G7

summit annuale dei governi delle sette principali potenze del mondo
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi G7 (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Gruppo dei Sette" rimanda qui. Se stai cercando il gruppo di pittori canadese, vedi Gruppo dei Sette (artisti).
Paesi membri 2020
Group of Seven (G7) Countries.svg
In blu gli stati membri del G7, in verde quelli membri dell'Unione europea non partecipanti singolarmente al G7
MembriCanada Canada
Unione europeaFrancia Francia
Unione europeaGermania Germania
Giappone Giappone
Unione europeaItalia Italia
Regno Unito Regno Unito (presidenza di turno 2021)
Stati Uniti Stati Uniti
Unione europea Unione europea
Ex membriRussia Russia (1998-2014)
Statistiche complessive
Superficie21 686 734 km²
Popolazione772.905.147 ab. (2019)[1]
Fusi orarida UTC-10 a UTC+9
ValuteCanadaDollaro canadese
Unione europeaEuro
GiapponeYen
Regno UnitoSterlina britannica
Stati UnitiDollaro statunitense

Il Gruppo dei Sette, di solito abbreviato in G7, è un'organizzazione intergovernativa ed internazionale composta dai sette maggiori Stati economicamente avanzati del pianeta, ossia: Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito e Stati Uniti d'America, nazioni sviluppate il cui peso politico, economico, industriale e militare è ritenuto di centrale importanza su scala globale.[2] Esso è nato nel 1975 (ma formalizzato nel 1986), quando il Canada aderì al Gruppo dei Sei: Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti d'America.[3] Il rappresentante dell'UE e il presidente dell'FMI possono contare con la propria costante presenza dei 7.

StoriaModifica

Video del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana sul G7 di Bruxelles del 4 e 5 giugno 2014 (in questo fotogramma sono presenti il premier Matteo Renzi e il primo ministro giapponese Shinzō Abe che discutono)
 
43° G7, svoltosi in Italia nel 2017 (in questa foto sono presenti, da sinistra a destra, Donald Tusk (presidente del Consiglio europeo), Theresa May (primo ministro inglese), Donald Trump (presidente degli Stati Uniti d'America), Angela Merkel (cancelliera federale tedesca), Shinzō Abe (primo ministro giapponese), Justin Trudeau (primo ministro canadese), Emmanuel Macron (presidente della Francia), Jean-Claude Juncker (presidente della Commissione europea) e Paolo Gentiloni (presidente del Consiglio italiano); sullo sfondo, nel cielo, è presente ancora il fumo colorato lasciato dalle Frecce Tricolori

Dal 1998 al 2014 è stato affiancato dal G8, il vertice politico dei capi di Stato dei già menzionati allargato alla Russia. Il G7 rappresenta oltre il 62% della ricchezza netta mondiale detenuta secondo il Credit Suisse Global Wealth Report Databook. Considerando anche l'UE esso rappresenta ben oltre il 70% della ricchezza globale netta.[4] Il G7 per questo è anche chiaramente definito da parte del Fondo Monetario Internazionale come gruppo delle 7 maggiori economie avanzate.[5]

Il G7, che non ha mai visto rappresentanti della Russia a causa del suo peso finanziario trascurabile,[4] ha continuato a riunirsi tramite i vertici che i ministri delle finanze dei sette paesi hanno tenuto più volte nel corso degli anni per discutere di politica economica. Questi incontri sono supportati dal lavoro di uno staff di funzionari, la cui segreteria generale congiunta è oggi esercitata dai signori Arindam Sarkar, Aniket Bochare e Sayantan Samanta.

ProtesteModifica

Nel 2015, nonostante le forze di polizia tedesche cercarono di prevenirli e nonostante la posizione remota del vertice, tenutosi presso l'albergo di lusso Schloss Elmau (sito ai piedi dei monti Wetterstein, ad un'altitudine di 1.008 metri sul livello del mare), circa 300 dei 7.500 manifestanti pacifisti formanti il gruppo stop-G7 raggiunsero la recinzione di sicurezza, alta 3 metri e lunga 7 chilometri, che circondava la posizione del vertice.

FunzioneModifica

L'organizzazione è stata fondata per facilitare le iniziative macroeconomiche condivise dai suoi membri in risposta al crollo del regime di tasso di cambio fisso del 1971, durante il tempo del Nixon Shock, crisi energetica e la conseguente recessione.

Il suo obiettivo era la messa a punto delle politiche economiche a breve termine tra i paesi partecipanti a monitorare gli sviluppi nell'economia mondiale.

Membri attualiModifica

Nome Immagine Stato membro Incarico Anno elezione/nomina
Justin Trudeau     Canada Primo ministro 2015
Emmanuel Macron      Francia Presidente della Repubblica 2017
Angela Merkel      Germania Cancelliere federale 2005
Yoshihide Suga     Giappone Primo ministro 2020
Mario Draghi    

  Italia

Presidente del Consiglio dei Ministri 2021
Boris Johnson     Regno Unito Primo ministro
Presidente di turno 2021
2019
Joe Biden     Stati Uniti Presidente 2021
Charles Michel     Unione europea Presidente del Consiglio europeo 2019
Ursula von der Leyen   Presidente della Commissione europea 2019

VerticiModifica


 Lo stesso argomento in dettaglio: G8 § Cronologia.

Meeting affiancati al G8:

Meeting speciale:

Meeting dopo la sospensione della Russia dal G8:

Meeting del G7 dopo l'uscita formale della Russia dal G8:

Presidenti di turno del forum G7Modifica

Vertici passatiModifica

Logo Presidente Nazione Data Formato politico
Valéry Giscard d'Estaing   Francia 15 - 17 novembre 1975 G6
Gerald Ford   Stati Uniti 27 - 28 giugno 1976 G7
James Callaghan   Regno Unito 7 - 8 maggio 1977
Helmut Schmidt   Germania Ovest 16 - 17 luglio 1978
Masayoshi Ōhira   Giappone 28 - 29 giugno 1979
Francesco Cossiga   Italia 22 - 23 giugno 1980
Pierre Trudeau   Canada 20 - 21 luglio 1981
François Mitterrand   Francia 4 - 6 giugno 1982
Ronald Reagan   Stati Uniti 28 - 30 maggio 1983
10º Margaret Thatcher   Regno Unito 7 - 9 giugno 1984
11º Helmut Kohl   Germania Ovest 2 - 4 maggio 1985
12º Yasuhiro Nakasone   Giappone 4 - 6 maggio 1986
13º Amintore Fanfani   Italia 8 - 10 giugno 1987
14º Brian Mulroney   Canada 19 - 21 giugno 1988
15º François Mitterrand   Francia 14 - 16 giugno 1989
16º George H. W. Bush   Stati Uniti 9 - 11 luglio 1990
17º John Major   Regno Unito 15 - 17 luglio 1991
18º Helmut Kohl   Germania 6 - 8 luglio 1992
19º Kiichi Miyazawa   Giappone 7 - 9 luglio 1993
20º Silvio Berlusconi   Italia 8 - 10 luglio 1994
21º Jean Chrétien   Canada 15 - 17 giugno 1995
22º Jacques Chirac   Francia 27 - 29 giugno 1996
23º Bill Clinton   Stati Uniti 20 - 22 giugno 1997 G8
24º Tony Blair   Regno Unito 15 - 17 maggio 1998
25º Gerhard Schröder   Germania 18 - 20 giugno 1999
26º Yoshirō Mori   Giappone 21 - 23 luglio 2000
27º Silvio Berlusconi   Italia 20 - 22 luglio 2001
28º Jean Chrétien   Canada 26 - 27 giugno 2002
29º Jacques Chirac   Francia 2 - 3 giugno 2003
30º George W. Bush   Stati Uniti 8 - 10 giugno 2004
31º Tony Blair   Regno Unito 6 - 8 luglio 2005
32º Vladimir Putin   Russia 15 - 17 luglio 2006
33º   Angela Merkel   Germania 6 - 8 giugno 2007
34º Yasuo Fukuda   Giappone 7 - 9 luglio 2008
35º   Silvio Berlusconi   Italia 8 - 10 luglio 2009
36º Stephen Harper   Canada 25 - 26 giugno 2010
37º Nicolas Sarkozy   Francia 26 - 27 maggio 2011
38º   Barack Obama   Stati Uniti 18 - 19 maggio 2012
39º David Cameron   Regno Unito 17 - 18 giugno 2013
40° Herman Van Rompuy   Unione europea 4 - 5 giugno 2014 G7
José Manuel Durão Barroso
41º   Angela Merkel   Germania 7 - 8 giugno 2015
42º Shinzō Abe   Giappone 26 - 27 maggio 2016
43º   Paolo Gentiloni   Italia 26 - 27 maggio 2017
44º Justin Trudeau   Canada 8 - 9 giugno 2018
45º   Emmanuel Macron   Francia 24 - 26 agosto 2019
46º Donald Trump   Stati Uniti (Cancellato) 2020

Vertici futuriModifica

Logo Presidente Nazione Data Formato
47° Boris Johnson   Regno Unito 11 - 13 giugno 2021 G7

Dati nazionaliModifica

Stati membri Commercio mil. USD (2014) Pil nominale per stato mil. USD (2014)[7] PIL mil. USD (2014)[7] PIL nominale pro capite USD (2014)[7] PIL (PPA) pro capite USD (2014)[7] HDI (2015) Popolazione (2014) Membri permanenti del Consiglio sicurezza ONU DAC OECD Economic classification (IMF)[8]
  Canada 947.200 1.785.387 1.595.975 50.304 44.967 0,913 35.467.000       Avanzato
  Francia 1.212.300 2.833.687 2.591.170 44.332 40.538 0,888 63.951.000       Avanzato
  Germania 2.866.600 3.874.437 3.748.094 47.774 46.216 0,916 80.940.000       Avanzato
  Italia 948.600 2.207.021 2.135.359 35.335 35.131 0,873 61.321.674       Avanzato
  Giappone 1.522.400 4.602.367 4.767.157 36.222 37.519 0,891 127.061.000       Avanzato
  Regno Unito 1.189.400 2.950.039 2.569.218 45.729 39.826 0,907 64.511.000       Avanzato
  Stati Uniti 3.944.000 17.348.075 17.348.075 54.370 54.370 0,915 318.523.000       Avanzato
  Unione europea 4.485.000 18.527.116 18.640.411 36.645 36.869 0,865 505.570.700 N.D. N.D. N.D. N.D.

NoteModifica

  1. ^ Population Division World Population Prospects 2019, su esa.un.org. URL consultato il 21 novembre 2020.
  2. ^ imf.org, https://www.imf.org/external/pubs/ft/weo/2017/02/weodata/weoselco.aspx?g=119&sg=All+countries+%2f+Advanced+economies+%2f+Major+advanced+economies+(G7).
  3. ^ web.archive.org, https://web.archive.org/web/20110420120547/http://www.g8.fr/evian/english/navigation/the_g8/questions_about_the_g8.html#question1.
  4. ^ a b Copia archiviata, su publications.credit-suisse.com. URL consultato il 17 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2017).
  5. ^ https://www.imf.org/external/pubs/ft/weo/2017/02/weodata/weoselgr.aspx
  6. ^ (EN) G7: UK to host Cornwall seaside summit in summer, in BBC News, 17 gennaio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  7. ^ a b c d Gross domestic product, IMF World Economic Outlook, ottobre 2015. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  8. ^ World Economic Outlook data, IMF, 2014. URL consultato il 19 ottobre 2014.

Voci correlateModifica

Gruppi non più esistentiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE16004018-8