Apri il menu principale
San Clodolfo

Vescovo

 
Nascita610 circa
Morte697 circa
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza8 giugno

Clodolfo di Metz, comunemente detto in francese Saint Cloud (610 circa – 8 giugno 696[1]), fu vescovo di Metz probabilmente dal 657 al 697 ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Indice

OrigineModifica

BiografiaModifica

Clodolfo è citato negli Annales Xantenses come figlio del beato Arnolfo, quando riporta la morte del padre, avvenuta nel 640[4], dicendo che lo imitò nella santità e fu anch'egli vescovo di Metz[4].
Mentre nel Liber Episcopi Mettensibus si narra che in gioventù Arnolfo contrasse un legittimo matrimonio da cui nacquero due figli, Ansegiso e Clodolfo, il primogenito che seguì le orme del padre[2]

Prima della sua ordinazione sacerdotale, Clodolfo fu sposato con una donna di cui non si conoscono le ascendenze, che gli diede un figlio[3].

Dal matrimonio del fratello Ansegiso con Begga (615-698), figlia di Pipino di Landen, maestro di palazzo di Dagoberto I e poi di Sigeberto III, nacque Pipino di Herstal, bisnonno di Carlo Magno[2][5].
Clodolfo mantenne stretti rapporti con sua cognata, santa Gertrude di Nivelles (626-664), sorella di santa Begga.

Verso il 657 fu il terzo successore di suo padre Arnolfo, come vescovo di Metz,[3] incarico che tenne per oltre quarant'anni, durante i quali Clodolfo fece dipingere e decorare la cattedrale di Santo Stefano.

Morì a Metz, dove fu sepolto nella chiesa dei SS. Apostoli, che nel 717 venne denominata basilica di sant'Arnolfo. A Nivelles, Clodolfo è venerato localmente come Saint Cloud, specialmente per il suo buon rapporto con santa Gertrude.
La sua Memoria liturgica ricorre l'8 maggio.

Matrimoni e discendenzaModifica

Arnolfo sposò Hilda (o Childa, secondo lo storico francese Christian Settipani)[6] dalla quale ebbe un figlio[3]:

  • Martino, che nelle Domus Carolingiae Genealogiae, viene citato come figlio di Clodolfo (Flodolfo), che uccise il maggiordomo di palazzo, Ebroino[3] e succedette al padre come vescovo di Metz.

Il cultoModifica

Memoria liturgica l'8 giugno.

NoteModifica

  1. ^ Secondo altre fonti l'8 maggio 697.
  2. ^ a b c (LA) Liber de Episcopi Mittensibus, p. 264, 43-45
  3. ^ a b c d e f (LA) Domus Carolingiae genealogia, p. 309, 17-18
  4. ^ a b (LA) Annales Xantenses, p. 34
  5. ^ (LA) Annales Marbacenses, p. 2
  6. ^ Settipani, La Préhistoire des Capétiens, 1993, p. 149

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN80323023 · GND (DE135881978 · CERL cnp01146446