Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen

politico tedesco
Leopoldo
LeopoldHS.jpg
Principe di Hohenzollern
Capo del Casato di Hohenzollern-Sigmaringen
Stemma
Predecessore Carlo Antonio
Successore Guglielmo
Nome completo Leopold Stephan Karl Anton Gustav Eduard Tassilo
Nascita Krauchenwies, 22 settembre 1835
Morte Berlino, 8 giugno 1905
Padre Carlo Antonio, Principe di Hohenzollern-Sigmaringen
Madre Principessa Giuseppina di Baden
Consorte Infanta Antonia del Portogallo
Figli Guglielmo, Principe di Hohenzollern-Sigmaringen
Ferdinando I di Romania
Principe Carlo Antonio

Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen (nome completo Leopold Stefan Karl Anton Gustav Eduard Tassilo Fürst von Hohenzollern-Sigmaringen[1]; Krauchenwies, 22 settembre 1835Berlino, 8 giugno 1905) fu principe della casa di Hohenzollern-Sigmaringen[1], il ramo della famiglia Hohenzollern rimasto fedele al cattolicesimo.

Famiglia di origineModifica

Leopoldo era il figlio maggiore del principe Carlo Antonio di Hohenzollern-Sigmaringen e della principessa Giuseppina di Baden[1]. I suoi nonni paterni furono Carlo di Hohenzollern-Sigmaringen e Maria Antonietta Murat, quelli materni Carlo II di Baden e Stefania di Beauharnais. Tra i suoi fratelli di ricordano Carlo primo re di Romania della famiglia Hohenzollern-Sigmaringen e Stefania regina di Portogallo.

BiografiaModifica

Il 12 settembre del 1861 sposò a Lisbona l'infanta del Portogallo Antonia di Braganza figlia della regina Maria II e del re Ferdinando di Sassonia Coburgo-Gotha, co-regnante assieme alla moglie[1]. A seguito della rivoluzione spagnola del 1868 e dell'abdicazione della regina Isabella II, avvenuta nel 1870, venne offerto a Leopoldo il trono iberico. La sua candidatura fu sostenuta dal Primo Ministro prussiano Otto von Bismarck ma Napoleone - determinato ad opporsi all'espansione dell'influenza prussiana - costrinse il padre del principe a ritirare la candidatura del figlio.

Delusi dall'arrendevolezza prussiana, i francesi cercarono di prolungare la crisi. L'ambasciatore francese in Prussia chiese che il re di Prussia Guglielmo I garantisse che mai un Hohenzollern sarebbe stato candidato al trono di Spagna. Il re ascoltò la richiesta e se ne andò senza prendere accordi per un futuro incontro con l'ambasciatore. Il suo telegramma (il dispaccio di Ems) che riportava il dialogo avuto con l'ambasciatore, fu modificato ad arte da Bismarck affinché provocasse l'indignazione francese. La dichiarazione di guerra da parte del Secondo Impero francese, che darà il via alla guerra franco-prussiana, fu inviata ufficialmente nel luglio del 1870.

DiscendenzaModifica

Dal matrimonio con Antonia nacquero tre figli:[1]

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Antonio Luigi di Hohenzollern-Sigmaringen Carlo Federico di Hohenzollern-Sigmaringen  
 
Giovanna di Hohenzollern-Berg  
Carlo di Hohenzollern-Sigmaringen  
Amalia Zefirina di Salm-Kyrburg Filippo Giuseppe di Salm-Kyrburg  
 
Maria Theresa di Hornes  
Carlo Antonio di Hohenzollern-Sigmaringen  
Pierre Murat Pierre Murat  
 
Jeanne Loubières  
Maria Antonietta Murat  
Louise d'Astorg Aymeric d'Astorg  
 
Marie Alanyou  
Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen  
Carlo Luigi di Baden Carlo I di Baden  
 
Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt  
Carlo II di Baden  
Amalia d'Assia-Darmstadt Luigi IX d'Assia-Darmstadt  
 
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld  
Giuseppina di Baden  
Conte Claude de Beauharnais des Roches-Baritaud Conte Claude de Beauharnais des Roches-Baritaud  
 
Maria Anna Francesca Mouchard  
Stefania di Beauharnais  
Claudine de Lézay-Marnésia Marchese Claude de Lézay-Marnézia  
 
Marie-Claudine de Nettancourt-Vaubécourt  
 

OnorificenzeModifica

  Gran Maestro dell'Ordine Principesco di Hohenzollern
  Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Darryl Lundy, Genealogia del principe Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 29 settembre 2009.

FontiModifica

  • Généalogie des rois et des princes de Jean-Charles Volkmann Edit. Jean-Paul Gisserot (1998)

web.genealogie.free.fr

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN101454984 · ISNI (EN0000 0000 7708 3503 · LCCN (ENno2009171143 · GND (DE124308260 · BNF (FRcb14589155z (data) · BNE (ESXX1617201 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2009171143