Apri il menu principale
Piero Liatti
Liatti sanremo 90.jpg
Piero Liatti e Luciano Tedeschini su Lancia Delta Integrale al Rally di Sanremo del 1990, chiuso al 5º posto assoluto
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Rally
Squadra Subaru, Ford, SEAT, Hyundai
Carriera
Carriera nel mondiale Rally
Esordio 1990 (Rally di Sanremo)
Scuderie Lancia, Subaru, SEAT, Peugeot
Miglior risultato finale 5º (1996)
Rally disputati 53
Rally vinti 1
Podi 9
Punti ottenuti 164
Palmarès
Campionato europeo 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 18 novembre 2011

Piero Liatti (Biella, 7 maggio 1962) è un pilota di rally italiano, che ha corso per molti anni nel Campionato del Mondo Rally, ottenendo anche una vittoria nel Rally di Monte Carlo 1997.

BiografiaModifica

Piero Liatti è stato uno dei pochi piloti italiani capaci di aggiudicarsi una vittoria in una gara del Campionato del mondo rally, con lui in questo ristretto elenco compaiono i nomi di Miki Biasion (17), Sandro Munari (7), Andrea Aghini, Franco Cunico, Tony Fassina, Fulvio Bacchelli, e Raffaele Pinto (una a testa), per un totale di 30 successi.[1]

Piero era noto per le sue doti velocistiche sull'asfalto, dove spesso era imprendibile, ma non ha sfigurato neanche nelle gare su fondo sterrato.

Prima del MondialeModifica

Prima di diventare un pilota ufficiale, Liatti corse per diversi anni nel Campionato Italiano Rally. Fin dalle prime gare Liatti mostrò eccellenti doti velocistiche. Nel 1985 vinse il Trofeo Fiat Uno Turbo; il monomarca della casa torinese fu il trampolino di lancio per il pilota biellese, che venne poi ingaggiato nel team Esso Grifone per alcune apparizioni, prima con la Lancia Rally 037 poi con la Lancia Delta Gruppo A.

Nel 1991 passò all'ART dei fratelli Alessandrini. Con la Lancia Delta 16v prima e con la Delta Evoluzione poi, Liatti ottenne buoni risultati, tra cui il 2º Posto al Rally di Nuova Zelanda nel 1992 in coppia con Luciano Tedeschini.

Nel 1993 il team ART portò in Italia la Subaru Legacy Gruppo A, Piero ottenne buoni risultati e nel 1995 arrivò la chiamata Prodrive, che lo schierò in alcune gare del Mondiale Rally con la Subaru Impreza ufficiale.

L'avventura SubaruModifica

Piero viene schierato nelle gare su asfalto (Montecarlo, Corsica e Catalunya) ottenendo rispettivamente un ottavo, un sesto e un terzo posto, aggiungendo anche la vittoria al Sanremo (valido per il Mondiale 2 litri) con la Subaru dell'ART. Nel 1996 Liatti partecipa a tutte le gare (eccetto Finlandia) con la Subaru ufficiale. In Svezia e al Safari corre con Mario Ferfoglia mentre la navigatrice dall'Indonesia in poi è Fabrizia Pons. In Svezia è quarto pilota ufficiale (oltre a Mcrae, Ericsson e Auriol) ma poi diventa e rimane Terza guida per tutto il resto della stagione. Arriva secondo il Indonesia e Spagna, oltre ad altre buone prestazioni. Piero partecipa anche all'APRC (Campionato Rally Asia-Pacifico) ottenendo un 3º posto in Nuova Zelanda e ritirandosi in Cina quando era Primo.

Il 1997 è l'anno della consacrazione, anche se viene schierato soltanto nelle gare asfaltate e in Inghilterra. Piero debutta con la nuova Subaru Impreza WRC e ottiene subito una schiacciante vittoria al Rally di Monte Carlo, la sua unica vittoria mondiale. Nella gara successiva in Spagna, Piero termina secondo dopo una gran battaglia con Tommi Mäkinen, mentre in Corsica è quinto. Al Sanremo è nettamente il più veloce nelle prime due tappe, ma nella terza subisce il ritorno di Colin McRae, suo compagno di squadra. Al termine delle prove speciali Liatti è primo ma David Richards, capo Prodrive, lo costringe a far passare avanti Colin che ha bisogno di punti per il campionato. Liatti lascia la posizione all'ultimo Controllo Orario prima del palco d'arrivo e Mcrae vince. Piero è al via del Rally di Gran Bretagna, dove però cappotta per ben due volte finendo settimo.

Nel 1998 Liatti partecipa a tutte le gare eccetto Finlandia come seconda guida. Ma non sarà una grande stagione. Oltre al 3º posto in Corsica e il 2° al Sanremo, Piero rimedia tanti botti e piazzamenti mediocri che convincono la Prodrive a lasciarlo per la stagione successiva.

La Stagione in SEATModifica

Nel 1999 Liatti viene chiamato dalla Seat a disputare una stagione completa. Piero cambia navigatore passando da Fabrizia Pons a Carlo Cassina Ma è una grande delusione, la macchina, la SEAT Córdoba, è lenta e non affidabile e costringe Piero ad una stagione nelle retrovie. Dopo un buon avvio a Montecarlo, dove termina Sesto, raccoglie tanti ritiri e piazzamenti arretrati. A fine stagione lascia la Seat.

La Chiamata FordModifica

Piero medita su un ritiro dalle competizioni, ma nel 2000 arriva la chiamata della Ford, che con la Focus Wrc lo vuole come terza guida in Corsica e a Sanremo. In Corsica è buon sesto, mentre in Italia si ritira.

HyundaiModifica

Nel 2001 lo vuole la Hyundai, che gli affida una Accent Wrc per Sei gare della stagione (Montecarlo, Catalunya, Cipro, Sanremo, Corsica e Galles). È una stagione da buttare, con soltanto un arrivo (8° in Corsica) e cinque ritiri.

Piero ha disputato anche il Rally d'Italia nel 2003 e nel 2004 con la Peugeot 206 S1600.

Dopo il MondialeModifica

Piero non ha abbandonato il mondo dei Rally, ha acquistato la Subaru Impreza WRC con cui ha ottenuto l'ultimo podio mondiale (Corsica '98), correndo qualche gara ed evento nel Nord Italia; è diventato anche istruttore alla Scuola Rally della CSAI a Vallelunga.

PalmarèsModifica

Oltre alla vittoria mondiale al Rally di Monte Carlo 1997 vanta anche un successo in una gara della Coppa del mondo 2 litri costruttori, al Rally di Sanremo 1995, che in quella stagione, eccezionalmente, non era valido per il mondiale piloti e quello costruttori, ma solo per la Coppa 2 litri e per il Campionato Italiano Rally.[2]

Risultati nel mondiale rallyModifica

1990 Scuderia Vettura                         Punti Pos.
Lancia Delta Integrale 16V 5 8 27º
1991 Scuderia Vettura                             Punti Pos.
A.R.T. Engineering Lancia Delta Integrale 16V 7 4 40º
1992 Scuderia Vettura                             Punti Pos.
A.R.T. Engineering Lancia Delta Integrale 16V 8 2 7 22 12º
1993 Scuderia Vettura                           Punti Pos.
A.R.T. Engineering Subaru Legacy RS 4 10 24º
1994 Scuderia Vettura                     Punti Pos.
A.R.T. Engineering Subaru Legacy RS Rit 0
1995 Scuderia Vettura                 Punti Pos.
555 Subaru WRT Subaru Impreza 555 8 6 3 21
1996 Scuderia Vettura                   Punti Pos.
555 Subaru WRT Subaru Impreza 555 12 5 2 4 7 7 Rit 2 56
1997 Scuderia Vettura                             Punti Pos.
555 Subaru WRT Subaru Impreza WRC 97 1 2 5 2 7 24
1998 Scuderia Vettura                           Punti Pos.
555 Subaru WRT Subaru Impreza WRC 98 4 9 Rit 6 Rit 3 6 6 6 2 Rit 17
1999 Scuderia Vettura                             Punti Pos.
Seat Sport Seat Cordoba WRC
Seat Cordoba WRC Evo2[3]
6 Rit Rit 10 9 Rit Rit Rit Rit 1 23º
2000 Scuderia Vettura                             Punti Pos.
Ford World Rally Team Ford Focus RS WRC 6 Rit 1 24º
2001 Scuderia Vettura                             Punti Pos.
Hyundai Castrol WRT Hyundai Accent WRC[4]
Hyundai Accent WRC2
Rit Rit Rit 8 Rit Rit 0
2003 Scuderia Vettura                             Punti Pos.
Peugeot 206 S1600 15 0
2004 Scuderia Vettura                                 Punti Pos.
Peugeot 206 S1600 Rit 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Ritirato Squalificato Non partito Apice=Power Stage

Altri risultatiModifica

1991

NoteModifica

  1. ^ (EN) Drivers win per nationalities, juwra.com. URL consultato il 14 novembre 2011.
  2. ^ Piero Liatti - World Rally Championship Results, rallybase.nl. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  3. ^ dal Rally di Cina
  4. ^ nel Rally di Montecarlo

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica