Faraon

videogioco del 1999
Faraon
videogioco
Faraon.png
Schermata su Behdet, una delle città presenti nel gioco
Titolo originalePharaoh
PiattaformaMicrosoft Windows
Data di pubblicazioneWindows:
Flags of Canada and the United States.svg 31 ottobre 1999
Zona PAL 1999

Steam:
Mondo/non specificato 15 dicembre 2016

GenereStrategia in tempo reale, gestionale
TemaStorico
OrigineRegno Unito
SviluppoImpressions Games
PubblicazioneSierra Entertainment
DesignChris Beatrice
MusicheKeith Zizza, Henry Beckett
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputMouse, tastiera
SupportoCD-ROM, download
Distribuzione digitaleSteam, GOG.com
Requisiti di sistemam[1]: Windows 95, 98, Windows 2000 o XP, CPU Pentium 133 MHz, RAM 32 MB, Scheda video scheda video SVGA con supporto colore a 16 bit, Scheda audio scheda audio compatibile Windows, HD 300 MB
Fascia di etàDJCTQ: 12 · ELSPA: 3+ · ESRBE · USK: 6
EspansioniCleopatra: Regina del Nilo

Faraon (titolo originale Pharaoh) è un videogioco per PC prodotto da Impressions Games e pubblicato da Sierra Entertainment. Il gioco è stato pubblicato il 31 ottobre 1999, e l'anno successivo la BreakAway Games ha creato l'espansione Cleopatra: Queen of the Nile. Gioco iniziale ed espansione si trovano anche su Steam e GOG.com col nome di Pharaoh + Cleopatra.

TramaModifica

La storia si incentra sulla carriera di un funzionario egiziano; il gioco consiste nella gestione di alcune città nell'antico Egitto.

CaratteristicheModifica

Il gioco non comprende solo la carriera del giocatore, ma anche una storia comprendente 5 campagne: Periodo Predinastico, Periodo Arcaico, Antico Regno, Medio Regno e Nuovo Regno.

Faraon si basa sullo stesso motore di Caesar III, e si fonda sugli stessi principi, ma presenta notevoli innovazioni:

  • oltre che al semplice terreno fertile, ad esempio, le fattorie si costruiscono anche sulle rive fertili del Nilo;
  • gli dei non si accontentano più solo con semplici templi, ma anche con festività e complessi di templi;
  • in alcune missioni bisogna creare monumenti, come piramidi o la Sfinge.

Obiettivi per vincereModifica

Prima che si possa giocare su un altro scenario, bisogna completare quello corrente, che presenta obiettivi da superare, quali:

  • popolazione, ossia il numero di persone che vivono nella città;
  • livello di cultura, ossia il numero dei servizi in città (religione, divertimenti, sanità, educazione);
  • livello di prosperità, che segnala i bilanci della città;
  • livello dei monumenti, che segnala il completamento dei monumenti da costruire;
  • livello del regno, cioè la tua popolarità tra gli egizi;
  • tipi di residenza, numero di residenze di un certo tipo;
  • limiti di tempo o anni di sopravvivenza.

Lo scenario può avere come obiettivi solo alcuni di questi.

Religione/deiModifica

Gli dei presenti in Faraon (tra parentesi quello su cui influiscono) sono Osiride il dio dell'agricoltura, Ra il dio del Regno, Ptah il dio degli artigiani, Seth il dio della distruzione, e Bast la dea della casa. Alcune città possono venerare solo alcuni di questi dei, e ogni città ha un dio patrono a cui si devono rivolgere più attenzioni. Gli dei si accontentano costruendo templi e santuari, ma per il dio patrono è disponibile anche un "Complesso dei Templi" di notevoli dimensioni che appaga maggiormente il dio al quale è dedicato. Si possono organizzare festività ad un dio specifico per farlo diventare più felice e ottenere da ciascuno di questi ultimi benedizioni:

  • straripamento perfetto o raddoppio del raccolto nelle fattorie bonificate per Osiride;
  • aumento del livello del Regno o delle esportazioni dei prodotti per Ra;
  • riempimento di un deposito merci o degli edifici artigianali per Ptah;
  • distruzione di un esercito nemico che invade la mappa o protezione per le truppe in guerra nel Regno per Seth;
  • riempimento dei beni nelle case o festeggiamento per Bastet.

Se si ignorano gli dei, essi colpiranno la città con maledizioni. Per esempio, Osiride può ridurre le inondazioni affinché le coltivazioni producano meno, in quanto poco fertili o distruggere le fattorie nelle paludi con la nuova piena; Seth può distruggere la migliore armata del giocatore e il corrispettivo forte di reclutamento; Bast può provocare una piaga diminuendo la popolazione della città; Ptah può distruggere i magazzini con le loro rispettive merci.

CommercioModifica

Il commercio è una parte essenziale del gioco perché spesso è la principale fonte di introito. Faraon ha un sistema di scambi altamente sofisticato, che permette di controllare ogni minimo flusso di merci che entrano ed escono dalla città. Si possono regolare le importazioni e le esportazioni, così non si rischia né di spendere troppo per qualcosa in eccesso, né di rimanere senza merci.

I mercanti delle altre città arrivano direttamente nella propria, e possono arrivare per via terrestre oppure per via fluviale o marittima:

  • dopo aver aperto il commercio via terra arrivano nella città coppie di carovane di mercanti che si dirigono verso il deposito delle merci da importare o esportare e prelevano o depositano i beni. In alcune città come le oasi si può avere solo questo tipo di commercio. È vantaggioso perché il più delle volte è rapido e basta attivarlo per eseguire il commercio, ma ha un difetto minore: le carovane trasportano meno merci delle navi.
  • dopo aver aperto il commercio con la città mediante il metodo fluviale o marittimo, invece, arriveranno delle navi commerciali che si dirigeranno verso lo scalo / porto. Lì attraccano e dei carrettieri vanno dallo scalo ai depositi merci e preleveranno/depositeranno ciò che si commercia, così ritorneranno allo scalo. Se il vantaggio di questo commercio è la maggiore quantità di beni che possono trasportare rispetto alle carovane, che viaggiano via terra, ma il loro problema è che, senza scalo, le navi non arriveranno.

AbitazioniModifica

Le case, che possono passare da baracche, a case, a ville e tenute, richiedono servizi, cibo e beni per evolversi, quali vasellame, birra e beni di lusso come incenso, gemme e vino; possono ospitare fino a 200 residenti.

L'acqua migliora la loro salute senza correre il rischio di una piaga, insieme a dentisti, farmacisti, mortuari e medici. Il cibo è il primo bene richiesto e ogni città deve averne una buona riserva. Grano, ceci, lattuga, fichi, melograni ed orzo si raccolgono mediante fattorie, ma si possono raccogliere anche carne di struzzo, antilopi, folaghe (uccelli) e pesce. Le fattorie che sono costruiti su appositi spazi di coltivazioni funzionano da sole, mentre quelle che sono che sono costruite sulle golene (le parti marroni sulla mappa) necessitano anche di campi di lavoro (i quali possono anche contribuire alla costruzione di monumenti).

Altri edificiModifica

  • Strutture alimentari: recinto di bestiame, fattoria, molo dei pescatori, canale irrigatorio, pompa d'acqua, campo di lavoro.
  • Edifici industriali: distilleria, fabbrica di mattoni, gioielleria, fabbrica di papiro, vasaio, carpentiere, tessitore.
  • Materiali grezzi: cava d'argilla, miniera di rame, miniera di gemme, miniera d'oro, cava di granito, cava di calcare, cava di pietra semplice, cava di arenaria, raccoglitore di canne, taglialegna.
  • Corporazioni: corporazione dei Muratori, corporazione dei Carpentieri, corporazione degli Scalpellini.
  • Magazzini e distribuzione: bazaar, scalo mercantile, granaio, magazzino.
  • Intrattenimento: palco, baraccone, conservatorio, scuola di danza, scuola dei giocolieri, piazzale, taverna del senet.
  • Religione: piazzale del festival, santuario, tempio, complesso di templi, monumenti
  • Educazione: biblioteca, scuola di scribi.
  • Salute e sanitaria: farmacia, dentista, medico, mortuario, scorta d'acqua, pozzo.
  • Strutture municipali, palazzo dell'architettura, palazzo di giustizia, vigili del fuoco, dimora, palazzo, stazione di polizia, blocco stradale, esattore delle tasse.
  • Decorazioni: giardini, piazza, statue.
  • Attraversamenti d'acqua: ponte, approdo.
  • Strutture militari: accademia militare, fabbrica di bighe, forte, reclutatore, molo di trasporto, molo da guerra, armeria.
  • Strutture difensive: portineria, torre, mura.

Materie prime e prodottiModifica

In Faraon l'industria non serve solo per la produzione delle merci usate per le case o per l'esportazione, ma anche per la costruzione di monumenti e la creazione di soldati o navi da guerra o trasporto truppe. Tra le varie materie prime troviamo l'argilla, la paglia l'orzo, il lino, le geme, il rame, il legname, la pietra, l'arenaria, il granito e il calcare, mentre tra i prodotti troviamo il vasellame, la birra, la tela, i gioielli, le armi, i carri, le barche e i mattoni.

GuerraModifica

In Faraon la guerra è un elemento piuttosto importante del gioco, perché è il principale ostacolo in alcuni missioni. Alcune città o missioni possono chiedere truppe per difendersi o per conquistare altri luoghi. I nemici da affrontare sono i Beduini, i Libici, i Nubiani, i Canaaniti, i Kushiti, gli Hyksos, gli Ittiti e i Popoli del Mare, a cui si aggiungono anche gli Assiri, i Persiani e i Romani nell'espansione. Durante la guerra civile il giocatore dovrà anche affrontare il suo stesso paese, in quanto l'esercito del faraone, nel caso quest'ultimo fosse estremamente insoddisfatto, dovrà combattere contro altri egizi, inclusa la città del giocatore.

I tipi di truppe che si potranno reclutare sono tre:

  • Arcieri: non necessitano di armi dato che si fanno archi e frecce da soli. Sono lenti e vulnerabili, ma il loro attacco è alto.
  • Fanti: necessitano di armi, producibili dall'Armeria se questa è rifornita costantemente con il rame. Sono lenti, il loro attacco è intermedio e la loro difesa è alta.
  • Carri: necessitano di materiali per carri da guerra (bighe). Sono veloci e il loro attacco è alto, mentre la difesa è intermedia; sono forse il miglior tipo di esercito egizio, e anche per questo nella Storia compaiono verso la fine del Medio Regno (oltre che per motivi tecnologici, in quanto gli egizi utilizzarono il cavallo e il cocchio dopo l'arrivo degli Hyksos).

Ognuna delle truppe risiede in un forte che può contenere al massimo 16 soldati, tutti forniti dal Reclutatore, mentre la presenza di un'Accademia ne migliora l'abilità, e durante una missione si possono erigere al massimo 6 forti. Si possono però costruire anche altre strutture difensive come le mura, i corpi di guardia, le torri (che richiedono forza lavoro e una strada collegata al Reclutatore) e anche i cancelli. Nelle missioni che richiedono la presenza di truppe navali è possibile costruire moli per navi da guerra, le quali attaccano con giavellotti navi o nemici a terraferma e speronano le navi nemiche, o molti per navi da trasporto, necessari a trasportare le truppe di un forte di soldati da un'altra parte della missione. Anche i moli militari e quelli di trasporto possono essere costruiti fino ad un massimo di 6 per missione (rispettivamente uno per ogni nave e uno per reggimento, anche se non strettamente collegato).

Problemi in cittàModifica

La città del giocatore può essere tormentata dalle richieste, dalle invasioni, dai debiti, dai tributi..., ma ci sono anche altri problemi da tenere sempre sotto controllo: incendi, crolli, criminalità, malaria, malattia, pestilenze e disoccupazione. Spesso tenere tutto sotto controllo è difficile, ma strutture adatte e altri fattori possono aiutare a risolvere il tutto. Anche gli dei possono dare una mano se venerati adeguatamente.

MissioniModifica

In Faraon per completare il gioco vero e proprio, bisogna finire tutte le 38 missioni presenti.

Periodo Città Data
Periodo Predinastico Naqada/Nubt 3500 a.C.
Thinis 3100 a.C.
Buto/Perwadjyt 3050 a.C.
Periodo arcaico Hierakonopolis/Nekhen 3000 a.C.
Menfi/Men-nefer 2900 a.C.
Timna 2850 a.C.
Apollinopolis/Behdet 2685 a.C.
Abydos/Abedju 2685 a.C.
Antico Regno Oasi di Selima 2650 a.C.
Elefantina/Abu 2650 a.C.
Saqqara 2630 a.C.
Serabit Khadim 2600 a.C.
Meidum 2575 a.C.
Buhen 2575 a.C.
Dahshur Sud 2575 a.C.
Dahshur Nord 2563 a.C.
Dendera/Iunet 2551 a.C.
Heliopolis/On 2551 a.C.
Giza/Rostja 2508 a.C.
Oasi di Bahariya 2465 a.C.
Abusir/Djedu 2465 a.C.
Oasi di Dunqul 2246 a.C.
Oasi di Dakhla 2246 a.C.
Medio Regno Thinis 2216 a.C.
Thebes/Waset 2216 a.C.
Coptos/Kebet 1952 a.C.
Beni Hassan/Menat Khufu 1952 a.C.
Itjtawy 1880 a.C.
Mirgissa/Iken 1800 a.C.
Mersa Gawasis/Sawu 1800 a.C.
Semna/Heh 1710 a.C.
Bubasti 1710 a.C.
Nuovo Regno Ermopoli/Khmun 1541 a.C.
Licopoli/Sauty 1541 a.C.
Biblo 1480 a.C.
Kuban'/Baki 1480 a.C.
Avaris/Rowarty 1372 a.C.
Kahun/Hetepsenusret 1372 a.C.

Se si sceglie Biblo, la missione finale sarà Rowarty. Se invece si sceglie Baki, la missione finale sarà Hetepsenusret.

DoppiaggioModifica

Doppiatore Personaggio
Marco Balzarotti Voce narrante
Vigile del fuoco
Cacciatore di struzzi
Immigrante
Sacerdote di Osiride
Sacerdote di Ra
Raccoglitore di canne
Luca Sandri Trainatore
Emigrante
Architetto
Cacciatore di antilopi
Giocoliere
Ragazzo di mercato
Scriba
Insegnante
Pietro Ubaldi Mercante
Carpentiere
Barcaiolo commerciante
Lavoratore
Bibliotecario
Sacerdote di Seth
Esattore
Raccoglitore di legna
Roberta Gallina Laurenti Danzatrice
Musicista
Antonio Paiola Dentista
Scaricatore
Pescatore
Giorgio Melazzi Dottore
Mummificatore
Guardia
Cacciatore di uccelli
Magistrato
Guardia cittadina
Sacerdote di Ptah
Magistrato Senet
Ladro
Trasportatore d'acqua

Critiche, successo e venditeModifica

Recensioni professionali
Testata Giudizio
GameRankings (media al 30-01-2020) 82.45%[2]
CGW      [3]
GameSpot 8.2/10[4]
IGN 9.0/10[5]
PC Gamer (Stati Uniti) 83%[6]
Computer Games Strategy Plus      [7]

Nel mese di aprile 2000, la Verband der Unterhaltungssoftware Deutschland (VUD) ha premiato Faraon con un premio "Gold" ("Oro") in termini di vendita[8], grazie alle 100'000 copie vendute in Germania, Svizzera e Austria[9].

Cleopatra: Regina del NiloModifica

Cleopatra: Regina del Nilo
videogioco
Titolo originaleCleopatra: Queen of the Nile
PiattaformaMicrosoft Windows
Data di pubblicazioneWindows:
  11 luglio 2000
  15 settembre 2000

Steam:
  15 dicembre 2016

GenereStrategia in tempo reale, gestionale
TemaStorico
OrigineRegno Unito
SviluppoImpressions Games
PubblicazioneSierra Entertainment
DesignChris Beatrice
MusicheKeith Zizza
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputMouse, tastiera
SupportoCD-ROM, download
Distribuzione digitaleSteam, GOG.com
Fascia di etàELSPA: 3+ · ESRBE · USK: 6

Cleopatra: Regina del Nilo (titolo originale: Cleopatra: Queen of the Nile) è l'espansione ufficiale di Faraon sviluppata da BreakAway Games e pubblicato sempre da Sierra Entertainment nel 2000.

L'espansione fornisce nuove strutture, nuove unità e nuove missioni disponibili, in quanto il giocatore può svolgere quattro nuove campagne (15 missioni in totale, con le campagne La Valle dei Re, Ramses, I Conquistatori e Cleopatra) e dei nuovi obiettivi (costruire una piramide, bloccare i cacciatori di tombe, sopravvivere alle piaghe di Mosé, ecc). L'espansione include nuovi nemici, come Assiri, Persiani e Romani, la possibilità di scegliere liberamente la propria missione, nuovi scenari, e anche un editor per la realizzazione di nuovi scenari.

Elenco delle missioniModifica

Campagna Missione Data
La Valle dei Re Tutmose nella Valle 1490 a.C.
Tut nella Valle 1325 a.C.
Seti nella Valle 1290 a.C.
Ramesse II Sumur 1300 a.C.
Qadesh 1277 a.C.
Abu Simbel 1270 a.C.
Ramses nella Valle 1250 a.C.
Antichi Conquistatori Pi-Yer 1235 a.C.
Pelusio/Migdol 677 a.C.
Tanis 395 a.C.
La Capitale di Cleopatra Alessandria 331 a.C.
Alessandria di Tolomeo 305 a.C.
Maritis 50 a.C.
Alessandria di Cleopatra 40 a.C.
Azio 30 a.C.

Coincidenza storicaModifica

Nonostante l'aspetto triviale del gioco, esso è quasi totalmente canonico rispetto alla realtà storica, inclusi non solo gli scenari stessi in generale, ma anche la costruzione dei monumenti, i personaggi storici con data di nascita e morte, le guerre, i disastri nazionali e la nascita e la caduta delle città. Oltre ai grandi faraoni, appare anche il grande architetto Imhotep, mentre in una missione di Cleopatra viene citato il nome di Mosè. Vi è anche presente un'enciclopedia che descrive la vita quotidiana, le risorse e la storia dell'Egitto (cose descritte, sebbene in modo diverso, anche nel manuale di gioco).

NoteModifica

  1. ^ Stampati sul retro della cover del CD
  2. ^ (EN) Pharaoh for PC, GameRankings. URL consultato il 18 marzo 2018 (archiviato dall'url originale).
  3. ^ (EN) Tim Carter, Jewel of the Nile, in Computer Gaming World, n. 187, febbraio 2000, p. 124.
  4. ^ (EN) Ron Dulin, Pharaoh Review, GameSpot, 15 novembre 1999. URL consultato il 18 marzo 2018.
  5. ^ (EN) Trent Ward, Pharaoh Review, IGN, 5 novembre 1999. URL consultato il 18 marzo 2018.
  6. ^ (EN) Andrew S. Bub, Pharaoh, in PC Gamer US (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2008).
  7. ^ (EN) Scott Udell, Pharaoh, in Computer Games Strategy Plus, 23 dicembre 1999 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2005).
  8. ^ (DE) VUD Sales Awards: April 2000, Verband der Unterhaltungssoftware Deutschland, 30 aprile 2000. URL consultato l'11 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2003).
  9. ^ (DE) Horn, Andre, VUD-Gold-Awards 2003, in GamePro Germany, 14 gennaio 2004 (archiviato il 18 luglio 2018).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica