Bison bison

specie di animale della famiglia Bovidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bisonte americano
American bison k5680-1.jpg
Bisonte delle pianure
(B. b. bison)
Waldbison Bison bison athabascae Tierpark Hellabrunn-13.jpg
Bisonte delle foreste
(B. b. athabascae)
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Bovinae
Sottotribù Bovina
Genere Bison
Specie B. bison
Nomenclatura binomiale
Bison bison
(Linnaeus, 1758)
Sinonimi

Bos americanus Gmelin, 1788
Bos bison Linnaeus, 1758
Bison americanus (Gmelin, 1788)
Bison bison montanae Krumbiegel, 1980

Sottospecie

Bison bison map.svg

Il bisonte americano, o semplicemente bisonte (Bison bison (Linnaeus, 1758)), è una specie di bisonte che un tempo vagava per tutto il Nord America in vaste mandrie. La sua distribuzione storica, dal 9000 a.C., è descritta come la grande cintura di bisonti, un tratto di ricca prateria che si estendeva dall'Alaska al Golfo del Messico, a est fino alla costa atlantica (quasi fino alla zona delle maree atlantica in alcune aree) a nord fino a New York e a sud fino alla Georgia e, secondo alcune fonti, fino in Florida, con avvistamenti nella Carolina del Nord vicino a Buffalo Ford sul fiume Catawba, fino al 1750.[2][3][4] Quest'imponente animale si è quasi estinto per cause antropiche, con una combinazione di caccia e macellazione commerciale eccessiva nel XIX secolo, e l'introduzione di malattie bovine tramite l'interazione con i bovini domestici. Con una popolazione di oltre 60 milioni alla fine del XVIII secolo, la specie era scesa a soli 541 animali entro il 1889. I primi sforzi di conservazione si espansero a metà del XX secolo, con una rinascita a circa 31.000[5] bisonti selvatici oggi, in gran parte limitati in pochi parchi e riserve nazionali. Attraverso molteplici reintroduzioni, la specie ora è stata reintrodotta anche in alcune regioni della Yakutia e in Messico.

Sono state descritte due sottospecie o ecotipi: il bisonte di pianura (B. b. bison), di dimensioni più piccole e con una gobba più arrotondata, e il bisonte delle foreste (B. b. athabascae), la sottospecie più grande e con una gobba più squadrata.[6][7][8][9][10][11] Inoltre, è stato suggerito che il bisonte delle pianure possa in realtà essere due sottospecie, una settentrionale (B. b. montanae) e una meridionale (B. b. bison), portando ad un totale di tre sottospecie.[9] Tuttavia, questa ipotesi non generalmente supportato. Il bisonte delle foreste è una delle più grandi specie bovine selvatiche esistenti al mondo, superato solo dai gaur asiatici.[12] Tra gli animali terrestri esistenti in Nord America, il bisonte è il più pesante ed il più lungo, ed il secondo più alto dopo l'alce.

Per molti millenni, le tribù dei nativi americani avevano legami culturali e spirituali con il bisonte americano. È il mammifero nazionale degli Stati Uniti d'America.

EtimologiaModifica

 
Una coppia di bisonti di pianura, nel Parco nazionale di Yellowstone

Il termine bufalo è talvolta considerato un termine improprio per questo animale e potrebbe essere confuso con i "veri" bufali, come il bufalo d'acqua asiatico e il bufalo africano. Tuttavia, il nome buffalo è elencato in molti dizionari come un nome accettabile per il bufalo o bisonte americano. Samuel de Champlain diede il nome bufalo (buffles in francese) al bisonte nel 1616 (pubblicato nel 1619), dopo aver visto delle pelli e un disegno mostratigli dai membri della Nipissing First Nation, che affermarono di aver viaggiato per quaranta giorni (da est del lago Huron) per commerciare con un'altra nazione che cacciava questi animali.[13] Nell'uso inglese, il termine bufalo risale al 1625 in Nord America, quando il termine fu registrato per la prima volta per questo mammifero americano.[14] Ha quindi una storia molto più lunga del termine bisonte, registrato per la prima volta nel 1774.[15] Il bisonte americano è strettamente imparentato con il bisonte europeo.

Nella lingua di alcune tribù indiane delle pianure, esistono due nome diversi per identificare i bisonti maschi e le femmine, ognuno con una designazione diversa, anziché una singola parola generica che indica entrambi i sessi. Esse sono:

  • in Arapaho: bii (femmina), henéécee (maschio)
  • in Lakota: pté (femmina), tȟatȟáŋka (maschio)

Tale distinzione non è una caratteristica generale della lingua (ad esempio, l'arapaho possiede termini neutri per il genere per altri grandi mammiferi come wapiti, cervi mulo, ecc.), ed è quindi, probabilmente, dovuto allo speciale significato che il bisonte delle praterie ha per la vita e la cultura di queste tribù.

DescrizioneModifica

 
Maschio di bisonte delle pianure, nelle Wichita Mountains, Oklahoma
 
Scheletro di un bisonte delle pianure
 
Bisonte del 1887. Montaggio in sequenza di fotografie di Eadweard Muybridge

Il bisonte americano cambia il mantello a seconda della stagione: durante l'inverno cresce un mantello ispido, lungo, e di colore marrone scuro, mentre d'estate presenta una mantello più leggero e di colore marrone chiaro. I bisonti maschi sono significativamente più grandi e più pesanti delle femmine. Il bisonte delle foreste è potenzialmente più primitivo nel fenotipo del bisonte delle pianure, mentre quest'ultimo probabilmente si è evoluto dall'ibridazione di Bison occidentalis e Bison antiquus.[16] I bisonti delle pianure sono generalmente più piccoli dei bisonti delle foreste. Generalmente, i maschi possono raggiungere una lunghezze massima di 3,5 metri (11 piedi 6 pollici), mentre le femmine possono raggiungere i 2,85 metri (9 piedi 4 pollici) di lunghezza. La coda aggiunge dai 30 ai 95 centimetri (1 piedi e 0 pollici, a 3 piedi e 1 pollice) di lunghezza.[16][17][18] L'altezza al garrese varia a seconda della specie, con il bisonte di pianura (B. b. bison) che può variare tra i 152 e i 186 centimetri (5 piedi e 0 pollici, a 6 piedi e 1 pollice), mentre il bisonte delle foreste (B. b. athabascae) può raggiungere anche i 2 metri (6 piedi e 7 pollici) d'altezza al garrese.[18] In genere il peso può variare da 318 a 1.179 kg (da 701 a 2.599 libbre),[18][19][20][21] da 460 a 988 kg (da 1.014 a 2.178 libbre) con un peso medio da 730 a 792,5 kg (1.609 a 1.747 libbre) per il bisonte delle pianure, e 943,6 kg (2.080 libbre) per il bisonte di foresta (nei maschi), e da 360 a 640 kg (da 790 a 1.410 libbre) con un peso medio da 450 a 497,6 kg (da 992 a 1.097 libbre) per le femmine,[16] sebbene le stime più basse rappresentino, probabilmente, il peso tipico intorno all'età di maturità sessuale a circa 2-3 anni di età.[22][23][24][25][26][16] Il maschio selvatico più pesante mai registrato per B. b. bison pesava 1.270 kg (2.800 libbre)[27] sebbene ci siano stati altri maschi con un peso stimato di 1.360 kg (3.000 libbre).[28] B. b. athabascae è significativamente più grande e più pesante di B. b. bison mentre il numero di individui registrati per il primo è stato limitato dopo la riscoperta di una mandria relativamente pura.[16] Quando viene allevato in cattività per la carne, il bisonte può diventare innaturalmente pesante e il bisonte semi-domestico più grande mai pesato, pesava 1.724 kg (3.801 libbre).[19] La teste e i quarti anteriori sono molto massicci ed entrambi i sessi hanno corna corte e ricurve che possono crescere fino a 60 centimetri (2 piedi) di lunghezza, e con un distanziamento da 90 centimetri (3 piedi) a 124 centimetri (4 piedi),[29][28] che usano nella lotta per lo supremazia all'interno della mandria e per difendersi dai predatori.

I bisonti sono erbivori, pascolando erbe e sementi nelle praterie nordamericane. Il loro programma giornaliero prevede periodi di due ore di pascolo, riposo e masticazione, per poi spostarsi in una nuova area per pascolare di nuovo. I giovani maschi sessualmente maturi possono iniziare ad accoppiarsi con le femmine all'età di due o tre anni, ma se sono presenti più maschi maturi, potrebbero non essere in grado di competere fino a quando non raggiungono i cinque anni di età.

Per i primi due mesi di vita, i vitelli sono di colore più chiaro degli adulti. Una condizione molto rara è il bufalo bianco, in cui il vitello diventa completamente bianco da adulto.

Distribuzione e popolazioneModifica

 
Una mandria di bisonti mentre pascola, al National Bison Range, Montana

Nonostante siano i parenti più stretti del bestiame domestico originario del Nord America, i bisonti non furono mai addomesticati dai nativi americani. I successivi tentativi di addomesticamento da parte degli europei prima del XX secolo ebbero un successo limitato. I bisonti sono stati descritti come aventi un "carattere selvaggio e ingovernabile";[30] possono saltare fino a 1,8 metri (6 piedi) verticalmente,[31] e correre a 55–65 km/h (35–40 mph) quando agitati. Questa agilità e velocità, combinate con le loro grandi dimensioni e peso, rende le mandrie di bisonti difficili da confinare, poiché possono facilmente sfuggire o distruggere la maggior parte delle recinzioni, incluso la maggior parte del filo spinato. I sistemi di maggior successo comprendono grandi recinzioni di 6 metri (20 piedi) d'altezza, realizzate con travi d'acciaio saldato, con una base interrata di almeno 1,8 metro (6 piedi) nel cemento. Queste recinzioni, sebbene costose, richiedono pochissima manutenzione. Inoltre, sovrapporre le sezioni della recinzione in modo che le aree erbose oltre non siano visibili impedisce al bufalo di tentare di raggiungere una nuova area.

Attualmente esistono circa 500.000 bisonti in terreni privati e circa 30.000 in terreni pubblici che includono riserve ambientali e governative.[32] Secondo la IUCN, circa 15.000 bisonti sono considerati selvatici, bisonti ruspanti non confinati dalla scherma.

La The Nature Conservancy (TNC) ha reintrodotto il bisonte in oltre una dozzina di riserve naturali negli Stati Uniti. Nell'ottobre 2016, la TNC ha reintrodotto la mandria di bisonti più orientale del paese, a Kankakee Sands Nature Preserve in Morocco, nella Contea di Newton, Indiana.[33] Nel 2014, le tribù degli Stati Uniti e le First Nations canadesi hanno firmato un trattato per aiutare con la reintroduzione del bisonte, il primo ad essere firmato in quasi 150 anni.[34]

Habitat e sentieriModifica

Il bisonte americano vive nelle valli fluviali, nelle praterie e nelle pianure. Il suo habitat tipico è costituito da praterie aperte o semiaperte, arbusti di salvia, terre semiaride e arbusti. Prediligono anche aree poco boscose. Il bisonte pascola anche in zone collinari o montuose dove i pendii non sono ripidi. Sebbene non particolarmente conosciuti come animali d'alta quota, la mandria del Parco nazionale dello Yellowstone si trova spessa ad altitudini superiori a 2.400 metri (8.000 piedi), e la mandria delle Henry Mountains si trova nelle pianure intorno alle Henry Mountains, nello Utah, così come nelle valli montane delle Henry Mountains ad un'altitudine di 3.000 metri (10.000 piedi). Le prime arterie stradali del Nord America, ad eccezione di quelle lasciate dai mastodonti o dai buoi muschiati, ormai cancellate dal tempo, e le rotte degli scavatori, erano le tracce lasciate da bisonti e dai cervi nella loro migrazione stagionale e tra le zone di pascolo e le saline. Molti di questi percorsi, martellati da innumerevoli zoccoli che seguivano istintivamente gli spartiacque e le creste delle montagne per evitare il letame estivo e i cumuli di neve invernali dei luoghi più bassi, furono seguite dai nativi americani come percorsi per i terreni di caccia e come sentieri dei guerrieri. Erano inestimabili per gli esploratori e furono adottati anche dai pionieri coloniali.

I percorsi lasciati dai bisonti erano tipicamente a nord e a sud, ma diversi sentieri chiave est-ovest furono usati in seguito come ferrovie. Alcuni di questi includono il Cumberland Gap attraverso le Blue Ridge Mountains fino al Kentucky settentrionale. Un sentiero molto utilizzato attraversava il fiume Ohio alle cascate dell'Ohio e si dirigeva verso ovest, attraversando il fiume Wabash vicino a Vincennes, Indiana. Citando il senatore Thomas Hart Benton che saluta questi sagaci tracciatori, il bisonte ha aperto la strada alle ferrovie per il Pacifico.[35]

MessicoModifica

 
Una mandria di bisonti mentre pascola, a Chihuahua, Messico

L'estensione meridionale della distribuzione storica del bisonte americano comprende il Messico settentrionale e le aree adiacenti degli Stati Uniti, come documentato da documenti archeologici e resoconti storici dagli archivi messicani dal 700 d.C. al XIX secolo. La mandria di bisonti di Janos-Hidalgo spaziava tra Chihuahua, Messico e Nuovo Messico, Stati Uniti, almeno dagli anni '20.[36] La persistenza nella regione di questo branco suggerisce che l'habitat adatto per i bisonti è nel Messico settentrionale. Nel 2009, il bisonte geneticamente puro è stato reintrodotto nella Riserva della Biosfera di Janos, nel Chihuahua settentrionale, aggiungendosi alla popolazione di bisonti messicani.[37] Nel 2020, una seconda mandria è stata introdotta a Maderas del Carmen.[38]

SiberiaModifica

 
Bisonti delle foreste reintrodotti nella Repubblica di Sacha

Sin dal 2006, un branco di bisonti delle foreste del Parco nazionale Elk Island, Alberta, è stato introdotto nella Yakutia, Russia,[39][40][41] per conseguire il progetto di rewilding pleistocenico, un progetto per la reintroduzione della megafauna pleistocenica esistente, o i loro più stretti rappresentanti moderni, per ristabilire l'ecosistema pleistocenico in aree dove la megafauna si è estinta; il bisonte delle foreste è il parente più stretto dell'estinto bisonte della steppa. Questi bisonti si stanno adattando bene nella loro patria di 6.000 anni fa,[42] e la Lista Rossa della Yakutia ha ufficialmente registrato la specie nel 2019, ed un secondo branco si è formato nel 2020.[43][44]

TassonomiaModifica

EvoluzioneModifica

La famiglia dei bovini (tauridi e bisonidi) si discostò dalla linea ancestrale comune con il bufalo d'acqua e il bufalo africano circa 5-10 milioni di anni fa.[45] Da allora, il lignaggio familiare di bisonti e bovini taurini non sembra essere una semplice struttura "ad albero" come è spesso raffigurato in molte evoluzioni, perché esistono prove di diversi incroci tra diverse specie e membri all'interno di questa famiglia, anche molti milioni di anni dopo che i loro antenati si separarono in specie diverse. Questo incrocio non è stato sufficiente per rimettere insieme le diverse specie, ma ha portato a relazioni inaspettate tra molti membri di questo gruppo, come il fatto che lo yak sia correlato al bisonte americano, quando tali parentele non sarebbero altrimenti evidenti.

Uno studio del 2003 sul DNA mitocondriale ha indicato quattro distinti lignaggi materni nella sottotribù Bovina:

  1. Bovini taurini e zebù
  2. Bisonte europeo
  3. Bisonte americano e yak[46]
  4. Banteng, gaur e gayal

Tuttavia, l'analisi del cromosoma Y ha associato il bisonte europeo ed il bisonte americano.[47] Uno studio precedente che utilizzava l'impronta digitale del polimorfismo di lunghezza dei frammenti amplificata ha mostrato una stretta associazione tra il bisonte americano e il bisonte europeo e, probabilmente, anche con lo yak, ma ha notato che l'incrocio delle specie bovine rendeva problematiche le relazioni determinanti.[48] È dimostrato, tuttavia, che il bisonte europeo potrebbe essersi evoluto dalla divergenza di specie iniziata dall'introgressione dei maschi di bisonte in una specie ancestrale separata,[49] l'uro.[50]

 
Gli ultimi Bufali Canadesi, 1902, fotografia: Steele & Company
 
Una pila di crani di bisonti americani in attesa di essere lavorati all'esterno di una fabbrica di incollaggio (Detroit, 1892).

Il bisonte delle steppe (Bison priscus) si è discostato dal lignaggio che ha portato ai bovini domestici (Bos taurus) circa 2-5 milioni di anni fa. Il genere del bisonte è presente nella documentazione fossile di 2 milioni di anni fa.[20] Il bisonte delle steppe si diffuse in tutta l'Eurasia ed è il bisonte raffigurato nelle antiche pitture rupestri della Spagna e della Francia meridionale.

Il bisonte europeo si è evoluto dal bisonte della steppa, senza prove fossili di altre specie ancestrali tra il bisonte della steppa e il bisonte europeo, anche se il bisonte europeo potrebbe essere derivato dal lignaggio che ha portato al bisonte americano se quel lignaggio si fosse incrociato con il bisonte della steppa. Ancora una volta, la rete delle relazioni tra le varie specie è confusa, ma alcune prove mostrano che il bisonte europeo discende da bisonti migrati dall'Asia al Nord America, e poi di nuovo in Europa, dove si sono incrociati con il bisonte delle steppe.[20] A un certo punto, alcuni bisonti delle steppe si incrociarono con gli antenati degli yak moderni. Dopo questo crocevia, una popolazione di bisonti delle steppe (Bison priscus) ha attraversato il ponte di Bering verso il Nord America. Sono state trovate prove di molteplici incroci di bisonti da e verso l'Asia a partire da prima di 500.000 anni fa, continuando fino ad almeno 220.000 anni fa. Il bisonte delle steppe si diffuse nelle parti settentrionali del Nord America e visse in Eurasia fino a circa 11.000 anni fa[51] e in Nord America fino a 4.000-8.000 anni fa.[20]

Si pensa che il bisonte gigante (Bison latifrons) si sia evoluto nel continente nordamericano da B. priscus, dopo che il bisonte delle steppe attraversò il Nord America.[52][53][54] Il bisonte gigante (B. latifrons) apparve nella documentazione fossile circa 500.000 anni fa.[20] B. latifrons era una delle tante specie della megafauna nordamericana che si estinse durante l'evento di estinzione quaternaria. Si pensa che si sia estinto circa 21.000-30.000 anni fa, durante l'ultima glaciazione del Wisconsin.[55]

B. latifrons venne sostituito dal più piccolo Bison antiquus. B. antiquus apparve nella documentazione fossile nordamericana circa 250.000 anni fa.[56] B. antiquus, a sua volta, si è evoluto in B. occidentalis, per poi evolversi ancora nell'ancora più piccolo B. bison, il moderno bisonte americano, da 5.000 a 10.000 anni fa.[57][58] Alcuni ricercatori considerano B. occidentalis una sottospecie di B. antiquus.[59]

Differenze dal bisonte europeoModifica

 
Un bisonte europeo adulto

Sebbene siano superficialmente simili, il bisonte americano ed il bisonte europeo mostrano una serie di differenze fisiche e comportamentali. I bisonti americani adulti sono in media leggermente più pesanti a causa della loro corporatura meno longilinea e hanno gambe più corte, che li rendono leggermente più bassi al garrese.[60] I bisonti americani tendono a pascolare di più, mentre i bisonti europei tendono a nutrirsi maggiormente di arbusti e piccoli alberi. Questa differenza è anche data dalla conformazione dei loro colli, che nel bisonte americano sono "costruiti" per brucare a livello del suolo. Rispetto al naso del bisonte americano, quello della specie europea è posizionato più in avanti della fronte quando il collo è in posizione neutra. Il corpo del bisonte americano è più peloso, anche se la sua coda ha meno peli di quella del bisonte europeo. Le corna del bisonte europeo puntano in avanti attraverso rispetto al piano della faccia, rendendolo più abile a combattere attraverso l'incastro delle corna, allo stesso modo del bestiame domestico, a differenza del bisonte americano che favorisce la carica.[61] I bisonti americani sono più addomesticabili degli europei e si riproducono più facilmente con il bestiame domestico.[62]

Incroci con il bestiameModifica

Dopo il grande massacro dei bisonti americani durante il 1800, il numero di bisonti rimasti in vita nel Nord America scese fino a 541. Durante questo periodo, una manciata di allevatori catturarono gli individui rimanenti delle mandrie esistenti per salvare la specie dall'estinzione. Questi allevatori allevarono alcuni dei bisonti con il bestiame domestico nel tentativo di produrre una versione domestica del bisonte.[63] Si verificarono anche incroci accidentali. Generalmente, i tori domestici venivano incrociati con le femmine di bisonte, producendo una prole in cui solo le femmine erano fertili. Gli animali di razza incrociata non hanno mostrato alcuna forma di vigore ibrido, quindi la pratica è stata abbandonata. La proporzione di DNA del bestiame che è stata misurata negli individui introgressi e nelle mandrie di bisonti oggi è in genere piuttosto bassa, compresa tra lo 0,56 e l'1,8%.[63][64] Negli Stati Uniti, molti allevatori stanno ora utilizzando il test del DNA per eliminare la genetica residua del bestiame dalle loro mandrie di bisonti. La US National Bison Association ha adottato un codice etico che vieta ai suoi membri di incrociare deliberatamente i bisonti con altre specie.

BiologiaModifica

 
Un branco mentre cerca cibo nella neve, vicino a Madison River, Montana

I bisonti sono animali migratori e le migrazioni delle mandrie possono essere sia direzionali che altitudinali, in alcune aree.[65][66][67] I bisonti si spostano quotidianamente tra le varie aree di pascolo durante l'estate. Nella Hayden Valley, Wyoming, le mandrie di bisonti sono osservate mentre percorrevano, in media, 3 chilometri (2 miglia) al giorno.[67] La distribuzione estiva dei bisonti sembra essere influenzata dai cambiamenti stagionali della vegetazione, dall'interspersione e dalle dimensioni delle aree di pascolo, dalla stagione riproduttiva e dal numero di insetti parassitari.[65] Anche le dimensioni della riserva e la disponibilità d'acqua possono essere un fattore.[67] I bisonti sono in gran parte pascolatori, nutrendosi principalmente di erbe e carici. Nelle praterie a pastura corta si nutrono principalmente di erbe estive.[68] Nelle praterie miste, di erbe della stagione fredda, incluse alcune carici, che costituiscono circa il 79-96% della loro dieta.[69] Nelle zone montane e settentrionali, si nutrono di carici durante tutto l'anno.[65] In mancanza d'acqua nei mesi invernali, i bisonti inghiottono la neve.[67]

Comportamento socialeModifica

 
Una mandria di bisonti americani al pascolo a Tall Grass Prairie Preserve, nella Contea di Osage, Oklahoma

Le femmine di bisonte americano vivono in branchi materni che includono altre femmine e la loro prole. I figli maschi lasciano la mandria materna intorno ai tre anni e vivono da soli o si uniscono ad altri maschi in branchi di scapoli. Le mandrie dei maschi e quelle delle femmine, di solito, non si mescolano fino alla stagione riproduttiva, che avviene da luglio a settembre.[70] Tuttavia, le mandrie femminili possono contenere anche pochi maschi anziani. Durante la stagione riproduttiva, i maschi dominanti mantengono un piccolo harem di femmine con cui si accoppiano. I singoli maschi "accudiscono" le femmine fino a quando non gli viene permesso di accoppiarsi, seguendole e scacciando i maschi rivali. Per evitare che la femmina possa scegliere altri maschi, il maschio prescelto le copre la visuale con il suo stesso corpo. Quando un maschio vuole attirare l'attenzione della femmina lancia forti muggiti.[71] I maschi dominanti si accoppiano nelle prime 2-3 settimane della stagione.[71] I maschi subordinati, invece, si accoppiano con qualsiasi femmina in estro che non si sia ancora accoppiata. Il bisonte maschio non ha alcun ruolo nell'allevare i vitellini, quindi spetterà solo alla madre allevare il vitellino.

 
Un vitello di bisonte americano

Le mandrie di bisonti hanno gerarchie di dominanza sia per i maschi che per le femmine. Il dominio di un bisonte è legato alla sua data di nascita.[72] I bisonti nati all'inizio della stagione riproduttiva hanno maggiori probabilità di essere più grandi e più dominanti da adulti.[72] Pertanto, i bisonti sono in grado di trasmettere il loro dominio alla loro prole come individui dominante all'inizio della stagione. Oltre al predominio, i bisonti più anziani di una generazione hanno anche un tasso di fertilità più elevato rispetto ai più giovani.[72]

I bisonti si accoppiano da agosto a settembre, ed hanno una gestazione di 285 giorni. Le femmine danno alla luce un singolo vitello, dal mantello bruno-rossastro, alla volta, che allatteranno fino alla nascita del vitello successivo. Se la femmina non è incinta, la madre può allattare il vitello anche per 18 mesi. Le femmine allattano i loro vitelli per almeno 7 o 8 mesi, ma sembra che la maggior parte dei vitelli venga svezzata prima della fine del primo anno.[67] A tre anni, le femmine sono abbastanza mature da accoppiarsi. I bisonti hanno un'aspettativa di vita di circa 15 anni in natura e fino a 25 anni in cattività.

È stato osservato che i bisonti mostrano comportamenti omosessuali, più comuni nei maschi che nelle femmine. Nel caso dei maschi, è improbabile che sia correlato al dominio, ma piuttosto al legame sociale o all'acquisizione di esperienza sessuale.[73]

ScornateModifica

I bisonti americani si accoppiano in tarda primavera e in estate nelle aree di pianura più aperte. Durante l'autunno e l'inverno, i bisonti tendono a radunarsi in aree più boscose. Durante questo periodo, i bisonti prendono parte a comportamenti mattutini. Strofinano le corna contro alberi, giovani alberelli e persino pali della luce. Gli alberi aromatici come cedri e pini sembrano essere i loro preferiti. Le scornate che praticano contro gli alberi sembrano avere il ruolo di difesa contro gli insetti, poiché è un comportamento che verifica maggiormente in autunno, quando la popolazione di insetti è al suo massimo.[74] Cedro e pini emettono un aroma quando i bisonte vi si strofina le corna e questo sembra essere usato come deterrente per gli insetti.[74]

Bison wallowModifica

 
Un bisonte mentre fa un bagno di polvere, vicino a Lamar River Canyon

Un bison wallow è un piccola depressione nel terreno, che i bisonti usano per fare bagni di polvere o di fango, a seconda del tempo e della stagione. Sono state proposte diverse ipotesi sul perché i bisonti facciano il bagno nella polvere. Tra questi è stato proposto che possa essere un modo per eliminare i peli durante la muta, per un'interazione pacifica tra maschi, un comportamento sociale per la coesione del gruppo, per gioco, per sollievo dall'irritazione della pelle dovuta alle punture degli insetti, per proteggersi dagli ectoparassiti (zecche e pidocchi[non chiaro]), o per la termoregolazione.[75] La creazione di un bison wallow da parte di più bisonti ha importanti effetti sull'ecosistema e migliora la diversità vegetale e animale nelle praterie.[76]

PredatoriModifica

 
Un bisonte americano circondato da un branco di lupi

Sebbene la stazza dei bisonti americani, nella maggior parte dei casi, sia abbastanza per proteggerli dai predatori, in alcune aree gli individui più vulnerabili sono regolarmente predati dai lupi. La predazione da parte dei lupi raggiunge il picco alla fine dell'inverno, quando i wapiti migrano verso sud e i bisonti sono rallentati dalle forti nevicate e dalla carenza di cibo,[77] con attacchi solitamente concentrati su femmine e vitelli, o su individui deboli o feriti.[78] Si è osservato che i lupi prendono di mira più attivamente le mandrie con vitelli. Un singolo episodio di caccia dei lupi ai bisonti può durare da pochi minuti a oltre nove ore.[79][80] I bisonti mostrano cinque apparenti strategie di difesa nel proteggere i vitelli dai lupi: correre verso una femmina, correre verso una mandria, correre verso il maschio più vicino, correre davanti o al centro della mandria in fuga, e in laghi o fiumi. Quando fuggono dai lupi in aree aperte, le femmine con i piccoli prendono il comando, mentre i maschi si mettono in coda alle mandrie, per proteggere la fuga delle femmine. Il bisonte in genere ignora i lupi che non mostrano comportamenti venatori.[81] I branchi di lupi specializzati nella caccia ai bisonti tendono ad avere più maschi, poiché le loro dimensioni maggiori rispetto alle femmine consentono loro di abbattere le prede in modo più efficace.[82] I maschi sani e maturi nelle mandrie raramente cadono preda dei branchi di lupi. Tuttavia, i maschi solitari possono venire facilmente circondati ed uccisi.

È noto che gli orsi grizzly si nutrono delle carcasse e talvolta possono anche rubare le prede appena uccise dei lupi. Nonostante i grizzly possano facilmente uccidere i vitelli e, talvolta, anche gli individui vecchi o feriti, è raro che caccino attivamente questi possenti erbivori, anche se la preda prescelta è un individuo giovane o ferito;[83][84][85] attaccare un bisonte sano è rischioso per gli orsi, che nonostante la mole possono rimanere uccisi.[86][87]

Attacchi all'uomoModifica

 
Dei turisti si avvicinano pericolosamente a una mandria selvatica, nel Parco Nazionale di Yellowstone, Wyoming

I bisonti sono tra gli animali più pericolosi incontrati dai visitatori dei vari parchi nazionali nordamericani e possono attaccare gli esseri umani se provocati. Appaiono lenti a causa dei loro movimenti letargici, ma possono facilmente superare un uomo nella corsa; sono stati osservati esemplari raggiungere una velocità di 65 km/h (40 mph)[88] per 8 km (5 mi).[89]

Tra il 1980 e il 1999, più di tre volte nel Parco nazionale di Yellowstone dei turisti sono stati ferite dai bisonti piuttosto che dagli orsi. Durante questo periodo, dei bisonti caricarono e ferirono 79 persone, con ferite che andavano da ferite da incornata e ossa rotte a lividi e abrasioni. Gli orsi ferirono 24 persone nello stesso periodo. Tre persone morirono a causa delle ferite riportate: una persona per via delle ferite riportate dall'incontro con un bisonte nel 1983, e due persone dalle ferite riportate dall'incontro con degli orsi nel 1984 e nel 1986.[90]

Interazioni con l'uomoModifica

CacciaModifica

Anno Bisonte
americano (stime)
Pre-1800 60,000,000[91]
1830 40,000,000[91]
1840 35,650,000[92]
1870 5,500,000[91]
1880 395,000[92]
1889 541 (U.S.)[93]
1900 300 (U.S.)[91]
1944–47 5,000 (U.S.)[94]
15,000 (Canada)[92]
1951 23,340[95]
2000 360,000

La caccia al bisonte americano era un'attività fondamentale per i popoli indiani delle pianure, che fu successivamente adottata dai cacciatori professionisti americani e dal governo degli Stati Uniti anche per privare le tribù locali di un'importante fonte di nutrimento e costringerle nelle riserve, portarono quasi all'estinzione la specie, intorno al 1890. I cacciatori di bisonti, all'epoca dei pionieri, divennero molto famosi, tanto che alcuni entrarono nella storia. Basti pensare al leggendario Buffalo Bill, alias William Frederick Cody, che si vantava di averne abbattuti oltre 4000.[96] Sebbene i bisonti venissero uccisi in massa, molte tribù vedevano il bisonte come parte del mondo naturale, qualcosa garantito loro dal Creatore. In effetti, per alcune popolazioni indiane delle pianure, i bisonti sono conosciuti come i primi popoli.[97] Molte tribù non comprendevano il concetto di estinzione delle specie.[98] Così, quando il bisonte americano cominciò a scomparire in gran numero, fu un evento particolarmente straziante per le tribù delle tribù delle pianure. Come disse il capo dei Crow, Plenty Coups: "Quando il bisonte se ne andò, i cuori della mia gente caddero a terra e non poterono essere sollevati di nuovo. Dopo ciò non accadde più nulla. Non si cantava più da nessuna parte".[99] La perdita spirituale era dilagante; i bisonti erano parte integrante delle società tribali tradizionali e spesso l'intera tribù prendeva parte a delle cerimonie per ogni bisonte ucciso per onorarne il sacrificio. Al fine di sollevare il morale durante questo periodo buio, i Sioux e altre tribù presero parte alla danza degli spiriti, che consisteva in centinaia di persone che ballavano fino a quando 100 persone non cadevano prive di sensi.[100]

Oggi, molte misure di conservazione sono state adottate da varie tribù di nativi americani, tra cui l'Inter Tribal Bison Council uno dei più influenti e significativi. Nacque nel 1990, ed è composto da 56 tribù in 19 stati.[101] Queste tribù rappresentano un branco collettivo di oltre 15.000 bisonti e si concentrano sul ristabilire le mandrie sulle terre tribali al fine di promuovere la cultura, rivitalizzare la solidarietà spirituale e ripristinare l'ecosistema. Alcuni membri dell'Inter Tribal Bison Council sostengono che il valore economico del bisonte è uno dei fattori principali che ne determinano la rinascita. Il bisonte serve come sostituto a basso costo del bestiame e può resistere agli inverni nella regione delle pianure molto più facilmente del bestiame. Persino il Presidente degli Stati Uniti, Theodore Roosevelt, promosse la conservazione del bisonte americano, in quanto appassionato cacciatore.[101]

Come bestiameModifica

 
Conserve di carne di bisonte inscatolata, in vendita

I bisonti vengono sempre di più allevati per le loro carni e il loro pellame: la maggior parte dei bisonti americani viene allevata per il consumo alimentare e per la fabbricazione di indumenti. La carne di bisonte è generalmente considerata di gusto molto simile a quella del manzo domestico, ma ha un minor contenuto di grassi e di colesterolo, e uno maggiore di proteine,[103][104] il che ha portato allo sviluppo del beefalo, un ibrido fertile del bisonte incrociato con il bovino domestico. Nel 2005 circa 35000 bisonti sono stati macellati negli Stati Uniti per la loro carne, con la National Bison Association e il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti d'America che forniscono un certificato di autenticità, grazie a un sistema di tracciatura dei bisonti via radiofrequenza posto sulle loro orecchie. Esiste pure un mercato per la carne di bisonte macellata secondo le regole ebraiche kosher: questi bisonti vengono macellati in una delle poche macellerie kosher per mammiferi negli Stati Uniti e la loro carne viene distribuita in tutto il Paese.

I bisonti si trovano in mandrie pubbliche e private. Il Custer State Park, nel South Dakota, ospita 1.500 bisonti, una delle più grandi mandrie pubbliche al mondo, ma alcuni mettono in dubbio la purezza genetica di questi animali. I funzionari della fauna selvatica ritengono che le mandrie libere e geneticamente pure su terreni pubblici nel Nord America possano essere trovate solo nel Parco di Yellowstone,[105] nelle Henry Mountains dello Utah, nel Wind Cave National Park del South Dakota, Fort Peck Indian Reservation del Montana, Mackenzie Bison Sanctuary dei Territori del Nordovest, Elk Island National Park e Wood Buffalo National Park in Alberta, e Prince Albert National Park nel Saskatchewan. Un'altra popolazione, la mandria di bisonti di Antelope Island su Antelope Island, nello Utah, composta da 550-700 capi, una delle mandrie pubbliche più grandi e più antiche degli Stati Uniti, sebbene i bisonti di questa mandria sono considerati in semi-libertà, poiché la loro distribuzione è limitata ad Antelope Island. Inoltre, recenti studi genetici indicano che, come la maggior parte delle mandrie di bisonti, la mandria di bisonti di Antelope Island ha un ristretto numero di geni provenienti dai bovini domestici. Nel 2002, il governo degli Stati Uniti ha donato al governo messicano alcuni vitelli di bisonte del South Dakota e del Colorado. I loro discendenti vivono nelle riserve naturali messicane El Uno Ranch a Janos e Santa Elena Canyon, Chihuahua e Boquillas del Carmen, Coahuila, situate vicino alle rive meridionali del Rio Grande e intorno al confine con il Texas e Nuovo Messico.

Recenti studi genetici sulle mandrie di bisonti di proprietà privata mostrano che molti di loro includono animali con geni di bovini domestici.[105] Ad esempio, si è scoperto che la mandria sull'isola di Santa Catalina, California, isolata dal 1924 dopo essere stata portata lì per le riprese di un film, presentava un'introgressione del bestiame.[106] Si stima al mondo rimangano da 12.000 a 15.000 bisonti puri. I numeri sono incerti perché i test utilizzati fino ad oggi (l'analisi del DNA mitocondriale) sembrano indicare solo se la linea materna (di ritorno da madre a madre) includesse bovini domestici, e non mostra un possibile input maschile nel processo. Si è scoperto che la maggior parte degli ibridi assomigliava esattamente al bisonte di razza; quindi, l'aspetto non è un buon indicatore della genetica.

La popolazione di bisonti canadesi ha avuto un aumento esponenziale negli anni 1990 e 2000: il Census of Agriculture del 2006 riportò ben 195.728 capi, in aumento del 34,9% rispetto al 2001.[107] Di questi esemplari, oltre il 95% si trova Canada occidentale, e meno del 5% nel Canada orientale. L'Alberta è la provincia con la mandria più numerosa, rappresentando il 49,7% della popolazione complessiva ed il 45,8% delle fattorie. Le successive mandrie più grandi sono a Saskatchewan (23,9%), Manitoba (10%) e British Columbia (6%). Le principali regioni di produzione erano nelle parti settentrionali delle praterie canadesi, in particolare ad Aspen parkland, con la regione del fiume Peace (condivisa tra Alberta e British Columbia) che è la casa del gruppo più importante, rappresentando il 14,4% della mandria nazionale.[107] Il Canada esporta anche carne di bisonte, per un totale di 2.075.253 chilogrammi (4.575.150 lb) nel 2006.[108]

Una proposta nota come Buffalo Commons è stata suggerita da una manciata di accademici e politici per ripristinare le ampie aree della parte più secca delle Grandi Pianure in praterie native pascolate dai bisonti. I fautori sostengono che l'attuale uso agricolo della prateria di erba corta non è sostenibile, indicando disastri periodici, tra cui il Dust Bowl e la continua e significativa perdita di popolazione umana nella zona, negli ultimi 60 anni. Tuttavia, questo piano è contrastato da alcuni civili che vivono nelle zone in questione.[105]

Come simboloModifica

Nativi americaniModifica

 
Big Medicine (1933-1959) era un bufalo bianco sacro che viveva nella National Bison Range (ora in esposizione permanente presso la Montana Historical Society)

Tra le tribù dei nativi americani, in particolare gli indiani delle pianure, il bisonte è considerato un animale sacro ed un simbolo religioso. Secondo il professore S. Neyooxet Greymorning della University of Montana anthropology and Native American, "Le storie sulla creazione di dove veniva i bisonti mostrano che questi animali avevano un posto molto spirituale tra le varie tribù. Il bisonte attraversava diverse aree pertanto aveva funzioni e scopi diversi a seconda della tribù. L'animale aveva un posto speciale durante le cerimonie, e molte tribù usavano varie parti dell'animale, in particolare la sua pelle, per costruire rifugi utensili, scudi, armi e arnesi per cucire le tende".[109] I Sioux considerano la nascita di un bufalo bianco come il ritorno di White Buffalo Calf Woman, il loro principale profeta culturale e portatore dei loro "Sette Sacri Riti". Tra i Mandan e gli Hidatsa, la White Buffalo Cow Society era la più sacra delle società per le donne. È noto che in passato fossero presenti degli esemplari di bisonte bianco, cioè esemplari con una propria colorazione bianca del pelo non dovuta all'albinismo. I geni per tale colore del pelo si ritenevano perduti in quanto per decenni non si sono visti animali nati con questa colorazione quasi leggendaria. Tuttavia, nel 1994, è nata una femmina in un allevamento del Wisconsin con il manto bianco e gli occhi scuri (particolare che ha permesso di escludere che l'animale fosse albino). La femmina è stata chiamata "Miracolo" (Miracle) per sottolineare l'importanza dell'evento ma anche l'inaspettata sorpresa da esso causata[110].

Il bisonte bianco è sempre stato considerato un mito dagli antichi Pellerossa, pertanto è stato il soggetto di un film western del 1977: Sfida a White Buffalo.

Nord AmericaModifica

 
Banconota da $10 del 1901 con bisonte americano disegnato da Charles R. Knight.

Nel 2016, il bisonte americano è il mammifero nazionale degli Stati Uniti d'America, pertanto è spesso usato in Nord America in sigilli, bandiere e loghi ufficiali.[111] Il bisonte è un simbolo popolare negli stati delle Grandi Pianure: Kansas, Oklahoma e Wyoming che hanno adottato l'animale come mammifero ufficiale del loro stato, e molte squadre sportive hanno scelto il bisonte come mascotte. In Canada, il bisonte è l'animale ufficiale della provincia di Manitoba e compare sulla bandiera del suddetto stato. È anche usato nello stemma ufficiale della Royal Canadian Mounted Police.

Diverse monete americane raffigurano il bisonte; il più famoso è sul retro del "Buffalo Nickel", dal 1913 al 1938. Nel 2005, l'United States Mint coniò un nichelino con una nuova rappresentazione del bisonte come parte della loro serie, "Westward Journey". I quartieri degli stati del Kansas e del North Dakota, come parte della serie "50 State Quarter", sono caratterizzati dall'avere i bisonti come loro simbolo. Il quartiere dello stato del Kansas ha solo il bisonte e non presenta alcuna scritta, mentre il quartiere dello stato del North Dakota presenta due bisonti. Il quartiere dello stato del Montana presenta in modo prominente il teschio di un bisonte stagliato su un paesaggio. Il quartiere del Parco Nazionale di Yellowstone ospita anche un bisonte accanto ad un geyser.

GeneticaModifica

 
Mappa del 1889 di William T. Hornaday, che illustra lo sterminio del bisonte americano

Uno dei principali problemi che i bisonti americani affrontano oggi è la mancanza di diversità genetica, causata dall'impatto a "collo di bottiglia" che la popolazione ha subito a causa della loro quasi estinzione. Un altro problema genetico è l'ingresso di geni provenienti dai bovini domestici nelle popolazioni di bisonti, attraverso l'ibridazione.[105]

Ufficialmente, il "bisonte americano" è classificato dal governo degli Stati Uniti come un tipo di bestiame e il governo consente che le mandrie private siano gestite come tali. Questo è un riflesso delle caratteristiche che i bisonti condividono con il bestiame. Sebbene il bisonte americano non sia solo una specie separata, ma sia anche generalmente considerato come un genere separato dal bestiame domestico (Bos taurus), hanno chiaramente molta compatibilità genetica e il bisonte americano può incrociarsi con il bestiame, sebbene solo i vitelli femmina sono fertili e solo nella prima generazione. Questi ibridi femminili possono riprodursi a loro volta con i bisonte o con i tori domestici, risultando in 1/4 o 3/4 vitelli. Anche la prole femminile di questo incrocio è fertile, ma i maschi non sono fertili in modo affidabile a meno che non lo siano 7/8 bisonti o 7/8 bovini domestici.[112] Inoltre, quando si incrociano, gli animali incrociati della prima generazione tendono ad assomigliare molto al bisonte di razza, quindi l'aspetto è completamente inaffidabile come mezzo per determinare quale animale sia un bisonte di razza e cosa sia una mucca incrociata con un bisonte. Molti allevatori hanno deliberatamente incrociato il loro bestiame con il bisonte e ci si potrebbe aspettare una certa ibridazione naturale nelle aree in cui bovini e bisonti si trovano nella stessa area. Poiché il bestiame domestico ed il bisonte americano si nutrono in modo simile e tollerano condizioni simili, in passato potrebbero essersi incrociati anche allo stato selvatico, rendendo questi incroci ancora più comuni.

Negli ultimi decenni, sono stati sviluppati dei test per determinare la fonte del DNA mitocondriale nei bovini e nei bisonti, e la maggior parte delle mandrie di "bisonti" private sono state effettivamente identificate come incroci con bovini domestici, così come la maggior parte delle mandrie statali e federali. Con l'avvento dei test del DNA microsatellitare nucleare, il numero di mandrie note con geni di bovini domestici è aumentato. Sebbene esistano circa 500.000 bisonti nei ranch privati e nelle mandrie pubbliche, forse solo 15.000-25.000 di questi bisonti sono puri. "Il DNA di bovini domestici (Bos taurus) è trovato in quasi tutti gli allevamenti di bisonti esaminati fino ad oggi".[113] Importanti mandrie di bisonti pubbliche che non sembrano avere geni ibridati con i bovini domestici, sono la mandria di bisonti del Parco di Yellowstone, la mandria di bisonti delle Henry Mountains (che è stata creata con bisonti prelevati dal Parco di Yellowstone), la mandria di bisonti di Wind Cave, e i bisonti del Parco nazionale di Wood Buffalo, e mandrie sussidiarie in Canada.

Uno studio fondamentale sulla genetica del bisonte eseguito da James Derr della Texas A&M University lo ha confermato.[114] Lo studio di Derr è stato intrapreso nel tentativo di determinare quali problemi genetici potrebbero affrontare i bisonti mentre ripopolano aree in cui si erano estinti, e ha notato che i bisonti sembrano adattarsi con successo, nonostante il loro apparente "collo di bottiglia" genetico. Una possibile spiegazione di ciò potrebbe essere la piccola quantità di geni dei bovini domestici che sono ora nella maggior parte delle popolazioni di bisonti, sebbene questa non sia l'unica spiegazione possibile per il successo dei bisonti.

 
Un bisonte delle foreste nei pressi del fiume Coal, Canada

Nello studio di Derr, i geni del bestiame sono stati trovati in piccole quantità anche nella maggior parte degli allevamenti nazionali, statali e privati. "Gli esperimenti di ibridazione condotti da alcuni dei proprietari delle cinque mandrie di fondazione della fine del 1800, hanno trasmesso in eredità una piccola quantità di genetica di bestiame domestico in molte delle nostre mandrie di bisonti". Ha anche affermato che: "Tutte le mandrie di bisonti di proprietà statale testate (tranne forse una) contengono animali con DNA mitocondriale di bovini domestici".[114] Sembra che l'unica mandria di stato a non avere geni di bestiame domestico sia la mandria di bisonti delle Henry Mountains; l'allevamento delle Henry Mountains è stato avviato inizialmente con animali prelevati dal Parco di Yellowstone. Tuttavia, l'estensione di questo branco a Book Cliffs, nello Utah centrale, ha portato al mescolamento della mandria originale con dei bisonti aggiuntivi provenienti da un'altra fonte, quindi non è noto se l'estensione della mandria di Book Cliffs sia priva di ibridazione dal bestiame.

Uno studio separato di Wilson e Strobeck, pubblicato su Genome, venne condotto per definire le relazioni tra diverse mandrie di bisonti negli Stati Uniti e in Canada e per determinare se il bisonte del Parco nazionale di Wood Buffalo, in Canada, e il branco di bisonti del Parco di Yellowstone fossero, possibilmente, sottospecie separate. I bisonti del Parco nazionale di Wood Buffalo erano indicati come impuri, essendo un incrocio tra il bisonte delle pianure ed il bisonte delle foreste, sebbene il loro patrimonio genetico predominante fosse quello del "bisonte delle foreste".[10] Tuttavia, la mandria di bisonti del Parco di Yellowstone era composta da bisonti delle pianure puri. Un'altra scoperta portata alla luce da questo studio. è che i bisonti della mandria di Antelope Island, nello Utah, sembrano essere più lontanamente imparentati con altri bisonti delle pianure in generale rispetto a qualsiasi altro gruppo di bisonti delle pianure testati, sebbene ciò potrebbe essere dovuto alla deriva genetica causata dalle piccole dimensioni (solo 12 individui) nella popolazione fondatrice. Una scoperta secondaria di questo studio è stata che la mandria di bisonti di Antelope Island sembra essere più strettamente imparentata con la mandria di bisonti del Parco nazionale di Wood Buffalo, sebbene i bisonti di Antelope Island siano in realtà bisonti delle pianure.

Al fine di rafforzare la diversità genetica del bisonte americano, il 7 maggio 2020 il National Parks Service insieme al Dipartimento degli Interni ha annunciato la creazione del Bison Conservation Initiative 2020. Questa iniziativa si concentra sul mantenimento della diversità genetica della metapopolazione piuttosto che delle singole mandrie. Piccole popolazioni di bisonti sono a rischio notevolmente maggiore a causa del loro pool genetico ridotto e sono più suscettibili ad eventi catastrofici rispetto alle mandrie più grandi. La Bison Conservation Initiative 2020 mira a trasferire fino a tre bisonti ogni cinque-dieci anni tra le mandrie del Dipartimento degli interni. Specifici allevamenti più piccoli richiederanno un piano di gestione più intenso. I bisonte traslocati saranno anche sottoposto a screening per eventuali difetti di salute come l'infezione da batteri della brucellosi per non mettere a rischio la salute delle mandrie.[115]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Gates, C., Bison bison, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. Database entry includes a brief justification of why this species is "Near Threatened".
  2. ^ Project Gutenburg E Book – The Extermination of the American Bison
  3. ^ American Buffalo (Bison bison) species page, U.S. Fish and Wildlife Service. URL consultato il 24 febbraio 2013.
  4. ^ William T. Hornaday, Superintendent of the National Zoological Park, The Extermination of the American Bison, Smithsonian Institution, 10 febbraio 2006 [1889]. Retrieved on February 24, 2013.
  5. ^ Aune, K., Jørgensen, D. & Gates, C. 2017. Bison bison (errata version published in 2018). The IUCN Red List of Threatened Species 2017: e.T2815A123789863. https://doi.org/10.2305/IUCN.UK.2017-3.RLTS.T2815A45156541.en. Downloaded on 06 March 2019.
  6. ^ Geist V., Phantom subspecies: the wood bison, Bison bison "athabascae" Rhoads 1897, is not a valid taxon, but an ecotype, in Arctic, vol. 44, n. 4, 1991, pp. 283–300, DOI:10.14430/arctic1552.
  7. ^ Charles E. Kay e Clifford A. White, Reintroduction of bison into the Rocky Mountain parks of Canada: historical and archaeological evidence (PDF), in Crossing Boundaries in Park Management: Proceedings of the 11th Conference on Research and Resource Management in Parks and on Public Lands, Hancock, Michigan, George Wright Soc, 2001, pp. 143–51. URL consultato il 2 dicembre 2009.
  8. ^ Bork, A. M., C. M. Strobeck, F. C. Yeh, R. J. Hudson e R. K. Salmon, Genetic relationship of wood and plains bison based on restriction fragment length polymorphisms (PDF), in Can J Zool, vol. 69, n. 1, 1991, pp. 43–48, DOI:10.1139/z91-007. URL consultato il 2 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2017).
  9. ^ a b Halbert, Natalie D., Terje Raudsepp, Bhanu P. Chowdhary e James N. Derr, Conservation Genetic Analysis of the Texas State Bison Herd, in Journal of Mammalogy, vol. 85, n. 5, 2004, pp. 924–931, DOI:10.1644/BER-029.
  10. ^ a b Wilson, G. A. e C. Strobeck, Genetic variation within and relatedness among wood and plains bison populations, in Genome, vol. 42, n. 3, 1999, pp. 483–96, DOI:10.1139/gen-42-3-483, PMID 10382295.
  11. ^ Delaney P. Boyd, Conservation of North American Bison: Status and Recommendations (MS thesis), University of Calgary, April 2003, OCLC 232117310. URL consultato il 23 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007). Formato sconosciuto: MS thesis (aiuto)
  12. ^ The Genetics of Cattle, 2nd Edition.
  13. ^ Champlain, Samuel, Henry P. Biggar. 1929. The Works of Samuel de Champlain, vol 3. Toronto: Champlain Society. p. 105.
  14. ^ The American Heritage Dictionary of the English Language, Fifth Edition:
  15. ^ (EN) Buffalo Facts, su Animal Facts Encyclopedia. URL consultato l'11 agosto 2020.
  16. ^ a b c d e C. G Van Zyll de Jong, 1986, A systematic study of recent bison, with particular consideration of the wood bison (Bison bison athabascae Rhoads 1898), p.37, National Museum of Natural Sciences
  17. ^ Halloran F.A., 1960, American Bison Weights and Measurements from the Wichita Mountains Wildlife Refuge, pp.212-218, Proceedings of the Oklahoma Academy of Science (POAS)
  18. ^ a b c Gennady G. Boeskorov, Olga R. Potapova, Albert V. Protopopov, Valery V. Plotnikov, Larry D. Agenbroad, Konstantin S. Kirikov, Innokenty S. Pavlov, Marina V. Shchelchkova, Innocenty N. Belolyubskii, Mikhail D. Tomshin, Rafal Kowalczyk, Sergey P. Davydov, Stanislav D. Kolesov, Alexey N. Tikhonov, Johannes van der Plicht, 2016, The Yukagir Bison: The exterior morphology of a complete frozen mummy of the extinct steppe bison, Bison priscus from the early Holocene of northern Yakutia, Russia, pp.7, Quaternary International, Vol.406 (June 25, 2016), Part B, pp.94-110
  19. ^ a b M. Meagher, Bison bison (PDF), in Mammalian Species, n. 266, 1986, pp. 1–8, JSTOR 3504019 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2011).
  20. ^ a b c d e McDonald, J., 1981. North American Bison: Their classification and Evolution. University of California Press, Berkeley, Los Angeles, London. 316 pp.
  21. ^ The Animal Files
  22. ^ Castelló, J.R. (2016). Bovids of the World: Antelopes, Gazelles, Cattle, Goats, Sheep, and Relatives. Princeton University Press.
  23. ^ Berger, J., & Peacock, M. (1988). Variability in size-weight relationships of Bison bison. Journal of Mammalogy, 69(3), 618-624.
  24. ^ Rutberg, A. T. (1984). Birth synchrony in American bison (Bison bison): response to predation or season? Journal of Mammalogy, 65(3), 418-423.
  25. ^ Rutberg, A. T. (1986). Dominance and its fitness consequences in American bison cows. Behaviour, 96(1), 62-91.
  26. ^ Roden, C., Vervaecke, H., & Van Elsacker, L. (2005). Dominance, age and weight in American bison males (Bison bison) during non-rut in semi-natural conditions. Applied Animal Behaviour Science, 92(1), 169-177.
  27. ^ Joel Berger e Carol Cunningham, Bison: mating and conservation in small populations, Columbia University Press, June 1994, p. 162, ISBN 978-0-231-08456-7.
  28. ^ a b Legendary Bison Bulls
  29. ^ William Henry Burt, 1976, A Field Guide to the Mammals: North America North of Mexico, p.224, Houghton Mifflin Harcourt
  30. ^ Illinois State Museum page. Museum.state.il.us (September 1, 2011). Retrieved on January 29, 2012.
  31. ^ Species Spotlight: American Bison, su worldwildlife.org.
  32. ^ staff, Restoring North America's Wild Bison to Their Home on the Range, Ens-newswire.com, 3 marzo 2010. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  33. ^ Bison Come to Kankakee Sands, su The Nature Conservancy. URL consultato il 20 settembre 2018.
  34. ^ Historic Treaty Supports Restoration of Bison, in TCA Regional News, 25 settembre 2014.
  35. ^ James Truslow Adams, Dictionary of American History, New York, Charles Scribner's Sons, 1940, ISBN 978-0-8226-0349-8.
  36. ^ Rurik List, Gerardo Ceballos, Charles Curtin, Peter J.P. Gogan, Jesus Pacheco, Joe Truett, Historic Distribution and Challenges to Bison Recovery in the Northern Chihuahuan Desert, in Conservation Biology, vol. 21, n. 6, 7 novembre 2007, pp. 1487–1494, DOI:10.1111/j.1523-1739.2007.00810.x, PMID 18173472.
  37. ^ Rurik List, Jesus Pacheco, Eduardo Ponce, Rodrigo Sierra-Corona, Gerardo Ceballos, The Janos Biosphere Reserve, Northern Mexico, in The Journal of International Wilderness, vol. 16, n. 2, August 2010. URL consultato il 20 settembre 2018.
  38. ^ Global Cement staff, Cemex aids reintroduction of American bison in Northern Mexico - Cement industry news from Global Cement, su www.globalcement.com. URL consultato l'11 agosto 2020.
  39. ^ CBC News, "Alberta bison bound for Russia", 14 February 2011
  40. ^ Edmonton Journal, "Elk Island wood bison big hit in Russia" Archiviato il November 29, 2014 Data nell'URL non combaciante: 29 novembre 2014 in Internet Archive., Hanneke Brooymans, 5 August 2010
  41. ^ Edmonton Journal, "Bison troubles", CanWest MediaWorks Publications, 5 October 2006
  42. ^ CBC News, "More Alberta bison to roam Russia", 23 September 2013
  43. ^ Wood bison to be listed in Yakutia's Red Data Book
  44. ^ http://dbr-yakutia.ru/v-suntarskom-uluse-zaselilis-lesnye/
  45. ^ Maternal and Paternal Lineages in Cross-Breeding Bovine Species. Has Wisent a Hybrid Origin?, Mbe.oxfordjournals.org, 22 gennaio 2004. URL consultato il 29 maggio 2013.
  46. ^ Guo, S., Taxonomic placement and origin of yaks: implications from analyses of mtDNA D-loop fragment sequences, in Acta Theriologica Sinica, vol. 26, n. 4, 2006, pp. 325–330 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2012).
  47. ^ EL Verkaar, IJ Nijman, M Beeke, E Hanekamp e JA Lenstra, Maternal and Paternal Lineages in Cross-Breeding Bovine Species. Has Wisent a Hybrid Origin?, in Molecular Biology and Evolution, vol. 21, n. 7, 2004, pp. 1165–70, DOI:10.1093/molbev/msh064, PMID 14739241.
  48. ^ J B Buntjer, M Otsen, I J Nijman, M T R Kuiper e J A Lenstra, Phylogeny of bovine species based on AFLP fingerprinting, in Heredity, vol. 88, n. 1, 2002, pp. 46–51, DOI:10.1038/sj.hdy.6800007, PMID 11813106.
  49. ^ EL Verkaar, IJ Nijman, M Beeke, E Hanekamp e JA Lenstra, Maternal and Paternal Lineages in Cross-Breeding Bovine Species. Has Wisent a Hybrid Origin?, in Molecular Biology and Evolution, vol. 21, n. 7, 2004, pp. 1165–70, DOI:10.1093/molbev/msh064, PMID 14739241.
  50. ^ J. Soubrier, G. Gower, K. Chen, S. M. Richards, B. Llamas, K. J. Mitchell, S. Y. W. Ho, P. Kosintsev, M. S. Y. Lee, G. Baryshnikov, R. Bollongino, P. Bover, J. Burger, D. Chivall, E. Crégut-Bonnoure, J. E. Decker, V. B. Doronichev, K. Douka, D. A. Fordham, F. Fontana, C. Fritz, J. Glimmerveen, L. V. Golovanova, C. Groves, A. Guerreschi, W. Haak, T. Higham, E. Hofman-Kamińska, A. Immel, M.-A. Julien, J. Krause, O. Krotova, F. Langbein, G. Larson, A. Rohrlach, A. Scheu, R. D. Schnabel, J. F. Taylor, M. Tokarska, G. Tosello, J. van der Plicht, A. van Loenen, J.-D. Vigne, O. Wooley, L. Orlando, R. Kowalczyk, B. Shapiro e A. Cooper, Early cave art and ancient DNA record the origin of European bison, in Nature Communications, vol. 7, n. 13158, 2016, p. 13158, DOI:10.1038/ncomms13158, PMC 5071849, PMID 27754477.
  51. ^ Guthrie, R. D. (1990). Frozen Fauna of the Mammoth Steppe: The Story of Blue Babe. University of Chicago Press: Chicago.
  52. ^ Bell, C.J., The Blancan, Irvingtonian, and Rancholabrean mammal ages, in Woodburne, M.O. (a cura di), Late Cretaceous and Cenozoic Mammals of North America: Biostratigraphy and Geochronology, New York, Columbia Univ. Press, 2004, pp. 232–314, ISBN 978-0-231-13040-0.
  53. ^ Scott, E. e Cox, S.M., Late Pleistocene distribution of Bison (Mammalia; Artiodactyla) in the Mojave Desert of Southern California and Nevada, in Wang, X. e Barnes, L.G. (a cura di), Geology and Vertebrate Paleontology of Western and Southern North America, Los Angeles, Natural History Museum of Los Angeles County, 2008, pp. 359–382.
  54. ^ Sanders, A.E., R.E. Weems e L.B. Albright III, Formalization of the mid-Pleistocene "Ten Mile Hill beds" in South Carolina with evidence for placement of the Irvingtonian–Rancholabrean boundary, in Albright III, L.B. (a cura di), Papers on Geology, Vertebrate Paleontology, and Biostratigraphy in Honor of Michael O. Woodburne, Flagstaff, Museum of Northern Arizona, 2009, pp. 369–375.
  55. ^ B Kurten e E Anderson, Order Artiodactyla, in Pleistocene mammals of North America, 1st, New York, Columbia University Press, 1980, pp. 295–339, ISBN 978-0-231-03733-4.
  56. ^ Jefferson, G. (2001). Rancho la Brea Bison. In: J. Harris (ed), Rancho La Brea: Death Trap and Treasure Trove. Terra 30(2): 33. Los Angeles Natural History Museum Foundation. p. 33.
  57. ^ Wilson, M.C., L.V. Hills e B. Shapiro, Late Pleistocene northward-dispersing Bison antiquus from the Bighill Creek Formation, Gallelli Gravel Pit, Alberta, Canada, and the fate of Bison occidentalis, in Canadian Journal of Earth Sciences, vol. 45, n. 7, 2008, pp. 827–59, DOI:10.1139/E08-027.
  58. ^ Dale F. Lott, American Bison: A Natural History, Berkeley, University of California Press, 2002, ISBN 978-0-520-23338-6.
  59. ^ Ohio Archaeology Blog: Better Than a Pointed Stick in the Eye – Not Really, Ohio-archaeology.blogspot.com, 26 maggio 2011. URL consultato il 29 maggio 2013.
  60. ^ Trophy Bowhunting: Plan the Hunt of a Lifetime and Bag One for the Record Books, by Rick Sapp, Edition: illustrated, published by Stackpole Books, 2006, ISBN 0-8117-3315-7, ISBN 978-0-8117-3315-1
  61. ^ American Bison: A Natural History, By Dale F. Lott, Harry W. Greene, ebrary, Inc., Contributor Harry W. Greene, Edition: illustrated, Published by University of California Press, 2003 ISBN 0-520-24062-6, ISBN 978-0-520-24062-9
  62. ^ Newman, Edward and James Edmund Harting (1859). Zoologist: A Monthly Journal of Natural History Published by J. Van Voorst.
  63. ^ a b Halbert, N, Gogan, P, Hiebert, R e Derr, J, Where the buffalo roam: The role of history and genetics in the conservation of bison on U.S. federal lands, in Park Science, vol. 24, n. 2, 2007, pp. 22–29.
  64. ^ Polziehn, R, Strobeck, C, Sheraton, J e Beech, R, Bovine mtDNA Discovered in North American Bison Populations, in Conservation Biology, vol. 9, n. 6, 1995, pp. 1638–1643 (1642), DOI:10.1046/j.1523-1739.1995.09061638.x.
  65. ^ a b c Meagher M, The bison of Yellowstone National Park, in National Park Service Science Monographs, vol. 1, 1973, pp. 1–161 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2011).
  66. ^ Van Vuren, D., Group dynamics and summer home range of bison in southern Utah, in Journal of Mammalogy, vol. 64, n. 2, 1983, pp. 329–332, DOI:10.2307/1380570, JSTOR 1380570.
  67. ^ a b c d e McHugh, T., Social behavior of the American buffalo (Bison bison bison), in Zoologica, vol. 43, 1958, pp. 1–40.
  68. ^ Peden, D. G. Van Dyne, R. Rice e R. Hansen, The trophic ecology of Bison bison L. on shortgrass plains, in Journal of Applied Ecology, vol. 11, n. 2, 1974, pp. 489–497, DOI:10.2307/2402203, JSTOR 2402203.
  69. ^ Popp, Jewel Kay. (1981). "Range Ecology of Bison on Mixed Grass Prairie at Wind Cave National Park". Unpubl. M.S. Thesis. Iowa State University, Ames, Iowa. 59 p.
  70. ^ American Bison – Bison bison – NatureWorks, NatureWorks. URL consultato il 5 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2014).
  71. ^ a b Wolff, J. O., Breeding strategies, mate choice, and reproductive success in American bison, in Okios, vol. 83, n. 2, 1998, pp. 529–544, DOI:10.2307/3546680, JSTOR 3546680.
  72. ^ a b c Green W. C. H. R., Aron, Persistent influences of birth date on dominance, growth and reproductive success in bison, in Journal of Zoology, vol. 230, n. 2, 1993, pp. 177–185, DOI:10.1111/j.1469-7998.1993.tb02680.x.
  73. ^ Vervaecke H, Roden C. (2006). "Going with the herd: same-sex interaction and competition in American bison". In: Sommer V, Vasey PL, (editors). Homosexual behaviour in animals. Cambridge University Press. pp. 131–53 ISBN 0-521-86446-1.
  74. ^ a b Coppedge, B. R., Carter, T.S., Shaw, J.H. e Hamilton, R.G., Agonistic behavior associated with orphan bison (Bison bison) claves released into a mixed resident population, in Applied Animal Behaviour Science, vol. 55, 1–2, 1997, pp. 1–10, DOI:10.1016/S0168-1591(97)00035-X.
  75. ^ Brock R. McMillan, Michael R. Cottam e Donald W. Kaufman, [0159:WBOABB2.0.CO;2 Wallowing Behavior of American Bison (Bos Bison) in Tallgrass Prairie: An Examination of Alternate Explanations], in American Midland Naturalist, vol. 144, n. 1, 2000, pp. 159–67, DOI:10.1674/0003-0031(2000)144[0159:WBOABB]2.0.CO;2, ISSN 0003-0031 (WC · ACNP), JSTOR 3083019.
  76. ^ Zachary Nickell, Sofia Varriano, Eric Plemmons e Matthew D. Moran, Ecosystem engineering by bison (Bison bison) wallowing increases arthropod community heterogeneity in space and time, in Ecosphere, vol. 9, n. 9, 2018, pp. e02436, DOI:10.1002/ecs2.2436.
  77. ^ What do wolves do in the winter?
  78. ^ Wolf–Bison Interactions in Yellowstone National Park
  79. ^ Mary Ann Franke, To save the wild bison: life on the edge in Yellowstone, University of Oklahoma Press, 2005, p. 199, ISBN 978-0-8061-3683-7.
  80. ^ Douglas W. Smith e Gary Ferguson, Decade of the Wolf: Returning the Wild to Yellowstone, Globe Pequot, 1º novembre 2006, p. 68, ISBN 978-1-59228-886-1.
  81. ^ Carbyn LN e Trottier T, Descriptions of Wolf Attacks on Bison Calves in Wood Buffalo National Park (PDF), in Arctic, vol. 41, n. 4, 1988, pp. 297–302, DOI:10.14430/arctic1736.
  82. ^ Doug Smith, Bigger is better if you're a hungry wolf, in Billings Gazette, 1º marzo 2009. URL consultato il 7 settembre 2014.
  83. ^ David Maccar, 2010, Amateur Photographer Captures a Grizzly Bear Chasing a Bison Down a Highway in Yellowstone
  84. ^ Watch Now: Yellowstone grizzly vs. bison video vaults Wyoming man to prominence
  85. ^ Wyman, Travis, Grizzly bear predation on a bull bison in Yellowstone National Park (PDF), in Ursus, 2002, pp. 375-377.
  86. ^ Mary Ann Franke, 2005, To Save the Wild Bison: Life on the Edge in Yellowstone, p.201, University of Oklahoma Press
  87. ^ Tom McHugh, 1979, The Time of the Buffalo, p.213, University of Nebraska Press
  88. ^ American Bison, su nationalgeographic.com.
  89. ^ Bison Fact Sheet (PDF), su nationalforests.org.
  90. ^ Tom Olliff e Jim Caslick, Wildlife-Human Conflicts in Yellowstone: When Animals and People Get Too Close (PDF), in Yellowstone Science, vol. 11, n. 1, 2003, pp. 18–22 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2011).
  91. ^ a b c d Bureau of Sport Fisheries and Wildlife, The American Buffalo, in Conservation Note, vol. 12, January 1965.
  92. ^ a b c Frank Gilbert Roe, The North American Buffalo, Toronto Canada, University of Toronto Press, 1951.
  93. ^ William T. Hornaday, The American Natural History, New York, C. Scribner's Sons, 1904.
  94. ^ Victor H. Cahalane, Mammals of North America, New York, The MacMillan Company, 1947.
  95. ^ Henry H. Collins, Complete Field Guide to American Wildlife, New York, Harper & Row, 1959.
  96. ^ David Smits, The Frontier Army and the Destruction of the Buffalo: 1865–1883 (PDF), in The Western Historical Quarterly, vol. 25, n. 3, Autumn 1994, pp. 312–338, DOI:10.2307/971110, JSTOR 971110. URL consultato il 30 marzo 2015.
  97. ^ Tasha Hubbard, Buffalo Genocide in Nineteenth Century North America: 'Kill, Skin, Sell', in Colonial Genocide in Indigenous North America, Duke University Press, 2014, p. 294, DOI:10.1215/9780822376149-014, ISBN 978-0-8223-5779-7.
  98. ^ Suzan Harjo, Nation to Nation: Treaties Between the United States and American Indian Nations, Smithsonian Books, 2014, p. 101, ISBN 978-1-58834-478-6.
  99. ^ David Smits, The Frontier Army and the Destruction of the Buffalo: 1865-1883 (PDF), in The Western Historical Quarterly, vol. 25, n. 3, Autumn 1994, pp. 312–338, DOI:10.2307/971110, JSTOR 971110. URL consultato il 7 aprile 2015.
  100. ^ Z. A. Parker, The Ghost Dance Among the Lakota, su PBS Archives of the West, PBS, 1890. URL consultato il 30 marzo 2015.
  101. ^ a b Moneil Patel, Restoration of Bison onto the American Prairie, su UC Irving, UC Irving, June 1997. URL consultato il 7 aprile 2015.
  102. ^ Ewers, John C. (1988): "The last Bison Drive of the Blackfoot Indians". Indian Life On The Upper Missouri. Norman and London, pp. 157–168
  103. ^ (EN) | National Bison Association, Bisoncentral.com. URL consultato il 19 febbraio 2011 (archiviato il 20 gennaio 2011).
  104. ^ (EN) Bison from Farm to Table, USDA. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  105. ^ a b c d Staff, Restoring a Prairie Icon, in National Wildlife, vol. 50, n. 1, 15 novembre 2011, pp. 20–25.
  106. ^ Alicia Chang, Study: Catalina bison aren't purebred, in USA Today, Associated Press, 21 settembre 2007. URL consultato il 14 marzo 2008.
  107. ^ a b Canadian Agriculture at a Glance: Bison on the comeback trail, Statcan.gc.ca, 9 aprile 2009. URL consultato il 29 maggio 2013.
  108. ^ Table 1 Bison meat exports continue to climb, 2001 to 2006, Statcan.gc.ca, 3 aprile 2009. URL consultato il 29 maggio 2013.
  109. ^ Adrian Jawort, Genocide by Other Means: U.S. Army Slaughtered Buffalo in Plains Indian Wars, in Indian Country Today, 9 maggio 2011. URL consultato il 3 aprile 2014.
  110. ^ È nato in USA un bisonte bianco (15 gennaio 1995) - Corriere della Sera
  111. ^ Elahe Izadi, It's official: America's first national mammal is the bison, in Washington Post, 9 maggio 2016.
  112. ^ Liberty Hyde Bailey, Cyclopedia of American Agriculture, Volume III: Animals, The MacMillan Company, 1908, p. 291.
  113. ^ Remove Threats to Irreplaceable Bison Herd at Wind Cave National Park Archiviato il July 23, 2011 Data nell'URL non combaciante: 23 luglio 2011 in Internet Archive.. PDF. FY 2006 Challenge Cost Share Program. Final Project Report. September 30, 2007. Retrieved on September 16, 2011.
  114. ^ a b Derr, James, American Bison: The Ultimate Genetic Survivor (PDF), The Ecological Future of North American Bison, 24 ottobre 2006. URL consultato il 27 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2011).
  115. ^ "New Bison Conservation Initiative Focuses On Genetic Diversity | THE WILDLIFE SOCIETY". Wildlife.Org, 2020, https://wildlife.org/new-bison-conservation-initiative-focuses-on-genetic-diversity/. Accessed 5 July 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 18573