Apri il menu principale
Zamperla nel film 7 pistole per i MacGregor

Nazzareno Zamperla, detto Neno (Treviso, 25 aprile 1937), è uno stuntman e attore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Discendente dall'omonima famiglia di artisti circensi, proprietaria del Circo Zamperla fondato da suo nonno, residente a Roma dal 1949, comincia la sua carriera come stuntman nel 1952 quando viene notato dall'attore Frank Latimore, in cerca di un acrobata fisicamente dotato per fargli da controfigura nel film Capitan Fantasma. Due anni dopo viene chiamato da Fellini per La strada: il regista conia il nome Zampanò dal suo cognome[1]

A seguito di questa esperienza decide di dedicarsi a tale attività a tempo pieno ma non esistendo ancora in Italia la figura professionale dello stuntman entra nel gruppo di un anziano maestro d'armi, Aurelio Musumeci Greco, dove impara l'uso delle armi bianche per risse e duelli nei film di cappa e spada, allora molto in voga.

Il mestiere vero e proprio lo apprende da Yakima Canutt, controfigura di John Wayne, giunto a Roma a seguito del regista Robert Wise per le riprese di Elena di Troia, e da allora si dedica principalmente al filone dei film mitologici, nei quali fa da controfigura ai culturisti americani "timorosi nelle scene d'azione perché facendo culturismo si diventa come ingessati, non si riesce più a coordinare i movimenti".

Dotato di buone capacità recitative sul finire degli anni cinquanta inizia a prendere parte alle pellicole come attore in ruoli da generico, comprimario e - in Sette volte sette e Il cittadino si ribella - co-protagonista, anche se spesso non è accreditato nei titoli. Nonostante la recitazione preferiva infatti il più lucroso ingaggio di stuntman, pagato all'epoca 8.000 lire al giorno, contro le 3.000 dell'attore generico, che non prevedeva l'accreditamento.[2]

NoteModifica

  1. ^ Giordano, pag. 35.
  2. ^ Giordano, pag.110.

FilmografiaModifica

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN169580239 · GND (DE1061698424