Collegio elettorale di Cuneo (Regno d'Italia)

Collegio elettorale del Regno d'Italia
Cuneo
collegio elettorale
Giovanni Giolitti.jpg
Collegio storico di Giovanni Giolitti
 
StatoItalia Italia
CapoluogoCuneo
Elezioni perCamera dei deputati
ElettiDeputati
Periodo 1861-1882
NomeCuneo
Tipologiauninominale
Periodo 1882-1891
NomeCuneo I
Tipologiaplurinominale
Numero eletti3
Periodo 1891-1919
NomeCuneo
Tipologiauninominale
Periodo 1919-1923
NomeCuneo
Tipologiadi lista
Numero eletti12
Creato daCuneo, Alba, Barge, Borgo San Dalmazzo, Bra, Ceva, Cherasco, Dronero, Fossano, Mondovì, Saluzzo, Savigliano
Sostituito dacircoscrizione Piemonte

Il collegio elettorale di Cuneo è stato un collegio elettorale uninominale e di lista del Regno d'Italia per l'elezione della Camera dei deputati.

StoriaModifica

Il collegio uninominale venne istituito, insieme ad altri 442, tramite regio decreto 17 dicembre 1860, n. 4513.[1]

Successivamente divenne collegio plurinominale tramite regio decreto 24 settembre 1882, n. 999,[2] in seguito alla riforma che stabilì complessivamente 135 collegi elettorali.

Tornò poi ad essere un collegio uninominale tramite regio decreto 14 giugno 1891, n. 280,[3] in seguito alla riforma che stabilì complessivamente 508 collegi elettorali.

In seguito divenne un collegio con scrutinio di lista con sistema proporzionale tramite regio decreto 10 settembre 1919, n. 1576,[4] in seguito alla riforma che definì 54 collegi elettorali.

Il numero di collegi fu ridotto tramite regio decreto 2 aprile 1921, n. 320,[5] in seguito alla riforma che definì 40 collegi elettorali.

Fu soppresso definitivamente con l'istituzione del collegio unico nazionale tramite regio decreto del 13 dicembre 1923, n. 2694.[6]

Legislature VIII IX X XI XII XIII XIV XV XVI XVII XVIII XIX XX XXI XXII XXIII XXIV XXV XXVI XXVII XXVIII XXIX XXX
Elezioni 1861 1865 1867 1870 1874 1876 1880 1882 1886 1890 1892 1895 1897 1900 1904 1909 1913 1919 1921 1924 1929 1934 1939
Deputati
nel collegio
1 1 1 1 1 1 1 3 3 3 1 1 1 1 1 1 1 12 12
Totale eletti 443 493 508 508 508 508 535 535 400
Numero collegi 443 493 508 135 508 54 40 1 1

TerritorioModifica

Nel 1919 Cuneo divenne capoluogo del collegio comprendente l'intera provincia; nel 1921 l'estensione del collegio rimase inalterata.

Dati elettoraliModifica

Nel collegio si svolsero elezioni per diciannove legislature.

VIII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: VIII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1861.

Le votazioni si svolsero in 443 collegi uninominali a doppio turno. Come previsto dalla legge elettorale del 17 dicembre 1860, era eletto al primo turno il candidato che «riunisce in suo favore più del terzo dei voti del total numero dei membri componenti il collegio e più della metà dei suffragi dati dai votanti presenti all'adunanza» (art. 91). Se nessun candidato era eletto, al ballottaggio tra i due candidati con più voti era eletto chi otteneva il maggior numero di voti (art. 92) o, in caso di ugual numero di voti, il maggiore d'età (art. 93).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
27 gennaio 1861
Voti%
Destra storicaCarlo Brunet45386,12
Giovanni Battista Borelli7313,88
Iscritti1 250100,00
↳ Votanti (% su iscritti)54543,60
 ↳ Voti validi (% su votanti)52696,51
 ↳ Voti non validi (% su votanti)193,49
↳ Astenuti (% su iscritti)70556,40

IX legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: IX legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1865.

Le votazioni si svolsero in 493 collegi uninominali a doppio turno con la stessa normativa precedente (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoPrimo turno
22 ottobre 1865
Ballottaggio
29 ottobre 1865
Voti%Voti%
Destra storicaPier Carlo Boggio41245,5265563,96
Destra storicaCarlo Brunet22825,1936936,04
Luigi Fabre19621,66
Tommaso Vallauri697,62
Iscritti1 556100,001 556100,00
↳ Votanti (% su iscritti)95161,121 03466,45
 ↳ Voti validi (% su votanti)90595,161 02499,03
 ↳ Voti non validi (% su votanti)464,84100,97
↳ Astenuti (% su iscritti)60538,8852233,55
Elezione suppletiva
PartitoCandidatoPrimo turno
2 settembre 1866
Ballottaggio
9 settembre 1866
Voti%Voti%
Sinistra storicaVittorio Bersezio22260,4936355,42
Destra storicaCarlo Brunet14539,5129244,58
Iscritti1 565100,001 565100,00
↳ Votanti (% su iscritti)44128,1868443,71
 ↳ Voti validi (% su votanti)36783,2265595,76
 ↳ Voti non validi (% su votanti)7416,78294,24
↳ Astenuti (% su iscritti)1 12471,8288156,29

Il deputato Boggio morì il 20 luglio 1866 nella battaglia di Lissa.

X legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: X legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1867.

Le votazioni si svolsero in 493 collegi uninominali a doppio turno con la stessa normativa precedente (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
10 marzo 1867
Voti%
Sinistra storicaVittorio Bersezio56287,95
Destra storicaCarlo Brunet7712,05
Iscritti1 561100,00
↳ Votanti (% su iscritti)68343,75
 ↳ Voti validi (% su votanti)63993,56
 ↳ Voti non validi (% su votanti)446,44
↳ Astenuti (% su iscritti)87856,25

XI legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XI legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1870.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1860 (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoPrimo turno
20 novembre 1870
Ballottaggio
27 novembre 1870
Voti%Voti%
Destra storicaCarlo Brunet40959,4553053,81
Sinistra storicaVittorio Bersezio27940,5545546,19
Iscritti1 669100,001 669100,00
↳ Votanti (% su iscritti)70242,0699659,68
 ↳ Voti validi (% su votanti)68898,0198598,90
 ↳ Voti non validi (% su votanti)141,99111,10
↳ Astenuti (% su iscritti)96757,9467340,32

XII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1874.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1860 (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoPrimo turno
8 novembre 1874
Ballottaggio
15 novembre 1874
Voti%Voti%
Destra storicaBiagio Caranti39840,3753052,68
Giovanni Battista Borelli31932,3547647,32
Destra storicaCarlo Brunet26927,28
Iscritti1 732100,001 732100,00
↳ Votanti (% su iscritti)1 01458,551 02759,30
 ↳ Voti validi (% su votanti)98697,241 00697,96
 ↳ Voti non validi (% su votanti)282,76212,04
↳ Astenuti (% su iscritti)71841,4570540,70

XIII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XIII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1876.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1860 (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
5 novembre 1876
Voti%
Cesare Correnti68470,73
Biagio Caranti28329,27
Iscritti1 851100,00
↳ Votanti (% su iscritti)1 01054,57
 ↳ Voti validi (% su votanti)96795,74
 ↳ Voti non validi (% su votanti)434,26
↳ Astenuti (% su iscritti)84145,43
Elezione suppletiva
PartitoCandidatoPrimo turno
21 gennaio 1877
Ballottaggio
28 gennaio 1877
Voti%Voti%
Virginio Allione54869,7265695,21
Giuseppe Ferreri23830,28334,79
Iscritti1 851100,001 851100,00
↳ Votanti (% su iscritti)81443,9872339,06
 ↳ Voti validi (% su votanti)78696,5668995,30
 ↳ Voti non validi (% su votanti)283,44344,70
↳ Astenuti (% su iscritti)1 03756,021 12860,94

Il deputato Correnti optò per il collegio di Milano.

XIV legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XIV legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1880.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1860 (al primo turno un numero di voti maggiore di un terzo degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
16 maggio 1880
Voti%
Spirito Riberi63670,67
Carlo Brunet26429,33
Iscritti1 644100,00
↳ Votanti (% su iscritti)91955,90
 ↳ Voti validi (% su votanti)90097,93
 ↳ Voti non validi (% su votanti)192,07
↳ Astenuti (% su iscritti)72544,10

XV legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XV legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1882.

Le votazioni si svolsero in 135 collegi plurinominali a doppio turno. Come previsto dalla legge elettorale politica del 24 settembre 1882, erano eletti al primo turno i candidati che «hanno ottenuto il maggior numero di voti, purché questo numero oltrepassi l'ottavo del numero degli elettori iscritti» (art. 74) secondo il numero di deputati previsto per il collegio; se il numero di eletti era inferiore al numero di deputati, il ballottaggio era tra i non eletti (in numero doppio rispetto ai deputati ancora da eleggere) che avevano il maggior numero di voti (art. 75) ed era eletto chi otteneva il maggior numero di voti nella seconda votazione (art. 77) oppure, in caso di ugual numero di voti, il maggiore d'età (art. 78).

Il collegio di Cuneo prese il nome Cuneo I a causa della creazione dei collegi Saluzzo (Cuneo II), Alba (Cuneo III) e Mondovì (Cuneo IV).

Nel collegio furono accorpati i collegi di Cuneo, Borgo San Dalmazzo e Dronero; erano nominati 3 deputati.

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
29 ottobre 1882
Voti%
Giovanni Giolitti5 31077,36
Sebastiano Turbiglio5 04173,44
Luigi Roux3 64453,09
Vittorio Bersezio3 36449,01
Vittorio Grimaldi1 20417,54
Iscritti13 086100,00
↳ Votanti (% su iscritti)6 86452,45
↳ Astenuti (% su iscritti)6 22247,55

XVI legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XVI legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1886.

Le votazioni si svolsero in 135 collegi plurinominali a doppio turno con la normativa del 1882 (al primo turno un numero di voti maggiore di un ottavo degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
23 maggio 1886
Voti%
Giovanni Giolitti8 86295,58
Sebastiano Turbiglio8 58692,60
Luigi Roux7 76883,78
Francesco Garelli1 43015,42
Iscritti22 301100,00
↳ Votanti (% su iscritti)9 27241,58
↳ Astenuti (% su iscritti)13 02958,42
Elezione suppletiva
PartitoCandidatoRisultati
3 aprile 1887
Voti%
Sebastiano Turbiglio6 54798,32
Tancredi Galimberti440,66
Iscritti22 495100,00
↳ Votanti (% su iscritti)6 65929,60
↳ Astenuti (% su iscritti)15 83670,40
Elezione suppletiva
PartitoCandidatoRisultati
3 luglio 1887
Voti%
Tancredi Galimberti4 58293,91
Annibale Marazio851,74
Iscritti22 379100,00
↳ Votanti (% su iscritti)4 87921,80
↳ Astenuti (% su iscritti)17 50078,20

Per eccedenza dei deputati professori, tramite sorteggio fu escluso il deputato Turbiglio e il collegio riconvocato. La successiva rielezione del deputato Turbiglio fu annullata per eccedenza del numero di deputati professori.

XVII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XVII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1890.

Le votazioni si svolsero in 135 collegi plurinominali a doppio turno con la normativa del 1882 (al primo turno un numero di voti maggiore di un ottavo degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
23 novembre 1890
Voti%
Giovanni Giolitti7 75082,89
Sebastiano Turbiglio6 32167,60
Luigi Roux5 43558,13
Tancredi Galimberti4 00242,80
Iscritti24 304100,00
↳ Votanti (% su iscritti)9 35038,47
↳ Astenuti (% su iscritti)14 95461,53
Elezione suppletiva
PartitoCandidatoRisultati
19 luglio 1891
Voti%
Tancredi Galimberti4 91259,76
Sebastiano Turbiglio3 12638,03
Iscritti23 706100,00
↳ Votanti (% su iscritti)8 22034,67
↳ Astenuti (% su iscritti)15 48665,33

Per eccedenza dei deputati professori, tramite sorteggio fu escluso il deputato Turbiglio e il collegio riconvocato.

XVIII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XVIII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1892.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno. Come previsto dalla legge elettorale politica del 28 giugno 1892, era eletto al primo turno il candidato che «ha ottenuto un numero di voti maggiore del sesto del numero totale degli elettori iscritti nella lista del collegio e più della metà dei suffragi dati dai votanti» escludendo le schede nulle (art. 74). Se nessun candidato era eletto, al ballottaggio tra i due candidati con più voti (art. 75) era eletto chi otteneva il maggior numero di voti oppure, in caso di ugual numero di voti, il maggiore d'età (art. 77).

Il collegio riprese il nome Cuneo.

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
6 novembre 1892
Voti%
Tancredi Galimberti2 58899,08
Voti dispersi240,92
Iscritti8 809100,00
↳ Votanti (% su iscritti)2 63329,89
 ↳ Voti validi (% su votanti)2 61299,20
 ↳ Voti non validi (% su votanti)210,80
↳ Astenuti (% su iscritti)6 17670,11

XIX legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XIX legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1895.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoPrimo turno
26 maggio 1895
Ballottaggio
2 giugno 1895
Voti%Voti%
Tancredi Galimberti1 48049,561 93752,21
Matteo Gandolfo1 50650,441 77347,79
Iscritti5 677100,005 677100,00
↳ Votanti (% su iscritti)3 52262,043 75666,16
 ↳ Voti validi (% su votanti)2 98684,783 71098,78
 ↳ Voti non validi (% su votanti)53615,22461,22
↳ Astenuti (% su iscritti)2 15537,961 92133,84

XX legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XX legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1897.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
21 marzo 1897
Voti%
Tancredi Galimberti1 97789,74
Enrico Ferri22610,26
Iscritti4 977100,00
↳ Votanti (% su iscritti)2 28445,89
 ↳ Voti validi (% su votanti)2 20396,45
 ↳ Voti non validi (% su votanti)813,55
↳ Astenuti (% su iscritti)2 69354,11

XXI legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXI legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1900.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
3 giugno 1900
Voti%
Tancredi Galimberti1 63288,03
Enrico Ferri22211,97
Iscritti5 042100,00
↳ Votanti (% su iscritti)1 89737,62
 ↳ Voti validi (% su votanti)1 85497,73
 ↳ Voti non validi (% su votanti)432,27
↳ Astenuti (% su iscritti)3 14562,38

XXII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1904.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
6 novembre 1904
Voti%
Tancredi Galimberti1 78282,96
Giuseppe Cavallera36617,04
Iscritti5 473100,00
↳ Votanti (% su iscritti)2 23440,82
 ↳ Voti validi (% su votanti)2 14896,15
 ↳ Voti non validi (% su votanti)863,85
↳ Astenuti (% su iscritti)3 23959,18

XXIII legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXIII legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1909.

Le votazioni si svolsero in 508 collegi uninominali a doppio turno con la normativa del 1892 (al primo turno un numero di voti maggiore di un sesto degli iscritti al voto).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
7 marzo 1909
Voti%
Tancredi Galimberti1 94666,42
Serafino Arnaud98433,58
Iscritti5 971100,00
↳ Votanti (% su iscritti)3 06051,25
 ↳ Voti validi (% su votanti)2 93095,75
 ↳ Voti non validi (% su votanti)1304,25
↳ Astenuti (% su iscritti)2 91148,75

XXIV legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXIV legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1913.

Le votazioni si svolsero negli stessi 508 collegi uninominali già esistenti ma, come previsto dal regio decreto del 26 giugno 1913, era eletto al primo turno il candidato che «ha ottenuto un numero di voti maggiore del decimo del numero totale degli elettori del collegio e più della metà dei suffragi dati dai votanti» escludendo le schede nulle (art. 91). Se nessun candidato era eletto, al ballottaggio tra i due candidati con più voti (art. 92) era eletto chi otteneva il maggior numero di voti oppure, in caso di ugual numero di voti, il maggiore d'età (art. 93).

Elezioni generali
PartitoCandidatoRisultati
26 ottobre 1913
Voti%
LiberaliMarcello Soleri5 23557,75
Tancredi Galimberti3 23235,65
Serafino Arnaud5986,60
Iscritti14 690100,00
↳ Votanti (% su iscritti)9 15562,32
 ↳ Voti validi (% su votanti)9 06599,02
 ↳ Voti non validi (% su votanti)900,98
↳ Astenuti (% su iscritti)5 53537,68

XXV legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXV legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1919.

Le votazioni si svolsero in 54 collegi di lista. Come previsto dal regio decreto del 2 settembre 1919, il numero di eletti per ogni lista era calcolato sulla base dei voti di lista e sul numero di voti dei candidati al di fuori della propria lista; la graduatoria tra i candidati era calcolata sommando i voti di lista e i propri voti di preferenza sia nella lista sia fuori dalla lista (art. 84).

Nel collegio di Cuneo confluirono 12 collegi: Cuneo, Alba, Barge, Borgo San Dalmazzo, Bra, Ceva, Cherasco, Dronero, Fossano, Mondovì, Saluzzo e Savigliano; erano eletti 12 deputati.

Elezioni generali
PartitoRisultati
16 novembre 1919
Seggi
Voti%±Num±
Liberale democratico29 92427,85n.d.3n.d.
Popolare Italiano32 01629,80n.d.4n.d.
Liberale2 0721,93n.d.0n.d.
Socialista ufficiale30 68528,56n.d.4n.d.
Agrario12 73211,85n.d.1n.d.
Iscritti215 816100,00
↳ Votanti (% su iscritti)108 58850,32n.d.
 ↳ Voti validi (% su votanti)107 42998,93
 ↳ Voti non validi (% su votanti)1 1591,07
↳ Astenuti (% su iscritti)107 22849,68
Eletti
Giovanni Giolitti
Marcello Soleri
Camillo Peano
Giovanni Battista Bertone
Giovanni Zaccone
Felice Bertolino
Teodoro Bubbio
Giuseppe Cavallera
Stefano Paolino
Paolo Lombardo
Riccardo Roberto
Carlo Bianchi

XXVI legislaturaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XXVI legislatura del Regno d'Italia ed Elezioni politiche italiane del 1921.

Le votazioni si svolsero in 40 collegi (39 di lista e uno uninominale) con la normativa del 1919 che per i collegi di lista stabiliva il numero di eletti per ogni lista sulla base dei voti di lista e sul numero di voti dei candidati al di fuori della propria lista.

Elezioni generali
PartitoRisultati
15 maggio 1921
Seggi
Voti%±Num±
Democratico liberale50 51444,67n.d.6n.d.
Popolare Italiano35 17131,10n.d.4n.d.
Socialista ufficiale10 3989,19n.d.1n.d.
Agrario10 1468,97n.d.1n.d.
Comunista6 8576,06n.d.0n.d.
Iscritti220 434100,00
↳ Votanti (% su iscritti)114 65252,01n.d.
 ↳ Voti validi (% su votanti)113 08698,63
 ↳ Voti non validi (% su votanti)1 5661,37
↳ Astenuti (% su iscritti)105 78247,99
Eletti
Giovanni Giolitti
Marcello Soleri
Camillo Peano
Egidio Fazi
Carlo Bianchi
Francesco Pivano
Giovanni Battista Bertone
Teodoro Bubbio
Giovanni Zaccone
Giovanni Battista Imberti
Stefano Paolino
Urbano Benigno Prunotto

NoteModifica

  1. ^ Decreto 17 dicembre 1860, n. 4513, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 1º gennaio 1861. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  2. ^ Decreto 24 settembre 1882, n. 999, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 27 settembre 1882. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  3. ^ Decreto 14 giugno 1891, n. 280, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 18 giugno 1891. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  4. ^ Decreto 10 settembre 1919, n. 1576, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 10 settembre 1919. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  5. ^ Decreto 2 aprile 1921, n. 320, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 2 aprile 1921. URL consultato il 9 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  6. ^ Decreto 13 dicembre 1923, n. 2694, in Gazzetta Ufficiale del Regno, 7 gennaio 1924.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica