Happy End (film 2017)

film del 2016 diretto da Michael Haneke
Happy End
Happy End 2017.png
Il cast corale (con l'eccezione di Franz Rogowski) in una scena del film.
Lingua originaleinglese, francese
Paese di produzioneFrancia, Austria, Germania
Anno2017
Durata107 min
Rapporto1,85:1
Generedrammatico
RegiaMichael Haneke
SceneggiaturaMichael Haneke
ProduttoreMargaret Ménégoz
Casa di produzioneARTE France Cinéma, France 3 Cinéma, Les Films du Losange, Wega Film, X-Filme Creative Pool
Distribuzione in italianoCINEMA
FotografiaChristian Berger
MontaggioMonika Willi
CostumiCoralie Sanvoisin
TruccoFrédérique Ney, Vesna Peborde, Fabie Roger
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Happy End è un film del 2017 scritto e diretto da Michael Haneke.

Il film, con protagonisti Jean-Louis Trintignant e Isabelle Huppert, è stato selezionato in concorso al Festival di Cannes 2017[1] e per rappresentare l'Austria ai premi Oscar 2018 nella categoria Oscar al miglior film in lingua straniera.[2]

TramaModifica

Il film è ambientato in una famiglia dell'alta borghesia con un ritratto incentrato sulla perdita dei valori. Sullo sfondo la città di Calais. Georges Laurent è il fondatore di un'azienda edile ora affidata alla figlia Anne e al nipote Pierre.

Il film inizia con clip filmate di nascosto con uno smartphone da Eve Laurent, un'adolescente, che mostra sua madre e scrive messaggi affermando che la madre è egoista e indifferente. L'ultima clip mostra la madre di Eve incosciente ed Eve che ammette di averla avvelenata con un sedativo.

La scena successiva mostra il video della telecamera di sicurezza di un cantiere dei Laurent in cui accade un incidente che fa crollare una parete della costruzione e dei bagni. Anne viene poi mostrata a cena con suo padre Georges, che soffre di demenza, e suo figlio Pierre, che lavora con lei e ha problema di alcol. Vivono tutti insieme in una grande dimora a Calais insieme all'altro figlio, Thomas Laurent, che è un chirurgo, e il suo moglie Anaïs. Eve viene a vivere con il padre Thomas mentre sua madre è in ospedale.

Scopriamo, intanto, che l'incidente al cantiere ha ferito gravemente uno dei lavoratori edili.

Thomas ha una relazione fortemente passionale con un'altra donna, la musicista Claire, e la figlia Eve inizia a sospettarlo. Un giorno in spiaggia sente il padre parlare al cellulare con una donna, e gli chiede se ama ancora Anais.

Pierre si reca in un condominio nel banlieue per visitare la famiglia dell'operaio ferito e viene affrontato e picchiato duramente da un giovane, che si rivela essere il figlio del muratore ferito nell'incidente. Pierre quindi fugge dalla villa e si nasconde in un appartamento vuoto, dove viene trovato da Anne. Hanno una discussione durante la quale gli chiede perché ha iniziato a bere, lo accusa di non prendere sul serio il suo lavoro nell'impresa edile e gli dice che se fosse andato in polizia dopo essere stato picchiato, le loro possibilità nella loro controversia legale con la famiglia del muratore sarebbero andate a loro vantaggio. In seguito vediamo lei e il suo avvocato parlare con la famiglia, offrire un po' 'di soldi e cercare di dissuaderli dal fare causa minacciando di sporgere denuncia per l'assalto fisico a Pierre.

Georges Laurent fugge di casa e viene mostrato a tarda notte mentre viaggia in auto che dirige direttamente su un albero in un tentativo di suicidio. Ora, usando una sedia a rotelle a causa di fratture ossee causate dall'incidente d'auto, chiede al suo parrucchiere di lunga data di ottenere una pistola o un farmaco per un altro tentativo di suicidio, ma il parrucchiere rifiuta.

Eve, intanto, entra nel computer del padre e trova molte e-mail e messaggi di chat che dimostrano che ha una relazione sessuale sadomasochistica con Claire. Eve cerca di suicidarsi ma sopravvive e, quando suo padre le chiede nel suo letto d'ospedale perché lo ha fatto, lo affronta con la sua conoscenza della sua relazione e lo accusa di non poter amare nessuno, né sua madre, né Anaïs, né se stessa. Thomas rimane senza parole. Poco tempo dopo, la madre di Eva muore per avvelenamento.

Dopo il tentativo di suicidio di Eve, Thomas chiede a Georges di parlarle e lui le chiede perché ha preso i sedativi. Quando non risponde, Georges le racconta la storia di come, quando sua moglie si è ammalata, ha sofferto così terribilmente che alla fine l'ha soffocata e l'ha uccisa. Eve gli racconta la storia di quando era una bambina poco dopo che suo padre aveva lasciato sua madre e fu mandata in un campo giovanile dove le furono prescritti sedativi. Non prese il farmaco ma lo metteva nel cibo a un'altra ragazza del campo che non le piaceva. Quando fu rilevato l'avvelenamento, Eve fu mandata a casa. Quando Georges le chiede se si pente di averlo fatto, lei conferma ma non gli racconta altro.

Infine alla festa di Anne in un ristorante sulla spiaggia, Pierre arriva in ritardo con diversi rifugiati della giungla di Calais. Quando inizia a presentarli alla folla della festa, Anne gli lussa un dito per fermarlo. Mentre ciò accade, Georges chiede a Eve di portarlo fuori. Lasciando la festa inosservata, le chiede di spingerlo giù per un scivolo per barche nel mare. Vanno fino al bordo dell'acqua e chiede alla nipote di lasciarlo solo per procedere a spingersi nell'acqua fino al collo. Mentre Eve inizia a registrare suo nonno con il suo smartphone, l'ultima scena del film vista attraverso l'obiettivo del telefono mostra Georges quasi completamente immerso nell'acqua proprio mentre Thomas e Anne lo inseguono con Anne che lancia uno sguardo scioccato a Eve.

PromozioneModifica

Il 17 maggio 2017 viene diffusa la prima clip del film.[3]

DistribuzioneModifica

Il film è stato proiettato in anteprima il 22 maggio 2017 al Festival di Cannes.[4] Il film è uscito in Francia il 4 ottobre 2017, e in seguito in Austria (6 ottobre) e Germania (12 ottobre).[4][5] In Italia è uscito nelle sale il 30 novembre.[6]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Cannes celebrates 70 years of Festival, Festival di Cannes. URL consultato il 17 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2017).
  2. ^ Oscars: Italy Enters Scorsese-Shepherded ‘A Ciambra’ In Foreign Language Race, deadline.com. URL consultato il 26 settembre 2017.
  3. ^ Emanuele Biotti, Happy End: Jean-Louis Trintignant nella prima clip del nuovo film di Michael Haneke, badtaste.it, 17 maggio 2017. URL consultato il 17 maggio 2017.
  4. ^ a b (EN) HAPPY END, filmsdulosange.fr. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) Happy End – Release Dates, viva-press.com. URL consultato il 5 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2017).
  6. ^ Happy End, in MYmovies.it, Mo-Net Srl.
  7. ^ Pierre Hombrebueno, European Film Awards 2017: The Square di Ruben Östlund guida le nomination, Best Movie, 4 novembre 2017. URL consultato il 6 novembre 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema