Apri il menu principale

Wolfsberger Athletiksport-Club

società calcistica austriaca
Wolfsberger AC
Calcio Football pictogram.svg
WAC WOLFSBERGER AC SINCE 1931 Logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Black and White Striped.png Bianco, nero
Simboli un lupo
Dati societari
Città Wolfsberg.jpg Wolfsberg
Nazione Austria Austria
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Austria.svg ÖFB
Campionato Bundesliga
Fondazione 1931
Presidente Austria Dietmar Riegler
Allenatore Austria Heimo Pfeifenberger
Stadio Lavanttal Arena
(7.300 posti)
Sito web rzpelletswac.at
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato di Erste Liga
Si invita a seguire il modello di voce

Il Wolfsberger Athletiksport-Club, abbreviato in Wolfsberger AC o WAC e noto come RZ Pellets WAC per motivi di sponsor, è una società calcistica austriaca di Wolfsberg, in Carinzia.

Fondata nel 1931, milita attualmente in Bundesliga, la massima serie del campionato austriaco di calcio, dopo la vittoria del campionato di Erste Liga 2011-2012.

Indice

StoriaModifica

La società fu fondata nel 1931 col contributo di Adolf Ptazcowsky, Karl Weber, Hermann Maierhofer, Franz Hafner e Michael Schlacher, ricordati come i fondatori del club. Nel 1946 arrivò la prima promozione in Landesliga, cui fece però seguito l'immediata retrocessione. Negli anni seguenti il Wolfsberger recuperò un ruolo di rilievo: nel 1951-1952 fu nuovamente promosso in Landesliga e, nel 1954-1955, in Tauernliga, all'epoca la seconda divisione del campionato nazionale, dove lottò per la promozione in Staatsliga A fino agli spareggi di fine stagione. Nonostante questi brillantissimi risultati, la squadra non fu costante e retrocesse di nuovo in Landesliga nel giro di una sola stagione.

Promossa nuovamente in Regionalliga nel 1968, la squadra bianco-nera raggiunse nel 1976 la promozione in 2. Division. Negli anni seguenti, il club fu spesso promosso tra i cadetti, ma dovette sempre abbandonare la categoria dopo un solo anno: accadde nelle stagioni 1984-1985, 1988-1989 e 1990-1991[1].

Nel 2007 fu stretto un rapporto di cooperazione e fusione dei settori agonistici con lo Sportklub Sankt Andrä[1], squadra del vicino paese, con conseguente cambio di denominazione in WAC-St. Andrä e, grazie alle nuove risorse finanziarie e ad un rinnovato progetto sportivo, la squadra ha potuto tornare competitiva, festeggiando il ritorno nella seconda serie del calcio austriaco, dopo quasi venti anni d'assenza, il 12 giugno 2010, grazie alla vittoria per 4-1 nella partita di ritorno dello spareggio col Parndorf[1], la quale squadra aveva vinto per 1-0 la partita d'andata. Il club ha pertanto disputato la stagione 2010-2011 in Erste Liga, mentre la squadra riserve (St. Andrä|WAC) in Landesliga.

L'11 maggio 2012, con la vittoria in casa del First Vienna per 3-1, ha conquistato la promozione in Bundesliga per la prima volta nella sua storia[2]. In previsione del campionato 2012-2013 lo spielgemeinshaft è stato dissolto e la società ha riacquistato la denominazione di Wolfsberger Athletiksport-Club[3].

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

I colori sociali del club sono il bianco e il nero, che compaiono - assieme al giallo - nello stemma cittadino.

Tra il 2007 ed il 2012 la divisa comprendeva anche l'arancione, mutuato dalla maglia del St. Andrä. Allo scioglimento dello spielgemeinschaft il Wolfsberger ha riacquistato la divisa classica.

SimboloModifica

Il simbolo della squadra è un lupo, che campeggia nello stemma societario così come in quello cittadino.

StadioModifica

L'impianto casalingo del club è la Lavanttal Arena, situata in città. Si tratta di un impianto completamente nuovo, in grado di ospitare eventi di rilievo a livello locale, oltre ad essere utilizzato per partite di calcio, football americano e tornei di atletica leggera. Ha una capienza di 4.100 spettatori, di cui 1.100 a sedere.

Può ospitare fino a 400 persone in sale private, ed è sede di congressi, meeting e molte altre manifestazioni[4].

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

2011-2012

Altri piazzamentiModifica

Terzo posto: 2018-2019
Semifinalista: 2014-2015

Statistiche e recordModifica

Statistiche nelle competizioni UEFAModifica

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2018-2019.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
Coppa UEFA/UEFA Europa League 1 4 2 0 2 3 6

Partecipazioni alle competizioni UEFA per clubModifica

Stagione Competizione Turno Avversario Casa Trasferta Somma
2015-16 UEFA Europa League 2Q   Shakhtyor Soligorsk 2-0 1-0 3-0
3Q   Borussia Dortmund 0-1 0-5 0-6

OrganicoModifica

Rosa 2019-2020Modifica

Aggiornata al 16 luglio 2019.

N. Ruolo Giocatore
1   P Christian Dobnik
4   D Manfred Gollner
5   D Stefan Peric
7   D Lukas Schmitz
8   C Marcel Ritzmaier
9   A Shon Weissman
10   C Michael Liendl
11   C Romano Schmid
13   A Alexander Schmidt
14   D Stefan Gölles
15   D Nemanja Rnić
16   C Mario Leitgeb
17   C Joshua Steiger
N. Ruolo Giocatore
19   C Sven Sprangler
20   C Bajram Syla
23   C Lukas Schöfl
24   C Christopher Wernitznig
25   D Fabian Tauchhammer
26   D Michael Sollbauer
27   D Michael Novak
29   P Manuel Kuttin
30   A Amar Hodzić
31   P Alexander Kofler
32   P Marko Soldo
34   C Marc Andre Schmerböck
  A Anderson Niangbo

Staff tecnicoModifica

Allenatore:   Robert Ibertsberger
Allenatore in seconda:   Hannes Jochum
Allenatore dei portieri:   Adolf Preschern
Massaggiatore:   Amela Baltic
Preparatore atletico:   Anton Rossmann

Rose stagioni passateModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c (DE) Chronik, rzpelletswac.at. URL consultato il 12 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2012).
  2. ^ (DE) WAC/St. Andrä krönte sich in Wien zum Meister - 3:1-Sieg, bundesliga.at. URL consultato il 12 maggio 2012.
  3. ^ (DE) Auslosung der tipp3-Bundesliga powered by T-Mobile & "Heute für Morgen" Erste Liga Saison 2012/2013, bundesliga.at. URL consultato il 20 giugno 2012.
  4. ^ (DE) Stadion - Lavanttal-Arena, rzpelletswac.at. URL consultato il 12 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2012).

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio