Apri il menu principale

Questo pazzo, pazzo, pazzo, pazzo mondo

film del 1963 diretto da Stanley Kramer
Questo pazzo, pazzo, pazzo, pazzo mondo
Its a Mad, Mad, Mad, Mad World Trailer12.jpg
Spencer Tracy nel trailer
Titolo originaleIt's a Mad, Mad, Mad, Mad World
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1963
Durata192 min (versione originale)
174 min (versione restaurata)
154 min (edizione rimontata)
Rapporto2,55 : 1
Generecomico
RegiaStanley Kramer
SoggettoWilliam Rose, Tania Rose
SceneggiaturaWilliam Rose, Tania Rose
ProduttoreStanley Kramer
Casa di produzioneCasey Productions
Distribuzione in italianoDear Film
MontaggioGene Fowler Jr., Robert C. Jones e Frederic Knudtson
MusicheErnest Gold
ScenografiaRudolph Sternad, Gordon Gurnee e Joseph Kish
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Questo pazzo, pazzo, pazzo, pazzo mondo (It's a Mad, Mad, Mad, Mad World) è un film del 1963, diretto e prodotto da Stanley Kramer. Nel 2000 l'American Film Institute lo ha inserito al 40º posto nella classifica delle migliori cento commedie americane di tutti i tempi.

TramaModifica

"Smiler" Grogan è uno scassinatore appena uscito dalla galera. Mentre percorre una strada statale che attraversa il deserto californiano, ha un incidente ed esce di strada precipitando in una scarpata. Stava andando a recuperare i 350.000 dollari, bottino di un furto compiuto molti anni prima ai danni di uno stabilimento ittico, e che egli aveva sepolto in un parco ("sotto una enorme W") a Santa Rosita, una località distante almeno 200 miglia dal luogo dell'incidente. Ormai morente, prima di spirare ha la forza di raccontare il suo segreto ad alcuni automobilisti di passaggio che, vistolo uscire di strada, si erano fermati per prestargli soccorso.

Messi di fronte all'ammontare della cifra e consapevoli di essere gli unici a sapere del nascondiglio del denaro, gli automobilisti tentano goffi accordi per la spartizione del bottino fra di loro. Visti vani tutti i tentativi, e rendendosi conto che ognuno di loro mira a prender possesso del bottino senza spartirlo con gli altri, danno vita ad una corsa sfrenata, con tutti i mezzi e in tutti i modi possibili, leciti ed illeciti, tra disparati incidenti e il coinvolgimento di un numero sempre maggiore di persone, attraverso il deserto californiano alla volta dell'ignoto nascondiglio, ignari di essere tenuti d'occhio, a distanza, dagli uomini comandati dal capitano Culpepper, prossimo al pensionamento e che da anni cerca di recuperare il denaro.

ProduzioneModifica

Il "Santa Rosita State Park", dove era nascosta la valigia con i 350.000 dollari, è diventato in seguito un parco privato dal nome "Portuguese Point", sito in località Rancho Palos Verde.[1]

Durante il film si susseguono numerosi camei di attori del cinema muto e non, come Jerry Lewis (il guidatore dispettoso), i tre marmittoni (i pompieri in attesa), Jack Benny (l'automobilista galante), Buster Keaton (il posteggiatore), Bob Hope, ZaSu Pitts, George Raft, Sterling Holloway, Jimmy Durante (lo scassinatore), Priscilla Lane, Edward Everett Horton, Don Knotts e tanti altri, tutti con pochi secondi di partecipazione. Anche Stan Laurel ricevette l'invito, che tuttavia declinò poiché si era ritirato dalle scene dopo la morte dello storico collega Oliver Hardy.

DistribuzioneModifica

Il film è stato distribuito dalla United Artists il 7 novembre 1963 negli Stati Uniti e dalla Dear Film il 16 aprile 1964 in Italia. È stato girato in Super Panavision o Ultra Panavision e fu promosso come il primo presentato in Cinerama con un unico proiettore[2].

Effetti specialiModifica

Il famoso mago del passo uno Willis O'Brien poco prima di morire collaborò alla realizzazione delle ultime scene del film (il mezzo dei pompieri e la scala antincendio che cedono sotto l'eccessivo peso).

Aspect ratioModifica

Esistono 3 versioni del film (stampa):

  1. La versione in DVD con aspect ratio 2.55:1
  2. La versione con pellicola 35 mm con aspect ratio 2.35:1
  3. La versione con pellicola 70 mm con aspect ratio 2.20:1 (anche in Supercinerama)

Il negativo originale era in 65 mm.[3]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Location per questo pazzo pazzo pazzo pazzo mondo", su members.cox.net. URL consultato il 21 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2010).
  2. ^ L'originale Cinerama utilizzava tre cineprese per la ripresa e altrettanti proiettori per la proiezione in sala.
  3. ^ Aspect ratio per questo pazzo pazzo pazzo pazzo mondo", su imdb.com. URL consultato il 24 febbraio 2010.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica