre 2006.
  11. ^ Cagliari: squadra affidata al duo Nuciari-Matteoli, su tuttomercatoweb.com, 15 ottobre 2001.
  12. ^ Cagliari: esonerato Nuciari, sulla panchina Sonetti, su tuttomercatoweb.com, 18 dicembre 2001.
  13. ^ Cagliari: Matteoli promosso Direttore Tecnico, su tuttomercatoweb.com, 29 dicembre 2005.
  14. ^ Matteoli premiato con il "Maestrelli", su cagliaricalcio.net, 21 maggio 2013. URL consultato il 21 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2013).
  15. ^ Comunicato della Società, su cagliaricalcio.net, 26 maggio 2015. URL consultato il 26 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2015).
  16. ^ Ufficiale: Como, Festa nuovo allenatore, su tuttomercatoweb.com, 1º novembre 2015.
  17. ^ Inter: dopo Samuel torna un altro ex. Per il settore giovanile scelto…, su fcinter1908.it, 4 luglio 2016.
  18. ^ Hall of fame Cagliari Calcio (PDF), su cagliaricalcio.com. URL consultato l'11 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2012).

Bibliografia

modifica
  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, vol. 1 (1984-1985), ed. speciale per La Gazzetta dello Sport, Modena, Panini, 7 maggio 2012.
  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, vol. 3 (1986-1987), ed. speciale per La Gazzetta dello Sport, Modena, Panini, 21 maggio 2012.

Collegamenti esterni

modifica