Apri il menu principale

Piero Badaloni

giornalista italiano
Piero Badaloni
Piero Badaloni - Festival Economia 2013.JPG

Presidente della Regione Lazio
Durata mandato 16 giugno 1995 –
12 marzo 2000
Predecessore Arturo Osio
Successore Francesco Storace

Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome
Durata mandato 23 maggio 1996 –
16 aprile 2000
Predecessore Alessandra Guerra
Successore Enzo Ghigo

Dati generali
Partito politico L'Ulivo

Piero Badaloni (Roma, 8 settembre 1946) è un giornalista, scrittore e politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

TelevisioneModifica

Ha iniziato la sua carriera giornalistica nel 1971 in Rai, occupandosi di reportage e di inchieste. Per i servizi sul terremoto in Irpinia, gli viene assegnato nel 1980 il premio "cronista dell'anno" dall'Unione nazionale cronisti italiani. Tra gli anni '80 (1981-1984) e '90 (1991-1995) è stato conduttore del Tg1, prima delle 13.30, poi delle 20.

In seguito, si propone come autore e conduttore di una serie di programmi giornalistici, come "Droga che fare", "Italia Sera"con Enrica Bonaccorti, "Unomattina"con Elisabetta Gardini. Dal 1989 al 1991 conduce insieme a Simona Marchini e Toto Cutugno Piacere Raiuno. Nel 1991 diviene responsabile di Linea Notte. Nel 1994 realizza e conduce "Amerinda" e "Vivafrica", e nel 1995 "Le origini dell'Universo" e "Il Giudizio Universale, cronaca di un restauro".

Carta stampataModifica

Tra il 1990 e il 1994 è direttore della rivista Il Nuovo e vicepresidente della Associazione Stampa Romana.

PoliticaModifica

Nel 1995 è eletto Presidente della Giunta Regionale del Lazio come indipendente, appoggiato dalle liste del centro-sinistra; in questo ruolo, nel 1996 viene eletto Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome. Finito il mandato di presidente della Regione Lazio, si ricandida ma viene sconfitto da Francesco Storace.

Il ritorno in televisioneModifica

Terminato il mandato di presidente della Regione Lazio, ritorna in Rai e diventa corrispondente dapprima dalla sede di Parigi, poi di Bruxelles, infine di Berlino.

Dal 2006 al 2009 è stato direttore di Rai International, poi passa alla corrispondenza RAI da Madrid fino al 2011.

Dal 2011 si dedica alla realizzazione di documentari, tra i quali: Dolomiti- montagne, uomini, storie, un viaggio in sei puntate tra le Dolomiti, patrimonio dell'umanità UNESCO.

Dal 1º febbraio 2017 conduce il talk show Avanti il prossimo su TV2000[1].

OpereModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN70409911 · ISNI (EN0000 0001 0985 2531 · SBN IT\ICCU\CFIV\019921 · LCCN (ENn86067947 · GND (DE136213316 · BNF (FRcb16712198q (data)