Giovanna d'Évreux

Giovanna d'Évreux (in francese Jeanne d'Évreux, in inglese Jeanne d'Évreux e in spagnolo Juana de Evreux; maggio 1310Brie-Comte-Robert, 4 marzo 1371), regina consorte di Francia e regina consorte di Navarra per circa tre anni (1324-1328).

Giovanna d'Évreux
Jeanne d'Évreux mini.jpg
Gisant di Giovanna d'Évreux conservato al Museo del Louvre
Regina consorte di Francia e Navarra
Coat of Arms of Jeanne d'Évreux as Queen Consort of Navarre.svg
In carica 5 luglio 1324 –
1º febbraio 1328
Incoronazione 11 maggio 1326
Predecessore Maria di Lussemburgo
Successore Giovanna di Borgogna
Nascita maggio 1310
Morte Brie-Comte-Robert, 4 marzo 1371
Luogo di sepoltura Basilica di Saint-Denis
Casa reale Évreux
Padre Luigi d'Évreux
Madre Margherita d'Artois
Consorte di Carlo IV di Francia
Figli Giovanna
Maria
Bianca
Religione Cattolicesimo

BiografiaModifica

Figlia ultimogenita (quinta) del conte di Evreux, Luigi (figlio del re di Francia, Filippo III, fratellastro di Filippo IV il Bello e zio di Carlo IV il Bello) e di Margherita d'Artois (discendente da Roberto I d'Artois, fratello del Re di Francia Luigi IX il Santo). Era sorella del futuro re di Navarra, Filippo.

Giovanna, pur essendo cugina prima del re di Francia, Carlo IV il Bello, ne divenne la terza moglie, avendo ottenuto dal papa francese, Giovanni XXII, la dispensa ecclesiastica, necessaria per il matrimonio.
Il 5 luglio del 1324, Giovanna sposò il cugino, il re di Francia, Carlo IV il Bello e l'11 di maggio del 1326 fu incoronata regina di Francia nella Sainte-Chapelle, cappella gotica situata nell'Île de la Cité nel cuore di Parigi.

Il 1º febbraio del 1328, Giovanna rimase vedova, incinta di circa sette mesi (aveva già partorito due bambine).
Come nel 1316 fu deciso di mettere un reggente temporaneo in attesa del lieto evento e nel caso fosse stato maschio il neonato sarebbe stato eletto re.

 
Statua di Giovanna d'Évreux e Carlo IV di Francia al Museo del Louvre.

Fu nominato reggente un cugino del re, Filippo di Valois, e non il parente maschio più prossimo, il re d'Inghilterra, Edoardo III, che era cugino primo in quanto figlio della sorella, Isabella di Francia.

Il 1º aprile del 1328, Giovanna diede alla luce una bambina, chiamata Bianca, interrompendo così la discendenza diretta, per linea maschile, dei capetingi; applicando per la terza volta in dodici anni la legge salica, il reggente, un Valois fu incoronato re col nome di Filippo VI, ed Edoardo III fece atto di vassallaggio.

Nello stesso 1328, il 9 ottobre, nel castello di Conflans, suo fratello Filippo, conte di Évreux, sposò sua cugina, la figlia di Luigi X l'Attaccabrighe, Giovanna, alla quale, nel frattempo, erano stati riconosciuti i suoi diritti sulla corona di Navarra e quindi regina di Navarra come Giovanna II (in cambio, dovette rinunciare ai suoi diritti sulla corona di Francia).

Durante il conflitto che oppose il nipote, il re di Navarra, Carlo II il Malvagio al re di Francia, Giovanni II il Buono, Giovanna cercò di fare da paciera e fu presente alla firma dell'effimera pace, (Trattato di Mantes).

A Giovanna fu concessa la signoria della città di Brie-Comte-Robert, nel cui castello morì il 4 marzo del 1371.
Giovanna fu sepolta, accanto al marito, nella Basilica di Saint-Denis. Giovanna d'Évreux fu uno dei primi personaggi storici a far scolpire, ancora in vita, la propria statua mortuaria, che è oggi sul suo sepolcro a Saint-Denis.

Giovanna e l'arteModifica

A Giovanna appartennero alcune opere di grande valore artistico, come:

  • il Libro delle ore (detto anche le ore di Giovanna d'Évreux), un libro di preghiere, secondo le ore canoniche, illustrato con miniature di pregio del miniaturista, Jean Pucelle, regalatole molto probabilmente dal marito Carlo IV, che oggi si trova nei Chiostri (The Cloisters) del Metropolitan Museum of Art di New York.
  • diversi oggetti preziosi, da lei regalati, nel 1339, all'abbazia di Saint-Denis:
    • due statue della Vergine,
      • una d'argento dorato, detta la Vergine di giovanna d'Évreux, opera dei grandi orefici parigini dell'inizio del XIV secolo
      • l'altra Vergine, sempre in argento dorato, invece è uno dei primi esempi di statua (alta 69 cm.) di Madonna col Bambino
    • una cassa detta della Sainte-Chapelle
    • una statua d'oro di san Giovanni
    • una corona reale.

FigliModifica

Giovanna a Carlo diede tre figlie:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Luigi IX di Francia Luigi VIII di Francia  
 
Bianca di Castiglia  
Filippo III di Francia  
Margherita di Provenza Raimondo Berengario IV di Provenza  
 
Beatrice di Savoia  
Luigi d'Évreux  
Enrico III di Brabante Enrico II di Brabante  
 
Maria di Svevia  
Maria di Brabante  
Alice di Borgogna Ugo IV di Borgogna  
 
Iolanda di Dreux  
Giovanna d'Évreux  
Roberto II d'Artois Roberto I d'Artois  
 
Matilde di Brabante  
Filippo d'Artois  
Amicie de Courtenay Pierre de Courtenay  
 
Perrenelle de Joigny  
Margherita d'Artois  
Giovanni II di Bretagna Giovanni I di Bretagna  
 
Bianca di Navarra  
Bianca di Bretagna  
Beatrice d'Inghilterra Enrico III d'Inghilterra  
 
Eleonora di Provenza  
 

BibliografiaModifica

  • Hilda Johnstone, Francia: gli ultimi Capetingi, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 569–607
  • A. Coville, Francia. La guerra dei cent'anni (fino al 1380), in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 608–641.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN1592274 · ISNI (EN0000 0000 7821 4472 · BAV 495/47741 · CERL cnp00422114 · LCCN (ENn88659928 · GND (DE120845997 · BNF (FRcb12555559k (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88659928