Apri il menu principale

Daron Rahlves

sciatore alpino e sciatore freestyle statunitense
Daron Rahlves
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 173 cm
Peso 81 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, supergigante, slalom gigante
Squadra Sugar Bowl ST
Ritirato 2006
Palmarès
Mondiali 1 1 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Freestyle Freestyle skiing pictogram.svg
Specialità Ski cross
Squadra Nevada Wolf Pack[senza fonte]
Ritirato 2010
 

Daron Rahlves (Walnut Creek, 12 giugno 1973) è un ex sciatore alpino e sciatore freestyle statunitense, campione iridato nel supergigante a Sankt Anton 2001 e vincitore di dodici gare nella Coppa del Mondo di sci alpino.

BiografiaModifica

Originario di Truckee e figlio di Dennis, campione del mondo di sci nautico, Rahlves iniziò a praticare sport durante l'infanzia, soprattutto sci alpino in inverno e sport nautici in estate. Nel 1993 vinse il titolo mondiale di moto d'acqua[1].

Stagioni 1992-1998Modifica

Nello sci alpino debuttò in campo internazionale in occasione dei Mondiali juniores di Maribor nel 1992 e in Coppa del Mondo il 13 marzo 1994 a Whistler, classificandosi 62º in supergigante. Il 19 dicembre successivo colse a Lake Louise, nella medesima specialità, la sua prima vittoria, nonché primo podio, in Nor-Am Cup, mentre nel 1996 esordì ai Campionati mondiali: nella rassegna iridata della Sierra Nevada si classificò 22º nel supergigante e non completò lo slalom gigante.

L'anno dopo partecipò ai Mondiali di Sestriere, piazzandosi 31º nella discesa libera e non terminando il supergigante e lo slalom gigante, mentre nel 1998 esordì ai Giochi olimpici invernali: a Nagano 1998 fu 7º nel supergigante e 20º nello slalom gigante. Il 17 e 20 marzo dello stesso anno colse a Jackson Hole la sua ultima vittoria (in supergigante) e il suo ultimo podio (in discesa libera) in Nor-Am Cup.

Stagioni 1999-2002Modifica

Ai Mondiali di Vail/Beaver Creek 1999 si piazzò 13º nel supergigante e non completò la discesa libera, mentre nella stagione seguente ottenne la prima vittoria, e primo podio, in Coppa del Mondo, nella discesa libera di Lillehammer Kvitfjell del 3 marzo 2000; il giorno dopo bissò il successo.

Ai Mondiali di Sankt Anton 2001 vinse la medaglia d'oro nel supergigante chiudendo davanti agli atleti di casa Stephan Eberharter e Hermann Maier; si piazzò inoltre 5º nella discesa libera e 19º nello slalom gigante. Ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002 fu 16º nella discesa libera e 8º nel supergigante.

Stagioni 2003-2004Modifica

Nella stagione 2002-2003 fu per la prima volta costantemente ai vertici della Coppa del Mondo; ottenne 7 podi con 2 vittorie, colte nelle prestigiose discese libere della Stelvio di Bormio il 29 dicembre e della Streif di Kitzbühel il 25 gennaio, e chiuse l'annata al 6º posto nella classifica generale e al 2º in quella di discesa libera, sebbene staccato di 197 punti dal vincitore Eberharter. Ai Mondiali di Sankt Moritz fu invece 22º nel supergigante, 16º nello slalom gigante e non portò a termine la discesa libera.

Anche nella successiva stagione 2003-2004 primeggiò in Coppa del Mondo e colse nuovamente 7 podi, con 4 vittorie: tra queste spiccarono quelle nella discesa libera della Birds of Prey di Beaver Creek (5 dicembre), nel supergigante della Streifalm di Kitzbühel (il 23 gennaio) e nella discesa libera della Kandahar Banchetta di Sestriere il 10 marzo. Fu 5º nella classifica generale e 2º sia in quella di discesa libera (a 204 punti dal vincitore Maier), sia in Coppa del Mondo di supergigante (a 240 punti da Maier).

Stagioni 2005-2006Modifica

Nella stagione 2004-2005 in Coppa del Mondo fu ancora 5º nella classifica generale, con 4 podi e una vittoria, mentre ai Mondiali di Bormio/Santa Caterina Valfurva, sua ultima presenza iridata, vinse la medaglia d'argento nella discesa libera, quella di bronzo nello slalom gigante e si classificò 10º nel supergigante.

Durante la sua ultima stagione agonistica nello sci alpino, 2005-2006, ottenne ancora 7 podi in Coppa del Mondo, con 3 vittorie in altrettante classiche della discesa libera: la Birds of Prey di Beaver Creek il 2 dicembre, la Stelvio di Bormio il 29 dicembre e la Lauberhorn di Wengen il 14 gennaio; in classifica generale fu 4º, suo miglior piazzamento in carriera. Al suo congedo olimpico, Torino 2006, si classificò 10º nella discesa libera, 9º nel supergigante e non concluse lo slalom gigante. In seguito a Åre ottenne l'ultimo podio in Coppa del Mondo, il 16 marzo, e disputò la sua ultima gara nel circuito, lo slalom gigante del giorno dopo in cui fu 6º. Terminò la sua carriera nello sci alpino vincendo, il 26 marzo a Sugarloaf, il titolo nazionale 2006 in supergigante.

Stagioni 2008-2010Modifica

Dopo due anni di inattività, nel 2008 tornò a gareggiare, non più nello sci alpino ma nel freestyle (specialità ski cross); esordì in Coppa del Mondo il 2 febbraio a Deer Valley, classificandosi al 4º posto, e l'anno dopo partecipò ai Mondiali di Inawashiro, sua unica presenza iridata nella disciplina, piazzandosi 9º.

Il 5 gennaio 2010 a Sankt Johann in Tirol ottenne il suo unico podio nella Coppa del Mondo di freestyle (2º); in seguito prese parte ai XXI Giochi olimpici invernali di Vancouver 2010, classificandosi al 28º posto. La prova olimpica fu l'ultima gara della carriera sciistica di Rahlves.

PalmarèsModifica

Sci alpinoModifica

MondialiModifica

Coppa del MondoModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 4º nel 2006
  • 28 podi:
    • 12 vittorie (9 in discesa libera, 3 in supergigante)
    • 7 secondi posti
    • 9 terzi posti
Coppa del Mondo - vittorieModifica
Data Località Paese Specialità
3 marzo 2000 Lillehammer Kvitfjell   Norvegia DH
4 marzo 2000 Lillehammer Kvitfjell   Norvegia DH
29 dicembre 2002 Bormio   Italia DH
25 gennaio 2003 Kitzbühel   Austria DH
5 dicembre 2003 Vail   Stati Uniti DH
23 gennaio 2004 Kitzbühel   Austria SG
7 marzo 2004 Lillehammer Kvitfjell   Norvegia SG
10 marzo 2004 Sestriere   Italia DH
11 marzo 2005 Lenzerheide   Svizzera SG
2 dicembre 2005 Beaver Creek   Stati Uniti DH
29 dicembre 2005 Bormio   Italia DH
14 gennaio 2006 Wengen   Svizzera DH

Legenda:
DH = discesa libera

SG = supergigante

Nor-Am CupModifica

  • 12 podi:
    • 5 vittorie
    • 4 secondi posti
    • 3 terzi posti
Nor-Am Cup - vittorieModifica
Data Località Paese Specialità
19 dicembre 1994 Lake Louise   Canada SG
20 dicembre 1994 Lake Louise   Canada SG
10 febbraio 1994 Whitefish   Stati Uniti SG
1º marzo 1995 Vail   Stati Uniti GS
17 marzo 1998 Jackson Hole   Stati Uniti SG

Legenda:
SG = supergigante

GS = slalom gigante

Campionati statunitensiModifica

FreestyleModifica

Coppa del MondoModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 49º nel 2010
  • 1 podio (nello ski cross):
    • 1 secondo posto

NoteModifica

  1. ^ Gianni Merlo, Rahlves beffa i suoi maestri (gazzetta.it), 26 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) Profilo FIS (dati parziali, dal 1995), su data.fis-ski.com. URL consultato il 9 aprile 2015.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN228082895 · ISNI (EN0000 0003 6289 5463 · LCCN (ENn2012006334 · WorldCat Identities (ENn2012-006334