Apri il menu principale

Edoardo Anton

commediografo, sceneggiatore e regista italiano
Edoardo Anton

Edoardo Anton, all'anagrafe Edoardo Antonelli (Roma, 7 gennaio 1910Villafranca, 11 maggio 1986), è stato un commediografo, sceneggiatore e regista italiano.

Indice

BiografiaModifica

Figlio del drammaturgo Luigi Antonelli, nacque a Roma nel 1910. Seguì le orme paterne scrivendo testi teatrali, copioni per operette e riviste musicali. Nel 1936 incontrò Raffaello Matarazzo con cui iniziò la sua attività di sceneggiatore cinematografico che si protrarrà sino agli anni 80.

Verso la fine degli anni trenta collaborò a diversi programmi radiofonici dell'EIAR; scrisse testi per programmi di varietà ma anche lavori originali di prosa radiofonica.

Nel 1950 debuttò nella regia cinematografica con la pellicola La montagna di cristallo, ma la sua attività si limitò a pochi film e non particolarmente importanti.

Nel 1958 diresse per la RAI un episodio del programma Il teatro dei ragazzi.

Tra le sue commedie teatrali più convincenti, La fidanzata del bersagliere portata sul grande schermo da Alessandro Blasetti nel 1967.

Morì a Villefranche-sur-Mer nel 1986.

FilmografiaModifica

RegistaModifica

SceneggiatoreModifica

Varietà radiofonici Rai/EiarModifica

  • Terziglio, variazioni su tema, Ricordi, di Edoardo Anton, Nicola Manzari e Varaldo, regia di Claudio Fino, trasmessa il 12 febbraio 1943.
  • Napoli vita perenne, appunti radiofonici di Edoardo Anton, musiche di Raffaele Gervasio, trasmessa il 6 marzo 1946.

Prosa radiofonica RaiModifica

  • Morte di un bengalino di Edoardo Anton, regia di Umberto Benedetto, trasmessa nel 1965.

Opere teatraliModifica

  • Il serpente a sonagli
  • Mulini a vento[1]
  • Un orologio si è fermato
  • Non è ancora primavera
  • La fidanzata del bersagliere

NoteModifica

  1. ^ Radiocorriere TV, 1960, n. 29, p. 42

BibliografiaModifica

  • Cataloghi Bolaffi del cinema italiano 1945/1955 - 1956/1965
  • Il Radiocorriere annate varie

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32258602 · ISNI (EN0000 0000 7844 2627 · SBN IT\ICCU\CFIV\100365 · LCCN (ENn96092860 · GND (DE119316218 · BNF (FRcb146595052 (data) · WorldCat Identities (ENn96-092860