Massimiliano di Sassonia

aristocratico tedesco
Massimiliano di Sassonia
Schmidt - Maximilian of Saxony - Gemäldegalerie Alte Meister.jpg
Ritratto del principe Massimiliano di Sassonia
Principe Ereditario di Sassonia
Stemma
In carica 5 maggio 1827 –
1º settembre 1830
Predecessore Antonio di Sassonia
Successore Federico Augusto II di Sassonia
Nome completo Maximilian Maria Joseph Anton Johann Baptist Johann Evangelista Ignaz Augustin Xavier Aloys Johann Nepomuk Januar Hermenegild Agnellis Paschalis
Trattamento Sua Altezza Reale
Nascita Palazzo Reale di Dresda, Dresda, 13 aprile 1759
Morte Palazzo Reale di Dresda, Dresda, 3 gennaio 1838
Luogo di sepoltura Cattedrale di Dresda
Casa reale Wettin
Padre Federico Cristiano, Elettore di Sassonia
Madre Maria Antonia di Baviera
Coniugi Carolina di Parma
Maria Luisa di Parma
Figli Maria Amalia
Maria Ferdinanda
Federico Augusto
Clemente
Maria Anna
Giovanni
Maria Carlotta
Maria Giuseppa
Religione cattolica

Massimiliano di Sassonia (Dresda, 13 aprile 1759Dresda, 3 gennaio 1838) fu un Principe tedesco per nascita, membro della casata dei Wettin, sposò la principessa Carolina di Borbone-Parma e alla morte della moglie sposò Maria Luisa di Borbone-Parma, nipote della prima consorte Carolina.

BiografiaModifica

Egli era il sesto figlio (ma il terzo dei figli sopravvissuti) dell'Elettore Federico Cristiano di Sassonia e della Principessa Maria Antonia di Baviera.

Data la propria posizione di figlio cadetto, Massimiliano aveva una remota possibilità di ereditare il trono paterno.

Ad ogni modo, dal 1800 Massimiliano fu il terzo in linea di successione all'Elettorato di Sassonia, dal momento che tutti i figli dei suoi fratelli maggiori Federico Augusto e Antonio, erano morti ancora infanti, eccetto Maria Augusta, unica figlia del fratello maggiore. Dopo la fondazione del Regno di Sassonia nel 1806, Massimiliano ottenne il titolo di Principe di Sassonia.

MatrimoniModifica

Primo MatrimonioModifica

A Parma, il 22 aprile 1792 (per procura) e nuovamente a Dresda il 9 maggio 1792 (di persona), sposò la principessa Carolina di Borbone, figlia del Duca Ferdinando I di Parma. La coppia ebbe otto figli:

Secondo MatrimonioModifica

A Lucca, il 15 novembre 1825 (per procura) e nuovamente a Dresda il 7 novembre 1825 (di persona), Massimiliano sposò la Principessa Luisa di Borbone (Maria Luisa Carlotta, 1802–1857), figlia de Re Ludovico I di Etruria e nipote della sua prima moglie Carolina. Ella era più giovane del marito di 43 anni e la coppia non ebbe figli.

MorteModifica

Alla morte di Federico Augusto (1827), Antonio gli succedette come sovrano. Massimiliano divenne così il primo in linea di successione, col titolo di Principe della Corona (o Principe Ereditario); ma tre anni più tardi, il 1º settembre 1830, dopo le rivolte d'autunno, egli rinunciò ai propri diritti di successione in favore del proprio figlio maggiore, Federico Augusto II. Egli morì otto anni dopo, all'età di 78 anni.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Augusto II di Polonia Giovanni Giorgio III di Sassonia  
 
Anna Sofia di Danimarca  
Augusto III di Polonia  
Cristiana Eberardina di Brandeburgo-Bayreuth Cristiano Ernesto di Brandeburgo-Bayreuth  
 
Sofia Luisa di Württemberg  
Federico Cristiano di Sassonia  
Giuseppe I d'Asburgo Leopoldo I d'Asburgo  
 
Eleonora del Palatinato-Neuburg  
Maria Giuseppa d'Austria  
Guglielmina Amalia di Brunswick-Lüneburg Giovanni Federico di Brunswick-Lüneburg  
 
Benedetta Enrichetta del Palatinato  
Massimiliano di Sassonia  
Massimiliano II Emanuele di Baviera Ferdinando Maria di Baviera  
 
Enrichetta Adelaide di Savoia  
Carlo VII di Baviera  
Teresa Cunegonda Sobieska di Polonia Giovanni III Sobieski  
 
Maria Casimira Luisa de la Grange d'Arquien  
Maria Antonia di Baviera  
Giuseppe I d'Asburgo Leopoldo I d'Asburgo  
 
Eleonora del Palatinato-Neuburg  
Maria Amalia d'Asburgo  
Guglielmina Amalia di Brunswick-Lüneburg Giovanni Federico di Brunswick-Lüneburg  
 
Benedetta Enrichetta del Palatinato  
 

OnorificenzeModifica

Onorificenze sassoneModifica

  Cavaliere di Gran Croce del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere dell'Aquila Bianca

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN265214381 · ISNI (EN0000 0001 0857 7785 · LCCN (ENno2006000638 · GND (DE100159680 · BNE (ESXX5036266 (data) · CERL cnp01037417 · WorldCat Identities (ENlccn-no2006000638
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie