Apri il menu principale

Unione Sportiva Arzanese 1924

(Reindirizzamento da Unione Sportiva Arzanese)
US Arzanese 1924
Calcio Football pictogram.svg
Biancocelesti
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px bisection vertical White HEX-78D3F7.svg Bianco, celeste
Simboli Torre
Inno Dai Arzanese
Tony Romano
Dati societari
Città Arzano
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Prima Categoria
Fondazione 1924
Rifondazione2017
Presidente Italia Salvatore Pellino
Allenatore Italia Carlo Panzeri
Stadio Sabatino De Rosa
(4 000 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Unione Sportiva Arzanese 1924, nota comunemente come Arzanese, è una società calcistica italiana con sede ad Arzano, nella città metropolitana di Napoli. È stata fondata il 15 giugno 1924.

La squadra ha conseguito il miglior risultato della sua storia vincendo il proprio girone di Serie D e approdando in Lega Pro Seconda Divisione, quarto livello calcistico italiano.

L'attuale sodalizio è stato rifondato nel 2017 quando, dopo essere fallita, l'Unione Sportiva Arzanese ha rinunciato a iscriversi al campionato di Promozione nel 2016. Dopo essere ripartita dalla Terza Categoria, al termine della stagione 2018-2019 ha ottenuto la promozione in Prima Categoria Campania.

StoriaModifica

Le origini e i primi campionatiModifica

La società Unione Sportiva Arzanese nacque il 15 giugno 1924 nella città di Arzano; dalla fine anni degli anni venti partecipò ai campionati uliciani di 1ª Categoria del Comitato U.L.I.C. di Napoli Nord. Successivamente giocò nei campionati sezione Propaganda fino al 1943, anno in cui dovette rimanere inattiva per la guerra.

I primi veri campionati la squadra li disputò solo dopo la fine della seconda guerra mondiale. Il Presidente a partire dal 1945 fu Russo. Il club disputò i campionati di Prima Divisione e in seguito di Promozione per poi disputare la Prima Categoria.

Nel 1980 L'Arzanese conquista per la sua prima volta la promozione in Serie D, categoria che verrà ritrovata nuovamente negli anni novanta.

Dopo essere retrocessa nei campionati regionali la squadra campana disputerà fino agli anni duemila tornei di quel carattere.

Promozione in Serie DModifica

Nella stagione 2009-2010 la compagine allenata da Ciccio Troise, sotto la presidenza di Gaetano De Vita, termina il campionato di Eccellenza campana Girone A nelle zone alte della classifica dietro l'Atletico Nola campione del Girone, disputando così i play off promozione, da cui esce sconfitta per la regola dei gol in trasferta contro l'Ebolitana (1-1 a Eboli e 2-2 ad Arzano). Viene però in seguito ripescata in serie D e inserita nel girone H.

Nel febbraio del 2010 disputò la finale di Coppa Italia regionale contro l'Ebolitana, perdendo ai calci di rigore. Quattro anni prima, nel 2006, aveva partecipato ad un'altra finale di Coppa Italia regionale, venendo sconfitta dall'Ippogrifo Sarno.

La promozione tra i professionistiModifica

Nella stagione 2010-2011 Troise lascia la panchina biancoceleste per approdare all'Atletico Nola. Il presidente Gaetano De Vita sceglie per la panchina Franco Fabiano, e grazie anche ai nuovi innesti (Pasquale Carotenuto, Sasà Montaperto, Ciro Manzo, Vincenzo Noviello e Martino Imparato su tutti) la squadra si piazza al primo posto sin dalla prima giornata di campionato. Il 1º maggio 2011 la squadra ottiene la promozione in Lega Pro Seconda Divisione, dopo il pari conseguito sul terreno dello stadio Capozza di Casarano: nella sua storia il club non era mai approdato nel mondo dei professionisti. Termina il proprio girone con 70 punti, miglior attacco (58 reti), massimo numero di vittorie (20) e minimo di sconfitte (3).

Finito il campionato regolare partecipa alla Poule Scudetto inserita nel girone con altre 2 capoliste dei rispettivi gironi Ebolitana e Aprilia. Nella prima partita, disputata in casa, batte l'Aprilia 3-1, successivamente pareggia ad Eboli 2-2: vengono promosse entrambe alla fase successiva, come 1ª qualificata e come miglior seconda.

In semifinale l'Arzanese affronta il Perugia a Treviso: dopo i tempi regolamentari il risultato termina 1-1, perdendo poi ai rigori 5-6.

Per la stagione 2011-2012 i fratelli Ciro e Umberto Serrao, vice presidenti della squadra, dovranno affrontare la prima problematica, legata allo stadio Sabatino De Rosa non in regola con gli standard professionistici richiesti dal campionato.

Il 16 giugno 2011 il direttore sportivo Pasquale Costagliola lascia l'incarico dopo 3 anni ed aver conseguito con la squadra 2 promozioni consecutive[1]. Cinque giorni arrivano nuovi volti nell'organigramma societario: Salvatore Righi (presidente della famosa scuola calcio partenopea Mariano Keller nonché ex proprietario della Massese) diventa il nuovo direttore generale, mentre per il ruolo vacante di direttore sportivo viene ingaggiato Massimo Cavaliere.[2]

Inoltre in questa stagione la squadra primavera del club campano partecipa per la prima volta al Torneo di Viareggio.

La Lega Pro Seconda DivisioneModifica

Esordisce tra i professionisti il 4 settembre 2011, in casa del Fondi, con il risultato di 2-2 dopo essere stata in vantaggio di due reti. Vince la sua prima partita in Lega Pro Seconda Divisione la settimana successiva battendo il Gavorrano in casa per 4-3. Alla terza giornata di campionato, il 14 settembre 2011, vince la sua prima partita in trasferta battendo il Giulianova per 2-1.

Nel girone di andata l'Arzanese chiude a metà classifica, ben distante dalla zona Playout e a ridosso della zona Playoff. Nella finestra di Calciomercato invernale, la squadra si rinforza acquistando in prestito vari giovani provenienti da club di categorie superiori, e acquistando un giovane brasiliano proveniente dalla Juventude[3], dando contemporaneamente l'addio al suo bomber Pasquale Carotenuto che dopo un acceso diverbio con il Mister Fabiano e frizioni nello spogliatoio con i compagni di squadra[4], rescinde consensualmente il contratto.

La squadra nel girone di ritorno proseguirà la sua striscia positiva, rimanendo sempre a distanza di sicurezza dalla zona retrocessione ma senza mai raggiungere i playoff. Chiude il campionato in 9ª posizione con 55 punti.

Nel secondo anno in Seconda Divisione, la proprietà conferma l'intero assetto societario ma decide di cambiare la guida tecnica.

Fabiano firma con la Turris, e a sedere sulla panchina biancoceleste è Antonio Rogazzo. Il nuovo tecnico fa l'esordio in campionato il 2 settembre con la pesante sconfitta per 5-1 nella trasferta con l'Aprilia, salvo riscattarsi nella seconda giornata di campionato con una rotonda vittoria per 3-0 contro il Campobasso.

La stagione prosegue alternando ottime prestazioni tra le mura amiche dello Stadio Vallefuoco di Mugnano (designato al posto dell'ancora indisponibile "Sabatino De Rosa" di Arzano) e le meno brillanti gare offerte in trasferta. Dopo una serie di risultati negativi, la dirigenza opta per l'esonero di Rogazzo, poi rientrato in seguito ad un incontro con i calciatori, i quali, addossandosi le colpe del momento poco felice, di fatto "salvano" il tecnico[5].

Dopo questo scossone la squadra comincia a macinare gioco e risultati, riuscendo a guadagnare una sicura posizione di metà classifica, ma tra fine febbraio e inizio marzo ricade nella spirale negativa. I soli 9 punti conquistati nel girone di ritorno in 10 partite e una classifica sempre più corta, fanno precipitare l'Arzanese nella zona playout e Rogazzo viene nuovamente esonerato. Al suo posto arriva Giovanni Ferraro[6] e col nuovo tecnico le cose migliorano soprattutto in trasferta.

Nelle ultime 7 partite sotto la gestione Ferraro, di cui 4 in trasferta, la squadra conquista 12 punti grazie a tre vittorie e altrettanti pareggi, riuscendo a tirarsi fuori dalla zona spareggi e risalendo la classifica sino al conclusivo nono posto, a pari merito con Borgo a Buggiano e Campobasso.

L'Arzanese riuscirà a mantenere la propria presenza nei professionisti fino alla stagione 2013-2014 dove, nella nuova riforma del campionato di Lega Pro, pur arrivando dodicesima, si vede retrocessa in Serie D perdendo il playout contro il Tuttocuoio.

Ritorno alle categorie dilettantistiche e scomparsa (2014-2016)Modifica

L'Arzanese, tornata in Serie D dopo il sogno Lega Pro (serie C) durato tre stagioni, non riesce a risalire la china, anche a causa di ingenti problemi finanziari, che la porteranno inizialmente a retrocedere anche dalla Serie D in Eccellenza dopo aver perso un altro playout, e poi, nella stagione successiva, di retrocedere da ultima classificata in Promozione. Dopo questa repentina discesa, arriva anche la sentenza finale sull'Arzanese, che viene radiata dai campionati.

Rinascita (2017-)Modifica

Dopo un anno di inattività, l'Unione Sportiva Arzanese 1924 rinasce grazie alla volontà dello storico presidente Salvatore Pellino che, riprendendo le redini della società, nomina vice presidenti Gennaro Portanova e Giovanni Simonetti e allenatore della squadra Vincenzo Granata. Per mancanza di tempi utili, però, i biancocelesti non possono far altro che iscriversi in Terza Categoria, ultimo livello del calcio italiano. La compagine allenata da Granata, composta quasi interamente da atleti originari di Arzano, centra la qualificazione ai play-off in virtù di un quarto posto in stagione regolare. Il suo cammino verso la promozione si ferma in semifinale con il pareggio per 2-2 dopo i tempi supplementari con la Libertas Casalnuovo, terza classificata: è quest'ultima a passare il turno per il miglior piazzamento nella stagione regolare. A fine stagione arriva comunque il ripescaggio in Seconda Categoria campionato nel quale i biancocelesti debuttano con un sesto posto, appena al di fuori dei play-off, tuttavia la squadra è nuovamente ripescata nel livello superiore, arrivando così in Prima Categoria.

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Unione Sportiva Arzanese 1924
  • 1924 - 15 giugno: fondazione dell'Unione Sportiva Arzanese.
  • 1924-1935 - Partecipa ai campionati ULIC.
  • 1935-1943 - Partecipa ai tornei sezione Propaganda.
  • 1943-1945 - Inattivo per cause belliche.
  • 1945-1946 - 2ª nel girone D di Prima Divisione Campania.
  • 1946-1947 - 8ª nel girone A di Prima Divisione Campania.
  • 1947-1948 - in Prima Divisione Campania.
  • 1948-1949 - 3ª nel girone A di Prima Divisione Campania, vince lo spareggio per accedere alle finali regionali.
  • 1949-1950 - nel girone B di Prima Divisione Campania.

  • 1950-1951 - in Prima Divisione Campania.
  • 1951-1952 - nel girone C di Prima Divisione Campania. Ammessa alla nuova Promozione.
  • 1952-1953 - 16ª nel girone A di Promozione Campania. Retrocessa in Prima Divisione.
  • 1953-1954 - in Prima Divisione Campania.
  • 1954-1955 - 1ª nel girone B di Prima Divisione Campania. Promossa in Promozione.
  • 1955-1956 - 10ª nel girone A di Promozione Campania.
  • 1956-1957 - 4ª nel girone A di Promozione Campania.
  • 1957-1958 - 9ª nel girone A Campano del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1958-1959 - nel girone A Campano del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1959-1960 - 6ª nel girone B di Prima Categoria Campania.

  • 1960-1961 - 12ª nel girone B di Prima Categoria Campania.
  • 1961-1962 - nel girone A di Prima Categoria Campania.
  • 1962-1963 - 13ª in Prima Categoria Campania.
  • 1963-1964 - nel girone A di Prima Categoria Campania.
  • 1964-1965 - 9ª nel girone A di Prima Categoria Campania.
  • 1965-1966 - 9ª nel girone A di Prima Categoria Campania.
  • 1966-1967 - 9ª nel girone A di Prima Categoria Campania.
  • 1967-1968 - in Prima Categoria Campania.
  • 1968-1969 - 9ª nel girone A di Promozione Campania.
  • 1969-1970 - 14ª nel girone A di Promozione Campania. Retrocessa in Prima Categoria.

  • 1970-1971 - in Prima Categoria Campania.
  • 1971-1972 - nel girone B di Prima Categoria Campania.
  • 1972-1973 - nel girone B di Prima Categoria Campania.
  • 1973-1974 - 1ª nel girone B di Prima Categoria Campania. Promossa in Promozione.
  • 1974-1975 - 3ª nel girone A di Promozione Campania.
  • 1975-1976 - 2ª nel girone A di Promozione Campania.
  • 1976-1977 - 7ª nel girone A di Promozione Campania.
  • 1977-1978 - 2ª nel girone B di Promozione Campania.
  • 1978-1979 - 9ª nel girone A di Promozione Campania.
  • 1979-1980 - 1ª nel girone B di Promozione Campania. Promossa in Serie D dopo gli spareggi promozione.

  • 1980-1981 - 7ª nel girone E di Serie D. Ammessa nel nuovo campionato Interregionale.
  • 1981-1982 - 3ª nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1982-1983 - 14ª nel girone H di Interregionale. Retrocessa in Promozione.
  • 1983-1984 - 15ª nel girone A di Promozione Campania. Retrocessa in Prima Categoria ma successivamente riammessa alla compilazione dei nuovi quadri stagionali.
  • 1984-1985 - 5ª nel girone D di Prima Categoria Campania.
  • 1985-1986 - 3ª nel girone D di Prima Categoria Campania. Promossa in Promozione.
  • 1986-1987 - 1ª nel girone A di Promozione Campania. Non promossa dopo gli spareggi promozione.
  • 1987-1988 - 8ª nel girone B di Promozione Campania.
  • 1988-1989 - 3ª nel girone A di Promozione Campania.
  • 1989-1990 - 2ª nel girone A di Promozione Campania. Ammessa in Interregionale a completamento organici.

  • 1990-1991 - 6ª nel girone I di Interregionale.[7]
  • 1991-1992 - 12ª nel girone H di Interregionale.
  • 1992-1993 - 6ª nel girone H del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1993-1994 - 18ª nel girone G del C.N.D. Retrocesso in Eccellenza.
  • 1994-1995 - 11ª nel girone A di Eccellenza Campania.
  • 1995-1996 - 1ª nel girone A di Eccellenza Campania. Promosso in C.N.D.
  • 1996-1997 - 16ª nel girone G del C.N.D. Retrocesso in Eccellenza.
  • 1997-1998 - 5ª nel girone A di Eccellenza Campania.
  • 1998-1999 - 5ª nel girone A di Eccellenza Campania.
  • 1999-2000 - 13ª nel girone A di Eccellenza Campania.

  • 2000-2001 - 16ª nel girone A di Eccellenza Campania. Retrocesso in Promozione.
  • 2001-2002 - 3ª nel girone B di Promozione Campania. Ammesso in Eccellenza.
  • 2002-2003 - 13ª nel girone A di Eccellenza Campania.
  • 2003-2004 - 7ª nel girone A di Eccellenza Campania.
  • 2004-2005 - 6ª nel girone A di Eccellenza Campania.
  • 2005-2006 - 6ª nel girone A di Eccellenza Campania.
Finalista di Coppa Italia Regionale.
  • 2006-2007 - 11ª nel girone A di Eccellenza Campania.
  • 2007-2008 - 12ª nel girone A di Eccellenza Campania. Salvo dopo aver vinto i play-out.
  • 2008-2009 - 5ª nel girone A di Eccellenza Campania. Perde i play-off.
  • 2009-2010 - 3ª nel girone A di Eccellenza Campania. Perde il primo turno dei play-off nazionali. Ammesso in Serie D.
Finalista di Coppa Italia Dilettanti Campania.

  • 2010-11 - 1ª nel girone H di Serie D. Promosso in Lega Pro Seconda Divisione.
  • 2011-2012 - 9ª nel girone B di Lega Pro Seconda Divisione.
  • 2012-2013 - 9ª nel girone B di Lega Pro Seconda Divisione.
  • 2013-2014 - 12ª nel girone B di Lega Pro Seconda Divisione. Perde la finale play-out. Retrocessa in Serie D.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2014-2015 - 14ª nel girone H di Serie D. Perde i play-out. Retrocessa in Eccellenza.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2015-2016 - 16ª nel girone A di Eccellenza Campania. Retrocessa in Promozione e radiata dai campionati.
  • 2016-2017 - Inattiva.
  • 2017 - Viene fondata l'Unione Sportiva Arzanese 1924.
  • 2017-2018 - 4ª nel girone A di Terza Categoria Campania. Perde i play-off. Ammessa in Seconda Categoria.
  • 2018-2019 - 6ª nel girone F di Seconda Categoria Campania. Amessa in Prima Categoria.
  • 2019-2020 - in Prima Categoria Campania.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

I colori sociali dell'Arzanese sono il bianco e il celeste che compongono la maglia di casa.

Simboli ufficialiModifica

SimboliModifica

Lo stemma della squadra è uno scudo con bordo oro contenente all'interno la denominazione societaria e in un riquadro, diviso a metà da una fascia celeste e bianca, una torre merlata marrone e al di sopra di essa l'anno di fondazione.

InnoModifica

L'inno della squadra si intitola Dai Arzanese, cantato da Tony Romano.

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Sabatino De Rosa, Stadio Alberto Vallefuoco e Stadio Pasquale Janniello.

L'Arzanese disputa le partite di casa allo stadio Sabatino De Rosa, costruito nel 1950 e capace di ospitare 4000 spettatori è stato ristrutturato nel 2009 ed è dotato di una copertura e un terreno in erba sintetica.

Nel periodo in cui lo stadio è stato indisponibile la squadra ha giocato le partite interne allo stadio Alberto Vallefuoco di Mugnano di Napoli e allo stadio Pasquale Janniello di Frattamaggiore.

Centro di allenamentoModifica

L'Arzanese si allena allo stadio Sabatino De Rosa, sede delle partite interne della squadra.

SocietàModifica

Modifica

Nella stagione 2010-2011 lo sponsor sulle maglie è l'azienda EcoCart. A partire dalla stagione 2011-2012 è Centro Commerciale Jamm e continua nella stagioni successive in concomitanza con la disputa dei campionati professionistici in Lega Pro. Nella stagione della rifondazione, 2017-2018 è la Conad.

Cronologia degli sponsor tecnici
  • 2010-2011 Legea
  • 2011-2016 Givova
  • 2017- 2019 Givova
  • 2019 - RA Rise Again (maglia di casa), Legea (maglia trasferta)
Cronologia degli sponsor ufficali
  • 2010-2011 Gal trade
  • 2011-2012 Jamm
  • 2012-2016 EcoCart
  • 2017-2018 Conad
  • 2018-2019 Gal Trade
  • 2019- Autotrasporti F.lli Bevilacqua

Settore giovanileModifica

L'Arzanese ha vinto due volte il campionato regionale: nel 2000, battendo in finale l'Ariano Irpino, e nel 2010 superando a Sarno il Gladiator per 2-1, con reti di Pavia e Sandomenico.

Allenetatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'U.S. Arzanese 1924
Allenatori
  • 1924-1948 ...
  • 1948-1949   Schettino
  • 1949-1959 ...
  • 1959-1960   Pasquale Atripaldi
  • 1960-1972 ...
  • 1972-1973   Pasquale Atripaldi
  • 1973-1976   Vincenzo De Falco
  • 1976-1977   Gentile
      Vincenzo De Falco
      Di Costanzo
  • 1977-1978   Franco Villa
  • 1978-1979....
  • 1979-1980   Franco Villa
  • 1980-1993 ...
  • 1993-1994   Marzocca
  • 1994-1998 ...
  • 1998-1999   Bruno Mandragora
  • 1999-2003 ...
  • 2003-2005   Luigi Sorianiello
  • 2005-2006   Luigi Sorianiello
      Gaetano Ferrara
  • 2006-2007   Gaetano Ferrara
      Francesco Fabiano
  • 2007-2008   Amerigo Ferrara
      Francesco Fabiano
      Vincenzo Sicuranza
  • 2008-2009   Vincenzo Sicuranza (1ª-10ª)
      Sebastiano Scarfato (1ª-30ª)
  • 2009-2010   Francesco Troise
  • 2010-2012   Francesco Fabiano
  • 2012-2013   Antonio Rogazzo (1ª-27ª)
      Giovanni Ferraro (28ª-34ª)
  • 2013-2014   Giovanni Ferraro (1ª-6ª)
      Salvatore Marra (7ª-34ª e play-out)
  • 2014-2015   Rosario Campana
      Vincenzo Potenza
      VincenzoNutolo
  • 2015-2016   Giuseppe Cipolletta
      Domenico Gargiulo
  • 2016-2017 nessuno[8]
  • 2017-2018   Vincenzo Granata
  • 2018-   Carlo Panzeri
Presidenti
  • 1924-1950   Russo
  • 1950-1963 ...
  • 1963-1965   Sabatino De Rosa
  • 1965-1975 ...
  • 1975-1976   Ferone
  • 1976-1978   Mele
  • 1977-2004 ...
  • 2004-2009   Salvatore Pellino
  • 2009-2011   Gaetano De Vita
  • 2011-2015   Umberto Serrao
  • 2015-2016   Vincenzo Giordano
  • 2016-2017 nessuno[8]
  • 2017-   Salvatore Pellino

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'U.S. Arzanese 1924

PalmarèsModifica

Competizioni interregionaliModifica

2010-2011 (girone H)

Competizioni regionaliModifica

1954-1955 (Girone B)
1973-1974 (Girone B)
1979-1980 (Girone B); 1986-1987 (Girone A)
1995-1996 (Girone A)

Altri piazzamentiModifica

Terzo posto: 1981-1982 (Girone I)
Terzo posto: 2009-2010 (girone A)
Terzo posto: 2001-2002 (girone B)
Secondo posto: 1945-1946 (girone D)
Semifinalista: 2010-2011
Finalista: 2005-2006, 2009-2010
Semifinalista: 2006-2007

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Lega Pro Seconda Divisione 3 2011-2012 2013-2014 4
Serie D 1 2014-2015
Serie D 2 1980-1981 2010-2011 9
Campionato Interregionale 4 1981-1982 1991-1992
C.N.D. 3 1992-1993 1996-1997

Statistiche individualiModifica

Presenze e marcature dei giocatori dell'Arzanese nei campionati professionisti.

Record di presenze
  • 86   Salvatore Sandomenico
  • 77   Patrizio Caso
  • 76   Gianmarco Fiory
  • 66   Stefano Riccio
  • 65   Antonio Tarascio
  • 64   Ciro Improta
  • 55   Mauro Gori
  • 45   Gennaro Fragiello
  • 43   Simone Figliolia
  • 41   Thomas Funari
Record di reti
  • 29   Salvatore Sandomenico
  • 20   Giovanni Esposito
  • 19   Francesco Ripa
  • 14   Filippo Saviano
  • 9   Pasquale Carotenuto
  • 8   Marco Incoronato
  • 8   Eugenio Salemme
  • 7   Umberto Improta
  • 6   Gianmarco Mascolo
  • 4   Stefano Riccio
  • 3   Massimo Perna
  • 3   Giuseppe Ausiello
  • 3   Marco Orabona
  • 3   Simone Figliolia
  • 3   Alessandro Elia

TifoseriaModifica

StoriaModifica

Il primo gruppo ultrà dell'Arzanese è quello dei Fumati, risalente al lontano 1984. Successivamente tale gruppo diede vita agli Ultras nel 1994, affiancati poi dagli Estranei a partire dal 2004, costituendo l'anima della tifoseria biancoceleste. Si registrano altri gruppi a sostegno come Old Style e Teste Matte, posizionati dietro le rispettive pezze.

Gemellaggi e rivalitàModifica

La tifoseria biancoceleste intrattiene delle amicizie con quelle dell'Aversa Normanna e dell'Aenaria Lacco Ameno. Le rivalità si hanno con l'Ischia, il Nola, lo Stasia e il Pomigliano.

NoteModifica

  1. ^ Arzanese, lascia il ds Costagliola - TUTTO MERCATO WEB
  2. ^ UFFICIALE: Arzanese, Salvatore Righi è il nuovo dg. Cavaliere sarà ds - TUTTO MERCATO WEB
  3. ^ UFFICIALE: Arzanese, tesserato il brasiliano Lorenzi - TUTTO MERCATO WEB
  4. ^ http://www.resport.it/lega_pro/retroscena_divorzio_carotenuto_arzanese[collegamento interrotto]
  5. ^ Rogazzo esonerato
  6. ^ Ferraro subentra a Rogazzo
  7. ^ All'inizio della stagione sportiva 1991-92 il "Comitato Regionale Campano" cambia denominazione in Comitato Regionale Campania e di conseguenza i campionati da lei organizzati diventano "Eccellenza Campania", "Promozione Campania", "Prima Categoria Campania" e "Seconda Categoria Campania".
  8. ^ a b Società inattiva

BibliografiaModifica

  • Annuario del calcio campano di Enzo Pagliaro e Maurizio Nicolella editi in 8 volumi a partire dalla stagione 1981-82 fino al 1989-90 dalla Dick Pearson S.p.a. Via Giovanni Canonico Scherillo 8/b - 80126 Napoli.
  • Uomini e gol di Nicola Binda e Roberto Cominoli, supplemento del giornale "La Tribuna Sportiva" di Novara in 20 edizioni a partire dalla stagione 1990-91 (il 1989-90 aveva come titolo 11.692 gol - 8.145 protagonisti dei campionati di calcio Serie A-B-C1-C2-Interregionale Stagione 1989-90 e fu stampato dalla Lasergrafica Polver di Milano, Via Kramer 19).
    Contiene presenze, reti e i risultati dalla Serie A alla Serie D attuale, le classifiche finali dell'Eccellenza e della Promozione dalla stagione 1991-92.
  • Storia, Chrystian Calvelli www.arzanosport.com

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica