Apri il menu principale
Passo Rolle
Rolle Sign.jpg
StatoItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrento Trento
Località collegateFiera di Primiero-San Martino di Castrozza
Predazzo
Altitudine1 984 m s.l.m.
Coordinate46°17′47.04″N 11°47′12.84″E / 46.2964°N 11.7869°E46.2964; 11.7869Coordinate: 46°17′47.04″N 11°47′12.84″E / 46.2964°N 11.7869°E46.2964; 11.7869
InfrastrutturaStrada Statale 50 Italia.svg del Grappa e del passo Rolle
Costruzione del collegamento1863-1874
Pendenza massima11%
Lunghezzada Fiera di Primiero 23 km
da Predazzo 21 km
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Passo Rolle
Passo Rolle

Il passo Rolle (Rollepass in tedesco) è un valico alpino in provincia di Trento posto a quota 1.984 m s.l.m., che collega le valli del Primiero e di Fiemme.

Indice

DescrizioneModifica

Il passo è situato nel comune di Primiero San Martino di Castrozza, lungo la Strada statale 50 del Grappa e del Passo Rolle e mette in comunicazione San Martino di Castrozza con Bellamonte, frazione di Predazzo. Il valico rappresenta lo spartiacque tra la valle del Cismon e la valle del Travignolo.

 
Il Cimon della Pala e la chiesetta di passo Rolle

Il Rolle è circondato dal gruppo dolomitico delle Pale di San Martino, in particolare dal Cimon della Pala (3186 m s.l.m.) e dalla Vezzana (3192 m s.l.m.). Dal valico, punto di partenza per ascensioni sulle Pale e sul gruppo del Lagorai, si possono rapidamente raggiungere i laghetti di Colbricòn, luoghi d'insediamento di cacciatori nel Neolitico, e la Val Venegia, una delle aree naturalistiche più belle del Trentino, parte del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino. Si possono inoltre percorrere numerose trincee e gallerie risalenti alla Prima guerra mondiale, in particolare sulla cima Cavallazza e sul monte Colbricòn.

Al passo si trovano numerosi impianti di risalita e piste da sci del comprensorio Dolomiti Superski. Durante la stagione estiva i pascoli della zona sono usati per il bestiame delle due malghe presenti in prossimità del passo.

La stazione meteorologica di Passo Rolle, ufficialmente riconosciuta dall'Organizzazione meteorologica mondiale, è attiva fin dal 1949 per l'analisi climatica del territorio e l'assistenza alla navigazione aerea.[1]

Tradizionalmente il valico è legato alla presenza della Guardia di finanza, che ha inserito nel proprio stemma araldico proprio l'inconfondibile profilo del Cimon della Pala, viste le origini di guardia di frontiera del Corpo.[2] Il valico ospita infatti due caserme della Guardia di finanza, sede anche del SAGF, Soccorso alpino Guardia di finanza e del soggiorno montano delle Fiamme Gialle (caserma Sass Maor). Da moltissimi anni vi svolgono l'addestramento montano (estivo ed invernale) sia gli allievi ufficiali dell'Accademia che gli allievi finanzieri della Scuola Alpina di Predazzo della Guardia di Finanza. Inoltre sulle stesse piste, nel mese di febbraio, vengono organizzate le gare del Corpo, che richiamano autorità e finanzieri (che gareggiano divisi per regioni) da tutta Italia.[3] Inoltre vengono effettuati addestramenti per gli equipaggi degli elicotteri del servizio aereo della Guardia di finanza alla Sopravvivenza in Montagna con corsi di 5 giorni, dove viene simulata la sopravvivenza a fianco di un mezzo aereo caduto in ambiente montano in condizioni meteorologiche estreme.

CiclismoModifica

Il passo Rolle è ciclisticamente molto amato per le bellezze paesaggistiche che offre, unitamente a delle pendenze non proibitive su entrambi i versanti:

Scendendo dal Rolle verso Predazzo ci si può collegare con il vicino Passo Valles deviando sulla destra dopo 6,5 km e proseguendo per 8 km.

Il valico è uno dei passi dolomitici storici, percorsi svariate volte dal Giro d'Italia. Fu inserito nella prima tappa dolomitica mai avvenuta, nell'edizione 1937.[5] Nel 1962 la 14ª tappa partiva da Belluno e sarebbe dovuta terminare a Moena, ma la direzione di gara concluse la frazione prematuramente in cima al Rolle a causa della neve.[6] Nell'edizione 1978 il passo fu inserito all'ultimo momento nel percorso della 15ª tappa (Treviso > Canazei) insieme al Valles e al San Pellegrino, dopo che la neve aveva reso impraticabili il Falzarego e il Pordoi.[7]

Di seguito si riportano i passaggi effettuati durante il Giro d'Italia:[8]

Anno Tappa Primo in vetta Versante scalato
1937 16ª: Vittorio Veneto > Merano   Gino Bartali San Martino di Castrozza
1938 15ª: Belluno > Recoaro Terme   Bernardo Rogora San Martino di Castrozza
1939 15ª: Cortina d'Ampezzo > Trento   Gino Bartali San Martino di Castrozza
1946 15ª: Bassano del Grappa > Trento   Gino Bartali San Martino di Castrozza
1949 11ª: Bassano del Grappa > Bolzano   Gino Bartali San Martino di Castrozza
1950 9ª: Vicenza > Bolzano   Jean Robic San Martino di Castrozza
1954 20ª: San Martino di Castrozza > Bolzano   Giancarlo Astrua San Martino di Castrozza
1955 19ª: Cortina d'Ampezzo > Trento   Gastone Nencini Predazzo
1956 21ª: Merano > Monte Bondone   Charly Gaul Predazzo
1957 19ª: Trento > Levico Terme   Gastone Nencini Predazzo
1959 15ª: Trento > Bolzano   Charly Gaul San Martino di Castrozza
1962 14ª: Belluno > Passo Rolle   Vincenzo Meco San Martino di Castrozza
1963 19ª: Belluno > Moena   Vito Taccone San Martino di Castrozza
1964 8ª: Lavarone > Pedavena   Vito Taccone Predazzo
1967 20ª: Cortina d'Ampezzo > Trento   Aurelio González Predazzo
1974 21ª: Misurina > Bassano del Grappa   Santiago Lazcano Passo Valles
1977 17ª: Conegliano > Cortina d'Ampezzo (Col Drusciè)   Faustino Fernández Ovies San Martino di Castrozza
1978 15ª: Treviso > Canazei   Ueli Sutter San Martino di Castrozza
1986 21ª: Bassano del Grappa > Bolzano   Pedro Muñoz San Martino di Castrozza
1991 18ª: Pozza di Fassa > Castelfranco Veneto   Nelson Rodríguez Predazzo
2001 13ª: Montebelluna > Passo Pordoi   Freddy González San Martino di Castrozza
2003 14ª: Marostica > Alpe di Pampeago   Freddy González San Martino di Castrozza
2009 5ª: San Martino di Castrozza > Alpe di Siusi   Carlos José Ochoa San Martino di Castrozza
2019 20ª: Feltre > Croce d'Aune-Monte Avena   Giulio Ciccone Predazzo

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Stazione meteo di Passo Rolle, Siror - myMeteoNetwork, su my.meteonetwork.it. URL consultato il 14 giugno 2019.
  2. ^ Guardia di finanza - Gradi militari, stemmi, distintivi, mostreggiature, su Lariplast. URL consultato il 14 giugno 2019.
  3. ^ Passo Rolle, su www.gdf.gov.it. URL consultato il 14 giugno 2019.
  4. ^ CyclingCols - Passo di Rolle, su www.cyclingcols.com. URL consultato il 14 giugno 2019.
  5. ^ Quando Bartali appiattì per primo le Dolomiti: -76 al Giro100, su www.ilfoglio.it. URL consultato il 14 giugno 2019.
  6. ^ Giro d?Italia, -23: quelle tappe sotto la neve, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 14 giugno 2019.
  7. ^ Passo di San Pellegrino (1918m), su ilciclismo.it.
  8. ^ Giro d'Italia (Ita) - Cat.2.UWT, su www.memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato il 14 giugno 2019.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàGND (DE4512981-2