Apri il menu principale

Come ti ammazzo il bodyguard

film del 2017 diretto da Patrick Hughes
Come ti ammazzo il bodyguard
The Hitman's Bodyguard.jpg
Samuel L. Jackson e Ryan Reynolds in una scena del film
Titolo originaleThe Hitman's Bodyguard
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata118 min
Rapporto2,35 : 1
Genereazione, commedia, thriller
RegiaPatrick Hughes
SoggettoTom O'Connor
SceneggiaturaTom O'Connor
ProduttoreDavid Ellison, Mark Gill, Dana Goldberg, Matthew O'Toole, John Thompson, Les Weldon
Produttore esecutivoJason Bloom, Christa Campbell, Tom de Mol, Jeffrey Greenstein, Lati Grobman, Avi Lerner, Yariv Lerner, Christine Otal
Casa di produzioneSummit Entertainment, Millennium Films, Cristal Pictures, East Light Films, CG Films
Distribuzione in italianoEagle Pictures
FotografiaJules O'Loughlin
MontaggioJake Roberts
Effetti specialiSam Conway
MusicheAtli Örvarsson
ScenografiaRussell De Rozario
CostumiStephanie Collie
TruccoSally Crouch, Rachael Speke
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Come ti ammazzo il bodyguard (The Hitman's Bodyguard) è un film del 2017 diretto da Patrick Hughes, con protagonisti Ryan Reynolds e Samuel L. Jackson.

TramaModifica

La guardia del corpo Michael Bryce vede la sua carriera stravolta in seguito all'omicidio di un suo cliente, il trafficante d'armi Kurosawa. Un giorno, due anni dopo Michael è caduto in rovina e guadagna da vivere al servizio di dirigenti aziendali tossicodipendenti a Londra.

Nel frattempo l'Interpol deve scortare un testimone ovvero un particolare prigioniero per farlo testimoniare contro il sanguinario dittatore della Bielorussia Vladislav Dukhovich ormai deposto nel processo contro quest'ultimo, il testimone è il grande sicario Darius Kincaid che accetta di testimoniare in modo che sua moglie Sonia venga liberata, gli agenti dell'Interpool, guidati dall'agente inesperto ed ex fidanzata di Bryce Amelie Roussell, scortano Kincaid attraverso un convoglio ma vengono attaccati in un'imboscata e tutti tranne Kincaid e Roussell vengono uccisi, i due si ritirano in un rifugio e si rendono conto che qualcuno nell'Interpool deve averli traditi e hanno bisogno di qualcuno di cui possono fidarsi, così Roussell contatta Bryce.

Bryce è riluttante ad aiutare poiché crede che Roussell sia stata responsabile della morte di Kurosawa due anni prima, ma alla fine accetta di aiutarli in cambio del ripristino della sua reputazione.

Dopo un breve combattimento tra Bryce e Kincaid che porta alla rivelazione che lui e Bryce avevano avuto più conflitti in passato, Roussell torna all'Interpool per aggiornarli della situazione mentre Bryce e Kincaid sfuggono all'attacco degli uomini di Dukhovich.

Foucher si incontra con Dukhovich rivelando di essere lui il traditore e chiede il pagamento per aver venduto Kincaid, Dukhovich lo trafigge nella mano e lo informa che sarà pagato solo quando Kincaid sarà morto.

Gli uomini di Dukhovich scoprono dove si trova Kincaid attraverso il suo cellulare e attuano un'imboscata a Bryce, sebbene siano in grado di combatterli e sconfiggerli il loro veicolo viene distrutto, i due fanno l'autostop a un terminal dei traghetti e prendono un traghetto per Amsterdam, dove si trova Sonia.

Mentre arrivano ad Amsterdam, Kincaid scappa da Bryce per inviare dei fiori a Sonia e Bryce lo rintraccia e uccide molti criminali desiderosi di catturare il sicario, Kincaid rivela di aver ucciso Kurosawa due anni fa essendo stato all'aeroporto solo per caso durante un lavoro.

Infuriato per la rivelazione dopo che ha passato due anni incolpando Roussell accusandola di averlo tradito, Bryce da un pugno a Kincaid, i due litigano e Bryce lo abbandona.

Mentre Bryce si lamenta su di lui, un gruppo di sicari attacca Kincaid, Bryce cambia idea e aiuta Kincaid a fuggire ma viene catturato, gli uomini di Dukhovich lo torturando nel tentativo di trovare Kincaid, il quale trova Bryce e lo salva uccidendo inoltre i suoi rapitori.

Dopo una riconciliazione e aver risolto le loro differenze, i due si ritrovano in una battaglia a L'Aia arrivando giusto in tempo per la testimonianza di Kincaid, egli testimonia che Dukhovich ha cercato di assumere Kincaid per assassinare un rivale politico ma nel processo Kincaid ha assistito all'esecuzione di un villaggio caricando le foto del massacro in un sito FTP segreto a cui fornisce accesso al tribunale.

Dukhovich ricorre al suo piano di riserva: bombardare la corte, permettendo a se stesso di rubare una pistola e tentare di uccidere Kincaid, Bryce salta sulla traiettoria per salvare Kincaid e, ferito, dice a Kincaid di impedire a Dukhovich di fuggire, Roussell nota che Foucher agisce sospettosamente durante l'attacco e deduce che è lui il traditore, lei lo sottomette con l'aiuto di Bruce che viene medicato e salvato dalle sue ferite in tempo.

Kincaid insegue Dukhovich sul tetto dell'edificio dove quest'ultimo tenta di fuggire su un elicottero, Kincaid distrugge l'elicottero e calcia Dukhovich dal tetto facendolo precipitare alla sua morte.

In seguito, Bryce viene curato dalle sue ferite e guarisce pienamente, inoltre Bryce e Roussell tornano insieme e Sonia viene rilasciata.

Kincaid è arrestato di nuovo per i suoi passati crimini ma riesce fortunatamente a fuggire di prigione due mesi dopo giusto in tempo per il suo anniversario così lui e Sonia ballano e si baciano al bar in Honduras dove si sono incontrati per la prima volta, i due continuano a ballare e a baciarsi in mezzo al caos del locale.

ProduzioneModifica

Le riprese del film, il cui budget è stato di 30 milioni di dollari,[1] sono iniziate il 2 aprile 2016 e sono state effettuate tra Amsterdam, Londra e Sofia.

PromozioneModifica

Il primo trailer del film viene diffuso il 12 aprile 2017.[2]

DistribuzioneModifica

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 18 agosto 2017,[2] mentre in quelle italiane dal 5 ottobre dello stesso anno.[3]

DivietiModifica

Negli Stati Uniti, il film è stato vietato ai minori di 17 anni per la presenza di "violenza e linguaggio non adatto".[4]

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Il film è stato accolto negativamente dalla critica;[5] sul sito Rotten Tomatoes ottiene il 39% delle recensioni professionali positive, con un voto medio di 5,1 su 10,[6] mentre sul sito Metacritic ottiene un punteggio di 47 su 100.[7]

IncassiModifica

La pellicola si posiziona in prima posizione al botteghino nel primo fine settimana di programmazione negli Stati Uniti, con un incasso di 21,6 milioni di dollari,[5] confermandosi in testa anche nel secondo fine settimana, durante il quale incassa 10 milioni di dollari.[8]

SequelModifica

Nel maggio 2018 la Millennium Films annuncia il sequel del film, intitolato The Hitman’s Wife’s Bodyguard, insieme alla conferma che Ryan Reynolds e Samuel L. Jackson torneranno nei rispettivi ruoli, così come il regista Patrick Hughes.[9]

NoteModifica

  1. ^ (EN) The Hitman's Bodyguard, Box Office Mojo. URL consultato il 21 agosto 2017.
  2. ^ a b   Lionsgate Movies, The Hitman’s Bodyguard (2017) Restricted Teaser Trailer – Ryan Reynolds, Samuel L. Jackson, su YouTube, 12 aprile 2017. URL consultato il 16 aprile 2017.
  3. ^   Eagle Pictures, Come ti ammazzo il bodyguard (Ryan Reynolds, Samuel L.Jackson) - Trailer italiano ufficiale [HD], su YouTube, 4 agosto 2017. URL consultato il 4 agosto 2017.
  4. ^ (EN) Parents Guide, Internet Movie Database. URL consultato il 28 maggio 2018.
  5. ^ a b Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: The Hitman’s Bodyguard vince il weekend con 21.6 milioni di dollari, badtaste.it, 21 agosto 2017. URL consultato il 21 agosto 2017.
  6. ^ (EN) The Hitman's Bodyguard (2017), Rotten Tomatoes. URL consultato il 21 agosto 2017.
  7. ^ (EN) The Hitman's Bodyguard 2017, Metacritic. URL consultato il 21 agosto 2017.
  8. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: The Hitman’s Bodyguard vince il peggior weekend degli ultimi 16 anni, badtaste.it, 28 agosto 2017. URL consultato il 28 agosto 2017.
  9. ^ (EN) Kylie Hemmert, Reynolds and Jackson to Return in Hitman’s Wife’s Bodyguard, comingsoon.net, 7 maggio 2018. URL consultato il 7 maggio 2018.

Collegamenti esterniModifica