Apri il menu principale

Genio della lampada

personaggio della fiaba Aladino e la lampada meravigliosa de Le mille e una notte
Genio della lampada
Arabian Nights - Letchford - 62.jpg
Il Genio appare ad Aladino, da Le mille e una notte
UniversoAladino e la lampada meravigliosa
Interpretato daWill Smith (Aladdin Live Action)
Voce orig.Robin Williams
Voci italiane
SpecieJinn
SessoMaschio
PoteriOnnipotenza, ma non può uccidere, resuscitare i morti, far innamorare e concedere altri desideri al suo padrone

Il genio della lampada è un personaggio della fiaba Aladino e la lampada meravigliosa de Le mille e una notte.

Indice

Mille e una notteModifica

Nella fiaba, il genio è un Jinn (Genio), un'entità soprannaturale nella religione preislamica e in quella musulmana, intermedia fra mondo angelico e umanità, che ha per lo più carattere maligno, anche se in certi casi può esprimersi in maniera del tutto benevola e protettiva. Il Genio viene risvegliato quando Aladino involontariamente strofina l'anello che il mago gli aveva dato come talismano. Un altro Genio obbedisce ad Aladino: si tratta di un potente e gigantesco jinn destinato ad obbedire al suo padrone, il proprietario della lampada magica che Aladino ha raccolto in un sotterraneo.

Comandato, il Genio della lampada aiuta Aladino e sua madre ad uscire dalla miseria, permettendogli di aprire un negozio di stoffe. Finalmente, il Genio, che apparentemente tutto può, potendo recuperare ricchezze inestimabili e completare lavori in apparenza impossibili, sostiene Aladino nella sua scalata sociale. Il Genio costruisce un palazzo meraviglioso, grande, bello e ricco di ogni ben di Dio, con un sontuoso salone di 24 finestre, tutte adornate di gemme, per Aladino, ormai genero e fidato consigliere del sovrano.

Il Genio dell'anello non poteva sovrastare le magie di quello della lampada, anche se era capace di altrettante meraviglie, come trasportare Aladino istantaneamente da un punto all'altro del reame.

AdattamentiModifica

Versione DisneyModifica

(EN)

«Phenomenal cosmic powers...itty bitty living space!»

(IT)

«Fenomenali poteri cosmici... in un minuscolo spazio vitale!»

 
Il Genio appena liberato osserva la lampada inerte nel film Aladdin

Il Genio appare nel classico Disney Aladdin del 1992 e nelle opere seguenti. È doppiato nella versione originale da Robin Williams (Aladdin e Aladdin e il re dei ladri) e Dan Castellaneta (Il ritorno di Jafar e la serie animata), mentre nella versione italiana è doppiato da Gigi Proietti (Aladdin, Il ritorno di Jafar e Aladdin e il re dei ladri) e da Roberto Pedicini (Aladdin: la serie e nei videogiochi).

Potente alleato di Aladdin, sarà d'aiuto in più di una situazione per salvare le vite ai protagonisti e ristabilire l'ordine perturbato dai nemici. È simpatico, mattacchione, svampito, pieno di energia, buffo, sorridente e benevolo. Solo nel primo film è infelice perché prigioniero della lampada magica, e quindi non può ribellarsi ai suoi padroni, né esplorare il mondo per conto proprio.

Nella serie animata, il Genio appare in tutti gli episodi, prestando molte volte aiuto ai suoi amici, con la sua magia e con la sua sapienza. Nel cartone appare anche il nemico naturale dei geni: il Muktar, che proverà a rapirlo per conto di un suo vecchio padrone. Si innamorerà anche della geniessa Eden.

Il Genio è un personaggio molto potente: può manipolare le leggi della natura, rompere il quarto muro, maneggiare la realtà a suo piacimento, annullare la magia e conferire i propri poteri ad altre persone. I suoi poteri hanno solo tre limiti: non può uccidere, non può far innamorare e non può ridestare i morti. A parte queste tre limitazioni, egli è onnipotente. Inoltre, per sua stessa ammissione, non può usare i suoi poteri per concedere altri desideri al suo padrone.

Una volta divenuto libero, però, i suoi poteri vengono ridotti ad una frazione di quelli che erano: infatti, fallisce dal sollevare il palazzo di Agrabah come aveva fatto da Genio della lampada. Lui stesso spiega il fatto dicendo che da fenomenali poteri cosmici sono divenuti poteri semi-fenomenali, se non cosmici, e infatti Jafar, ancora schiavo della sua lampada, lo deride dicendo che lui è solo di serie B. Nel terzo film della saga, Aladdin e il re dei ladri, il Genio sembra recuperare la sua forza, in quanto torna ad alterare la realtà a suo piacimento nei modi più disparati e sorprendenti e non ha nessun problema con qualsiasi magia che tenti, oltre a sconfiggere i nemici con facilità.

Tra le icone della cultura popolare, il Genio è capace di prendere la forma di vari e assortiti personaggi: William F. Buckley Jr., Groucho Marx, Vito Corleone, Arnold Schwarzenegger, Jack Nicholson, Optimus Prime, il Capitano Achab, Spock, David Crockett, Lo Squalo, un Cylone, Michael Buffer, Godzilla, Superman (o meglio "SuperGenio"), Paul Bunyan (con la band Babe the Big Blue Ox), John Wayne, Forrest Gump, Elvis Presley, Woody Allen, Mrs Doubtfire, e anche personaggi Disney come: Baloo (insieme agli altri personaggi di TaleSpin: Jasmine come Rebecca Cunningham, Abu come Re Luigi, e Iago come Kit Nuvoletta), il Bianconiglio, lo Stregatto, Pocahontas, Topolino, Pinocchio, Geppetto, il Grillo Parlante, Merlino, Bongo, Ariel, Re Tritone, DeCastor, Zazu, Pumbaa, Paperon de' Paperoni, Darkwing Duck, Pluto, Bonkers e Tigro.

Sarà interpretato dall'attore Will Smith nel film remake live action di Aladdin diretto da Guy Ritchie, in uscita nel 2019.[1]

Il Genio appare anche nei videogiochi della saga Kingdom Hearts:

  • Nel primo gioco la lampada viene trovata dal Aladdin. I desideri che il ragazzo esprime sono di sbarazzarsi degli Heartless e di salvare Jasmine dal malvagio Jafar. La lampada viene però rubata da Iago, e così il Genio è costretto ad aiutare lo stregone per ottenere il mondo di Agrabah e combattere contro Sora, Pippo, Paperino e Aladdin. Una volta sconfitto Jafar, Aladdin libera il Genio; Dopo la sua liberazione egli farà parte di una delle tante evocazioni che il giocatore può compiere in battaglia come supporto contro i nemici. In particolare se evocato il Genio apparirà al fianco del protagonista Sora per un tempo limitato e sferrerà una serie di attacchi magici in sintonia coi colpi del giocatore infliggendo danni maggiori agli Heartless e ai boss del gioco.
  • Nel secondo gioco ha un ruolo marginale, ha il compito di distrarre Pietro Gambadilegno quando questi tenta di liberare Jafar e di ricostruire Agrabah dopo la sua distruzione. Anche in questo gioco diventerà un'evocazione e comparirà a fianco del protagonista apparendo con abiti simili a quelli di Sora e impugnando addirittura uno dei suoi Keyblade per combattere. Sora può anche fondersi con lui infilandosi nella sua bocca per un tempo limitato e sferrando attacchi ai nemici circostanti oltre che essere invulnerabile per quel lasso di tempo.

Nel videogioco Wario Land: Super Mario Land 3, è l'ultimo boss antagonista, il quale ricopre anche il ruolo di guardia del corpo di Capitan Melassa, acerrima nemica di Wario; una volta sconfitto da Wario, gli diventerà il suo nuovo padrone e gli esaudirà il desiderio di una nuova dimora.

Inoltre, nella serie I Simpson, nella puntata della ventesima stagione Mypods And Broomsticks, trasmessa negli USA il 30 novembre 2008, fa la sua apparizione il Genio sempre doppiato da Dan Castellaneta.

In un episodio di Hercules non compare ma appare solo una mano che colpisce Pena e Panico mentre tentano di rubare la lampada.

C'era una voltaModifica

Il Genio appare nella serie televisiva C'era una volta interpretato da Giancarlo Esposito. Peter Gadiot ne interpreta un'altra versione, facendo il suo debutto nello spin-off tratto dalla prima, ovvero C'era una volta nel Paese delle Meraviglie. È doppiato in italiano da Franco Mannella in C'era una volta e da Gianfranco Miranda in C'era una volta nel Paese delle Meraviglie.

SuperfantagenioModifica

Compare inoltre nella pellicola, di Bruno Corbucci, Superfantagenio, dove viene interpretato da Bud Spencer è doppiato in italiano da Glauco Onorato.

Sonic e gli Anelli SegretiModifica

In questo gioco compaiono due geni: il primo e Sharha il Genio del Ring, un jinn dall'aspetto di una ragazza molto giovane in grado di esaudire solo desideri semplici, che diventa un'amica fidata di Sonic e stringe con lui un legame molto forte di amicizia; il secondo è invece Erazor Djinn, il Genio della lampada originale e antagonista principale del gioco, il cui obiettivo è quello di distruggere il mondo delle Mille e una notte per sfociare nel nostro.

NoteModifica

  1. ^ Matteo Tosini, D23 Expo: Aladdin, svelati i protagonisti del film in live-action di Guy Ritchie, su BadTaste.it, 15 luglio 2017. URL consultato il 15 luglio 2017.

Collegamenti esterniModifica