Apri il menu principale

La gente mormora

film del 1951 diretto da Joseph L. Mankiewicz
La gente mormora
La gentе mormora.png
una scena del film
Titolo originalePeople Will Talk
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1951
Durata110 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37 : 1
Generecommedia
RegiaJoseph L. Mankiewicz
SoggettoCurt Goetz
SceneggiaturaJoseph L. Mankiewicz
ProduttoreDarryl L. Zanuck
Casa di produzioneTwentieth Century Fox Film Corporation
Distribuzione in italiano20th Century Fox
FotografiaMilton R. Krasner
MontaggioBarbara McLean
MusicheAlfred Newman
ScenografiaGeorge W. Davis e Lyle Wheeler Thomas Little e Walter M. Scott (arredatori)
CostumiCharles Le Maire
TruccoBen Nye
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La gente mormora (People Will Talk) è un film di genere commedia-romantico del 1951 diretto da Joseph L. Mankiewicz e prodotto da Darryl F. Zanuck, tratto dall'opera teatrale di Curt Goetz, da cui derivò il film tedesco Doctor Praetorius del 1950. Distribuito dalla Twentieth Century Fox, il film è stato nominato per il premio Writers Guild of America per la migliore commedia americana.

TramaModifica

Nell'università di medicina il perfido e invidioso dottor Edwell sta conducendo segretamente un'indagine contro il celebre e attraente ma poco accademico collega Noah Pretorius. Noah è un medico ginecologo autonomo, che dirige una propria clinica, molto apprezzato dai suoi allievi e pazienti.

Durante una lezione di anatomia una sua allieva di nome Deborah perde conoscenza e il Dottore, indagando sul motivo dello svenimento, scopre dalle analisi che la ragazza è incinta. Comunicando la notizia la giovane cade nella disperazione raccontando al dottore che lei ha avuto un rapporto con un suo coetaneo che l'ha raggirata, poi dileguandosi.

Deborah ha il terrore di comunicare ciò al vecchio padre, unico genitore in vita, perché questi ne soffrirebbe essendo lei l'unica figlia gioia della sua vita e, rimasta sola nella clinica, disperata, tenta il suicidio sparandosi con una pistola, ma fortunatamente si ferisce solo di striscio.

A questo punto Il dottor Pretorius la fa ricoverare nella sua clinica e, per evitare che ripeta il gesto, le dice che c'è stato un errore nelle analisi e che lei quindi non aspetta alcun bambino, con l'intenzione poi di andare a casa della ragazza per preparare e informare il padre alla notizia.

Deborah si è però innamorata di Pretorius e credendo che il dottore non nutra alcun sentimento verso di lei, se non quello professionale di medico, fugge dalla clinica recandosi dal padre con cui vive in una fattoria distante dalla città.

Pretorius, informato dalle infermiere della fuga della ragazza, si mette in macchina di mattina presto con il suo fidato amico Shunderson e raggiunge Deborah nella sua casa.

La giovane, inizialmente, non comprende il motivo per il quale il dottore sia venuto a cercarla, ma poi si rende conto come anche Pretorius si sia innamorato di lei.

I due convolano felicemente a nozze, ma poche settimane dopo la ragazza scopre, con stupore e irritazione che suo marito le ha mentito, lei è in stato interessante, aspetta un bambino di un altro.

Deborah crede allora che Pretorius l'abbia sposata per pietà e salvare la situazione e non per amore, ma poi si rende conto che suo marito è realmente innamorato di lei, accettando il bambino come fosse suo figlio.

Intanto il perfido collega Edwell, geloso del suo successo, lo fa comparire davanti a una commissione d'inchiesta dell'Università, con l'accusa di avere esercitato la professione da mero ciarlatano e di aver protetto il suo amico Shunderson che in realtà è un assassino.

Al processo sommario, prima di una esibizione nella sala dell'università come direttore d'orchestra, Pretorius racconta di come si era guadagnato il denaro necessario per poter aprire una clinica propria. Dopo la laurea, aveva esercitato in provincia dove aveva aperto una macelleria spacciandosi per curatore con gli abitanti del paese, ingenui e sprovveduti, che non credevano nella medicina, nascondendo la propria laurea. Quando questi avevano scoperto che egli era un dottore laureato era dovuto fuggito dal paese.

Shunderson era stato condannato alla pena capitale per aver ucciso un uomo. Non essendo però mai stato trovato il presunto cadavere, la pena era stata commutata in 15 anni di carcere. Scontata la pena, il pover'uomo, innocente, aveva casualmente incontrato il "cadavere", sua vittima, che stava tranquillamente pranzando in un ristorante. In un attacco di rabbia Shunderson in una colluttazione aveva colpito a morte l'uomo e per questo era stato condannato una seconda volta alla pena capitale per lo stesso omicidio. Questa volta la sentenza era stata però eseguita, ma il malcapitato, creduto ormai morto, era stato affidato a Pretorius per lezioni di anatomia.

Il Dottore, accortosi che la "salma" era in realtà ancora viva, aveva rianimato l'uomo che poi gli aveva raccontato le sue sventure, al che Pretorius aveva deciso di dare all'uomo una nuova possibilità, prendendolo sotto la sua protezione.

Inutile dire che tutte le accuse di Edwell cadono e Pretorius può finalmente andare a dirigere la sua orchestra sotto gli occhi raggianti di sua moglie, del suocero e di tutti i suoi amici che lo stimano.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema