Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la serie animata, vedi Timon e Pumbaa (serie animata).
Timon
Timon e Pumbaa.png
Timon (a sinistra) e Pumbaa (a destra)
UniversoDisney
Lingua orig.Inglese
AutoreJonathan Roberts
StudioWalt Disney Feature Animation
1ª app.2 febbraio 1994
1ª app. inIl re leone
Voci orig.
Voci italiane
SpecieSuricato
SessoMaschio
Luogo di nascitaAfrica
Pumbaa
UniversoDisney
Lingua orig.Inglese
AutoreJonathan Roberts
StudioWalt Disney Feature Animation
1ª app.2 febbraio 1994
1ª app. inIl re leone
Voci orig.
Voci italiane
SpecieFacocero
SessoMaschio
Luogo di nascitaAfrica

Timon e Pumbaa sono i due comprimari nel film d'animazione della Disney Il re leone, e successivamente protagonisti nella loro serie animata omonima e nel film a loro dedicato Il re leone - Hakuna Matata. Sono rispettivamente un suricato ed un facocero. Il loro motto è racchiuso nella oramai conosciuta e apprezzata frase africana Hakuna Matata, che significa "senza pensieri".

Indice

Caratteristiche e personalitàModifica

Timon
È un suricato. È intelligente e scaltro, si definisce il cervello del duo, sebbene non sia ingegnoso come vorrebbe far credere: spesso, infatti, rivendica le idee avute da Pumbaa come sue ed è molto più impulsivo di quest'ultimo.
Ha un carattere piuttosto spiritoso, altruista, a volte egoista e spensierato, ma dimostra spesso di avere un cuore buono e simpatico e farebbe qualsiasi cosa per aiutare i suoi amici. Diversamente dalla maggior parte dei suricati, che lavorano costantemente, Timon è un pigro sognatore che si autoesilierà dal branco, non sopportando lo stile di vita claustrofobico dei suoi simili. Nella serie animata Timon e Pumbaa, si scopre di essere anche un po' scorbutico e cinico.
A causa della bassa posizione che occupa nella catena alimentare, ha un'indole piuttosto pavida, infatti conta spesso sulla protezione di altri animali più grossi, come Pumbaa e Simba, ma nei momenti del bisogno dimostra di essere disposto a fare lo stesso per loro, arrivando anche rischiare la propria vita nel farlo. Cammina costantemente su due zampe, a differenza dei veri suricati, che possono sollevarsi sulle zampe posteriori ma non camminare sempre in questa posizione.
Inizialmente, all'interno della sua colonia di suricati, faceva la sentinella, ma dopo aver fatto un grosso errore, comprende di non appartenere a quel branco e decide di auto esiliarsi, per poi incontrare Pumbaa.
Non sopporta Nala, soprattutto nel primo e terzo film, in quanto è convinto che sia lei la causa della fine del trio "Hakuna Matata", facendo perdere la testa a Simba e diventando la compagna di quest'ultimo; inoltre non le perdona di aver cercato di mangiare lui e Pumbaa.
Pumbaa
È un facocero. Dotato di un carattere buono, gentile e simpatico, si preoccupa profondamente per i suoi amici ed è molto protettivo verso Timon. Talvolta dimostra un'ingenuità quasi infantile, che può venire spesso interpretata come stupidità, ma è più intelligente di quanto sembri, infatti ha spesso idee brillanti e intuizioni perspicaci, che Timon spesso spaccia, con gran spudoratezza, per sue. Ha sempre un'inarrestabile fame di insetti ed il suo tratto caratteristico sono le sue flatulenze, che emanano un tanfo pestilenziale, capace di mettere fuori combattimento o in fuga chiunque, motivo per cui da giovane era evitato da tutti gli altri animali. Sembra essere molto forte, anche se non come un leone, infatti è riuscito a mettere in fuga Shenzi, Banzai ed Ed da solo. C'è una cosa che lo fa andare su tutte le furie: il fatto di essere chiamato "maiale". Quando si sente apostrofare così si infuria molto e si scaglia contro chi lo ha detto, in quanto pretende di essere chiamato "Signor Maiale" (per esempio ne Il re leone fa fuggire le tre iene attaccandole, e nella serie animata "Timon e Pumbaa" attaccando i ghepardi e il coniglio magico rosa, perché lo hanno chiamato così).

Apparizioni cinematograficheModifica

  • Timon e Pumbaa fanno la loro prima apparizione nel film Il re leone del 1994 come tritagonisti, quando salvano il piccolo Simba da un branco di avvoltoi che gli stavano girando attorno credendolo morto. Nonostante si tratti di un cucciolo del più temibile carnivoro della Savana, lo accolgono come un fratello in difficoltà e credendo che lui sia stato esiliato (così lo sono anche loro). Grazie alla loro spensieratezza e filosofia di vita, riescono in poco tempo a distrarre il cucciolo dal dramma appena subito. Hakuna Matata è il loro motto: nessun pensiero, tutto è poesia, si vive alla giornata. Passano così mesi ed anni e Simba cresce. Il destino dell'ex cucciolo non può però essere trascurato e Timon e Pumbaa accompagneranno l'amico nel percorso a ritroso, dove Simba reincontra i suoi simili ed affronta, sconfiggendolo, chi ha provocato la sua fuga dalla Terre del Branco.
  • Nel film Il re leone II - Il regno di Simba del 1998 sono stavolta due personaggi di supporto in quanto sono i due baby sitter di Kiara, la figlia di Simba. Nonostante l'impegno necessario alla loro attività, la loro comicità risulta sempre irriverente e coinvolgente.
  • Nel Il re leone - Hakuna Matata del 2004, Timon e Pumbaa sono i protagonisti principali del film in cui si parla delle loro avventure che precedono e si svolgono durante gli avvenimenti del film originale Il re leone. Si scopre difatti che Timon apparteneva ad una colonia di suricati, mentre Pumbaa era rimasto isolato a causa dei suoi "problemi" di gas. Nel tentativo di trovare una casa giusta per loro, vagano prima nel Cimitero degli Elefanti, poi nella gola dove vengono coinvolti nella gigantesca carica di gnu in fuga e alla fine si ritroveranno in una grande giungla sul cui limite troveranno Simba, personaggio che gli cambierà completamente la vita. Ne Il ritorno del ruggito e nella serie The Lion Guard del 2015, Timon e Pumbaa sono personaggi di supporto ai protagonisti della serie come nel secondo film è fungeranno da intermezzo comico nei momenti di tensione.

Serie animataModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Timon e Pumbaa (serie animata).

Una serie animata, composta da 85 per 168 episodi in tre stagioni, prodotta dal 1995 al 1999, fu dedicata interamente a Timon e Pumbaa. In questi episodi viene illustrata la vita di Timon e Pumbaa, prima e dopo la saga del Re leone, e le loro divertenti avventure nella giungla, compiute in diversi tempi. In questa serie si scontrano spesso con Fusto Quint, avventuriero e cacciatore (occasionalmente anche fotografo, cuoco, cercatore d'oro, ladro e truffatore) che funge da antagonista, ostacolando i due amici in ogni impresa. Quint cambia nome e identità a seconda dell'episodio e dell'occupazione assegnatagli. Non solo, ma anche alle prese con vari avversari diversi da loro, come Smolder l'orso, Cheetato e Cheetata i ghepardi, Boss Castoro il castoro taglialegna, I cannibali, il suricato burlone Fred, Toucan Dan il tucano ladro e il Piccolo Jimmy l'uccellino. Poi incontrano nuovi amici come Speedy la lumaca che non può essere mangiata da loro, e Irwin il pinguino che porta guai. Nella serie i due viaggiano per il mondo e affrontano ogni sorta di avventura. Sono anche capaci di parlare e di farsi capire dagli uomini. Nella serie appare anche Simba, in una manciata di episodi (come "Predatori", "La guardia del corpo" e "Il crollo dell'impero romano"), insieme a altri personaggi del Re leone come Rafiki, Zazu e le iene Shenzi, Banzai ed Ed. In un episodio, Pumbaa adotta un cucciolo di alligatore credendolo un facocero e lo chiama Pumbaa Junior. Nella prima stagione della serie vi sono anche alcune canzoni dedicate a Timon e Pumbaa, come The Lion Sleeps Tonight, Yummy Yummy Yummy e una versione speciale di Stand by Me.

Nella serie animata, in diversi episodi, vengono rivelati i cognomi dei due personaggi: quello di Timon è Berkowitz mentre quello di Pumbaa è Smith.

Dalla serie sono usciti tre VHS e DVD:

  • In giro per il mondo con Timon e Pumbaa
  • Fuori a cena con Timon e Pumbaa
  • In vacanza con Timon e Pumbaa

Altre apparizioniModifica

Timon e Pumbaa appaiono come protagonisti anche nei cortometraggi educativi di Tutti i pazzi per la sicurezza.