Apri il menu principale

Il seguente è un elenco dei sovrani di Piombino dal 1399 al 1815. Governarono il piccolo Stato, feudo imperiale, le casate: Appiano, Ludovisi, Boncompagni Ludovisi, Bonaparte Baciocchi. Il Congresso di Vienna, nel 1815, dispose la sua incorporazione nel Granducato di Toscana.[1]

Lo stemma del principato di Piombino sotto i Boncompagni Ludovisi

Indice

Signori di Piombino, 1399-1589Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Signoria di Piombino.

Appiano (1399-1501)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Gherardo
(1374-maggio 1404)
28 o 29 febbraio 1399 maggio 1404 Paola Colonna
un figlio e due figlie
primo signore di Piombino;
figlio di Jacopo I, doge della Repubblica di Pisa
1
 
Jacopo II
(aprile 1399-27 dicembre 1441)
maggio 1404 27 dicembre 1441 Donella Fieschi
nessun figlio
figlio di Gherardo;
la madre Paola Colonna fu signora reggente dal 1404 al 1419
2
 
Paola Colonna
(1380-30 novembre 1445)
27 dicembre 1441 30 novembre 1445 Gherardo
un figlio e due figlie
già signora reggente dal 1404 al 1419 3
 
Caterina
(1401-19 febbraio 1451)
30 novembre 1445 19 febbraio 1451 Rinaldo Orsini
nessun figlio
figlia di Gherardo 4
 
Emanuele
(1380-15 febbraio 1457)
1451 15 febbraio 1457 Colia de' Giudici
nessun figlio
fratello di Gherardo 5
 
Jacopo III
(1422-22 marzo 1474)
[2] 15 febbraio 1457 22 marzo 1474 Battistina Fregoso
cinque figli e una figlia
figlio naturale, poi legittimato, di Emanuele 6
 
Jacopo IV
(1459-10 aprile 1510)
[2] 22 marzo 1474 1501
(fuga)
Vittoria Todeschini Piccolomini d'Aragona
due figli e tre figlie
figlio di Jacopo III;
fuggito in seguito all'assedio di Cesare Borgia
7

Occupazione pontificia (1501-1503)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Cesare Borgia
(13 settembre 1475-12 marzo 1507)
  1501 18 agosto 1503
(fuga)
Charlotte d'Albret
una figlia
occupa la Signoria dopo averla assediata;
fuggito in seguito alla morte del padre Papa Alessandro VI

Appiano (1503-1548)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Jacopo IV
(1459-10 aprile 1510)
[2] 18 agosto 1503 10 aprile 1510 Vittoria Todeschini Piccolomini d'Aragona
due figli e tre figlie
ritornato al potere dopo l'occupazione ponteficia 7
 
Jacopo V
(1480-20 ottobre 1545)
  10 aprile 1510 20 ottobre 1545 (1) Marianna d'Aragona
nessun figlio
(2) Emilia Ridolfi
nessun figlio
(3) Clarice Ridolfi
nessun figlio
(4) Elena Salviati
tre figli
figlio di Jacopo IV 8
 
Jacopo VI
(1529-15 maggio 1585)
20 ottobre 1545 1548
(fuga)
Virginia Fieschi
un figlio e cinque figlie
figlio di Jacopo V;
fuggito a Genova, cedette la Signoria a Carlo V
9

Dominio fiorentino, Medici (1548-1557)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
 
Cosimo I
(12 giugno 1519-21 aprile 1574)
  1548 1557
(rinuncia)
Eleonora di Toledo
sette figli e quattro figlie
occupa la Signoria con la concessione di Carlo V;
rinuncia dopo aver ottenuto Cosmopoli

Appiano (1557-1589)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Jacopo VI
(1529-15 maggio 1585)
1557 15 maggio 1585 Virginia Fieschi
un figlio e cinque figlie
ritornato al potere per volere di Filippo II di Spagna 9
 
Alessandro
(1558-29 settembre 1589)
15 maggio 1585 29 settembre 1589 Isabella di Mendoza
un figlio e quattro figlie
figlio naturale, poi legittimato, di Jacopo VI;
assassinato in una congiura
10

Principi di Piombino, 1589-1801Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Principato di Piombino.

Appiano (1589-1603)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Jacopo VII
(1581-5 gennaio 1603)
1589 5 gennaio 1603 Spinola Bianco
nessun figlio
figlio di Alessandro;
nominato principe da Rodolfo II d'Asburgo
1
 
Carlo
(1560-1620)
5 gennaio 1603 20 febbraio 1603 Virginia Alidosi
tre figli
cugino di Jacopo VII 2

Occupazione imperiale, Asburgo d'Austria (1603-1611)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Rodolfo II d'Asburgo
(18 luglio 1552-20 gennaio 1612)
  20 febbraio 1603 31 ottobre 1611 - figlio di Massimiliano II d'Asburgo;
Imperatore del Sacro Romano Impero

Appiano (1611-1628)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Isabella
(1586-5 agosto 1661)
31 ottobre 1611 10 aprile 1628 (1) Giorgio de Mendoza
due figlie
(2) Paolo Giordano II Orsini
nessun figlio
figlia di Alessandro 3

Dominio spagnolo, Asburgo di Spagna (1628-1634)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Filippo IV di Spagna
(8 aprile 1605-17 settembre 1665)
  10 aprile 1628 1634 Elisabetta di Francia
un figlio e sei figlie
figlio di Filippo III di Spagna
Re di Spagna
Re del Portogallo
Re di Napoli e Sicilia
Re d'Aragona
Re di Sardegna
Duca di Milano

Ludovisi (1634-1700)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Niccolò I
(1610-25 dicembre 1664)
  1634 25 dicembre 1664 (1) Isabella Gesualdo
(2) Polissena di Mendoza
(3) Costanza Pamphili
due figli e tre figlie
genero di Isabella;
nominato principe di Piombino da Filippo IV di Spagna
4
 
Giovan Battista I
(1647-24 agosto 1699)
  1 settembre 1665 24 agosto 1699 (1) Maria de Moncada
nessun figlio
(2) Anna Maria Arduino
un figlio
figlio di Niccolò I 5
 
Niccolò II
(27 ottobre 1699-17 gennaio 1700)
27 ottobre 1699 17 gennaio 1700 - figlio di Giovan Battista I;
regnò sotto la reggenza della madre
6
 
Olimpia
(1646-27 novembre 1700)
9 marzo 1700 27 novembre 1700 - figlia di Niccolò I;
monaca di clausura, governò dal monastero delle Oblate di Santa Francesca Romana di Roma[3]
7

Boncompagni Ludovisi (1700-1801)Modifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Ippolita
(24 dicembre 1663-29 dicembre 1733)
e
Gregorio II Boncompagni
(7 luglio 1642-1 gennaio 1707)
  27 gennaio 1701 29 dicembre 1733 Gregorio Boncompagni, V duca di Sora
un figlio e cinque figlie
figlia di Niccolò I;
co-regnò col marito dal 1701 al 1707
8
 
Maria Eleonora
(10 aprile 1686-5 gennaio 1745)
29 dicembre 1733 5 gennaio 1745 Antonio Boncompagni
quattro figli e una figlia
figlia di Ippolita
9
 
Gaetano I
(21 agosto 1706-24 maggio 1777)[4]
  5 gennaio 1745 24 maggio 1777 Laura Chigi
quattro figli e cinque figlie
figlio di Maria Eleonora;
duca di Sora
10
 
Antonio II
(16 giugno 1735-26 aprile 1805)[5]
  24 maggio 1777 21 marzo 1801
(deposizione)
(1) Giacinta Orsini
nessun figlio
(2) Vittoria Sforza Cesarini
due figli e una figlia
figlio di Gaetano;
duca di Sora;
cacciato dall'invasione napoleonica
11

Principi di Lucca e Piombino, 1805-1814Modifica

Bonaparte-BaciocchiModifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Elisa
(3 gennaio 1777-7 agosto 1820)
  18 marzo 1805 1808 Felice Baciocchi
tre figli e una figlia
nominata principessa di Piombino dal fratello Napoleone Bonaparte;
co-regnò col marito dal 1805 al 1808
-
 
Felice
(24 dicembre 1663-29 dicembre 1733)
  18 marzo 1805 1º febbraio 1814
(deposizione)
Elisa Bonaparte
tre figli e una figlia
nominato principe di Piombino dal cognato Napoleone Bonaparte;
co-regnò con la moglie dal 1805 al 1808
-

Principi di Piombino, 1814-1815Modifica

Boncompagni-LudovisiModifica

Nome Ritratto Governo Matrimoni Note
Inizio Fine
 
Luigi I
(1767-1841)
febbraio 1814 9 giugno 1815
(deposizione)
Maddalena Odescalchi
due figli
figlio di Antonio II;
deposto in seguito al Congresso di Vienna
12

NoteModifica

  1. ^ Mauro Carrara, Signori e principi di Piombino, Pontedera, Bandecchi & Vivaldi, 1996, pp. 7-61.
  2. ^ a b c Il ritratto, di Andrea Guardi, si trova in un pannello nella cisterna della cittadella di Piombino
  3. ^ Licurgo Cappelletti, Storia della città e stato di Piombino: dalle origini fino all'anno 1814, Livorno, Giusti, p. 90.
  4. ^ Gaspare De Caro, BONCOMPAGNI LUDOVISI, Gaetano, duca di Sora, principe di Piombino, su treccani.it.
  5. ^ Umberto Coldagelli, BONCOMPAGNI LUDOVISI, Antonio, su treccani.it.

BibliografiaModifica

  • Mauro Carrara, Signori e principi di Piombino, Pontedera, Bandecchi & Vivaldi, 1996.
  • Goffredo Ademollo Valle, Rosso Fiorentino a Piombino. Il ritratto di Jacopo V Appiani, Pontedera, TraccEdizioni, 1994.
  • Licurgo Cappelletti, Storia della città e stato di Piombino: dalle origini fino all'anno 1814, Livorno, Giusti, 1897.
  • Nedo Tavera, Elisa Bonaparte Baciocchi Principessa di Piombino, Firenze, 1982.

Voci correlateModifica