Apri il menu principale

Gran Premio di San Marino 1986

corsa automobilistica
San Marino Gran Premio di San Marino 1986
423º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 3 di 16 del Campionato 1986
Imola 1981.jpg
Data 27 aprile 1986
Nome ufficiale VI Gran Premio di San Marino
Luogo Imola
Percorso 5.040 km
Distanza 60 giri, 302.400 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Brasile Nelson Piquet
Lotus-Renault in 1:25.050 Williams-Honda in 1:28.667
(nel giro 57)
Podio
1. Francia Alain Prost
McLaren-TAG Porsche
2. Brasile Nelson Piquet
Williams-Honda
3. Austria Gerhard Berger
Benetton-BMW

Il Gran Premio di San Marino 1986, è la terza gara del campionato di Formula 1 del 1986, si è disputato il 27 aprile sul Circuito di Imola ed è stato vinto da Alain Prost su McLaren-TAG Porsche.

Indice

VigiliaModifica

La Zakspeed iscrive una seconda vettura per l'olandese Huub Rothengatter, mentre la Lola adotta da questo gran premio il motore Ford Cosworth. Per il costruttore motoristico inizia una striscia di presenze consecutive nei gran premi che terminerà solo col Gran Premio del Brasile 2007.

Viene iscritta, ma non partecipa, la scuderia svedese Ekström.

QualificheModifica

 
Nelson Piquet, fotografato nel paddock di Imola nel 1986.

ResocontoModifica

Nelle qualifiche Senna ottenne il miglior tempo, seguito dal connazionale Piquet e da Mansell. Seguirono Alain Prost e Michele Alboreto. Rosberg, Johansson, Arnoux, Gerhard Berger e Fabi chiusero poi il gruppo dei primi dieci.

Al termine delle prove del sabato Piquet si dichiarò molto soddisfatto della sua vettura e affermò di ritenere di avere ottime probabilità di vincere la gara,[1] mentre Senna non si espose, evidenziando anzi alcuni problemi da lui rilevati durante le qualifiche.[1] Anche Prost ritenne soddisfacente la sua prestazione, rivelando un certo ottimismo.[1] Alboreto rilasciò invece dichiarazioni che invitavano alla prudenza, viste anche le continue rotture della Ferrari, mentre né PatreseDe Angelis vedevano possibilità di fare una buona gara.[1]

RisultatoModifica

Nella sessione di qualifica[2] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 12   Ayrton Senna   Lotus-Renault 1:25.050 1
2 6   Nelson Piquet   Williams-Honda 1:25.569 2
3 5   Nigel Mansell   Williams-Honda 1:26.159 3
4 1   Alain Prost   McLaren-TAG Porsche 1:26.176 4
5 27   Michele Alboreto   Ferrari 1:26.263 5
6 2   Keke Rosberg   McLaren-TAG Porsche 1:26.385 6
7 28   Stefan Johansson   Ferrari 1:27.009 7
8 25   René Arnoux   Ligier-Renault 1:27.403 8
9 20   Gerhard Berger   Benetton-BMW 1:27.444 9
10 19   Teo Fabi   Benetton-BMW 1:27.538 10
11 16   Patrick Tambay   Lola-Hart 1:27.860 11
12 18   Thierry Boutsen   Arrows-BMW 1:28.022 12
13 3   Martin Brundle   Tyrrell-Renault 1:28.329 13
14 26   Jacques Laffite   Ligier-Renault 1:28.389 14
15 17   Marc Surer   Arrows-BMW 1:28.637 15
16 7   Riccardo Patrese   Brabham-BMW 1:28.828 16
17 11   Johnny Dumfries   Lotus-Renault 1:29.244 17
18 24   Alessandro Nannini   Minardi-Motori Moderni 1:29.244 18
19 8   Elio De Angelis   Brabham-BMW 1:29.713 19
20 14   Jonathan Palmer   Zakspeed 1:30.024 20
21 15   Alan Jones   Lola-Ford Cosworth 1:30.087 21
22 4   Philippe Streiff   Tyrrell-Renault 1:30.123 22
23 23   Andrea De Cesaris   Minardi-Motori Moderni 1:30.131 23
24 18   Huub Rothengatter   Zakspeed 1:31.953 24
25 22   Christian Danner   Osella-Alfa Romeo 1:33.806 25
26 21   Piercarlo Ghinzani   Osella-Alfa Romeo 1:34.461 26

GaraModifica

ResocontoModifica

 
Keke Rosberg impegnato con la sua McLaren ad Imola.

Al via Piquet superò Senna, portandosi al comando, mentre Nannini venne subito eliminato da un contatto al via con Jacques Laffite. Il brasiliano della Williams impose fin dall'inizio un ritmo gara molto elevato,[3] che il solo Rosberg, portatosi in seconda posizione, sembrò reggere.[3] Nel frattempo Nigel Mansell venne costretto al ritiro dopo appena cinque giri per problemi elettronici e pochi giri più tardi uscì di scena pure Senna.

I piloti della McLaren cominciarono, però, a recuperare terreno e, dopo le soste ai box, Prost si portò in testa, anche a causa di un rifornimento prolungato del compagno di squadra.[3] Piquet, invece, fu costretto a rallentare a causa di problemi alla frizione, tanto che Alboreto riuscì ad avvicinarsi parecchio.[3] Nell'ultima parte di gara, però, il pilota italiano fu costretto al ritiro, così come Rosberg che dovette rinunciare al suo secondo posto per aver finito la benzina a due giri dal termine, ma fu comunque classificato quinto.[3] Anche Prost rischiò di abbandonare la gara nel corso dell'ultimo giro per il medesimo motivo, ma riuscì procedendo a zigzag a far giungere alcune gocce di carburante al motore, concludendo la corsa al primo posto.[3] Dietro di lui giunsero Piquet, Berger, Johansson, alle prese con problemi ai freni,[3] Rosberg e Patrese.

RisultatiModifica

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 1   Alain Prost McLaren-TAG Porsche 60 1:32:28.408 4 9
2 6   Nelson Piquet Williams-Honda 60 + 7.645 2 6
3 20   Gerhard Berger Benetton-BMW 59 + 1 Giro 9 4
4 28   Stefan Johansson Ferrari 59 + 1 Giro 7 3
5 2   Keke Rosberg McLaren-TAG Porsche 58 Mancanza di benzina 6 2
6 7   Riccardo Patrese Brabham-BMW 58 Mancanza di benzina 16 1
7 18   Thierry Boutsen Arrows-BMW 58 + 2 Giri 12  
8 3   Martin Brundle Tyrrell-Renault 58 + 2 Giri 13  
9 17   Marc Surer Arrows-BMW 57 + 3 Giri 15  
10 27   Michele Alboreto Ferrari 56 Turbo 5  
Rit 21   Piercarlo Ghinzani Osella-Alfa Romeo 52 Mancanza di benzina 26  
Rit 25   René Arnoux Ligier-Renault 46 Ruota 8  
Rit 4   Philippe Streiff Tyrrell-Renault 41 Trasmissione 22  
Rit 19   Teo Fabi Benetton-BMW 39 Motore 10  
Rit 14   Jonathan Palmer Zakspeed 38 Freni 20  
Rit 22   Christian Danner Osella-Alfa Romeo 31 Problemi elettrici 25  
Rit 15   Alan Jones Lola-Ford 28 Surriscaldamento 21  
Rit 23   Andrea De Cesaris Minardi-Motori Moderni 20 Motore 23  
Rit 8   Elio De Angelis Brabham-BMW 19 Motore 19  
Rit 26   Jacques Laffite Ligier-Renault 14 Trasmissione 14  
Rit 12   Ayrton Senna Lotus-Renault 11 Cuscinetto di ruota 1  
Rit 5   Nigel Mansell Williams-Honda 8 Motore 3  
Rit 11   Johnny Dumfries Lotus-Renault 8 Cuscinetto di ruota 17  
Rit 29   Huub Rothengatter Zakspeed 7 Turbo 24  
Rit 16   Patrick Tambay Lola-Hart[4] 5 Motore 11  
Rit 24   Alessandro Nannini Minardi-Motori Moderni 0 Collisione con J.Laffite 18  

ClassificheModifica

NoteModifica

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da The Official Formula 1 website, su formula1.com.

  1. ^ a b c d Cristiano Chiavegato, Piquet lancia la sfida: <<Vinco io>>, in Stampa Sera, 27 aprile 1986, p. 27.
  2. ^ Sessione di qualifica, su statsf1.com.
  3. ^ a b c d e f g Cristiano Chiavegato, Vince Prost all'ultima goccia, in Stampa Sera, 28 aprile 1986, p. 23.
  4. ^ Maurice (ed.) Hamilton, AUTOCOURSE 1986-87, Hazleton Publishing, 1986, p. 234, ISBN 0-905138-44-9.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1986
                               
   

Edizione precedente:
1985
Gran Premio di San Marino
Edizione successiva:
1987
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1