Mew (Pokémon)

specie di Pokémon
Mew
151 Mew.png
UniversoPokémon
Nome orig.ミュウ (Myū)
Lingua orig.Giapponese
Autori
StudioGame Freak
EditoreNintendo
1ª app.27 febbraio 1996
1ª app. inPokémon Rosso e Blu (prima generazione)
Voci orig.

Mew (ミュウ Myū?) è un Pokémon base della prima generazione di tipo Psico. Il suo numero identificativo Pokédex è 151. Nel contesto del franchise creato da Satoshi Tajiri, Mew è un Pokémon misterioso.

Ideato dal team di designer della Game Freak, Mew fa la sua prima apparizione nel 1996 nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu e compare inoltre nella maggior parte dei titoli successivi, in videogiochi spin-off, nella serie televisiva anime, nel Pokémon Trading Card Game e nel merchandising derivato dalla serie. È il protagonista del film Pokémon il film - Mewtwo colpisce ancora e Pokémon: Lucario e il mistero di Mew.

Secondo quanto affermato nel corso di un'intervista dal presidente della The Pokémon Company, Tsunekazu Ishihara, il Pokémon misterioso Mew è stato inserito in Pokémon Rosso e Verde solamente in fase di debug.[1]

Nel 2012, nel corso di un sondaggio indetto dal sito ufficiale di Pokémon tra i 32 Pokémon misteriosi e leggendari introdotti fino alla quarta generazione, è emerso che Mew è il preferito dai fan della serie.[2]

Creazione e sviluppoModifica

 
Il Pokémon Mew è stato registrato come marchio il 6 agosto 1999[3]

Mew venne introdotto in Pokémon Rosso e Blu dal programmatore Shigeki Morimoto, come un Pokémon segreto e una sorta di scherzo a conoscenza del solo personale di Game Freak, ma la sua esistenza venne poi scoperta da alcuni giocatori e resa pubblica.[1] Il nome giapponese, ミュウ Mew, è stato registrato il 6 agosto 1999[3], sebbene ミュ- fosse stato registrato dalla Game Freak il 31 marzo 1994.[4] Questo lo rende il primo Pokémon ufficialmente registrato, ancora prima del marchio ポケットモンスター (Pocket Monster), la cui registrazione risale al 26 dicembre 1997.[5]

DescrizioneModifica

Stando al Pokédex, l'enciclopedia fittizia presente all'interno dei videogiochi, Mew è una specie originaria del Sud America e talmente rara che si è creduta a lungo estinta, ma ogni tanto se ne riportano degli avvistamenti. Contiene il patrimonio genetico di tutti i Pokémon, pertanto può utilizzare qualunqe tecnica ed è stato ipotizzato che sia l'antenato di tutte le specie conosciute. La sua corta pelliccia gli consente di rendersi invisibile, così da mostrarsi solo a coloro che ritiene puri di cuore e degni.[6]

ApparizioniModifica

VideogiochiModifica

 
Mew nel Pokédex del videogioco Pokémon Pinball

Sebbene Mew sia un Pokémon misterioso della prima generazione, il Pokémon non è ottenibile nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu e Pokémon Giallo se non tramite "Mew glitch". In questi titoli viene tuttavia citato il fatto che il Pokémon sia stato avvistato in Guyana, nell'America del Sud.

Nel videogioco Pokémon Smeraldo è possibile catturare un esemplare di Mew di livello 30 ad Hoenn, utilizzando lo strumento Mappa Stinta per raggiungere l'Isola Suprema.

Nelle versioni Diamante e Perla è ottenibile depositando 999 Pokémon nel videogioco My Pokémon Ranch per Nintendo Wii.

È inoltre presente nei videogiochi Pokémon Mystery Dungeon: Squadra rossa e Squadra blu e Pokémon Mystery Dungeon: Esploratori del tempo ed Esploratori dell'oscurità, rispettivamente all'interno del Rudere Sepolto e nei pressi della Giungla del Mistero.

In Pokémon Ranger è disponibile, una volta completato il gioco, in una delle missioni della Ranger Net.

Mew glitchModifica

È possibile catturare Mew nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu e Pokémon Giallo senza utilizzare supporti hardware (come ad esempio la GameShark), sfruttando un bug dei videogiochi della prima generazione spesso soprannominato "Mew glitch".[7]

Per ottenerlo bisogna sfruttare il bug che permette di aprire il menù di gioco (premendo il tasto Start) poco prima di alcuni incontri, ad esempio quella con l'allenatore Rischiatutto, situato di fronte all'entrata del tunnel che collega Azzurropoli con Zafferanopoli nel Percorso 8.

A questo punto è possibile evitare lo scontro utilizzando la mossa Volo o Teletrasporto. Per catturare Mew è quindi necessario recarsi a Celestopoli (una volta giunti nel luogo il menu verrà disabilitato) e sfidare il Bullo che si trova nel Percorso 25, oltre il Ponte Pepita. Il ragazzo schiererà solamente un esemplare di Slowpoke a livello 17.

Sconfitto questo Pokémon il menu verrà riabilitato e sarà possibile recarsi a Lavandonia. Se il protagonista si reca in direzione del Percorso 8, il gioco verrà automaticamente messo in pausa. Premendo nuovamente il tasto Start il giocatore si troverà davanti un Mew selvatico di livello 7.

Lo scontro con lo Slowpoke sostanzialmente permette di modificare i valori esadecimali che vengono utilizzati dal software per determinare la specie del Pokémon selvatico che verrà incontrato in quel luogo. Il bug può essere utilizzato per affrontare qualunque Pokémon presente nel gioco.

Eventi NintendoModifica

Il Pokémon misterioso è stato spesso elargito in particolari eventi riguardanti il mondo dei Pokémon, organizzati dalla Nintendo. Il primo di essi è stata la distribuzione nel 2005, in Giappone, di un esemplare di Mew per i videogiochi Pokémon Rubino e Zaffiro, Pokémon Smeraldo e Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia.[8][9]

L'anno successivo il Pokémon è stato distribuito sia in Taiwan che negli Stati Uniti d'America.[8][10][11]

In Europa Mew verrà consegnato ai giocatori dei titoli della terza generazione nel corso del 2007.[8][12] In Italia viene distribuito durante il Pokémon Day.[13] Pochi giorni dopo, in Giappone, il Pokémon sarà reso disponibile anche per Diamante e Perla.[8][14]

Nel 2009 Mew viene distribuito per le versioni coreane di Pokémon Diamante e Perla.[15] Nel novembre dello stesso anno, in occasione del decennale dall'uscita di Pokémon Oro e Pokémon Argento, viene donato un esemplare del Pokémon ai giocatori nipponici delle versioni Oro HeartGold e Argento SoulSilver.[8][16]

Quest'ultima distribuzione di Mew è stata ripetuta nel corso del febbraio 2010 ed estesa a tutti i possessori di un titolo giapponese della quarta generazione.[8][17]

I giocatori europei e statunitensi di HeartGold e SoulSilver hanno potuto ricevere un esemplare di Mew dal 15 ottobre al 30 ottobre 2010.[18]

Nel 2016, in occasione della pubblicazione su Virtual Console di Pokémon Rosso e Pokémon Verde in Giappone è stato distribuito un codice per ottenere Mew in Pokémon Rubino Omega e Zaffiro Alpha. Nel ventennale dalla distribuzione dei due titoli è stato inoltre fornito ai giocatori delle versioni X, Y, Rubino Omega e Zaffiro Alpha in diverse parti del mondo.

AnimeModifica

Mew appare per la prima volta nel corso del lungometraggio Pokémon il film - Mewtwo colpisce ancora in cui è uno dei protagonisti insieme al Pokémon leggendario Mewtwo. Nel film viene clonato artificialmente dai suoi resti fossili da uno scienziato finanziato da Giovanni. Il risultato ottenuto dalla clonazione del suo DNA è Mewtwo.[19]

Anche in Pokémon: Lucario e il mistero di Mew il Pokémon misterioso ricopre un ruolo principale, insieme a Lucario.[20]

Una carta del Pokémon Trading Card Game raffigurante Mew è inoltre visibile al termine del film Pokémon 2 - La Forza di Uno.[21][22]

Nell'episodio Un Team Rocket da combattimento magro e cattivo! (A Lean Mean Team Rocket Machine) Meowth sogna di essere accarezzato da Giovanni, circondato da Pokémon rari tra cui Mew e Celebi.[23] ll Pokémon misterioso appare brevemente in Pokémon: Le origini.[24]

MangaModifica

Mew appare nel primo capitolo del manga Pokémon Adventures (VS Mew) in cui Rosso incontra il Pokémon impegnato in una battaglia contro il Charmander di Blu.[25] Nel manga il Team Rocket vuole impadronirsi di Mew al fine di utilizzare il suo codice genetico per completare il Pokémon Mewtwo.

Carte collezionabiliModifica

Mew appare in 11 carte, prevalentemente di tipo Psiche, appartenenti a 7 set.[26][27] Sono state inoltre create numerose carte promozionali dedicate al Pokémon misterioso Mew, tra cui una raffigurante Mew δ di tipo Fuoco.

NoteModifica

  1. ^ a b Iwata chiede - 1. L'ultimo treno, Nintendo. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  2. ^ pokemon.com, https://web.archive.org/web/20121225104115/http://www.pokemon.com/powerbracket/it/. URL consultato il 14 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2012).
  3. ^ a b Registrazione n. 4302090 del Japan National Center for Industrial Property Archiviato il 7 maggio 2007 in Internet Archive.
  4. ^ Registrazione n. 2636685-12 del Japan National Center for Industrial Property Archiviato il 7 maggio 2007 in Internet Archive.
  5. ^ Registrazione n. 4097791 del Japan National Center for Industrial Property Archiviato il 7 maggio 2007 in Internet Archive.
  6. ^ (EN) Mew, su pokemondb.net. URL consultato il 30 novembre 2019.
  7. ^ (EN) Mew glitch da Bulbapedia
  8. ^ a b c d e f (EN) Eventdex - #151 Mew da Serebii.net
  9. ^ (EN) Hadou Mew da Bulbapedia
  10. ^ (EN) PokéPark Mew da Bulbapedia
  11. ^ (EN) Toys "R" Us Mew da Bulbapedia
  12. ^ (EN) Aura Mew da Bulbapedia
  13. ^ (EN) Pokémon Day 2007 da Bulbapedia
  14. ^ (EN) Palcity Mew da Bulbapedia
  15. ^ (EN) Nintendo of Korea Mew da Bulbapedia
  16. ^ (EN) 10th Anniversary Mew (2009) da Bulbapedia
  17. ^ (EN) 10th Anniversary Mew (2010) da Bulbapedia
  18. ^ (EN) Mew distribution starts on October 15th da Bulbanews
  19. ^ (EN) Mewtwo Strikes Back, su Serebii.net.
  20. ^ (EN) Lucario & The Mystery of Mew, su Serebii.net.
  21. ^ (EN) The Power of One Movie, su Serebii.net.
  22. ^ (EN) Ancient Mew (2nd Movie promo) da Bulbapedia
  23. ^ (EN) Episode 560 - Lean Mean Team Rocket Machine, su Serebii.net.
  24. ^ (EN) Special: Pokémon Origins, su Serebii.net.
  25. ^ 001 - VS Mew Archiviato il 6 luglio 2010 in Internet Archive. da Pokémon Millennium
  26. ^ (EN) Mew (TCG) da Bulbapedia
  27. ^ (EN) #151 Mew - Cardex da Serebii.net

BibliografiaModifica

  • (EN) Nintendo Power, The Elusive Mew, in Pokémon Special Edition for Yellow, Red and Blue, Nintendo Power, 1999, p. 108, ASIN B000GLCWWW.
  • (EN) M. Arakawa, Have You Seen Mew?, in Pokémon Gold Version and Silver Version Complete Pokédex, Nintendo Power, 2000, p. 90, ASIN B000LZR8FO.
  • (EN) Scott Pellard, Pokémon Crystal Version, Nintendo Power, 2001, p. 133, ISBN 978-1-930206-12-0.
  • (EN) Eric Mylonas, Pokémon Fire Red & Leaf Green: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2004, p. 130, ISBN 978-0-7615-4708-2.
  • (EN) Lawrence Neves, Pokémon Diamond & Pearl Pokédex: Prima's Official Game Guide Vol. 2, Prima Games, 2007, p. 89, ISBN 978-0-7615-5635-0.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon Platinum: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2009, p. 431, ISBN 978-0-7615-6208-5.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Johto Guide & Johto Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 316, ISBN 978-0-307-46803-1.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Kanto Guide & National Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 274, ISBN 978-0-307-46805-5.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Mew, su pokemon.com.
  Portale Pokémon: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pokémon