Apri il menu principale

Il Songwriters Hall of Fame (SHOF) è un progetto della National Academy of Popular Music (NAPM) che ha l'obiettivo di realizzare un museo dedicato ai più importanti autori di canzoni dell'industria musicale statunitense.

Venne fondato nel 1969 dal compositore Johnny Mercer e dagli editori musicali Abe Olman e Howie Richmond.

La National Academy of Popular Music è l'organizzazione che sovrintende il progetto SHOF e si dedica a promuovere i nuovi talenti nel campo della professione di compositore di canzoni, attraverso la promozione, l'organizzazione di corsi, di gruppi di lavoro e seminari, l'erogazione di borse di studio e l'assistenza e l'aiuto all'interno dell'industria discografica.

Attualmente il SHOF esiste solo come museo virtuale sul web. L'obbiettivo più importante per la National Academy of Popular Music è la realizzazione di un museo permanente a New York ove raccogliere materiale e testimonianze sulla storia della musica folk e della musica popolare statunitense e sugli autori e compositori in particolare.

L'inserimento di nuovi compositori nella Songwriters Hall of Fame avviene annualmente. La Hall of Fame dei compositori è suddivisa in tre categorie storiche a loro volta suddivise in sottocategorie (che corrispondono genericamente ad una identificazione di genere musicale):

  • Early American Song (dal 1600 al 1879): per i principali compositori di musica tradizionale;
  • Tin Pan Alley (dal 1880 al 1953): per i compositori del periodo storico durante il quale è nata la musica pop e l'industria musicale statunitense si è affermata e durante il quale sono nati il jazz, il blues, il musical;
  • Rock 'n' Roll (dal 1954 ad oggi): per i compositori del periodo storico durante il quale la musica popolare statunitense si è trasformata e l'industria musicale è cresciuta e si è espansa e affermata a livello mondiale.

Presidente emerito dell'organizzazione è stato Frank Sinatra, dal 1993 sino alla morte.

I Queen e i Bee Gees sono tra le poche band finora ad essere state ammesse per intero nella Hall of Fame, avendo tutti i rispettivi componenti contribuito alla scrittura di brani del gruppo.

Piuttosto rari sono nella SHOF gli autori non anglofoni e che non abbiano svolto la loro attività prevalentemente negli Stati Uniti. Tra questi il brasiliano Antônio Carlos Jobim e il francese Charles Aznavour.

Ad ogni evento annuale, oltre alla nomina di nuovi compositori nella Hall of Fame, vengono assegnati vari premi ai protagonisti dell'industria musicale. Gli scrittori di canzoni considerati promettenti e più dotati sono premiati con una borsa di studio intitolata a Abe Olman (Abe Olman Publisher's Award for Excellence in Songwriting). Nel 2004 è stato inaugurato lo Starlight Award, premio per i giovani autori di canzoni che abbiano avuto un impatto duraturo sulla storia della musica: il primo vincitore del premio è stato Rob Thomas, il cantante dei Matchbox Twenty, seguito, l'anno seguente, da Alicia Keys.

Nel 2015 viene istituito per la prima volta il Contemporary Icon Award, premio che riconosce lo status da "icona" nella musica, e viene consegnato a Lady Gaga.

Gli autori di canzoni inseriti nella Songwriters Hall of FameModifica

Indice
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z ?

AModifica

BModifica

CModifica

DModifica

EModifica

FModifica

GModifica

HModifica

JModifica

KModifica

LModifica

MModifica

NModifica

OModifica

PModifica

RModifica

SModifica

TModifica

UModifica

VModifica

WModifica

XModifica

YModifica

ZModifica

Hans Zimmer

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Songwriters Hall of Fame Online, su songwritershalloffame.org. URL consultato l'11 settembre 2005 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2008).
Controllo di autoritàVIAF (EN304295382 · LCCN (ENno2013065155 · WorldCat Identities (ENno2013-065155
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica