Apri il menu principale

BiografiaModifica

Mentre ancora serviva nell'esercito venne notato dal direttore d'orchestra Antonino Votto, compiendo in seguito gli studi musicali con Ettore Campogalliani a Mantova e Renato Pastorino a Milano e debuttando nel 1954 al Teatro Municipale di Piacenza in Tosca.

Dopo aver cantato in numerosi teatri in Italia, Europa e Sudamerica, il 29 novembre 1957 esordì al Metropolitan Opera di New York come protagonista de La forza del destino; nel teatro newyorchese si esibì per otto stagioni in altri tredici ruoli, fra cui Alfredo ne La traviata, Manrico ne Il trovatore, Radames in Aida, per un totale di 62 rappresentazioni.[1]

Nel 1959 alla New York City Opera fu Calaf in Turandot e Rodolfo ne La bohème. Cantò inoltre a San Francisco, Filadelfia, Houston e New Orleans. Sempre nel 1959 vi furono altri due importanti debutti, alla Royal Opera House di Londra e al Palais Garnier di Parigi, entrambi come Radames.

Esordì alla Scala nel 1960 in Don Carlo (edizione che diede origine a un'incisione discografica) e fu presente in tutti i principali teatri italiani, tra cui Teatro dell'Opera di Roma, Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Massimo di Palermo, Teatro La Fenice di Venezia, Arena di Verona. Fra gli altri importanti teatri esteri in cui cantò, la Staatsoper di Vienna, l'Opera di Zurigo, il Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona, il Teatro Colón di Buenos Aires.

Particolarmente apprezzato nei ruoli eroici, nel suo repertorio figuravano anche Ernani, Macduff, il Rodolfo verdiano, Riccardo, Enzo, Turiddu.

L'addio alle scene fu in Nabucco a Torino nel 1987. Scomparve tragicamente in un incidente automobilistico all'età di 64 anni.

DiscografiaModifica

Incisioni in studioModifica

Registrazioni dal vivoModifica

Brani singoliModifica

  • La bohème: Che gelida manina, Fedora: Amor ti vieta, La Gioconda: Cielo e mar, Tosca: Recondita armonia, E lucevan le stelle, Turandot: Non piangere Liù, Nessun dorma, La forza del destino: Oh tu che in seno (Decca 1956)
  • Macbeth: Ah la paterna mano, Simon Boccanegra: Cielo pietoso rendila, Il trovatore: Ah si ben mio, Turandot: Non piangere Liù, Carmen: Il fior che avevi, Lohengrin: Da voi lontan, Loreley: Nel verde maggio, Andrea Chénier: Vicino a te s'acqueta -con Gianna Galli- (archivio RAI-Torino 1969)
  • Recital "Il mito dell'opera": vol. I, II e III: Registrazioni dal vivo 1957-74 ed. Bongiovanni
  • Recital "Il mito dell'opera": "Flaviano Labò-Magda Olivero in concerto" dal vivo Marsiglia 1973 ed. Bongiovanni

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN33378535 · ISNI (EN0000 0000 5517 149X · LCCN (ENn83178702 · BNF (FRcb14040336c (data) · WorldCat Identities (ENn83-178702
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica