Apri il menu principale
Gioacchino Alfano
Gioacchino Alfano daticamera.jpg

Sottosegretario di Stato del Ministero della Difesa
Durata mandato 28 aprile 2013 –
1º giugno 2018
Presidente Enrico Letta
Matteo Renzi
Paolo Gentiloni

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIV, XV, XVI, XVII
Gruppo
parlamentare
XIV - XV:
- Forza Italia

XVI:
- Il Popolo della Libertà

XVII:
- Il Popolo della Libertà (Da inizio legislatura al 18/11/2013)

- Alternativa Popolare-Centristi per l'Europa (Dal 18/11/2013 a fine legislatura)

Circoscrizione Campania 1
Collegio XIV:
21 (Castellammare di Stabia)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico FI (Fino al 2009)
PdL (2009-2013)
NCD (2013-2017)
AP (2017-2018)
Titolo di studio Laurea in Economia e Commercio
Professione Revisore Contabile,
Giornalista Pubblicista

Gioacchino Alfano (Sant'Antonio Abate, 12 luglio 1963) è un politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Laureato in economia e commercio, commercialista, revisore contabile, consulente tecnico al tribunale di Torre Annunziata, consulente del lavoro e curatore fallimentare, è stato esponente de Il Popolo della Libertà.[1] È stato per due volte sindaco di Sant'Antonio Abate in provincia di Napoli, sua città natale.

È stato eletto per la prima volta alla Camera dei deputati nel 2001 nel collegio maggioritario di Castellammare di Stabia, in Campania, in rappresentanza della coalizione di centrodestra.

È stato riconfermato deputato nelle elezioni del 2006 e del 2008. Membro del consiglio direttivo del PdL alla Camera.[2]

Alfano è relatore, insieme a Raffaele Volpi (Lega Nord), del decreto milleproroghe approvato alla Camera il 25 febbraio 2011 con 309 voti favorevoli, 287 contrari e nessun astenuto, dopo che il governo ha posto la questione di fiducia.[3]

È stato inoltre relatore, insieme a Gabriella Carlucci (PdL), del DDL omnibus approvato definitivamente alla Camera il 25 maggio 2011 con 313 voti favorevoli, 291 contrari e 2 astenuti, dopo che il governo ha posto la questione di fiducia.[4]

Il 2 maggio 2013 viene nominato sottosegretario di Stato al Ministero della Difesa sotto il ministro Mario Mauro nel Governo Letta.

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà[5], aderisce al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano[6][7]. Il 10 gennaio 2014 viene indicato come nuovo coordinatore regionale del Nuovo Centrodestra per la Campania[8].

Il 28 febbraio 2014 viene nominato, insieme a Domenico Rossi, sottosegretario di stato al ministero della difesa sotto il ministro Roberta Pinotti (governo Renzi),[9]l ruolo per nel quale viene riconfermato il 29 dicembre 2016 nel successivo governo Gentiloni[9].

Alle elezioni politiche del 2018 è candidato al Senato per la coalizione di centro-sinistra, in rappresentanza di Civica Popolare, nel collegio uninominale di Napoli-Arenella, ma arriva terzo e non viene eletto.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica