Prima Divisione Campania 1951-1952

1leftarrow blue.svgVoce principale: Prima Divisione 1951-1952.

La Prima Divisione fu il massimo campionato regionale di calcio disputato in Campania nella stagione 1951-1952.

Avendo deciso la FIGC col Lodo Barassi una radicale riforma dei campionati minori per la stagione successiva, questa edizione si differenziò dalle precedenti in quanto non mise in palio posti per il campionato interregionale, ma fu finalizzata a qualificare le società partecipanti: le migliori avrebbero avuto accesso al nuovo Campionato Regionale (detto di Promozione), mentre le altre squadre non ammesse sarebbero rimaste iscritte al declassato campionato di Prima Divisione.

Per quanto riguarda la Campania, nel quale si provvedette a cominciare ad allargare la categoria con un girone supplementare, fu garantito l'accesso al nuovo campionato regionale alle prime cinque di ogni raggruppamento, come anche ad alcune delle migliori seste a seconda del numero di retrocesse locali dalla Promozione della Lega Interregionale Sud.[1]

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica

Squadra Città (provincia) Stagione precedente
A.T.A.N. Napoli
Casale Posillipo Napoli
Corda Fratres Napoli
U.S. Cotoniere Napoli
G.S. Dipendenti Comunali Napoli
Ferrovieri Cumana Napoli
G.S. Dop. Ferroviario Napoli
Fontanelle Napoli
F.C. Internaples Napoli
A.S. Ischia Porto d'Ischia (NA)
Magazzini Generali Napoli

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1.   Casale Posillipo 32 20
  2.   A.T.A.N. 29 20
  3.   Cotoniere 26 20
  4.   Fontanelle 24 20
  5.   Dop. Ferroviario 21 20
  6. Ischia 20 20
7.   Magazzini Generali 18 20
8.   Dipendenti Comunali 17 20
9.   Corda Fratres 16 20
10.   Ferrovieri Cumana 9 20
11. Internaples 8 20

Legenda:

      Ammesso alle finali per il titolo regionale.
   Ammesso alla nuova Promozione Regionale.
   Non iscritto la stagione successiva.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti.

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica

Squadra Città (provincia) Stagione precedente
  Audax Cervinarese Cervinara (AV)
  A.C. Baiano Baiano (AV)
  Folgore Napoli
  Folgore Olimpia Napoli
  Garibaldini Avellino
  Juve Arpino Arpino di Casoria (NA)
  Libertas Avellino
  U.S. Mariglianese Marigliano (NA)
  Pro Carmelo Napoli
  S.A.F.F.A. Napoli
  G.S. Vasto Napoli
  S.C. Vomero Napoli

Classifica finaleModifica

Dati mancanti

VerdettiModifica

  • Baiano, Libertas Avellino e Vomero Napoli ammesse sul campo alla nuova Promozione Regionale.

Girone CModifica

Squadre partecipantiModifica

Squadra Città (provincia) Stagione precedente
  Pol. Afragolese Afragola (NA)
  Amorosi Amorosi (BN)
  U.S. Arzanese Arzano (NA)
  U.S. Aversana Aversa (CE)
  S.S. Capua Capua (CE)
  Combattenti e Reduci Montesarchio (BN)
  Interfrattese Frattamaggiore (NA)
  U.S. Maddalonese Maddaloni (CE)
  C.R.A.L. A.E.R.F.E.R. Pomigliano d'Arco (NA)
  U.S. Sessana Sessa Aurunca (CE)
  U.S. Virtus Frattese Frattamaggiore (NA)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1.   Aversana ?? 20
  2.   ??? ?? 20
  3.   ??? ?? 20
  4.   A.E.R.F.E.R. ?? 20
  5.   ??? ?? 20
  6.   ??? ?? 20
  7.   ??? ?? 20
8.   ??? ?? 20
9.   ??? ?? 20
10.   ??? ?? 20
11.   ??? ?? 20

Legenda:

      Ammesso alle finali per il titolo regionale.
   Ammesso alla nuova Promozione Regionale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti.

VerdettiModifica

  • Arzanese, Aversana, Capua, Maddalonese, A.E.R.F.E.R. Pomigliano, Sessana e Virtus Frattese ammesse sul campo alla nuova Promozione Regionale.

Girone DModifica

Squadre partecipantiModifica

Squadra Città (provincia) Stagione precedente
Alba Nocerina Nocera Inferiore (SA)
U.S. Battipagliese Battipaglia (SA)
A.C. Ercolanese 1924 Ercolano (NA)
Giovanile Portici (NA)
Juve Antoniana Polla (SA)
S.S. Juventus Stabia Castellammare di Stabia (NA)
C.R.A.L. Marina Militare Castellammare di Stabia (NA)
U.S. Penisola Sorrentina Sant'Agnello (NA)
C.R.A.L. Pezzullo Eboli (SA)
G.S. Pontecagnano Pontecagnano Faiano (SA)
U.P. Scafatese Scafati (SA)
Vesuvio Torre Annunziata (NA)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Ercolanese 35 22 14 7 1 52 17 +35
  2.   Juve Antoniana 28 22 9 10 3 46 21 +25
  3.   Pezzullo 28 22 9 10 3 44 22 +22
  4. Juventus Stabia 27 22 9 9 4 43 24 +19
  5.   Pontecagnano 26 22 9 8 5 41 31 +10
  6. Battipagliese 26 22 8 10 4 42 25 +17
7.   Giovanile Portici 25 22 8 9 5 42 32 +10
  8.   Vesuvio 15 22 5 5 12 25 39 -14
  9.   Alba Nocerina 14 22 5 4 13 23 44 -21
10.   Penisola Sorrentina 14 22 5 4 13 22 46 -24
  11. Scafatese 13 22 6 1 15 28 53 -25
12.   CRAL Marina Militare 12 22 1 10 11 12 66 -54

Legenda:

      Ammesso alle finali per il titolo regionale.
   Ammesso alla nuova Promozione Regionale.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti.

Note:

Classifica erronea: manca 1 punto dovuto a una sconfitta in più e a un pareggio in meno (88 vittorie - 87 pareggi - 89 sconfitte totali).

FinaliModifica

Si svolsero le finali fra le prime qualificate per assegnare il titolo onorifico di campione regionale.

QualificazioniModifica

L'esito delle qualificazioni dovette confrontarsi da regolamento con gli esiti del sovrastante campionato di Promozione, dal quale alla fine retrocessero 10 club campani poi ulteriormente scesi ad 8 per gli scioglimenti dell'Acerrana e della Pompeiana. Fu così che a tutte le seste classificate della Prima Divisione furono parificate alle squadre che le precedevano in classifica. In più, le chiusure di altre quattro società regionali permisero alla Lega Regionale Campana di deliberare il ripescaggio di altrettanti club, tra cui la Scafatese, in quanto società rappresentative del territorio.[2]

NoteModifica

  1. ^ Era stato stabilito che l'organico della nuova Promozione Campana sarebbe stato composto da 32 società. Essendo affiliate alla Lega Interregionale Sud 15 club campani appositamente raggruppati in un unico girone, il numero di retrocesse dalla morente lega avrebbe potuto variare da un minimo di 11 ad un massimo di 14. Combinando un certo gioco delle probabilità con la facoltà riconosciuta a Barassi di aggiustare posteriormente l'organico di IV Serie, fu ritenuto ragionevole ritenere che comunque non sarebbero scese più di 12 squadre. Fu così che furono garantiti 20 posti, cinque per ciascun girone, per i club di Prima Divisione 1951-1952 (nell'eventualità massima di 12 retrocesse dalla lega superiore), più altri quattro posti sottoposti a clausola condizionale (nelle eventualità di ancor meno retrocessioni, anche per ripescaggi e rinunce).
  2. ^ In ossequio ad una lunga tradizione, vennero scartate le candidature delle squadre di Napoli città in quanto comune già ovviamente largamente rappresentato nelle categorie superiori.

BibliografiaModifica

GiornaliModifica

LibriModifica

  • Guglielmo Formisano, Emozioni in Rete - Storia Fotografica della Scafatese dal 1922 al 2002 , Ed. GM-CALAMOS.

Voci correlateModifica

Altri campionatiModifica